Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

LEGGE 3 aprile 1989, n. 147 Adesione alla convenzione internazionale ...

LEGGE 3 aprile 1989, n. 147 Adesione alla convenzione internazionale sulla ricerca ed il salvataggio marittimo, con annesso, adottata ad Amburgo il 27 aprile 1979, e sua esecuzione. (1a) (G.U. n. 97, 27 aprile 1989, Supplemento ordinario)

LEGGE 3 aprile 1989, n. 147
Adesione alla convenzione internazionale
sulla ricerca ed il salvataggio marittimo, con annesso, adottata ad
Amburgo il 27 aprile 1979, e sua esecuzione. (1a)
(G.U. n. 97, 27
aprile 1989, Supplemento ordinario)
(1a) Il regolamento di attuazione
della presente legge è stato emanato con D.P.R. 28 settembre 1994, n.
662.
La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno
approvato:
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA:
Promulga
la seguente
legge:
Art. 1
1. Il Presidente della Repubblica è autorizzato ad
aderire alla convenzione internazionale sulla ricerca ed il
salvataggio marittimo, con annesso, adottata ad Amburgo il 27 aprile
1979.
Art. 2
1. Piena ed intera esecuzione è data alla convenzione di
cui all’art. 1 a decorrere dalla sua entrata in vigore in conformità
all’art. V della convenzione stessa.
Art. 3
1. La presente legge entra
in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella
Gazzetta Ufficiale.
Convenzione internazionale del 1979 sulla ricerca
ed il salvataggio in mare (1)
Preambolo
LE PARTI ALLA CONVENZIONE:
Prendendo atto della grande importanza che nelle varie convenzioni
rivestono l’assistenza alle persone in pericolo in mare e
l’installazione da parte di tutti gli Stati costieri di strumenti
adeguati ed efficaci per la vigilanza costiera e per i servizi di
ricerca e di salvataggio; Avendo esaminato la raccomandazione n. 40
della Conferenza internazionale del 1960 per la salvaguardia della
vita umana in mare, che riconosce l’opportunità di coordinare le
attività di un certo numero di organizzazioni intergovernative
riguardo alla sicurezza in mare e al di sopra del livello del mare;
Desiderando intensificare e promuovere queste attività grazie alla
creazione di un piano internazionale di ricerca e di salvataggio in
mare, che risponda alle necessità del traffico marittimo in materia di
salvataggio delle persone in pericolo in mare; Auspicando di favorire
la cooperazione tra le organizzazioni di ricerca e di salvataggio del
mondo intero e tra tutti coloro che partecipano ad operazioni di
ricerca e salvataggio in mare; Hanno convenuto quanto segue:
Art. I

Obblighi generali derivanti dalla Convenzione
Le Parti si impegnano
ad adottare ogni provvedimento legislativo o altro provvedimento
appropriato necessari a dare pieno effetto alla Convenzione ed al suo
Allegato, che è parte integrante della Convenzione. Salvo disposizione
espressamente contraria, ogni riferimento alla Convenzione costituisce
anche un riferimento al suo Allegato.
Art. II
Altri trattati e
interpretazione
1. Nessuna disposizione della Convenzione
pregiudicherà la codificazione e l’elaborazione del diritto del mare
da parte della Conferenza delle Nazioni Unite sul diritto del mare,
convocata in virtù della Risoluzione 2750 (XXV) dell’Assemblea
Generale delle Nazioni Unite, nè le rivendicazioni e posizioni
giuridiche presenti o future di qualsiasi Stato riguardo al diritto
del mare e alla natura o l’estensione della giurisdizione dello Stato
costiero e dello Stato di bandiera.
2. Nessuna disposizione della
Convenzione dovrà essere interpretata in modo da pregiudicare gli
obblighi o i diritti delle navi, definiti in altri strumenti
internazionali.
Art. III
Emendamenti (2a)
1. La Convenzione potrà
essere modificata attraverso l’una o l’altra delle procedure di cui ai
successivi paragrafi 2 e 3.
2. Emendamento successivo ad un esame
condotto dall’Organizzazione intergovernativa consultiva della
navigazione marittima (qui di seguito citata come “l’Organizzazione”):

