Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

DECRETO 15 marzo 2001: Utilizzo del personale docente della scuola pre...

DECRETO 15 marzo 2001: Utilizzo del personale docente della scuola presso le universita' (legge 3 agosto 1998, n. 315, art. 1). (GU n. 194 del 22-8-2001)

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

DECRETO 15 marzo 2001
Utilizzo del personale docente della scuola presso le universita’
(legge 3 agosto 1998, n. 315, art. 1).

IL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

Vista la legge 19 novembre 1990, n. 341, articoli 3, comma 2, e 4,
comma 2, che prevedono la formazione universitaria degli insegnanti
elementari e degli insegnanti delle scuole secondarie nel corso di
laurea in scienze della formazione primaria e nelle scuole di
specializzazione;
Visto l’art. 2, comma 4, del decreto 26 maggio 1998 del Ministro
dell’universita’ e della ricerca scientifica e tecnologica emanato di
concerto con il Ministro della pubblica istruzione che prevede
l’utilizzo, nel corso di laurea e nella scuola, di personale docente
in servizio presso le istituzioni scolastiche, con particolare
riferimento alla supervisione del tirocinio e al coordinamento del
medesimo con altre attivita’ didattiche;
Visto l’art. 1, comma 4, della legge 3 agosto 1998, n. 315, recante
disposizioni in materia di “Interventi finanziari per l’universita’ e
la ricerca”, che prevede l’utilizzazione in posizione di semiesonero
presso le universita’ di personale docente al fine di svolgere
compiti di supervisione del tirocinio e di coordinamento del medesimo
con altre attivita’ didattiche nell’ambito di corsi di laurea in
scienze della formazione primaria e di scuole di specializzazione per
l’insegnamento nelle scuole secondarie;
Visto altresi’ l’art. 1, comma 5, della legge 3 agosto 1998, n.
315, che per le finalita’ di cui al comma 4 del medesimo art. 1
prevede l’utilizzazione di docenti e dirigenti scolastici della
scuola elementare, da disporsi con le procedure di cui al precitato
comma 4, in numero pari ai posti del contingente di cui all’art. 456,
comma 13, del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, che si
renderanno disponibili all’inizio degli anni scolastici 2001/2002 e
2002/2003;
Visti i criteri generali determinati, ai sensi dell’art. 1, comma
4, della legge 3 agosto 1998, n. 315, dalla commissione di cui
all’art. 4, comma 5, della legge 9 maggio 1989, n. 168, per la
valutazione comparativa degli aspiranti, riportati come allegato al
presente decreto;
Vista la legge 2 agosto 1999, n. 264, recante norme in materia di
accessi ai corsi universitari;
Vista la nota della Direzione generale dell’istruzione elementare
prot. n. 1783 del 27 novembre 2000 con la quale e’ stata comunicata
la disponibilita’ di posti di personale dirigente e docente delle
scuole elementari ex legge n. 1213/1967;
Vista la nota prot. n. 880.00 del 7 dicembre 2000 con la quale il
presidente della commissione del MURST-MPI ha comunicato il
fabbisogno numerico di personale docente da assegnare, per il biennio
2001-2003, alle predette istituzioni;
Decreta:
Art. 1.
Per le finalita’ di cui alle premesse e’ consentita ai sensi
dell’art. 1, comma 4, della legge 3 agosto 1998, n. 315,
l’utilizzazione in posizione di semiesonero presso le universita’ di
un apposito contingente di personale docente in servizio nelle
istituzioni scolastiche e, con riferimento all’indirizzo per la
scuola elementare, di personale educativo nelle istituzioni educative
statali. Tale contingente viene determinato, per il biennio
2001/2003, nella misura di 2000 unita’ complessive.
La ripartizione dei posti tra i corsi di laurea e le scuole di
specializzazione e’ effettuata secondo le indicazioni contenute nelle
allegate tabelle A e B che costituiscono parte integrante del
presente decreto.
Il personale docente che intende chiedere l’utilizzazione dovra’
inviare la domanda all’universita’, a norma dello specifico bando di
concorso. Concluse le procedure di valutazione comparativa, da
effettuarsi sulla base dei criteri generali citati in premessa, le
universita’ comunicheranno le conseguenti graduatorie ai
provveditorati agli studi interessati, anche al fine della modifica
del contratto individuale di lavoro, nonche’ il numero degli allievi
iscritti.

