Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Riordino delle carriere del personale direttivo e dirigente del Corpo ...

Riordino delle carriere del personale direttivo e dirigente del Corpo forestale dello Stato, a norma dell'articolo 3, comma 1, della legge 31 marzo 2000, n.78.

Decreto Legislativo 30 aprile 2001, n. 155
“Riordino delle carriere
del personale direttivo e dirigente del Corpo forestale
dello Stato, a
norma dell’articolo 3, comma 1, della legge 31 marzo 2000,
n.78”
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 99 del 30 aprile 2001
IL
PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Visti gli articoli 76 e 87 della
Costituzione;
Vista la legge 31 marzo 2000, n. 78;
Visto il decreto
legislativo 4 giugno 1997, n. 143, ed in particolare l’articolo
4;
Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, ed in
particolare l’articolo 55, comma 8;
Vista la legge 23 dicembre 2000,
n. 388, ed in particolare l’articolo 50, comma 9, lettera a);
Ritenuto
di dover esercitare la delega di cui all’articolo 3 della legge 31
marzo 2000, n. 78;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio
dei Ministri adottata nella riunione del 19
gennaio 2001;
Acquisiti i
pareri delle organizzazioni sindacali del personale del Corpo
forestale dello
Stato maggiormente rappresentative sul piano
nazionale;
Acquisiti i pareri delle competenti Commissioni permanenti
del Senato della Repubblica e
della Camera dei deputati;
Vista la
deliberazione del Consiglio dei Ministri adottata nella riunione del
28 marzo 2001;
Sulla proposta del Ministro delle politiche agricole e
forestali e del Ministro dell’ambiente,
di concerto con il Ministro
del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, con
il
Ministro per la funzione pubblica, con il Ministro dell’interno, con
il Ministro della difesa e
con il Ministro delle finanze;
E m a n a
il
seguente decreto legislativo:
Capo I
Ruolo direttivo dei funzionari e
ruolo dei dirigenti del Corpo forestale dello Stato
Art.
1.
Istituzione del ruolo direttivo dei funzionari del Corpo forestale
dello Stato
1. Nell’ambito dei ruoli del personale del Corpo forestale
dello Stato che espleta funzioni di
polizia e’ istituito, a decorrere
dal 15 marzo 2001, il ruolo direttivo dei funzionari del
Corpo
forestale dello Stato corrispondente al ruolo dei commissari
della Polizia di Stato articolato
nelle seguenti qualifiche:
a)
commissario forestale, limitatamente alla frequenza del corso di
formazione;
b) commissario capo forestale;
c) commissario superiore
forestale.
2. La relativa dotazione organica e’ fissata nella tabella
A allegata al presente decreto
legislativo.
3. Sono soppresse le
dotazioni organiche di settima, di ottava qualifica funzionale e
dei
relativi profili professionali degli ufficiali del Corpo forestale
dello Stato, personale con
qualifica di ufficiale di polizia
giudiziaria ed agente di pubblica sicurezza, individuate nella
tabella
A allegata al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 15
novembre 1988,
pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta
Ufficiale – serie generale – n. 33 dell’8
febbraio 1991, nonche’ la
dotazione organica della nona qualifica funzionale determinata,
per il
medesimo personale, con il decreto 9 febbraio 1989 adottato dal
Ministro
dell’agricoltura e delle foreste, di concerto con i Ministri
per la funzione pubblica e delഊtesoro, registrato alla Corte dei
conti il 23 novembre 1990, al registro n. 18 Agricoltura e
foreste,
foglio n. 184.
4. Ogni qualifica del ruolo di cui al comma 1 comprende
piu’ profili professionali fondati
sulla tipologia della prestazione
lavorativa, considerata per il suo contenuto, in relazione
ai
requisiti culturali, al grado di responsabilita’ ed autonomia
rispettivamente indicati agli
articoli 2 e 3, nonche’ alle
diversificazioni nell’ambito del corso di formazione iniziale di
cui
all’articolo 4. Alla loro identificazione e quantificazione si
provvede, entro novanta giorni
dalla data di entrata in vigore del
presente decreto, con decreto del Ministro competente di
concerto con
il Ministro per la funzione pubblica.
5. Al personale di cui al comma
1 non si applica il primo comma dell’articolo 17 della legge
11 luglio
1980, n. 312.
Art. 2.
Funzioni del personale del ruolo direttivo dei
funzionari del Corpo forestale dello Stato
1. Il personale del ruolo
direttivo dei funzionari del Corpo forestale dello Stato riveste
le
qualifiche di sostituto ufficiale di pubblica sicurezza e di
ufficiale di polizia giudiziaria;
svolge attivita’ professionale
altamente qualificata con connessa responsabilita’
organizzativa ed
esterna per i risultati conseguiti. Provvede, inoltre,
all’addestramento del
personale dipendente e svolge, in relazione alla
professionalita’ posseduta, compiti di
istruzione e formazione del
personale del Corpo forestale dello Stato.
2. I commissari capo
forestali ed i commissari superiori forestali, oltre alle funzioni di
cui al
comma 1, svolgono funzioni di indirizzo e di coordinamento,
nonche’ di verifica dei risultati
conseguiti relativamente a piu’
unita’ organiche non aventi rilevanza esterna, attivita’ di
