Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

DECRETO MINISTERIALE 18 luglio 1991(1) Istituzione del corso di famil...

DECRETO MINISTERIALE 18 luglio 1991(1) Istituzione del corso di familiarizzazione alle tecniche di sicurezza per navi cisterna adibite al trasporto di gas liquefatti della durata non inferiore a quindici ore.

DECRETO MINISTERIALE 18 luglio 1991(1)
Istituzione del corso di
familiarizzazione alle tecniche di sicurezza per navi cisterna adibite
al trasporto di gas liquefatti della durata non inferiore a quindici
ore.
(G.U. n. 202, 29 agosto 1991, Serie Generale)
(1)Abrogato
dall’art. 5, comma 6, decreto 7 agosto 2001 che ha abrogato l’intero
provvedimento.
IL MINISTRO DELLA MARINA MERCANTILE
Visto il codice
della navigazione, approvato con regio decreto 30 marzo 1942, n. 327,
e il relativo regolamento di esecuzione;
Vista lalegge 21 novembre
1985, n. 739, pubblicata nel supplemento ordinario alla Gazzetta
Ufficiale n. 295 del 16 dicembre 1985, concernente l’adesione alla
convenzione sulle norme relative alla formazione della gente di mare,
al rilascio dei brevetti e alla guardia, adottata a Londra il 7 luglio
1978, e sua esecuzione;
Visto il comunicato del Ministero degli affari
esteri, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 275 del 24 novembre
1987, relativo al deposito, presso il segretariato generale dell’IMO,
in data 26 agosto 1987, dello strumento di adesione dell’Italia alla
convenzione suddetta, entrata, pertanto, in vigore, per l’Italia il 26
novembre 1987, conformemente all’art. XIV;
Vista la regola V/3 della
citata convenzione internazionale relativa ai requisiti minimi
obbligatori per l’addestramento e la qualificazione di comandanti,
ufficiali e comuni di navi cisterna adibite al trasporto di gas
liquefatti;
Visto il decreto ministeriale 15 marzo 1990, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 105 dell’8 maggio 1990, con il quale è
stato istituito il corso di familiarizzazione alle tecniche di
sicurezza per navi cisterna adibite al trasporto di gas
liquefatti;
Tenuto conto della necessità di ottemperare a quanto
richiesto dalla suddetta regola nonchè di aggiornare i programmi e le
attrezzature per lo svolgimento del corso di familiarizzazione alle
tecniche di sicurezza per navi cisterna adibite al trasporto di gas
liquefatti;
Sentito il comitato tecnico sull’istruzione,
l’addestramento professionale, l’aggiornamento e la qualificazione del
personale marittimo, istituito con decreto ministeriale 10 maggio
1990;
Tenuto conto delle risultanze dei lavori del sottocomitato ad
hoc istituito in seno al predetto comitato, delegato a stabilire i
requisiti necessari per l’organizzazione dei corsi di
familiarizzazione per navi cisterna adibite al trasporto di gas
liquefatti;
Decreta:
Art. 1 (18)
(18)Articolo abrogato dall’art. 5,
comma 6, decreto 7 agosto 2001 che ha abrogato l’intero
provvedimento.
Art. 1 (2)
E’ istituito il corso di familiarizzazione
alle tecniche di sicurezza per navi cisterna adibite al trasporto di
gas liquefatti della durata non inferiore a quindici ore.
Il programma
da svolgere deve essere conforme a quello indicato nell’allegato A al
presente decreto.
(2)Testo precedente le modifiche apportate dal
decreto 7 agosto 2001.
Art. 2 (17)
(17)Articolo abrogato dall’art. 5,
comma 6, decreto 7 agosto 2001 che ha abrogato l’intero
provvedimento.
Art. 2 (3)
E’ tenuto a frequentare il corso personale
di coperta e di macchina che deve essere addetto alle operazioni di
