Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

DECRETO PRESIDENTE REPUBBLICA 21 settembre 1994, n. 613 (3) (1a) Rego...

DECRETO PRESIDENTE REPUBBLICA 21 settembre 1994, n. 613 (3) (1a) Regolamento recante norme concernenti la partecipazione delle associazioni di volontariato nelle attività di protezione civile (G.U. n. 259, 5 novembre 1994, Serie Generale)

DECRETO PRESIDENTE REPUBBLICA 21 settembre 1994, n. 613 (3) (1a)

Regolamento recante norme concernenti la partecipazione delle
associazioni di volontariato nelle attività di protezione civile
(G.U.
n. 259, 5 novembre 1994, Serie Generale)
(3)Abrogato dall’art. 16,
comma 1, D.P.R. 8 febbraio 2001, n. 194.
(1a) A norma dell’art. 10,
comma 3, L. 10 agosto 2000, n. 246, l’Associazione nazionale vigili
del fuoco volontari può accedere ai benefici ed ai contributi previsti
dal presente decreto.
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Visto l’art. 87
della Costituzione;
Visti gli artt. 4, comma 3, e 18 della legge 24
febbraio 1992, n. 225;
Vista la legge 11 agosto 1991, n. 266;
Visto
l’art. 11 del decreto-legge 26 maggio 1984, n. 159, convertito, con
modificazioni, dalla legge 24 luglio 1984, n. 363;
Visto il decreto
del Presidente del Consiglio dei Ministri 13 febbraio 1990, n. 112,
recante regolamento concernente istituzione e organizzazione del
Dipartimento della protezione civile nell’ambito della Presidenza del
Consiglio dei Ministri;
Vista l’ordinanza del Ministro per il
coordinamento della protezione civile 30 marzo 1989, n. 1675/FPC,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 81 del 7 aprile 1989,
concernente l’attuazione del citato art. 11 del decreto-legge 26
maggio 1984, n. 159, convertito, con modificazioni, dalla legge 24
luglio 1984, n. 363, in materia di volontariato di protezione
civile;
Considerata la necessità di emanare il regolamento previsto
dall’art. 18, comma 3, della citata legge 24 febbraio 1992, n.
225;
Visto l’art. 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n.
400;
Ritenuto necessario adeguarsi agli indirizzi tracciati dallalegge
24 dicembre 1993, n. 537, in materia di contenimento di spesa e di
riordino degli organi collegiali;
Uditi i pareri del Consiglio di
Stato, espressi nelle adunanze generali del 25 febbraio 1993 e del 24
giugno 1993;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 5 agosto 1994;
Sulla proposta del
Presidente del Consiglio dei Ministri;
Emana
il seguente
regolamento:
Art. 1
(Iscrizione delle associazioni di volontariato
nell’elenco del Dipartimento della protezione civile)(4)
(4)Articolo
modificato dall’art. 11, comma 2, D.L. 26 luglio 1996, n. 393,
convertito, con modificazioni, dalla L. 25 settembre 1996, n. 496 e,
successivamente, abrogato dall’art. 16, comma 1, D.P.R. 8 febbraio
2001, n. 194, che ha abrogato l’intero provvedimento.
Art.
1
(Iscrizione delle associazioni di volontariato nell’elenco del
Dipartimento della protezione civile)(5)
1. Ai fini dell’applicazione
del presente regolamento, sono considerate associazioni di
volontariato di protezione civile quelle associazioni costituite
liberamente e prevalentemente da volontari, riconosciute e non
riconosciute, che non abbiano fini di lucro anche indiretto e che
svolgano o promuovano attività di previsione, prevenzione e soccorso
in vista o in occasione di calamità naturali, catastrofi o altri
eventi similari, nonché di formazione nella suddetta materia.
2.
Presso il Dipartimento della protezione civile viene predisposto e
periodicamente aggiornato un elenco delle associazioni di volontariato
di cui al comma 1, a fini ricognitivi della sussistenza e dislocazione
sul territorio nazionale delle associazioni medesime, fermi restando
gli obblighi di iscrizione ai registri generali delle organizzazioni
di volontariato previsti dall’art. 6 della legge 11 agosto 1991, n.
266. All’iscrizione provvede il Dipartimento della protezione civile
sentito il prefetto competente per territorio che si esprime in merito
alla sussistenza dei requisiti di moralità, affidabilità e capacità
operativa delle associazioni .(1)
3. Ai fini dell’applicazione delle
disposizioni contenute nel presente regolamento, le associazioni di
volontariato di protezione civile possono chiedere l’inserimento
nell’elenco di cui al comma 2. La richiesta, sottoscritta dal legale
rappresentante, corredata dei documenti previsti dalla circolare
applicativa di cui al successivo comma 5 del presente articolo, deve
essere inoltrata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri –
Dipartimento della protezione civile.
4. Le associazioni locali,
aderenti ad associazioni nazionali, possono presentare la richiesta di
cui al comma 3 per il tramite delle associazioni nazionali.
5. Ai fini
di una omogenea rilevazione dei dati relativi alle associazioni
richiedenti e della loro successiva elaborazione ed utilizzazione, la
Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della protezione
civile, provvede all’emanazione di una circolare, da pubblicare nella
Gazzetta Ufficiale, contenente le modalità procedurali cui debbono
attenersi le associazioni di volontariato nella presentazione delle
