Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Ammissione di progetti autonomi al finanziamento del Fondo speciale pe...

Ammissione di progetti autonomi al finanziamento del Fondo speciale per la ricerca applicata per un impegno di spesa di L. 64.781.093.000.

IL DIRETTORE GENERALE
del Dipartimento per la programmazione il coordinamento e gli
affari economici servizio per lo sviluppo e il potenziamento
delle attivita’ di ricerca
Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168: “Istituzione del Ministero
dell’universita’ e della ricerca scientifica e tecnologica”;
Vista la legge 25 ottobre 1968, n. 1089, istitutiva del Fondo
speciale per la ricerca applicata;
Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46, “Interventi per i settori
dell’economia di rilevanza nazionale” che, all’art. 7, prevede
che la preselezione dei progetti presentati e la proposta di
ammissione degli stessi agli interventi del Fondo predetto
siano affidate al comitato tecnico scientifico composto secondo
le modalita’ ivi specificate;
Visto il decreto ministeriale n. 253 Ric. del 15 febbraio 1995,
di nomina del comitato tecnico scientifico, confermato con
decreto n. 435 Ric. del 27 febbraio 1998, e successivamente
modificato con decreto n. 993 Ric. del 10 luglio 1998;
Visto il decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive
modifiche e integrazioni;
Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20;
Visto il decreto ministeriale 8 agosto 1997, n. 954, recante:
“Nuove modalita’ procedurali per la concessione delle agevolazioni
previste dagli interventi a valere sul Fondo speciale per la
ricerca applicata;
Visto il decreto legislativo del 27 luglio 1999, n. 297: Riordino
della disciplina e snellimento delle procedure per il sostegno
della ricerca scientifica e tecnologica, per la diffusione
delle tecnologie, per la mobilita’ dei ricercatori;
Viste le domande presentate ai sensi degli articoli 4, 5 e 11
del decreto ministeriale 8 agosto 1997, n. 954, e i relativi
esiti istruttori;
Tenuto conto delle proposte formulate dal comitato tecnico
scientifico nelle riunioni del 18 ottobre 2000 di cui al punto 9
del resoconto sommario;
Considerato che per tutti i progetti proposti per il finanziamento
nella predetta riunione esiste o e’ in corso di acquisizione la
certificazione di cui al decreto del Presidente della Repubblica
del 3 giugno 1998, n. 252;
Viste le disponibilita’ del Fondo agevolazione ricerca per l’anno
2001;
Vista la nota ministeriale del 6 agosto 1999, concernente la
distinzione tra funzione gestionale e funzione di indirizzo
politico amministrativo;
Considerato che le domande oggetto del presente decreto sono
state presentate prima del 3 gennaio 2000 e, pertanto, ai sensi
della circolare prot. n. 760/Ric. del 29 dicembre 1999, pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale n. 7 dell’11 gennaio 2000, l’Istituto
San Paolo IMI S.p.a. assicurera’ la gestione della complessiva
attivita’ contrattuale;

Decreta:
Art. 1.
I seguenti progetti di ricerca applicata sono ammessi agli interventi
previsti dalle leggi citate nelle premesse, nella forma, nella misura,
le modalita’ e le condizioni per ciascuno indicate;
Progetti – pubblicazione omessa.

Art. 2.
Per tutti gli interventi disciplinati dal decreto ministeriale 8 agosto
1997, n. 954, sono applicate le seguenti condizioni: per le relative
operazioni di fmanziamento non sono richieste particolari forme di
garanzia, salva la facolta’ per l’istituto finanziatore di richiederle
per i progetti a valere sulla legge n. 346/1988. Altresi’, ai sensi
dell’art. 12, comma 2, del predetto decreto ministeriale, in ottemperanza
all’art. 6, comma 6, del decreto-legge 8 febbraio 1995, n. 32, convertito,
senza modificazioni, dalla legge 7 aprile 1995, n. 104, i crediti nascenti
dai finanziamenti erogati ai sensi dell’art. 2, comma secondo, della legge
n. 46/1982, e successive modificazioni ed integrazioni, sono assistiti da
privilegio generale che prevale su ogni altro titolo di prelazione da
qualsiasi causa derivante, ad eccezione del privilegio per spese di
giustizia e di quelli previsti dall’art. 2751-bis del codice civile,
fatti salvi i precedenti diritti di prelazione spettanti a terzi.
la durata del progetto potra’ essere maggiorata di 12 mesi per compensare
eventuali slittamenti temporali nell’esecuzione delle attivita’ poste
in essere dal contratto.
Art. 3.
Le risorse necessarie per gli interventi di cui all’art. 1 del presente
decreto, disposto ai sensi della legge n. 1089/1968 e successive modifiche
e integrazioni, sono determinate in L. 64.781.093.000 e graveranno sulle
disponibilita’ del Fondo agevolazione ricerca per l’anno 2001.
Il presente decreto sara’ pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 20 marzo 2001
Il direttore generale: Criscuoli

Architetto.info