Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO DECRETO 31 d...

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO DECRETO 31 dicembre 2001 Approvazione del protocollo tecnico attuativo degli articoli 7 e 8 dell'Accordo di programma 22 dicembre 2000, stipulato tra il Ministero dell'ambiente e l'ANCIM. (GU n. 39 del 15-2-2002)

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO

DECRETO 31 dicembre 2001

Approvazione del protocollo tecnico attuativo degli articoli 7 e 8
dell’Accordo di programma 22 dicembre 2000, stipulato tra il
Ministero dell’ambiente e l’ANCIM.

IL DIRETTORE DELLA DIVISIONE II
Direzione per la difesa del mare
Visto il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, recante norme
sulla contabilita’ generale dello Stato ed il relativo regolamento di
attuazione approvato con regio decreto 23 maggio 1924, n. 827 e
successive modifiche ed integrazioni;
Vista la legge 31 dicembre 1982, n. 979, recante disposizioni per
la difesa del mare;
Vista la legge 8 luglio 1986, n. 349, istitutiva del Ministero
dell’ambiente;
Vista la legge 6 dicembre 1991, n. 349, recante legge quadro sulla
aree protette;
Vista la legge 24 dicembre 1993, n. 537, con la quale sono state
trasferite al Ministero dell’ambiente le funzioni del soppresso
Ministero della marina mercantile in materia di tutela e difesa
dell’ambiente marino;
Vista la legge 8 ottobre 1997, n. 344, recante disposizioni per lo
sviluppo e la qualifica degli interventi e dell’occupazione in campo
ambientale;
Vista la legge 9 dicembre 1998, n. 426, recante nuovi interventi in
campo ambientale;
Vista la legge 23 marzo 2001, n. 93, recante disposizioni in campo
ambientale;
Visto l’Accordo stipulato in data 22 dicembre 2000 tra il Ministero
dell’ambiente e l’Associazione nazionale comuni isole minori – ANCIM
ed in particolare gli articoli 7 e 8 che prevedono la realizzazione,
nei comuni delle isole minori interessati da aree protette marine
gia’ istituite o in corso di istituzione, nonche’ da parchi nazionali
con perimetrazione a mare, di un programma coordinato di interventi
per la tutela e valorizzazione ambientale;
Visto il decreto direttoriale del Servizio difesa del mare del 29
dicembre 2000, registrato dell’Ufficio centrale del bilancio il 15
gennaio 2001 al n. 7082 e vistato dalla Corte dei conti il 25 gennaio
2001 al n. 97, con il quale si e’ proceduto ad impegnare la somma di
L. 10.000.000.000 sul cap. 7082 U.P.B. 1.2.1.4 dello stato di
previsione della spesa del Ministero dell’ambiente E.F. 2000, per il
finanziamento degli interventi e delle attivita’ di cui all’art. 7
del citato Accordo di programma;
Visto il decreto direttoriale del Servizio difesa del mare del 29
dicembre 2000, registrato dall’Ufficio centrale del bilancio il 15
gennaio 2001 al n. 8170 e vistato dalla Corte dei conti il 25 gennaio
2001 al n. 98, con il quale si e’ proceduto ad impegnare la somma di
L. 3.400.000.000 sul cap. 3957 U.P.B. 8.1.2.1 dello stato di
previsione della spesa del Ministero dell’ambiente E.F. 2000 per il
finanziamento degli interventi e delle attivita’ di cui all’art. 8
del citato Accordo di programma;
Visto il decreto protocollo n. 32/01 del 1 marzo 2001, con il quale
sono rideterminati i compiti e l’organizzazione delle divisioni del
Servizio difesa del mare;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica, 27 marzo 2001, n.
178, recante il regolamento di organizzazione del Ministero
dell’ambiente e della tutela del territorio e, in particolare, l’art.
7, comma 3, lettera a), che attribuisce alla Direzione per la difesa
del mare le funzioni in materia di istituzione e gestione delle aree
protette marine;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
Visto il decreto del Ministro dell’ambiente GAB/DEC/089/2001 del 3
maggio 2001, con il quale sono stati definiti gli obiettivi, le
priorita’ e i programmi da attuare nel corso del 2001 e assegnate ai
dirigenti preposti ai centri di responsabilita’ le risorse umane,
strumentali e necessarie a garantire l’adempimento dei compiti
istituzionali definiti;
Visto il decreto direttoriale protocollo n. 65/01 del 3 maggio
2001, con il quale e’ stato nominato dirigente della divisione II
“Aree marine protette e programmazione ambientale per la difesa del
mare”, il dott. Oliviero Montanaro;
Visto il decreto direttoriale prot. n. 234/1 del 9 agosto 2001, con
il quale si e’ provveduto ad assegnare le funzioni ed i limiti di
spesa ai dirigenti del Servizio difesa del mare;
Considerato che nel suddetto decreto n. 234 del 9 agosto 2001
vengono indicati, tra i compiti assegnati alla divisione II, la
gestione ed il monitoraggio della spesa e degli interventi relativi
all’Accordo di programma ANCIM;
Ritenuto di dare attuazione agli interventi di tutela e
valorizzazione ambientale e agli interventi di promozione delle aree
marine protette mediante il protocollo tecnico previsto dagli
articoli 7, comma 2, e 8, comma 2, del predetto Accordo 22 dicembre
2000;
Decreta:
Art. 1.
1. E’ approvato il protocollo tecnico previsto dagli articoli 7 e 8
dell’Accordo di programma 22 dicembre 2000, stipulato tra il
Ministero dell’ambiente e l’ANCIM allegato al presente decreto di cui
costituisce parte integrante.

