Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Rettifiche agli elenchi delle aree depresse delle regioni Abruzzo, Emi...

Rettifiche agli elenchi delle aree depresse delle regioni Abruzzo, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Toscana, Umbria, Valle d'Aosta, Veneto e delle province autonome di Trento e Bolzano

IL MINISTRO DELL’INDUSTRIA
DEL COMMERCIO E DELL’ARTIGIANATO
Visto il
decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415, convertito, con modificazioni,
dalla legge 19 dicembre 1992, n. 488, in materia di disciplina
organica dell’intervento straordinario nel Mezzogiorno;
Visto l’art.
5, comma 1, del decreto legislativo 3 aprile 1993, n. 96, che
attribuisce al Ministero dell’industria, del commercio e
dell’artigianato la competenza in materia di adempimenti tecnici,
amministrativi e di controllo per la concessione delle agevolazioni
alle attività produttive;
Visto il decreto ministeriale 20 ottobre
1995, n. 527, concernente le modalità e le procedure per la
concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore delle attività
produttive nelle aree depresse del Paese di cui alla citata legge n.
488/1992, come modificato e integrato, da ultimo, dal decreto
ministeriale 9 marzo 2000, n. 133;
Visti i propri decreti del 9 e del
13 novembre 2000 con i quali, sulla base della nota del 31 ottobre
2000 del Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione
economica – con la quale è stata trasmessa la decisione C 2327 del 27
luglio 2000 che ha definito le aree depresse del centro-nord – sono
stati tra l’altro pubblicati gli elenchi delle aree depresse,
rispettivamente, delle regioni Abruzzo e Molise e delle restanti
regioni e province autonome del centro-nord;
Viste le note n. 444 e n.
445 del 16 febbraio 2001 della giunta regionale della regione Abruzzo
che segnalano, nell’allegato al predetto decreto ministeriale del 9
novembre 2000, la presenza di alcuni errori materiali;
Considerato che
alcuni altri errori materiali sono stati segnalati anche nell’allegato
al decreto ministeriale del 13 novembre 2000;
Vista la nota del 23
gennaio 2001 con la quale il Ministero del tesoro, del bilancio e
della programmazione economica ha comunicato di avere provveduto, a
seguito di specifiche segnalazioni da parte di alcune regioni, ad
inoltrare alla Commissione europea la proposta di apportare alcune
correzioni all’elenco delle aree depresse già oggetto della decisioni
C 2327 del 27 luglio 2000 e C 2752 del 20 settembre 2000;
Considerato
che si rende opportuno effettuare una prima serie di rettifiche agli
elenchi allegati ai richiamati decreti, in attesa delle eventuali
ulteriori correzioni che verranno approvate da parte della Commissione
europea;
Decreta:
Articolo unico
1. Nell’allegato al decreto
ministeriale del 9 novembre 2000, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana n. 269 del 17 novembre 2000, concernente
l’elenco delle aree depresse delle regioni Abruzzo e Molise, devono
intendersi apportate, a causa di meri errori materiali, le rettifiche
riportate alla lettera A) dell’allegato al presente decreto.
2.
Nell’allegato al decreto ministeriale del 13 novembre 2000, pubblicato
nel supplemento ordinario n. 200 alla Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana n. 284 del 5 dicembre 2000, concernente l’elenco
delle aree depresse delle regioni Emilia-Romagna, Friuli-Venezia
Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Umbria,
Valle d’Aosta, Veneto e delle province autonome di Trento e Bolzano,
devono intendersi apportate, a causa di meri errori materiali, le
rettifiche riportate alla lettera B) dell’allegato al presente
decreto.
3. Con successivo decreto si provvederà ad apportare
