Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

DELIBERAZIONE 7 settembre 2001: Disposizioni in materia di tariffe pe...

DELIBERAZIONE 7 settembre 2001: Disposizioni in materia di tariffe per il trasporto e il dispacciamento del gas naturale e per l'utilizzo dei terminali di Gnl, in attuazione della deliberazione dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas 30 maggio 2001, n. 120/01. (Deliberazione n. 193/01). (GU n. 217 del 18-9-2001)

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 7 settembre 2001

Disposizioni in materia di tariffe per il trasporto e il
dispacciamento del gas naturale e per l’utilizzo dei terminali di
Gnl, in attuazione della deliberazione dell’Autorita’ per l’energia
elettrica e il gas 30 maggio 2001, n. 120/01. (Deliberazione n.
193/01).

L’AUTORITA’
PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 7 settembre 2001,
Premesso che:
l’art. 23, commi 2 e 3, del decreto legislativo 23 maggio 2000,
n. 164, di attuazione della direttiva 98/30/CE, recante norme comuni
per il mercato interno del gas naturale, a norma dell’art. 41 della
legge 17 maggio 1999, n. 144, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale –
serie generale – n. 142 del 20 giugno 2000 (di seguito: decreto
legislativo n. 164/2000) prevede che l’Autorita’ per l’energia
elettrica e il gas (di seguito: l’Autorita) determini le tariffe per
il trasporto e il dispacciamento del gas naturale, in modo da
assicurare una congrua remunerazione del capitale investito, tenendo
conto della necessita’ di non penalizzare le aree del Paese con
minori dotazioni infrastrutturali, e in particolare le aree del
Mezzogiorno;
con la deliberazione dell’Autorita’ 30 maggio 2001, n. 120,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 147 del 27
giugno 2001 (di seguito: deliberazione n. 120/01), l’Autorita’ ha
emanato criteri per la determinazione delle tariffe per il trasporto
e il dispacciamento del gas naturale e per l’utilizzo dei terminali
di gas naturale liquefatto (di seguito: Gnl);
ai sensi del combinato disposto dell’art. 9, comma 2, e dell’art.
16, comma 2, della deliberazione n. 120/01, ai fini della
determinazione delle tariffe relative all’anno termico 2001-2002, le
imprese di trasporto e le imprese di rigassificazione trasmettono
all’Autorita’ e alle altre imprese che svolgono le medesime
attivita’, entro trenta giorni dall’entrata in vigore della medesima
deliberazione:

E F N R E C
a) i ricavi RT, RT, RT, RT, RL, RL e RA;
b) la proposta relativa alla definizione dei punti di entrata e
dei punti di uscita dalla rete nazionale di gasdotti;
c) le proposte tariffarie relative al primo anno termico del
periodo di regolazione;
d) i requisiti di iniezione ed erogazione e i costi dei servizi
di modulazione;
ai sensi dell’art. 16, comma 3, della deliberazione n. 120/01, le
imprese diverse dalla impresa maggiore possono presentare
all’Autorita’, entro quindici giorni dal ricevimento delle proposte
di cui all’art. 16, comma 2 della medesima deliberazione,
osservazioni e richieste di modifica. Le proposte si intendono
approvate qualora l’Autorita’ non si pronunci in senso contrario
entro sessanta giorni dal ricevimento delle stesse;
ai sensi dell’art. 16, comma 4, della deliberazione n. 120/01, le
imprese di trasporto e le imprese di rigassificazione pubblicano,
anche mediante l’utilizzo dei propri siti Internet, le tariffe
approvate dall’Autorita’ entro quindici giorni dalla data della loro
approvazione; le tariffe rimangono in vigore per tutto l’anno termico
successivo.
Premesso, inoltre, che:
in data 4 luglio 2001, la societa’ Transmediterranean Pipeline
Company Limited (di seguito: TMPC) ha trasmesso all’Autorita’ le
proposte relative ai propri ricavi di riferimento;
in data 5 luglio 2001, la societa’ Edison Gas S.p.a. (di seguito:
Edison Gas) ha trasmesso all’Autorita’ le proposte relative ai propri
ricavi di riferimento e a quelli di SGM S.p.a., in applicazione
dell’art. 7, comma 1, lettera c), della deliberazione n. 120/01, le
proposte relative al corrispettivo unitario di capacita’ per il
trasporto sulle reti regionali, i requisiti di iniezione ed
erogazione e i volumi di gas da stoccaggio e i costi del servizio di
modulazione ai fini del bilanciamento del sistema;
in data 11 luglio 2001, la societa’ Rete Gas Italia S.p.a. (di
seguito: Rete Gas Italia) ha trasmesso all’Autorita’ le proposte
relative ai punti di entrata e di uscita, ai ricavi di riferimento, e
le proposte tariffarie, nonche’ i requisiti di iniezione ed
erogazione, i volumi di gas da stoccaggio e i costi del servizio di
modulazione ai fini del bilanciamento del sistema;
in data 31 luglio 2001, l’Edison Gas ha inviato all’Autorita’
commenti alle proposte tariffarie dell’impresa maggiore;
gli uffici dell’Autorita’ hanno inviato alla TMPC in data 19
luglio 2001 e 27 luglio 2001, all’Edison Gas in data 19 luglio 2001 e
a Rete Gas Italia in data 1 agosto 2001, richieste di approfondimenti
relativamente alla determinazione dei ricavi di riferimento, ai sensi
della deliberazione n. 120/01;
TMPC, Edison Gas e Rete Gas Italia hanno provveduto, con
comunicazioni successive, a trasmettere all’Autorita’ gli
approfondimenti richiesti, integrazioni e nuove proposte relative al
calcolo dei ricavi di riferimento e alle tariffe; in particolare Rete
Gas Italia ha presentato, in data 6 agosto 2001, una nuova proposta
avente ad oggetto i punti di entrata e uscita, i corrispettivi
unitari di capacita’ per il trasporto sulla rete nazionale e il
corrispettivo variabile recepisce, tra l’altro, anche gli ultimi dati
forniti da Edison Gas e TMPC, a seguito delle richieste di
approfondimenti da parte dell’Autorita’;
Visti:
la legge 14 novembre 1995, n. 481;
il decreto legislativo n. 164/2000;
Visti:
il decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato 22 dicembre 2000, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale – serie generale – n. 18 del 23 gennaio 2001 (di seguito:
decreto ministeriale 22 dicembre 2000), che individua la rete
nazionale di gasdotti;
la deliberazione dell’Autorita’ n. 120/01;
la deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas
21 giugno 2001, n. 136/01, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale –
serie generale – n. 154 del 5 luglio 2001, recante la direttiva per
la conversione in euro dei corrispettivi unitari delle tariffe e per
la fatturazione ai clienti finali;
Considerato che:
a seguito di richiesta di chiarimenti da parte degli uffici
dell’Autorita’ e di successivi approfondimenti, Edison Gas, TMPC e
Rete Gas Italia hanno provveduto a rivedere i loro calcoli e a
trasmettere nuove proposte, risultate conformi alla disciplina di cui
alla deliberazione n. 120/01;
Considerato che:
Rete Gas Italia ha dichiarato, con la comunicazione del 27 luglio
2001, che la ricostituzione degli stoccaggi procede secondo un
programma che condurra’ a fine campagna al completo riempimento degli
stoccaggi della societa’ Stoccaggi Gas Italia con gas degli utenti in
misura sufficiente a fornire il “working gas” necessario per la
modulazione dell’intero mercato allacciato alla propria rete, incluso
il mercato civile; pertanto, ai fini degli adempimenti di cui
all’art. 18, comma 1 del decreto legislativo n. 164/2000, Rete Gas
Italia non ha evidenziato costi per le attivita’ di cui all’art. 9,
comma 1, lettera b), della deliberazione n. 120/01;
inoltre, con la medesima comunicazione del 27 luglio 2001, Rete
Gas Italia ha indicato i costi per l’attivita’ di cui all’art. 9,
comma 1, lettera a), della deliberazione n. 120/01, evidenziando che
essi comprendono la gestione delle fluttuazioni di svaso/invaso e la
compensazione degli sbilanciamenti che si verificano su base
temporale inferiore al giorno, ma non comprendono il servizio di
compensazione di sbilanciamenti generati dagli utenti, tenuto conto
del sopra menzionato riempimento completo degli stoccaggi;
in data 24 luglio 2001, Edison Gas ha dichiarato che, per quanto
concerne i fabbisogni di modulazione dei clienti non idonei, ai sensi
dell’art. 18, comma 1, del decreto legislativo n. 164/2000, ha
provveduto alla copertura in qualita’ di venditore e pertanto non
sono stati evidenziati costi; per quanto riguarda i costi di
bilanciamento di cui all’art. 9, comma 1, lettera a), della
deliberazione n. 120/01, Edison Gas ha presentato una propria
proposta di copertura del fabbisogno di bilanciamento, con l’ipotesi
che Rete Gas Italia integri il servizio di modulazione fornito da
Edison Gas;
ritenuto che, tenuto conto delle dimensioni di ciascuna rete, sia
la soluzione adottata da parte di Edison Gas, sia la soluzione
adottata da parte di Rete Gas Italia in materia di bilanciamento del
sistema siano entrambe giustificate sul piano tecnico e permettano
nel tempo valutazioni comparative riguardo la loro efficacia;
ritenuto che sia opportuno, a motivo della fase di avvio del
nuovo ordinamento tariffario relativo alle attivita’ di trasporto e
dispacciamento e di rigassificazione di Gnl:
dare certezza alle imprese e agli utenti del sistema attraverso
l’approvazione formale delle proposte tariffarie trasmesse
all’Autorita’;
assicurare trasparenza al processo di approvazione delle
tariffe, tenuto conto dei dati e delle informazioni trasmesse dalle
imprese in applicazione della deliberazione n. 120/01;
ritenuto, inoltre, che sia opportuno, ai fini della pubblicazione
delle tariffe di cui all’art. 16, comma 4, della deliberazione n.
120/01:
che l’impresa maggiore fornisca informazioni che consentano
agli utenti di individuare a quale punto di uscita sia aggregato
ciascun punto di riconsegna;
che le imprese di trasporto forniscano informazioni su quale
corrispettivo fisso si applichi a ciascun punto di riconsegna;
Delibera:

[Continua nel file zip allegato]

Architetto.info