Art. 2.
1. All’onere previsto all’art. 12 del protocollo tecnico allegato
al presente decreto, per il sostegno finanziario delle linee di
intervento previste, si provvede con i fondi impegnati con il decreto
direttoriale 29 dicembre 2000, registrato dell’Ufficio centrale del
bilancio il 15 gennaio 2001 al n. 7082 e vistato dalla Corte dei
conti il 25 gennaio 2001 al n. 97 e con decreto direttoriale 29
dicembre 2000, registrato dall’Ufficio centrale del bilancio il
15 gennaio 2001 al n. 8170 e vistato dalla Corte dei conti il 25
gennaio 2001 al n. 98.
Roma, 31 dicembre 2001
Il direttore: Montanaro

Allegato
PROTOCOLLO TECNICO
Attuativa degli articoli 7 e 8 dell’Accordo di programma
22 dicembre 2000 stipulato tra il Ministero dell’ambiente e l’ANCIM
Art. 1.
F i n a l i t a’
1. Il presente protocollo tecnico, in attuazione degli articoli 7
e 8 dell’Accordo stipulato in data 22 dicembre 2000 con
l’Associazione nazionale comuni isole minori – ANCIM, individua i
criteri tecnici per la realizzazione di interventi di tutela e
valorizzazione ambientale, finalizzati alla promozione della
sostenibilita’ dello sviluppo e della conservazione naturalistica
legata alla salvaguardia dell’ambiente marino, anche mediante
interventi di stimolo e supporto ad attivita’ economiche
ecosostenibili nei comuni delle isole minori sedi di aree marine
protette gia’ istituite o in corso di istituzione nei comuni delle
isole minori interessate da Parchi nazionali con perimetrazione a
mare, nonche’ i parametri tecnici per l’elaborazione dei relativi
progetti, le modalita’ e le condizioni per l’attribuzione e
l’erogazione del sostegno finanziario e le modalita’ di monitoraggio
e valutazione dei risultati conseguiti.
Art. 2.
Soggetti autorizzati alla presentazione delle domande di sostegno
finanziario
1. Possono presentare proposte per la realizzazione degli
interventi previsti nelle azioni A e B di cui all’art. 3, i comuni
delle isole minori sedi di aree protette marine gia’ istituite o in
corso di istituzione, nonche’ i comuni delle isole minori interessate
da parchi nazionali con perimetrazione a mare, individuati
dall’allegato A all’Accordo del 22 dicembre 2000, di cui all’art. 1.
Art. 3.
Interventi ammissibili
1. Sono ammissibili proposte relative alle seguenti linee di
intervento, nell’ambito delle rispettive azioni:
A. Azioni di tutela e valorizzazione ambientale (art. 7 Accordo
di programma):
A.1. Interventi per la raccolta nei porti e negli approdi
turistici dei rifiuti prodotti sulle unita’ da diporto;
A.2. Interventi per la realizzazione di sistemi per la gestione
dei rifiuti liquidi prodotti dalle unita’ da diporto;
A.3. Interventi per la diffusione di impianti per la raccolta
delle acque nere a bordo di particolari unita’ navali;
A.4. Interventi per la diffusione di motori fuoribordo a basso
impatto ambientale;
A.5. Interventi per la riduzione dello sforzo di pesca
attraverso l’attivita’ di pescaturismo;
A.6. Interventi di restauro ambientale nei sistemi costieri in
erosione;
B. Azione per la promozione delle aree marine protette (art. 8
Accordo di programma):
B.1. Interventi per la promozione e la comunicazione del
sistema delle aree marine protette.
2. Le attivita’ di comunicazione e promozione relative agli
interventi di cui all’azione A costituiscono attuazione dell’art. 8
dell’Accordo di programma.
3. Ciascuno dei comuni di cui all’art. 2 puo’ presentare, per la
realizzazione di progetti concernenti le linee di cui al comma 1,
fino ad un massimo di complessivo di quattro proposte.
4. Per ciascuna linea di intervento di cui al comma 1, non puo’
essere presentata piu’ di una proposta da parte di ciascun soggetto
fatta eccezione per la linea di intervento A.6. per la quale possono
essere presentate fino a due proposte, fermo restando il numero
massimo previsto dal comma 3.
5. Il comune proponente garantisce che il sostegno finanziario
richiesto ai sensi del presente protocollo tecnico e’ conforme alla
normativa comunitaria vigente in materia di aiuti di Stato.
6. Le specifiche tecniche e le modalita’ di realizzazione di
ciascuna tipologia di intervento di cui al comma 1 sono riportate in
apposite schede…

[Continua nel file zip allegato]

Architetto.info