Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Integrazione dell'art. 5, comma 1, della delibera n. 2/00/CIR al fine ...

Integrazione dell'art. 5, comma 1, della delibera n. 2/00/CIR al fine di estendere ai soggetti titolari di autorizzazioni generali l'accesso all'offerta wholesale del servizio di canale virtuale permanente. (Deliberazione n. 3/01/CIR)

L’AUTORITA’ PER LE GARANZIE
NELLE COMUNICAZIONI
Nella riunione della
commissione infrastrutture e reti del 22 febbraio 2001;
Vista la legge
31 luglio 1997, n. 249, recante: “Istituzione dell’Autorità per le
garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi delle
telecomunicazioni e radiotelevisivo”;
Visto il decreto del Presidente
della Repubblica 19 settembre 1997, n. 318, recante: “Regolamento di
attuazione di direttive comunitarie nel settore delle
telecomunicazioni”;
Vista la propria delibera n. 2/00/CIR – “Linee
guida per l’implementazione dei servizi di accesso disaggregato a
livello di rete locale e disposizioni per la promozione della
diffusione dei servizi innovativi”, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale n. 73 del 28 marzo 2000;
Vista la propria delibera n.
217/00/CONS – “Condizioni economiche e modalità di fornitura del
servizio di accesso ad alta velocità basato sull’applicazione delle
tecnologie ADSL di Telecom Italia di cui alla delibera n.
407/99”;
Vista la propria delibera n. 467/00/CONS – “Disposizioni in
materia di autorizzazioni generali”, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale n. 184 dell’8 agosto 2000;
Vista la propria delibera n.
15/00/CIR – “Condizioni economiche e modalità di fornitura del
servizio di canale virtuale permanente di cui all’art. 5 della
delibera n. 2/00/CIR: principi generali e applicazioni specifiche in
relazione ai servizi commerciali X-DSL di Telecom Italia denominati
Ring e Full Business Company”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.
17 del 22 gennaio 2001;
Visto in particolare l’art. 5, comma 5, della
menzionata delibera n. 15/00/CIR che recita “L’Autorità avvia un
supplemento di istruttoria al fine di valutare l’integrazione
dell’art. 5, comma 1, della delibera n. 2/00/CIR al fine di estendere
ai soggetti titolari di autorizzazioni generali per la fornitura di
determinati tipologie di servizi l’accesso all’offerta del servizio
wholesale di cui al presente provvedimento. Tale istruttoria termina
entro il 30 gennaio 2001”;
Vista la decisione adottata il 17 gennaio
2001 dalla commissione infrastrutture e reti di avviare l’istruttoria
ai sensi del citato art. 5, comma 5 della delibera n. 15/00/CIR;
Vista
la propria delibera n. 2/01/CIR “Fissazione del termine
dell’istruttoria di cui all’art. 5, comma 5, della delibera n.
15/00/CIR”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 36 del 13 febbraio
2001, che prevede la fissazione del termine per la conclusione
dell’istruttoria di cui all’art. 5, comma 5, della delibera n.
15/00/CIR al 23 febbraio 2001;
Visti gli atti del
procedimento;
Considerato che il servizio wholesale, di cui alla
delibera n. 15/00/CIR, ha caratteristiche analoghe al servizio di
canale virtuale permanente di cui alla delibera n. 271/00/CONS, ma con
apparati x-DSL che consentono velocità di trasmissione
superiore;
Considerato che la delibera n. 467/00/CONS prevede che i
servizi di trasmissione dati mediante l’utilizzo di collegamenti
diretti o commutati alle reti pubbliche, nella quale rientrano i
servizi oggetto dell’offerta di canale virtuale permanente, sono
soggetti ad una autorizzazione generale;
Ritenuto opportuno, nel
rispetto dei principi di parità di trattamento e di non
discriminazione, di consentire a tutti i soggetti in possesso di
idoneo titolo autorizzatorio di accedere all’offerta wholesale di
canale virtuale permanente formulata da Telecom Italia S.p.a. ai sensi
della sopra menzionata delibera n. 15/CIR/00;
Udita la relazione del
commissario ing. Vincenzo Monaci, relatore ai sensi dell’art. 32 del
regolamento concernente l’organizzazione e il funzionamento
dell’Autorità;
Delibera:
Articolo unico
1. L’art. 5, comma 1 della
delibera n. 2/00/CIR è sostituito dal seguente: “1. Telecom Italia è
tenuta ad offrire agli operatori licenziatari e/o muniti di
autorizzazione generale per la fornitura di servizi di
telecomunicazioni mediante l’utilizzo di collegamenti diretti o
commutati alle reti pubbliche, un servizio di canale virtuale
permanente, in tutti i casi in cui sistemi di accesso in tecnologia
x-DSL siano utilizzati per la fornitura di servizi alla clientela da
parte di proprie divisioni commerciali, nonché di società controllate,
controllanti, collegate o consociate”.Il presente provvedimento è
notificato alla società Telecom Italia S.p.a., pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e nel Bollettino
ufficiale dell’Autorità.

Architetto.info