Art. 2.
L’utilizzazione di ogni docente ha durata biennale, rinnovabile a
domanda dell’interessato per un ulteriore biennio, salvo decisione
contraria degli organismi preposti, rispettivamente, al corso di
laurea e alla scuola di specializzazione. Tali organismi definiscono
altresi’ le specifiche attivita’ richieste ai docenti utilizzati, che
rispondono ai consigli dei predetti organismi in merito al proprio
lavoro. Una ulteriore utilizzazione non puo’ essere disposta se non
sia trascorso un quadriennio dalla cessazione.
In relazione alla prevista possibilita’ di rinnovo dell’incarico,
nei bandi di concorso dovra’ essere segnalato che il contingente di
posti messi a concorso sara’ assegnato ai partecipanti alla selezione
concorsuale nella misura dei posti non occupati a seguito dei
provvedimenti di rinnovo biennale delle utilizzazioni gia’ in corso.

Art. 3.
Per consentire la disponibilita’ presso i corsi di laurea e le
scuole di specializzazione, di docenti supervisori muniti del titolo
di specializzazione per il sostegno agli alunni portatori di
handicap, al fine dell’attivazione di specifiche attivita’ aggiuntive
di integrazione scolastica, previste dall’art. 14, commi 2 e 3, della
legge 5 febbraio 1992, n. 104 e dagli articoli 3 e 4 del decreto
26 maggio 1998 del Ministro dell’universita’ e della ricerca
scientifica e tecnologica emanato di concerto con il Ministro della
pubblica istruzione, il bando di concorso emanato dagli atenei dovra’
contenere la riserva di un numero di posti non inferiore a due
unita’, da assegnare ai docenti muniti del predetto titolo di
specializzazione.

Art. 4.
Per il corso di laurea in scienze della formazione primaria e’
consentita l’utilizzazione a tempo pieno, presso le universita’ degli
studi che hanno attivato i predetti corsi, di docenti e dirigenti
scolastici della scuola elementare sui posti del contingente previsto
dall’art. 456, comma 13, del testo unico approvato con decreto
legislativo 16 aprile 1994, n. 297, al fine di svolgere compiti di
coordinamento e di supervisione del tirocinio.
Le utilizzazioni avranno la durata di un quadriennio e saranno
disposte sui posti che si renderanno disponibili alle date del
1o settembre 2001 e del 1o settembre 2002 secondo quanto indicato
rispettivamente nell’allegata tabella C. Una ulteriore utilizzazione
non puo’ essere disposta se non sia trascorso un quadriennio dalla
cessazione.
I docenti e i dirigenti scolastici di scuola elementare che
aspirano a tale utilizzazione dovranno produrre domanda
all’Universita’ degli studi secondo le norme dello specifico bando di
concorso.
Concluse le procedure di valutazione comparativa, da effettuarsi
sulla base dei criteri generali citati in premessa, le universita’
comunicheranno le conseguenti graduatorie ai direttori degli uffici
scolastici regionali interessati e alla Direzione generale del
personale della scuola e dell’amministrazione – Ufficio V e ufficio
VII, che disporranno le utilizzazioni rispettivamente per i dirigenti
scolastici e per i docenti sulla base del numero dei posti previsti
nell’allegata tabella C e secondo la data di decorrenza della
disponibilita’ dei posti medesimi.
I docenti e i dirigenti scolastici di scuola elementare, utilizzati
a tempo pieno presso le universita’ degli studi per i corsi di
formazione ai sensi dell’art. 1, comma 5, della legge 3 agosto 1998,
n. 315, sona tenuti alla prestazione dell’orario stabilito per il
personale amministrativo degli atenei, nonche’ a partecipare alle
riunioni degli organismi universitari, fermo restando il limite
massimo complessivo di 36 ore settimanali.
Per i posti del personale docente e dirigente per il quale e’ stata
disposta l’utilizzazione quadriennale, si provvedera’ secondo quanto
disciplinato dalla contrattazione collettiva riguardante la mobilita’
del corrispondente personale.

Art. 5.
Per le procedure di reclutamento, bandite sulla base del decreto
ministeriale del 2 dicembre 1998 ed ancora in corso alla data del
presente decreto, il bando di cui all’art. 1 puo’ essere sostituito
dall’utilizzazione, per l’intero contingente di cui alle allegate
tabelle, delle graduatorie risultanti.
Per quanto non disciplinato dal presente decreto si richiamano le
disposizioni del decreto ministeriale del 2 dicembre 1998 prot. n.
33733/BL, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n.
60 del 13 marzo 1999, che sono integralmente confermate.
Roma, 15 marzo 2001
Il Ministro: De Mauro

Registrato alla Corte dei conti il 4 maggio 2001
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 5, foglio n. 293

Allegato
—-> Vedere Allegato

Architetto.info