Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Norme di sicurezza antincendio per impianti stradali di distribuzione ...

Norme di sicurezza antincendio per impianti stradali di distribuzione di carburante e liquidi per autotrazione, di tipo self-service a pre-determinazione e a pre-pagamento.

Norme di sicurezza antincendio per impianti stradali di distribuzione
di D.M. 5 FEBBRAIO 1988, n. 53
Preambolo
Il Ministro dell’interno:
Visto l’art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18
giugno 1931, n. 773; Visto l’art. 23 del regio decreto-legge 2
novembre 1933, n. 1741; Visto il decreto ministeriale 31 luglio 1934
recante le norme di sicurezza per la lavorazione, l’immagazzinamento,
l’impiego e la vendita di olii minerali e per il trasporto degli olii
stessi; Sentita la commissione consultiva per le sostanze esplosive ed
infiammabili; Ritenuto necessario provvedere ad eliminare la
possibilità di fuoruscita incontrollata di carburante dagli erogatori
tipo self-service, in caso di danneggiamento, accidentale o non, dei
tubi di erogazione; Decreta:
Art. 1. Gli impianti stradali di
distribuzione di carburanti liquidi per autotrazione, di tipo
selfservice a pre-determinazione e pre-pagamento, dovranno essere
dotati, entro due anni dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale
del presente decreto, di un dispositivo di sicurezza contro la perdita
accidentale di carburanti dai tubi di erogazione. Tale dispositivo
deve effettuare, ad ogni richiesta di erogazione, la verifica
automatica della pressione all’interno della tubazione di erogazione
provvedendo al blocco del gruppo motore-pompa, qualora il valore
rilevato sia inferiore ad 1 bar e dovrà entrare in funzione entro 2
secondi. Gli impianti elettrici devono essere a sicurezza in
conformità di quanto stabilito dalla legge n. 186 del 1º marzo 1968.
Il dispositivo di sicurezza di cui trattasi deve essere <<di
tipo approvato>> dal Ministero dell’interno ai sensi di quanto
previsto dal titolo I, n. XVII, del decreto ministeriale 31 luglio
1934.
Art. 2. Gli organismi preposti ai controlli dei predetti
impianti dovranno verificare quanto indicato al precedente articolo in
occasione degli adempimenti di competenza.

Architetto.info