Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Cofinanziamento nazionale del programma per il miglioramento della pro...

Cofinanziamento nazionale del programma per il miglioramento della produzione e della commercializzazione del miele, di cui al regolamento CE n. 1221/97, per la campagna 2000-2001, ai sensi della legge n. 183/1987.

MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DECRETO 7 marzo 2001
Cofinanziamento nazionale del programma per il
miglioramento della produzione e della commercializzazione del miele,
di cui al regolamento CE n. 1221/97, per la campagna 2000-2001, ai
sensi della legge n. 183/1987.

L’ISPETTORE GENERALE CAPO
per i
rapporti finanziari con l’Unione europea
i.g.r.u.e.

Vista la legge 16
aprile 1987, n. 183, concernente il coordinamento delle politiche
riguardanti l’appartenenza dell’Italia alle Comunita’ europee e
l’adeguamento dell’ordinamento interno agli atti normativi
comunitari;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29
dicembre 1988,n. 568, recante il regolamento sulla organizzazione e
sulle procedure amministrative del predetto Fondo di rotazione e
successive modificazioni ed integrazioni;

Vista la legge 17 maggio
1999, n. 144, che, all’art. 3, ha previsto il trasferimento dei
compiti di gestione tecnica e finanziaria, gia’ attribuiti al CIPE,
alle amministrazioni competenti per materia;

Vista la delibera CIPE
n. 141/99 del 6 agosto 1999, concernente il riordino delle competenze
del CIPE, che devolve al Ministero del tesoro, bilancio e
programmazione economica la determinazione – d’intesa con le
amministrazioni competenti, e nel rispetto delle attribuzioni del
Ministero degli affari esteri e del Ministro per il coordinamento
delle politiche dell’Unione europea – della quota nazionale pubblica
dei programmi, progetti ed altre iniziative cofinanziati dall’Unione
europea, nell’ambito delle direttive generali dettate dal CIPE ai
sensi dell’art. 2, comma 1, lettera b),
della legge 16 aprile 1987, n.
183;

Visto il decreto del Ministro del tesoro, bilancio e
programmazione economica 15 maggio 2000, relativo all’attribuzione
delle quote di cofinanziamento nazionale a carico della legge n.
183/1987 per gli interventi di politica comunitaria che, al fine di
assicurare l’intesa di cui alla predetta delibera CIPE n. 141/99, ha
istituito un apposito gruppo di lavoro presso il Dipartimento della
Ragioneria generale dello Stato – I.G.R.U.E.;

Vista la delibera CIPE
n. 89/2000 del 4 agosto 2000, concernente direttive generali per
l’intervento del Fondo di rotazione per l’attuazione delle politiche
comunitarie, di cui alla legge n. 183/1987, a favore di programmi,
progetti e azioni in regime di cofinanziamento con l’Unione
europea;

Visto il regolamento CE n. 1221/97 del Consiglio dell’Unione
europea, che stabilisce le regole generali di applicazione delle
azioni dirette a migliorare la produzione e la commercializzazione del
miele, come modificato dal regolamento CE n. 2070/98;

Vista la
decisione della commissione europea C(2000) 2133 del 19 luglio 2000,
di approvazione del programma per il miglioramento della produzione e
della commercializzazione del miele presentato dall’Italia ai sensi
del citato regolamento CE n. 1221/97, come modificata dalla decisione
C(2000) 4122 del 27 dicembre 2000;

Considerato che a fronte delle
risorse rese disponibili dalla Commissione europea nel contesto della
suddetta decisione, ammontanti a 1.999.651 euro per la campagna
2000-2001, a valere sul FEOGA,sezione garanzia, occorre provvedere ad
assicurare le corrispondenti risorse nazionali pubbliche, ammontanti
anch’esse a 1.999.651 euro,
pari a L. 3.871.864.242;

Considerato che
sulle risorse ex lege n. 183/1987, relative alla campagna 1999-2000,
assegnate con delibera del CIPE n. 17/2000 del 15 febbraio 2000 e
trasferite all’AIMA, risultano inutilizzate L. 407.281.429 (210.343
euro), come rappresentato dall’Agenzia per le erogazioni in
agricoltura (AGEA) con nota n. 114 del 30 ottobre 2000, trasmessa dal
Ministero delle politiche agricole e forestali con nota n. M/114 del
22 gennaio 2001;

Considerata l’opportunita’ di utilizzare il suddetto
importo di L. 407.281.429 per la parziale copertura della quota
nazionale pubblica relativa alla campagna 2000-2001;

Considerato,
pertanto, che per il completamento della copertura della predetta
quota nazionale pubblica e’ necessario disporre nuove assegnazioni per
L. 3.464.582.813 (1.789.308 euro), ricorrendo alle disponibilita’ del
Fondo di rotazione per l’attuazione delle politiche comunitarie, di
cui alla citata legge n. 183/1987;

Viste le note del Ministero delle
politiche agricole e forestali n. M/1836 del 14 settembre 2000 e n.
M/114 del 22 gennaio 2001;

Considerato che presso il Ministero del
tesoro, del bilancio e della programmazione economica e’ in corso di
predisposizione il sistema di rilevazione del programma oggetto del
presente provvedimento, ai sensi del punto 2 della delibera CIPE n.
141/99;

Viste le risultanze del gruppo di lavoro presso il
Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato I.G.R.U.E., di cui
al citato decreto del Ministro del tesoro 15 maggio 2000, nella
riunione svoltasi in data 22 febbraio 2001 con la partecipazione delle
amministrazioni interessate;

Decreta:

1. Il cofinanziamento
nazionale pubblico per l’attuazione del programma di miglioramento
della produzione e della
commercializzazione del miele, richiamato in
premessa, e’ di L. 3.871.864.242 (1.999.651 euro), per la campagna
2000-2001, a carico del Fondo di rotazione di cui alla legge n.
183/1987.
Alla relativa copertura finanziaria si provvede come di
seguito specificato:

a) per L. 407.281.429 (210.343 euro) con risorse
provenienti dalle assegnazioni ex lege n. 183/1987 di cui alla
delibera CIPE n. 17/2000 del 15 febbraio 2000, gia’ trasferite
all’AIMA, ora AGEA; e resesi disponibili per la campagna 2000-2001 in
quanto non utilizzate nella campagna precedente;

b) per L.
3.464.582.813 (1.789.308 euro) con nuove assegnazioni sempre a valere
sulle risorse del predetto Fondo di rotazione.

2. La predetta quota,
di cui al punto b), viene integralmente trasferita all’AGEA, su
richiesta della medesima, che provvedera’ ai pagamenti in favore degli
aventi diritto entro i termini stabiliti dalla normativa
comunitaria

3. Il Ministero delle politiche agricole e forestali e
l’AGEA adottano tutte le iniziative ed i provvedimenti necessari
per
utilizzare, entro le scadenze previste, i finanziamenti comunitari
e nazionali relativi al programma ed effettuano i controlli di
competenza.

4. L’AGEA invia al Sistema Informativo della Ragioneria
Generale dello Stato (SIRGS) i dati per le necessarie rilevazioni.

5. Il presente decreto viene trasmesso alla Corte dei conti per la
registrazione e successivamente pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.

Roma, 7 marzo 2001
L’ispettore generale
capo: Amadori
Registrato alla Corte dei conti il 20 marzo
2001
Registro n. 2 Tesoro, bilancio e programmazione economica, foglio
n. 170

Architetto.info