Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Atto di indirizzo e coordinamento dell'attività amministrativa delle ...

Atto di indirizzo e coordinamento dell'attività amministrativa delle regioni per l'installazione di apparecchiature a risonanza magnetica nucleare.

D.P.C.M. 1 AGOSTO 1985
Preambolo
Il Presidente del Consiglio dei
Ministri, d’intesa con il Ministro della sanità: Visto l’art. 5,
secondo comma, della legge 23 dicembre 1978, n. 833; Considerato che
la diagnostica per immagini con risonanza magnetica nucleare — RMN è
entrata nella fase di sperimentazione clinica solo da pochi anni, con
prototipi di apparecchiature installate presso istituzioni ospedaliere
e universitarie; Considerato che, allo stato attuale, non sono
definitivamente precisabili i requisiti tecnici e gli standard di
utilizzazione della RMN, mentre sono disponibili apparecchiature con
caratteristiche diverse, a seconda dell’intensità del campo magnetico,
con la conseguenza di ottenere prestazioni tecniche e risultati
diagnostici altrettanto diversi; Viste le conclusioni dell’apposito
gruppo di studio costituito dal Ministro della sanità il 23 maggio
1984, nelle quali, tra l’altro, si evidenzia: a) l’opportunità che
dette apparecchiature siano sistemate nell’ambito di grossi complessi
di ricerca e studio ad alto livello scientifico ed assistenziale; b)
l’opportunità che gli impianti dotati di campo magnetico di intensità
superiore a 1,5 tesla siano riservati a compiti di ricerca in ambiente
universitario o a carattere scientifico, mentre quelli dotati di campo
magnetico con intensità inferiore a 0,8 tesla siano ammissibili alla
pratica clinica in via sperimentale; c) la necessità che venga
disciplinata la diffusione delle apparecchiature di RMN, in relazione
ad obiettivi di programmazione sanitaria e ad esigenze di rigore e di
efficacia della spesa, in considerazione dei notevoli costi di
acquisto, di installazione e di gestione delle apparecchiature
medesime; Sentito il Consiglio sanitario nazionale nella seduta del 23
marzo 1985; in conformità alla deliberazione del Consiglio dei
Ministri, adottata nella seduta del 21 giugno 1985, con la quale il
Presidente del Consiglio dei Ministri è stato delegato ad emanare,
d’intesa con il Ministro della sanità, un atto di indirizzo e
coordinamento dell’attività amministrativa delle regioni per
l’installazione di apparecchiature a risonanza magnetica; Decreta:

Art. 1. In considerazione dello stato attuale di sperimentazione
clinica in cui si trova la RMN ad uso medico ed in considerazione del
fatto che le relative metodiche non vengono ancora utilizzate per
diagnosi clinica diretta, la installazione di apparecchiature
diagnostiche a RMN, con spesa gravante sul Fondo sanitario nazionale,
è consentita con riferimento a bacini di utenza, anche a dimensioni
interregionali, non inferiori a 2 milioni di abitanti, per macchine
con campo magnetico di intensità inferiore a 0,8 tesla, e a 10 milioni
di abitanti, per macchine con campo magnetico di intensità superiore a
1,5 tesla; tali limiti demografici possono essere derogati per la
Sardegna nella prima ipotesi e per la Sicilia nella seconda.
Art. 2.
Le apparecchiature di risonanza magnetica nucleare con intensità di
campo magnetico superiore a 1,5 tesla sono riservate esclusivamente a
compiti di ricerca in ambiente universitario o a carattere
scientifico; quelle con intensità di campo magnetico inferiore a 0,8
tesla, sono ammissibili alla pratica clinica in via sperimentale.

Architetto.info