Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Cancellazione di talune varieta' di specie agrarie dal relativo Regist...

Cancellazione di talune varieta' di specie agrarie dal relativo Registro nazionale delle varieta' dei prodotti sementieri.

DECRETO 13 aprile 2000
Cancellazione di talune varieta’ di specie
agrarie dal relativo Registro nazionale delle varieta’ dei prodotti
sementieri.
IL DIRETTORE GENERALE
delle politiche agricole ed
agroindustriali nazionali
Vista la legge 25 novembre 1971, n. 1096,
che disciplina l’attivita’ sementiera ed in particolare l’art.24 che
prevede l’istituzione obbligatoria, per ciascuna specie di coltura,
dei registri di varieta’ aventi lo scopo di permettere
l’identificazione delle varieta’ stesse;
Visto il decreto del
Presidente della Repubblica 24 novembre 1972, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 44 del 17 febbraio
1973, con il quale sono stati istituiti i registri di varieta’ di
cereali, patata, specie oleaginose e da fibra;
Visti i registri
predetti, nei quali sono stati iscritte, ai sensi dell’art. 19 della
legge n. 1096/1971 le varieta’ di specie agricole, le cui
denominazioni e relativi decreti di iscrizione sono indicate nel
dispositivo;
Visto il decreto legislativo 4 giugno 1997, n. 143,
recante “Conferimento alle regioni delle funzioni amministrative in
materia di agricoltura e pesca e riorganizzazione dell’amministrazione
centrale”;
Visti il decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e la
circolare della Presidenza del Consiglio dei Ministri in data 4 marzo
1993, n. 6/1993, inerenti la razionalizzazione dell’organizzazione
delle amministrazioni pubbliche e revisione delle discipline in
materia di pubblico impiego, a norma dell’art. 2 della legge 23
ottobre 1992, n. 421;
Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n.
80, recante: “Nuove disposizioni in materia di organizzazione e di
rapporti di lavoro nelle amministrazioni pubbliche, di giurisdizione
nelle controversie di lavoro e di giurisdizione amministrativa,
emanate in attuazione dell’art. 11, comma 4, della legge 15 marzo
1997, n. 59”;
Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300,
recante:
“Riforma dell’organizzazione del Governo, a norma dell’art.
11, della legge 15 marzo 1997, n. 59”;
Viste le richieste dei
responsabili della conservazione in purezza delle varieta’ indicate
nel dispositivo, volte ad ottenere la cancellazione delle varieta’
medesime dai registri nazionali;
Considerato che le varieta’ delle
quali e’ stata chiesta la cancellazione non rivestono particolare
interesse in ordine generale;
Considerato che la commissione sementi
di cui all’art. 19 della legge n. 1096/1971, nella riunione del 21
febbraio 2000, ha espresso parere favorevole alla cancellazione dai
relativi registri delle varieta’ indicate nel dispositivo, come
risulta dal verbale della riunione stessa approvato nella seduta del
30 marzo 2000;
Ritenuto di accogliere le proposte sopra
menzionate;
Decreta:
Art. 1.A norma dell’art. 17-bis, quarto comma,
lettera b), del decreto del Presidente della Repubblica 8 ottobre
1973, n. 1065, inserito dal decreto del Presidente della Repubblica 18
gennaio 1984, n. 27,le sotto elencate varieta’, iscritte nei registri
nazionali delle varieta’ di specie di piante agrarie con i
decreti a
fianco di ciascuna indicati, sono cancellate dai registri
medesimi:
Codice Specie Varietà Responsabile della conservazione in
purezza D.M.iscrizione
003107 Mais Betulla Novartis 20 marzo
1995
002268 Mais Drang Novartis 19 dicembre 1990
006071 Mais Kipling
Novartis 1° febbraio 2000
004521 Mais Lucerna Novartis 4 marzo
1997
004227 Mais Petra Novartis 6 febbraio 1996
002594 Mais Punta
Novartis 25 febbraio 1993
002155 Mais Ranuncolo Novartis 19 gennaio
1990
002885 Mais Riva Novartis 25 febbraio 1993
003536 Mais Rovere
Novartis 20 marzo 1995
002971 Mais Selva Novartis 21 febbraio 1994
Il
presente decreto sara’ inviato all’organo di controllo ed entrera’ in
vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 13 aprile 2000
Il
direttore generale: Di Salvo

Architetto.info