carico o di discarica o ai relativi macchinari a bordo di navi
cisterna adibite al trasporto di gas liquefatti a meno che non sia
stato imbarcato per almeno tre mesi sulle navi medesime negli ultimi
cinque anni.
La frequenza del corso può essere sostituita da un idoneo
tirocinio pratico della durata non inferiore ad un mese effettuato a
bordo di navi cisterna adibite al trasporto di gas liquefatti alle
dipendenze di un ufficiale responsabile del carico che deve comprovare
l’avvenuto addestramento con apposita annotazione sul giornale
nautico.
Detto personale, prima di eseguire le operazioni di cui al
primo comma dell’art. 2 del presente decreto, deve essere in possesso
dell’attestato relativo al corso antincendio.
(3)Testo precedente le
modifiche apportate dal decreto 7 agosto 2001.
Art. 3
(16)
(16)Articolo abrogato dall’art. 5, comma 6, decreto 7 agosto 2001
che ha abrogato l’intero provvedimento.
Art. 3 (4)
Il corso può essere
svolto da istituti, enti o società dotati delle strutture e delle
attrezzature di cui all’allegato B al presente decreto, autorizzati
dal Ministro della marina mercantile.
(4)Testo precedente le modifiche
apportate dal decreto 7 agosto 2001.
Art. 4 (15)
(15)Articolo abrogato
dall’art. 5, comma 6, decreto 7 agosto 2001 che ha abrogato l’intero
provvedimento.
Art. 4 (5)
Ad ogni corso possono essere ammessi
marittimi, anche provenienti da Stati esteri, in numero non superiore
a trenta.
(5)Testo precedente le modifiche apportate dal decreto 7
agosto 2001.
Art. 5 (14)
(14)Articolo abrogato dall’art. 5, comma 6,
decreto 7 agosto 2001 che ha abrogato l’intero provvedimento.
Art. 5
(6)
Il Ministero della marina mercantile, sulla base dei profili
professionali di cui all’allegato C, stabilisce la consistenza e la
idoneità del corpo istruttori del corso, perchè ne siano salvaguardate
la finalità e la completezza.
(6)Testo precedente le modifiche
apportate dal decreto 7 agosto 2001.
Art. 6 (13)
(13)Articolo abrogato
dall’art. 5, comma 6, decreto 7 agosto 2001 che ha abrogato l’intero
provvedimento.
Art. 6 (7)
Al termine del corso, i partecipanti devono
sostenere un esame teorico-pratico dinanzi ad una commissione
presieduta da un rappresentante del Ministero della marina mercantile,
composta dal direttore del corso, da almeno due membri del corpo
docente e, eventualmente, integrata da un esperto nominato dal
Ministero della marina mercantile.
(7)Testo precedente le modifiche
apportate dal decreto 7 agosto 2001.
Art. 7 (12)
(12)Articolo abrogato
dall’art. 5, comma 6, decreto 7 agosto 2001 che ha abrogato l’intero
provvedimento.
Art. 7 (8)
A coloro che abbiano frequentato il corso
con esito favorevole è rilasciato un attestato secondo il modello
indicato nell’allegato D al presente decreto.
A coloro che abbiano
effettuato il tirocinio di cui all’art. 2 è rilasciato un attestato
secondo il modello indicato nell’allegato E.
(8)Testo precedente le
modifiche apportate dal decreto 7 agosto 2001.
Art. 8
(11)
(11)Articolo abrogato dall’art. 5, comma 6, decreto 7 agosto 2001
che ha abrogato l’intero provvedimento.
Art. 8 (9)
Il decreto
ministeriale 15 marzo 1990, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 105
dell’8 maggio 1990, è abrogato.
(9)Testo precedente le modifiche
apportate dal decreto 7 agosto 2001.
Allegati (10)
(Allegati
omessi)
(10)Allegati abrogati dall’art. 5, comma 6, decreto 7 agosto
2001 che ha abrogato l’intero provvedimento.

Architetto.info