domande di cui al comma 3 del presente articolo ed all’art. 2, comma
6, del presente regolamento.
(5)Testo precedente le modifiche
apportate dal D.P.R. 8 febbraio 2001, n. 194.
(1)Comma modificato
dall’art. 11, comma 2, D.L. 26 luglio 1996, n. 393, convertito, con
modificazioni, dalla L. 25 settembre 1996, n. 496.
Art. 1
(Iscrizione
delle associazioni di volontariato nell’elenco del Dipartimento della
protezione civile)(2)
1. Ai fini dell’applicazione del presente
regolamento, sono considerate associazioni di volontariato di
protezione civile quelle associazioni costituite liberamente e
prevalentemente da volontari, riconosciute e non riconosciute, che non
abbiano fini di lucro anche indiretto e che svolgano o promuovano
attività di previsione, prevenzione e soccorso in vista o in occasione
di calamità naturali, catastrofi o altri eventi similari, nonché di
formazione nella suddetta materia.
2. Presso il Dipartimento della
protezione civile viene predisposto e periodicamente aggiornato un
elenco delle associazioni di volontariato di cui al comma 1, a fini
ricognitivi della sussistenza e dislocazione sul territorio nazionale
delle associazioni medesime, fermi restando gli obblighi di iscrizione
ai registri generali delle organizzazioni di volontariato previsti
dall’art. 6 della legge 11 agosto 1991, n. 266. All’iscrizione
provvede il Dipartimento della protezione civile sentito il prefetto
competente per territorio che si esprime in merito alla sussistenza
dei requisiti di moralità, affidabilità e capacità operativa delle
associazioni, accertando l’assenza di condanne penali ovvero di
procedimenti penali in corso nei confronti degli aderenti alle
associazioni.
3. Ai fini dell’applicazione delle disposizioni
contenute nel presente regolamento, le associazioni di volontariato di
protezione civile possono chiedere l’inserimento nell’elenco di cui al
comma 2. La richiesta, sottoscritta dal legale rappresentante,
corredata dei documenti previsti dalla circolare applicativa di cui al
successivo comma 5 del presente articolo, deve essere inoltrata alla
Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della protezione
civile.
4. Le associazioni locali, aderenti ad associazioni nazionali,
possono presentare la richiesta di cui al comma 3 per il tramite delle
associazioni nazionali.
5. Ai fini di una omogenea rilevazione dei
dati relativi alle associazioni richiedenti e della loro successiva
elaborazione ed utilizzazione, la Presidenza del Consiglio dei
Ministri – Dipartimento della protezione civile, provvede
all’emanazione di una circolare, da pubblicare nella Gazzetta
Ufficiale, contenente le modalità procedurali cui debbono attenersi le
associazioni di volontariato nella presentazione delle domande di cui
al comma 3 del presente articolo ed all’art. 2, comma 6, del presente
regolamento.
(2)Testo precedente le modifiche apportate dal D.L. 26
luglio 1996, n. 393, convertito, con modificazioni, dalla L. 25
settembre 1996, n. 496.
Art. 2
(Concessione di contributi finalizzati
al potenziamento delle attrezzature ed al miglioramento della
preparazione tecnica)(7)
(7)Articolo abrogato dall’art. 16, comma 1,
D.P.R. 8 febbraio 2001, n. 194, che ha abrogato l’intero
provvedimento.
Art. 2
(Concessione di contributi finalizzati al
potenziamento delle attrezzature ed al miglioramento della
preparazione tecnica)(6)
1. Il Dipartimento della protezione civile
può concedere, ai sensi di quanto previsto dall’art. 18, lettera a),
della legge 24 febbraio 1992, n. 225, contributi finalizzati al
potenziamento delle attrezzature ed al miglioramento della
preparazione tecnica, alle associazioni di volontariato di cui
all’art. 1.
2. Per potenziamento delle attrezzature si intende il
raggiungimento di un livello di dotazione di apparati strumentali più
elevato rispetto a quello di cui l’associazione dispone.
3. Per
miglioramento della preparazione tecnica si intende lo svolgimento
delle pratiche di addestramento e di ogni altra attività – ivi inclusa
quella di formazione – atta a conseguire un miglioramento qualitativo
ed una maggiore efficacia dell’attività dispiegata dalle associazioni.
Tali attività debbono espletarsi nel rispetto delle linee di indirizzo
e dei piani formativi teorico-pratici indicati dal Dipartimento della
protezione civile che, allo scopo di verificare esigenze e risultati
conseguibili, può organizzare corsi sperimentali.
4. La concessione
dei contributi di cui al comma 1 del presente articolo, nel rispetto
delle disposizioni previste dal presente regolamento e dalla circolare
di cui all’art. 1, comma 5, può essere disposta in misura non
superiore al 50 per cento del fabbisogno risultante da documentata
richiesta.
5. Nella concessione dei contributi di cui al comma 1 del
presente articolo si tiene conto dell’eventuale concessione di
contributi o agevolazioni finanziarie da parte di altre
amministrazioni pubbliche al medesimo titolo, ovvero da parte dei
privati. A tal fine l’istante deve indicare i contributi e le
agevolazioni ricevute con dichiarazione sostitutiva di atto di
notorietà allegandola alla domanda di cui al comma 6….

[Continua nel file zip allegato]

Architetto.info