Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 29 ottob...

Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 540, recante riordino delle Stazioni sperimentali per l'industria

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Visti gli articoli 76 e 87 della
Costituzione;
Visto il regio decreto 12 settembre 1909, n. 479, e
successive modifiche, sulla istituzione in Milano della Stazione
sperimentale per l’industria della carta e lo studio delle fibre
tessili;
Visto il decreto luogotenenziale 2 marzo 1919, n. 1048, di
riorganizzazione della Stazione sperimentale per l’industria della
carta e lo studio delle fibre tessili;
Visto il regio decreto 31
ottobre 1923, n. 2523, modificato con decreto del Presidente della
Repubblica 24 aprile 1948, n. 718, sul riordinamento delle Stazioni
sperimentali per l’industria;
Vista la legge 15 marzo 1997, n. 59,
recante delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti
alle regioni ed enti locali per la riforma della pubblica
amministrazione e per la semplificazione amministrativa, ed in
particolare l’articolo 11, comma 3;
Visto il decreto legislativo 29
ottobre 1999, n. 540, sul riordino delle Stazioni sperimentali per
l’industria;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei
Ministri, adottata nella riunione del 19 gennaio 2001;
Acquisito il
parere della Commissione bicamerale, istituita ai sensi dell’articolo
5 della citata legge n. 59 del 1997;
Vista la deliberazione del
Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 16 febbraio
2001;
Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e del
Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato e del
commercio con l’estero, di concerto con i Ministri del tesoro, del
bilancio e della programmazione economica e per la funzione
pubblica;
E m a n a
il seguente decreto legislativo:
Art. 1.
Riordino
Stazione sperimentale
1. A decorrere dalla data di entrata in vigore
del presente decreto legislativo la Stazione sperimentale per la
cellulosa, carta e fibre tessili vegetali ed artificiali, di cui
all’articolo 1 del decreto luogotenenziale 2 marzo 1919, n. 1048,
assume la denominazione di: “Stazione sperimentale carta, cartoni e
paste per carta” per effetto dello scorporo dai settori di riferimento
dell’industria delle fibre tessili vegetali ed artificiali.
Art.
2.
Trattamento economico personale statale
1. Il pagamento degli
stipendi e degli assegni spettanti al personale di ruolo statale in
servizio presso le Stazioni sperimentali per l’industria continua ad
essere effettuato direttamente dal Ministero dell’industria, del
commercio e dell’artigianato, con le modalità previste dalle norme
sull’amministrazione del patrimonio e sulla contabilità generale dello
Stato.
Art. 3.
Abrogazioni
1. L’articolo 12, comma 1, del decreto
legislativo 29 ottobre 1999, n. 540, è sostituito dal seguente: “Art.
12 (Norme abrogate). – 1. Sono abrogati gli articoli da 1 a 22, ed i
commi primo, secondo, terzo, sesto e settimo dell’articolo 23 del
regio decreto 31 ottobre 1923, n. 2523, modificato con decreto del
Presidente della Repubblica 24 aprile 1948, n. 718; gli articoli da 1
a 24, ed i commi primo, secondo, terzo, sesto e settimo dell’articolo
25, gli articoli da 26 a 27 e dell’articolo 28, i commi secondo,
terzo, quarto, quinto e sesto, gli articoli da 29 a 43 del regio
decreto 3 giugno 1924, n. 969, modificato con decreto del Presidente
della Repubblica 24 aprile 1948, n. 1461; il regio decreto 19 novembre
1931, n. 1488, il regio decreto-legge 5 settembre 1938, n. 1662,
convertito dalla legge 3 gennaio 1939, n. 130, gli articoli da 324 a
331 del decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3;
l’articolo 2, commi primo, secondo, terzo e quinto e gli articoli da 3
a 10 del regio decreto 8 febbraio 1885, n. 1596, gli articoli da 2 a 7
del decreto luogotenenziale 2 marzo 1919, n. 1048; gli articoli da 2 a
8 del decreto luogotenenziale 20 giugno 1918, n. 2131; gli articoli da
2, comma 1°, n. 2), 3), 4), 5), 6), 7) e 8), a 8 del decreto
luogotenenziale 2 febbraio 1919, n. 637; gli articoli da 2 a 7 del
regio decreto 2 luglio 1922, n. 1396, gli articoli da 2 a 7 del regio
decreto 7 ottobre 1923, n. 3266, gli articoli da 2 a 14 del regio
decreto 23 marzo 1940, n. 744, modificato con decreto del Presidente
della Repubblica 12 luglio 1949, n. 646, l’articolo 1, comma secondo,
l’articolo 2 e l’articolo 3, comma primo, gli articoli 4, 5 e 6 della
legge 16 ottobre 1954, n. 1032.”.
2. Limitatamente ai direttori
straordinari, in servizio alla data di entrata in vigore del presente
decreto legislativo, la conferma come direttore ordinario resta
subordinata al giudizio sull’operosità scientifica nel triennio di
validità della nomina a direttore straordinario.Il presente decreto,
munito del sigillo dello Stato, sarà inserito nella Raccolta ufficiale
degli atti normativi della Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a
chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Architetto.info