Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Finanziamenti ai comuni per la realizzazione di edifici solari ...

Finanziamenti ai comuni per la realizzazione di edifici solari fotovoltaici ad alta valenza architettonica.

Il DIRETTORE GENERALE
DEL SERVIZO INQUINAMENTO

ATMOSFERICO ACUSTICO E INDUSTRIE A RISCHIO

Vista la
delibera CIPE del 19 novembre 1998 “Linee guida per le politiche e
misure nazionali di riduzione delle emissioni di gas serra” con
al quale vengono stabiliti gli obiettivi nazionali di riduzione
delle emissioni di gas serra al 2008-2012;
Visto il libro bianco
per la valorizzazione energetica delle fonti rinnovabili, approvato
dal CIPE in data 6 agosto 1999, con il quale si individuano, per
ciascuna fonte rinnovabile, gli obbiettivi che devono esssere
conseguiti per ottenere le riduzioni di emissioni di gas serra che
la precedente delibera CIPE 19 novembre 1998 assegna all’azione
“produzione di energia da fonti rinnovabili”;
Visto in particolare
che, per la tecnologia fotovoltaica, il libro bianco stima uno
sviluppo annuo simile a quello registrato negli ultimi anni sul
mercato internazionale, tale da consentire di giungere al
2008-2012 a una potenza di picco installata di circa 300 MW;

Ritenuto che l’impegno pubblico per lo sviluppo della tecnologia
gotovoltaica debba continuare e riguardare, da un lato, la ricerca e,
dall’altro, in modo piu’ mirato, la promozione di quei settori
di
mercato piu’ vicini alla competitivita’ tecnico-economica;

Considerato che l’integrazione nelle strutture edilizie di sistemi
fotovoltaici operanti in connessione alla rete di distribuzione
elettrica viene ritenuta una strada promettente per favorire la
riduzione dei costi e mitigare i problemi connessi all’occupazione di
territorio causata dalle applicazioni fotovoltaiche tradizionali;

Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 122, e in
particolare gli articoli 29, 30 e 31 con i quali sono stati
individuati compiti e funzioni dello Stato, delle regioni e degli
enti locali in materia di energia, ivi incluse le fonti rinnovabili;

Ritenuto opportuno avviare, in attuazione della citata delibera
CIPE 6 agosto 1999, azioni dirette alla diffusione della tecnologia
fotovoltaica per applicazioni nell’edilizia;
Considerato che
l’art. 29, comma 2, lettera h), del decreto legislativo 31
marzo 1998, n. 112, attribuisce allo Stato il compito di fissare gli
obiettivi e i programmi nazionali in materia di fonti rinnovabili;

Visto l’accordo di programma tra il Ministero dell’ambiente e
l’ENEA, stipulato in data 25 novembre 1998, allo scopo di raccordare
le attivita’ dell’ENEA agli obiettivi prioritari della politica di
tutela e risanamento ambientale del Governo nonche’ per definire le
modalita’ di collaborazione dell’ENEA alle diverse linee di
intervento avviate dal Ministero, per il raggiungimento degli stessi
obiettivi;
Considerato che e’ in corso di perfezionamento un atto
integrativo al succitato accordo di programma con l’ENEA per lo
svolgimento delle
attivita’ tecniche e scientifiche relative ai
programmi di sostegno alla diffusione della tecnologia fotovoltaica;

Visto il protocollo d’intesa tra il Ministero dell’ambiente e il
Ministero dei beni e delle attivita’ culturali, firmato in data
7 giugno 2000, per l’individuazione delle soluzioni piu’ adeguate ad
un corretto inserimento delle tecnologie solari nel tessuto urbano;

Decreta:

Art. 1.
Oggetto e obiettivo del finanziamento
Il
presente decreto finanzia le amministrazioni pubbliche e gli enti
pubblici per la realizzazione di un impianto solare fotovoltaico di
grande scala, completamente integrato in un complesso edilizio,
caratterizzato da elevate prestazioni energetico-ambientali e da alta
valenza architettonica.
Art. 2.

Criteri e modalita’ del finanziamento
I criteri e le
modalita’ di finanziamento degli interventi saranno oggetto di
apposito bando, che sara’ pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana a cura di questo Ministero. Il bando,
inoltre, stabilira’ i termini, i requisiti, le condizioni e i
documenti per la partecipazione, nonche’ gli elementi per la
valutazione delle domande.
Art. 3.

Disponibilita’ finanziaria e assunzione dell’impegno
Per la
finalita’ di cui al presente decreto, e’ impegnata la somma di L.
3.111.000.000 utilizzando le disponibilita’ del capitolo 8254 della
U.P.B. 7.2.1.2 (Prevenzione inquinamento atmosferico e
acustico) dello stato di previsione del Ministero dell’ambiente per
l’anno finanziario 2000.
Il presente provvedimento sara’ trasmesso
al competente organo di controllo per gli adempimenti di competenza.

Roma, 22 dicembre 2000
Il
direttore generale: Silvestrini
Registrata alla Corte dei conti il 12
febbraio 2001
Ministeri delle infrastrutture e assetto del
territorio, registro n. 1 Ambiente, foglio n. 142

Architetto.info