eventuali ulteriori rettifiche ai richiamati elenchi delle aree
depresse in relazione all’approvazione da parte della Commissione
dell’Unione europea delle correzioni proposte dal Ministero del
tesoro, del bilancio e della programmazione economica richiamate nelle
premesse.
4. Il presente decreto è valido, oltre che per il regime
d’aiuto di cui alla legge n. 488/1992, anche con riferimento a tutti
gli altri regimi di aiuto gestiti dal Ministero dell’industria, del
commercio e dell’artigianato.Il presente decreto sarà pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Allegato
A) Rettifiche
dell’allegato al decreto ministeriale del 9 novembre 2000 concernente
l’elenco delle aree depresse delle regioni Abruzzo e Molise:
a) con
riferimento alle aree della provincia di Chieti (Abruzzo), dopo il
comune di San Salvo, contrassegnato con la nota n. 1, è inserita la
seguente riga:
San Salvo 1-bis 87.3c;
b) con riferimento alle aree
della provincia di Chieti (Abruzzo), dopo il comune di Vasto,
contrassegnato con la nota n. 2, è inserita la seguente riga:
Vasto
2-bis 87.3.c;
c) con riferimento alle aree della provincia di
Campobasso (Molise), dopo il comune di Castropignano, contrassegnato
con la nota n. 7, è inserita la seguente riga:
Castropignano 7-bis
Sost.tran.;
d) con riferimento alle aree della provincia di Isernia
(Molise), dopo il comune di Poggio Sannita, contrassegnato con la nota
n. 8, è inserita la seguente riga:
Poggio Sannita 8-bis Sost.tran.;
e)
dopo la nota n. 1 è inserita la seguente: “1-bis. Tutto il territorio
comunale ad eccezione delle località di cui alla nota precedente”;
f)
dopo la nota n. 2 è inserita la seguente: “2-bis. Tutto il territorio
comunale ad eccezione delle frazioni di cui alla nota precedente”;
g)
la nota n. 3, relativa al comune dell’Aquila, è sostituita dalla
seguente: “tutto il territorio comunale ad esclusione delle seguenti
circoscrizioni: 01 Centro, 05 Coppito Pettino (limitatamente agli
abitati di S. Vittorino, Cansatessa e Pettino, delimitati dalla strada
statale 80, dalla strada statale 17, dalla strada provinciale 33 e
dalla via delle Fiamme Gialle), 07 S. Sisto-S. Barbara-Pile
(limitatamente agli abitati di Pile e S. Barbara, delimitati dalla
strada statale 17 e dalla via Salaria antica est), 08
Torrione-Collebrincioni (limitatamente agli abitati di Valle Pretara,
Torrione, S. Francesco, S. Giacomo e Collebrincioni, delimitati dalla
strada provinciale Collebrincioni)”;
h) dopo la nota n. 7 è inserita
la seguente: “7-bis. Tutto il territorio comunale ad eccezione
dell’area di cui alla nota precedente”;
i) dopo la nota n. 8 è
inserita la seguente: “8-bis. Tutto il territorio comunale ad
eccezione della parte di territorio di cui alla nota precedente”.
B)
Rettifiche dell’allegato al decreto ministeriale del 13 novembre 2000
concernente l’elenco delle aree depresse delle regioni Emilia-Romagna,
Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte,
Toscana, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto e delle province autonome di
Trento e Bolzano:
a) con riferimento alle aree della provincia di Roma
(Lazio), dopo il comune di Albano Laziale, contrassegnato con la nota
n. 408, è inserita la seguente riga:
Albano Laziale 408-bis 87.3.c;
b)
con riferimento alle aree della provincia di Roma (Lazio), dopo il
comune di Ariccia, contrassegnato con la nota n. 409, è inserita la
seguente riga:
Ariccia 409-bis 87.3.c;
c) dopo la nota n. 408 è
inserita la seguente: “408-bis. Tutto il territorio comunale ad
eccezione dell’area di cui alla nota precedente”;
d) dopo la nota n.
409 è inserita la seguente: “409-bis. Tutto il territorio comunale ad
eccezione dell’area di cui alla nota precedente”.

Architetto.info