Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Nuove disposizioni in materia di interventi per i beni e le attivita' ...

Nuove disposizioni in materia di interventi per i beni e le attivita' culturali.

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno
approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
promulga la seguente legge:

Art. 1.

Interventi su beni culturali

1. Per le finalita’ di cui all’articolo 1, comma 1, della legge 21
dicembre 1999, n. 513, nonche’ per la valorizzazione e il
potenziamento di musei, e’ autorizzata la spesa di lire 27.000
milioni per l’anno 2001, di lire 28.500 milioni per l’anno 2002,
nonche’ di lire 40.000 milioni per l’anno 2003.

2. Gli interventi di cui al comma 1 sono definiti con decreto del
Ministro per i beni e le attivita’ culturali, da emanare entro
trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge,
previo parere delle Soprintendenze competenti per territorio.

3. Gli interventi di cui al presente articolo, nonche’ quelli di
cui all’articolo 3, comma 83, della legge 23 dicembre 1996, n. 662,
come modificato dal comma 9 dell’articolo 5 della presente legge,
possono essere direttamente effettuati dai soggetti proprietari,
possessori o detentori dei beni ai quali sono assegnate le relative
risorse, sotto la vigilanza della competente Soprintendenza.

Art. 2.

Disposizioni in materia di personale

1. Il Ministero per i beni e le attivita’ culturali e’ autorizzato
ad avvalersi del personale di cui all’articolo 1, comma 1, della
legge 16 dicembre 1999, n. 494, fino al 31 dicembre 2001, nonche’
del personale di cui all’articolo 22, comma 5, della legge 23
dicembre 1998, n. 448, per ulteriori due mesi a decorrere dalla
scadenza dei singoli contratti. A tale fine e’ autorizzata la spesa
di lire 32.500 milioni per l’anno 2001.

Art. 3.

Piano per l’arte contemporanea

1. Al fine di consentire l’incremento del patrimonio pubblico di
arte contemporanea, anche mediante acquisizione di opere di artisti
italiani e stranieri, il Ministro per i beni e le attivita’
culturali predispone un “Piano per l’arte contemporanea”, per la
realizzazione del quale, ivi comprese le connesse attivita’
propedeutiche e di gestione del medesimo, e’ autorizzata, a
decorrere dall’anno 2002, la spesa annua di lire 10.000 milioni.

2. Al comma 11 dell’articolo 1 della legge 12 luglio 1999, n. 237,
dopo le parole:

“attivita’ propedeutiche,” sono inserite le seguenti: “nonche’ per
la nomina di un curatore”.

Art. 4.

Interventi per Genova capitale europea della cultura 2004

1. Al fine di consentire i primi interventi propedeutici al
programma “Genova capitale europea della cultura 2004”, e’
autorizzata la spesa di lire 2.000 milioni per ciascuno degli anni
2001 e 2002. L’individuazione degli interventi e’ effettuata con
decreto del Ministro per i beni e le attivita’ culturali, previa
intesa con il sindaco di Genova.

Art. 5.

Disposizioni in materia di spettacolo e di attivita’ e istituzioni
culturali

1. Per il potenziamento delle strutture e del patrimonio delle
biblioteche ecclesiastiche e’ autorizzata la spesa di lire 1.000
milioni per ciascuno degli anni 2001, 2002 e 2003. Con decreto del
Ministro per i beni e le attivita’ culturali, da emanare entro
trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge,
sono individuati i soggetti beneficiari e le modalita’ di
erogazione dei contributi.

2. Per le attivita’ istituzionali della Biblioteca Ambrosiana di
Milano e’ autorizzata la spesa di lire 1.500 milioni per ciascuno
degli anni 2001, 2002 e 2003.

3. Per l’esercizio delle attivita’ istituzionali del Centro
nazionale di studi leopardiani e dell’Istituto italiano per gli
studi filosofici di Napoli, e’ autorizzata la spesa, in favore di
ciascuno dei due soggetti, di lire 500 milioni per ciascuno degli
anni 2001, 2002 e 2003.

4. A decorrere dall’anno 2002, sono concessi, per lo svolgimento
delle rispettive attivita’ istituzionali, un contributo annuo di
lire 4.000 milioni all’Associazione Reggio Parma Festival, un
contributo annuo di lire 1.000 milioni alla Fondazione Festival
Pucciniano di Viareggio-Torre del Lago, nonche’ un contributo annuo
di lire 300 milioni all’Associazione Centro Europeo di Toscolano.

5. Al fine di contribuire alle spese sostenute dai titolari ed
utilizzatori di sale adibite a pubblico spettacolo per le spese di
vigilanza e sicurezza in occasione di pubblici spettacoli, a
decorrere dall’anno 2002, e’ autorizzata la spesa complessiva annua
di lire 10.000 milioni. Con decreto del Ministro per i beni e le
attivita’ culturali, sentito il parere del Comitato per i problemi
dello spettacolo, sono definiti i soggetti, i criteri e le
modalita’ di erogazione della somma di cui al presente comma.

6. A decorrere dall’anno 2002, e’ concesso all’Istituto
universitario di architettura di Venezia un contributo annuo di
lire 1.000 milioni per le attivita’ connesse alla formazione
specialistica di soggetti operanti nel campo della produzione
teatrale e dello spettacolo dal vivo.

