Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 21 settembre 2001: ...

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 21 settembre 2001: Dichiarazione dello stato di emergenza nei territori di taluni comuni della regione Campania colpiti da eccezionali eventi atmosferici. (GU n. 222 del 24-9-2001)

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 21 settembre 2001

Dichiarazione dello stato di emergenza nei territori di taluni comuni
della regione Campania colpiti da eccezionali eventi atmosferici.

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Visto l’art. 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto l’art. 107 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Considerato che il territorio di comuni della provincia di Napoli e
di alcuni comuni delle province di Salerno e di Avellino e’ stato
interessato, nella notte tra il 14 e il 15 settembre, da
un’eccezionale ondata di maltempo che ha causato la perdita di vite
umane, frane, allagamenti e danni ad infrastrutture pubbliche ed a
beni di proprieta’ pubblica e privata;
Considerato che il giorno 22 agosto 2001, nel territorio del comune
di Santa Maria a Vico (Caserta), si e’ verificato una eccezionale
precipitazione atmosferica che ha causato gravi danni ad abitazioni
private, esercizi commerciali, beni pubblici e privati e dissesti
idrogeologici;
Considerato che il giorno 5 settembre 2001, nel territorio del
comune di Calvanico (Salerno), si e’ verificato un evento
metereologico particolarmente intenso che ha causato colate di
detriti e fango su parte dell’abitato con danni alla rete stradale,
alle infrastrutture e ai beni di proprieta’ pubblica e privata;
Vista la deliberazione n. 4375 del 17 settembre 2001 della giunta
regionale della Campania con la quale viene richiesta la
dichiarazione dello stato di emergenza, per gli eventi del 14 e
15 settembre 2001 per i seguenti comuni:
provincia di Napoli: comuni di: Napoli, Monte di Procida, Bacoli,
Marano, Calvizzano, Pozzuoli, Giugliano, Ischia, Forio, Casamicciola,
Procida, Casandrino, S. Maria la Carita’, Alma Campania, Gragnano,
Massa di Somma, Nola, Castellammare, Quarto, Saviano, Ottaviano,
Cicciano, Camposano;
provincia di Salerno: comuni di: San Marzano sul Sarno,
Calvanico, Nocera Inferiore;
provincia di Avellino: comuni di: Moschiano, Monteforte Irpino,
Lauro;
Vista la nota della regione Campania in data 19 settembre 2001 con
cui viene ulteriormente precisato l’ambito dei comuni interessati con
l’inserimento dei comuni di Cimatile, S. Anastasia, Casola;
Viste le note della regione Campania n. 66854 del 29 agosto 2001 e
n. 68639/Gab. del 6 settembre 2001 con le quali e’ stata avanzata
richiesta di dichiarazione dello stato di emergenza rispettivamente
per i comuni di Santa Maria a Vico (Caserta) e di Calvanico
(Salerno);
Considerato che la natura e l’intensita’ degli eventi calamitosi
hanno causato gravi difficolta’ al tessuto economico e sociale delle
zone interessate;
Ritenuto che il complesso delle attivita’ poste in essere dalle
amministrazioni in un contesto di competenze ordinarie non consente
di superare le emergenze in atto;
Ritenuto necessario attuare tutti gli interventi straordinari per
il superamento delle emergenze, ricorrendo, nei casi di specie, i
presupposti di cui all’art. 5, comma 1, della legge 24 febbraio 1992,
n. 225;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 21 settembre 2001, su proposta del Ministro dell’interno
delegato al coordinamento della protezione civile;
Decreta:
Ai sensi dell’art. 5, comma 1, della legge 24 febbraio 1992, n.
225, e’ dichiarato, fino al 31 dicembre 2002, lo stato di emergenza
nel territorio dei comuni delle province di Napoli, Salerno e
Avellino indicati in premessa per gli eventi del 14 e 15 settembre
2001, nonche’ nei comuni di Santa Maria a Vico (Caserta) e di
Calvanico (Salerno), rispettivamente per gli eventi del 22 agosto e
del 5 settembre 2001.
Il presente decreto verra’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 21 settembre 2001

Il Presidente
del Consiglio dei Ministri
Berlusconi
Il Ministro dell’interno
delegato per il coordinamento
della protezione civile
Scajola

Architetto.info