a) ogni emendamento proposto da una Parte ed inviato al Segretario
Generale dell’Organizzazione (qui di seguito citato come “il
Segretario Generale”), ovvero ogni emendamento ritenuto necessario dal
Segretario Generale a seguito di un emendamento ad una disposizione
equivalente dell’Allegato 12 alla Convenzione relativa all’aviazione
civile internazionale verrà inviato a tutti i membri
dell’Organizzazione ed a tutte le Parti, almeno sei mesi prima del suo
esame da parte del Comitato per la sicurezza in mare.
b) Le Parti,
siano esse membri o meno dell’Organizzazione, saranno autorizzate a
partecipare alle deliberazioni del Comitato per la sicurezza in mare
per l’esame e l’adozione degli emendamenti.
c) Gli emendamenti
verranno adottati con una maggioranza dei due terzi delle Parti
presenti e votanti in seno al Comitato per la sicurezza in mare, a
condizione che almeno un terzo delle Parti sia presente al momento
dell’adozione dell’emendamento.
d) Gli emendamenti adottati
conformemente al comma c) saranno comunicati per l’accettazione a
tutte le Parti a cura del Segretario Generale.
e) Un emendamento ad
un articolo o ai paragrafi 2.1.4, 2.1.5, 2.1.7, 2.1.10, 3.1.2 oppure
3.1.3 dell’Allegato verrà ritenuto accettato alla data in cui il
Segretario Generale avrà ricevuto uno strumento di accettazione dai
due terzi delle Parti.
f) Un emendamento alle disposizioni
dell’Allegato diverse da quelle dei paragrafi 2.1.4, 2.1.5, 2.1.7,
2.1.10, 3.1.2. oppure 3.1.3 verrà considerata accettata allo scadere
di un periodo di un anno a partire dalla data in cui esso è stato
comunicato alle Parti per la loro accettazione. Tuttavia, se nel corso
di questo periodo di un anno più di un terzo delle parti avranno
notificato al Segretario Generale che esse sollevano un’obiezione
contro detto emendamento, questo ultimo verrà considerato come non
accettato.
g) Un emendamento ad un articolo o ai paragrafi 2.1.4,
2.1.5, 2.1.7, 2.1.10, 3.1.2 oppure 3.1.3 dell’Allegato entrerà in
vigore:
i) nei confronti delle Parti che l’hanno accettato, sei mesi
dopo la data in cui esso è considerato accettato;
ii) nei confronti
delle Parti che l’accetteranno dopo che la condizione di cui al comma
e) è stata soddisfatta o prima che l’emendamento entri in vigore, alla
data dell’entrata in vigore dell’emendamento;
iii) nei confronti
delle Parti che l’accetteranno dopo la data dell’entrata in vigore
dell’emendamento, trenta giorni dopo il deposito di uno strumento di
accettazione.
h) Un emendamento alle disposizioni dell’Allegato
diverse da quelle dei paragrafi 2.1.4, 2.1.5, 2.1.7, 2.1.10, 3.1.2
oppure 3.1.3 entrerà in vigore nei confronti di tutte le Parti, ad
eccezione di quelle che hanno sollevato un’obiezione contro detto
emendamento in conformità al paragrafo f) e che non hanno ritirato
tale obiezione, sei mesi dopo la data in cui è considerato come
accettato. Tuttavia prima della data fissata per l’entrata in vigore
di un emendamento, ciascuna Parte potrà notificare al Segretario
Generale che si esime dal dare effetto all’emendamento per un periodo
non superiore ad un anno a partire dalla data della sua entrata in
vigore o per un periodo più lungo se la maggioranza dei due terzi
delle Parti presenti e votanti in seno al Comitato per la sicurezza in
mare al momento dell’adozione dell’emendamento così decide.
3.
Emendamento con convocazione di una Conferenza:
a) Su richiesta di
una Parte appoggiata da almeno un terzo delle Parti, l’Organizzazione
convocherà una Conferenza delle Parti per esaminare gli emendamenti
alla Convenzione. Le proposte di emendamenti verranno inviate dal
Segretario Generale a tutte le Parti almeno sei mesi prima del loro
esame da parte della Conferenza.
b) Gli emendamenti verranno adottati
da detta Conferenza con la maggioranza dei due terzi delle Parti
presenti e votanti, a condizione che almeno un terzo delle Parti sia
presente al momento dell’adozione dell’emendamento. Gli emendamenti
così adottati verranno comunicati dal Segretario Generale a tutte le
Parti per l’accettazione.
c) A meno che la Conferenza non decida
altrimenti, l’emendamento verrà considerato come accettato ed entrerà
in vigore secondo le procedure previste rispettivamente ai commi e),
f), g) e h) del paragrafo 2, a condizione che i riferimenti del comma
h) del paragrafo 2, al Comitato per la sicurezza in mare, allargato
conformemente alle disposizioni del comma b) del paragrafo 2, vengano
considerati come riferimenti alla Conferenza.
4. Ogni dichiarazione
di accettazione o di obiezione relativa ad un emendamento o ogni
notifica comunicata in virtù del comma h) paragrafo 2, dovrà essere
inviata per iscritto al Segretario Generale. Quest’ultimo informerà
tutte le Parti di detta comunicazione e della data della sua
ricezione.
5. Il Segretario Generale informerà gli Stati di ogni
emendamento che entrerà in vigore nonchè della data della loro entrata
in vigore.
(2a) Gli emendamenti alla presente Convenzione sono entrati
in vigore il 1° gennaio 2001, in seguito alla Risoluzione MSC.70(69)
adottata il 18 maggio 1998 (Comunicato del Ministero degli affari
esteri pubblicato nella G.U. 25 maggio 2001, n. 120, Supplemento
Ordinario)
Art. IV
Firma, ratifica, accettazione, approvazione e
adesione
1. La Convenzione è aperta alla firma, presso la
Organizzazione, dal 1° novembre 1979 al 31 ottobre 1980, e resta in
seguito aperta all’adesione. Gli Stati possono divenire Parti della
Convenzione attraverso:
a) firma senza riserva quanto alla ratifica,
accettazione o approvazione; o
b) firma con riserva di ratifica,
accettazione o approvazione, seguita da ratifica, accettazione o
approvazione; o
c) adesione.
2. La ratifica, accettazione,
approvazione o adesione si effettuano attraverso il deposito di uno
strumento, volto a questo effetto, presso il Segretario Generale.
3.
Il Segretario Generale informa gli Stati di ogni firma o del deposito
di ogni strumento di ratifica, accettazione, approvazione o adesione e
della data del deposito.
Art. V
Entrata in vigore
1. La Convenzione
entrerà in vigore 12 mesi dopo la data in cui 15 Stati saranno
divenuti Parti di detta Convenzione conformemente alle disposizioni
dell’art. IV.
2. Per gli Stati che ratificheranno, accetteranno
approveranno la Convenzione o vi aderiranno conformemente all’art. I…

[Continua nel file zip allegato]

Architetto.info