Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Inclusione del cianuro di zinco nell'elenco approvato con decreto mini...

Inclusione del cianuro di zinco nell'elenco approvato con decreto ministeriale 6 febbraio 1935, agli effetti del regolamento speciale per l'impiego dei gas tossici, approvato con regio decreto 9 gennaio 1927, n. 147.

Decreto Ministeriale 29 luglio 1975

Inclusione del cianuro di zinco
nell’elenco approvato con decreto ministeriale 6 febbraio 1935, agli
effetti del regolamento speciale per l’impiego dei gas tossici,
approvato con regio decreto 9 gennaio 1927, n. 147.

IL MINISTRO PER
LA SANITA’
Visto il regolamento speciale per l’impiego dei gas
tossici approvato con regio decreto 9 gennaio 1927, n. 147;

Vista
la domanda datata 30 gennaio 1974 dell’Industria napoletana
costruzione autoveicoli Alfa Romeo – Alfa Sud S.p.a., con sede in
Napoli, via Medina n. 40, con la quale si chiede il riconoscimento del
cianuro di zinco, quale gas tossico;

Ritenuto che detta sostanza
per le sue caratteristiche chimiche, fisiche e tossicologiche, debba
essere considerata gas tossico, ai fini e agli effetti del regio
decreto 9 gennaio 1927, n. 147, regolamento speciale concernente
l’impiego dei gas tossici;

Visto l’art. 2 del regio decreto 9
gennaio 1927, n. 147;

Visto l’art. 68 del regio decreto 9 gennaio
1927, n. 147;

Visto il proprio decreto del 21 luglio 1965
concernente il riconoscimento ufficiale come gas tossici del cianuro
di bario, di argento, di cadmio e di rame;

Visto il parere
dell’Istituto superiore di sanità;

Sentito il parere del Consiglio
superiore di sanità nella seduta del 23 aprile 1975;

Decreta:

Art. 1

La sostanza denominata “cianuro di zinco” è riconosciuta
ufficialmente come gas tossico agli effetti del regolamento speciale
per l’impiego dei gas tossici approvato con regio decreto 9 gennaio
1927, n. 147.

Art. 2

La voce “cianuri alcalini di potassio e di
sodio, cianuro di calcio da solo o mescolato con altre sostanze,
cianuri di bario, d’argento, di cadmio e di rame” di cui al decreto
ministeriale del 21 luglio 1965, è modificata come segue: “cianuri
alcalini di potassio e di sodio, cianuro di calcio da solo o mescolato
con altre sostanze, cianuri di bario, d’argento, di cadmio, di rame e
di zinco”.

Architetto.info