7. Per favorire la ripresa delle attivita’ musicali in attesa della
ricostruzione del Teatro Petruzzelli di Bari e’ concesso, a
decorrere dall’anno 2002, un contributo annuo di lire 500 milioni
in favore dell’Associazione Amici del Teatro Petruzzelli.

8. All’articolo 146, comma 1, della legge 23 dicembre 2000, n. 388,
le parole da: “,secondo quanto previsto” fino alla fine del comma
sono soppresse.

9. All’articolo 3, comma 83, della legge 23 dicembre 1996, n. 662,
sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: “,nonche’ per
interventi di restauro paesaggistico”.

10. All’articolo 7, comma 1, primo periodo, del decreto legislativo
8 gennaio 1998, n. 3, le parole: “per un ulteriore biennio” sono
sostituite dalle seguenti: “per due ulteriori bienni”.

11. Sono abrogati il comma 4 dell’articolo 2 ed il comma 5
dell’articolo 3 della legge 1o dicembre 1997, n. 420, nonche’ il
regio decreto-legge 4 maggio 1925, n. 604, ed il regolamento
approvato con regio decreto 26 gennaio 1928, n. 462. Il museo
nazionale di Castel Sant’Angelo continua ad essere ufficio
dirigenziale di seconda fascia del Ministero per i beni e le
attivita’ culturali, fino al riordino di tali uffici, ai sensi
dell’articolo 17, comma 4-bis, lettera e), della legge 23 agosto
1988, n. 400.

12. Per la piu’ efficace attuazione del decreto legislativo 20
ottobre 1998, n. 368, e’ autorizzata la spesa annua di lire 5.000
milioni, a decorrere dall’anno 2002.

13. Il Ministro per i beni e le attivita’ culturali, dopo il primo
biennio di attuazione della presente legge, presenta alle Camere
una relazione sull’attivita’ dei soggetti di cui ai commi 4, 5, 6 e
7, relativamente ai contributi stanziati ai sensi dei medesimi
commi.

Art. 6.

Scuole di specializzazione nel settore della tutela, gestione e
valorizzazione del patrimonio culturale

1. Entro diciotto mesi dalla data di entrata in vigore della
presente legge, le universita’ deliberano gli ordinamenti didattici
delle scuole di specializzazione di durata biennale relativamente
alle professionalita’ nel settore della tutela, gestione e
valorizzazione del patrimonio culturale, sulla base di criteri
predeterminati con decreto del Ministro dell’universita’ e della
ricerca scientifica e tecnologica, di concerto con il Ministro per
i beni e le attivita’ culturali.

2. Con il decreto di cui al comma 1 sono definiti i criteri per
individuare le lauree specialistiche di cui al decreto del Ministro
dell’universita’ e della ricerca scientifica e tecnologica del 28
novembre 2000, pubblicato nel supplemento ordinario n. 17 alla
Gazzetta Ufficiale n. 18 del 23 gennaio 2001, per l’accesso alle
predette scuole.

Art. 7.

Rifinanziamento di interventi per la citta’ di Siena e concessione
di un contributo per la realizzazione dell’Auditorium del Maggio
musicale fiorentino.

1. E’ autorizzata la spesa di lire 4.000 milioni per ciascuno degli
anni 2001, 2002 e 2003 per gli interventi di cui all’articolo 2
della legge 15 dicembre 1998, n. 444.

2. E’ autorizzata la concessione di un contributo di lire 5.000
milioni per ciascuno degli anni 2001, 2002 e 2003, in favore del
comune di Firenze, per la realizzazione dell’Auditorium del Maggio
musicale fiorentino.

3. All’onere derivante dall’attuazione del presente articolo, pari
a lire 9.000 milioni per ciascuno degli anni 2001, 2002 e 2003, si
provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento
iscritto, ai fini del bilancio triennale 2001- 2003, nell’ambito
dell’unita’ previsionale di base di conto capitale “Fondo speciale
” dello stato di previsione del Ministero del tesoro, del bilancio
e della programmazione economica per l’anno 2001, allo scopo
parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo al Ministero dei
lavori pubblici.

Art. 8.

Copertura finanziaria

1. All’onere derivante dall’attuazione degli articoli 2, 3 e 5,
pari a lire 36.000 milioni per l’anno 2001, a lire 35.300 milioni
per ciascuno degli anni 2002 e 2003 e a lire 31.800 milioni a
decorrere dal 2004, si provvede, per gli anni 2001, 2002 e 2003,
mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai
fini del bilancio triennale 2001-2003, nell’ambito dell’unita’
previsionale di base di parte corrente “Fondo speciale” dello stato
di previsione del Ministero del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica per l’anno 2001, utilizzando, quanto a
lire 830 milioni per l’anno 2001 e a lire 130 milioni per l’anno
2002, l’accantonamento relativo al medesimo Ministero, quanto a
lire 34.670 milioni per ciascuno degli anni 2001 e 2002 e a lire
34.800 milioni per l’anno 2003, l’accantonamento relativo al
Ministero per i beni e le attivita’ culturali e, quanto a lire 500
milioni per ciascuno degli anni 2001, 2002 e 2003, l’ac…

[Continua nel file zip allegato]

Architetto.info