Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Divieto di commercializzazione di curve a 90°, congiunzioni flessibil...

Divieto di commercializzazione di curve a 90°, congiunzioni flessibili, congiunzioni lineari e congiunzioni lineari senza contatti, componenti del sistema di alimentazione a binario elettrificato prodotto dalla ditta alive non conforme alla legge 18 ottobre 1977, n. 791, d'attuazione della direttiva cee 73/23 sulla sicurezza di materiali elettrici.

Decreto 29 Marzo 1995 Ministero Dell’industria, Commercio

E
artigianato
Divieto di commercializzazione di curve a 90°,
congiunzioni flessibili, congiunzioni lineari e congiunzioni lineari
senza contatti, componenti del sistema di alimentazione a binario
elettrificato prodotto dalla ditta alive non conforme alla legge 18
ottobre 1977, n. 791, d’attuazione della direttiva cee 73/23 sulla
sicurezza di materiali elettrici.
Art. 1.
1. E’ vietata sull’intero
territorio nazionale, a decorrere dal giorno successivo dalla data di
pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana, la fabbricazione e la cessione a qualsiasdi
titolo, anche gratuito qualora effettuata dal detentore a fini
commerciali, del sottoindicato materiale elettrico, del quale è stata
accertata la non conformità ai requisiti di sicurezza di cui all’art.
2 della legge 18-10-1977, n. 791:
curve a 90°;
congiunzioni
flessibili;
congiunzioni lineari;
congiunzioni lineari senza
contatto,
facenti parte del sistema di alimentazione a binario
elettrificato, a bassissima tensione di sicurezza, per apparecchi di
illuminazione prodotto dalla società Alive S.r.l., via Bruno Buozzi,
6, 20060 Liscate (Milano), identificato con il riferimento di tipo n.
6.501.
Art. 2.
1. La ditta produttrice Alive S.r.l., via Bruno
Buozzi, 6, Liscate (Milano) e la ditta distributrice Rossini
Illuminazione S.r.l., via Feltre 34/7, Milano, devono ritirare i
prodotti o i lotti di prodotti di cui all’art. 1, già immessi sul
mercato, entro trenta giorni dalla data di pubblicazione del presente
decreto.
2. Gli altri detentori a fini commerciali dei prodotti o dei
lotti di prodotti di cui all’art. 1 devono consegnarli su richiesta,
al produttore o al distributore.
Art. 3.
1. La mancata ottemperanza
alle disposizioni del presente provvedimento è sanzionata ai sensi
della legislazione vigente.
Allegato – omissis –

Architetto.info