studio e
di elaborazione di piani e programmi con autonoma determinazione dei
processi
formativi ed attuativi in ordine ad obiettivi e ad indirizzi
prefissati, collaborano in attivita’
ispettive, al sistema del
controllo di gestione, nonche’ nelle attivita’ di valutazione
e
controllo di effettiva attuazione delle scelte contenute nelle
direttive ed atti di indirizzo
politico. Dirigono uffici o servizi con
organizzazione autonoma e di particolare rilevanza
non riservati a
qualifiche dirigenziali con piena responsabilita’ per le direttive
impartite e
per i risultati conseguiti. Collaborano direttamente alla
attivita’ di direzione espletata dal
dirigente che sostituiscono in
caso di assenza o impedimento.
Art. 3.
Accesso al ruolo direttivo dei
funzionari del Corpo forestale dello Stato
1. L’accesso alla qualifica
iniziale del ruolo direttivo dei funzionari del Corpo forestale
dello
Stato avviene mediante concorso pubblico per esami, al quale
possono partecipare i
cittadini italiani che abbiano:
a) eta’ non
superiore al limite stabilito con il regolamento previsto
dall’articolo 3, comma 6,
della legge 15 maggio 1997, n. 127. Si
prescinde da detto limite per il personale
appartenente ad uno dei
ruoli del Corpo forestale dello Stato;
b) il possesso di una delle
lauree specialistiche a contenuto giuridico-economico, tecnico
e
scientifico da individuarsi con regolamento del Ministro competente
di concerto con il
Ministro per la funzione pubblica entro sei mesi
dalla data di entrata in vigore
del presente decreto ai sensi
dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n.
400, e
successive modificazioni;
c) idoneita’ fisica, psichica ed
attitudinale prevista dall’articolo 1, commi 2 e 4 della legge
7
giugno 1990, n. 149;
d) qualita’ morali e di condotta di cui
all’articolo 36, comma 6, del decreto legislativo 3
febbraio 1993, n.
29, e successive modificazioni;
e) gli altri requisiti generali per la
partecipazione ai pubblici concorsi per l’accesso ai
pubblici
impieghi.
2. Sono fatti salvi i diplomi di laurea in uno dei seguenti
corsi:
chimica, discipline statistiche, economia e commercio,
giurisprudenza, ingegneria,ഊmedicina veterinaria, scienze
agrarie, scienze biologiche, scienze forestali, scienze
geologiche,
scienze naturali e loro equipollenti rilasciati secondo l’ordinamento
didattico
vigente prima del suo adeguamento ai sensi dell’articolo 17,
comma 95, della legge 15
maggio 1997, n. 127, e delle sue disposizioni
attuative.
3. Gli appartenenti ai ruoli del Corpo forestale dello
Stato degli agenti e assistenti, dei
sovrintendenti, con almeno tre
anni di anzianita’ alla data del bando che indice il concorso,
nonche’
al ruolo degli ispettori ed a quello direttivo speciale di cui
all’articolo 12 possono
partecipare al concorso con riserva di un
quinto dei posti disponibili purche’ in possesso
dei prescritti
requisiti. Sono altresi’ ammessi a partecipare al concorso con riserva
di un
decimo dei posti disponibili gli appartenenti al ruolo dei
periti del Corpo forestale dello
Stato con almeno cinque anni di
anzianita’ alla medesima data ed in possesso dei requisiti
prescritti.
I posti riservati non utilizzati sono conferiti secondo l’ordine della
graduatoria di
merito.
4. Non sono ammessi al concorso coloro che
siano esclusi dall’elettorato attivo e coloro
che siano stati
destituiti o espulsi dall’impiego presso una pubblica
amministrazione.
5. Lo specifico diploma di laurea specialistica,
nonche’ l’abilitazione all’esercizio di attivita’
inerenti al profilo
professionale che devono possedere i candidati ed il numero dei posti
da
mettere a concorso per ciascun profilo professionale sono stabiliti
dal bando di concorso
che ne determina le modalita’ di svolgimento e
le materie d’esame. L’esame consiste in
due prove scritte e in un
colloquio.
Art. 4.
Corso di formazione iniziale per la conferma nel
ruolo direttivo dei funzionari del Corpo
forestale dello Stato
1. I
vincitori del concorso di cui all’articolo 3 frequentano un corso di
formazione iniziale
presso l’Istituto superiore di polizia, di cui
all’articolo 1 del decreto del Presidente della
Repubblica 24 aprile
1982, n. 341, della durata di due anni finalizzato anche
al
conseguimento del master universitario di secondo livello, sulla
base di programmi e
modalita’ coerenti con le norme concernenti
l’autonomia didattica degli atenei. Il corso e’
articolato in due
cicli annuali ed e’ comprensivo di un tirocinio operativo presso
strutture
del Corpo, alla fine dei quali si sostiene l’esame
finale.
2. Le modalita’ di svolgimento del corso, i criteri generali
del tirocinio operativo, i criteri per
la formazione del giudizio di
idoneita’ per l’ammissione al secondo ciclo, le modalita’
di
svolgimento dell’esame finale, nonche’ i criteri per la formazione
della graduatoria di fine
corso sono determinati con regolamento del
Ministro competente di concerto con il
Ministro dell’interno, ai sensi
dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400,
e
successive modificazioni.
3. Salvo quanto previsto dal co…

[Continua nel file zip allegato]

Architetto.info