Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Modalità per il rilascio delle autorizzazioni ai laboratori adibiti a...

Modalità per il rilascio delle autorizzazioni ai laboratori adibiti al controllo ufficiale del prodotti a denominazione di origine e ad indicazione geografica, registrati in ambito comunitario.

Circolare n°1 del 13 gennaio 2000
Oggetto:
Modalità per il rilascio
delle autorizzazioni ai laboratori adibiti al controllo ufficiale del
prodotti a denominazione di origine e ad indicazione geografica,
registrati in ambito comunitario.

Pubblicata sulla Gazzetta
Ufficiale n° 55 del 7 marzo 2000

——————————————————————————–

Il
decreto legislativo 26 maggio 1997, n. 156 recante attuazione della
direttiva 93/99/CEE concernente misure supplementari in merito al
controllo ufficiale dei prodotti alimentari individua all’art.3
i requisiti minimi dei laboratori che effettuano analisi finalizzate a
detto controllo : tra essi è prevista la conformità ai criteri
generali stabiliti dalla norma europea EN 45001 e alle procedure
standard previste nei punti 3 e 8 dell’allegato II al decreto
legislativo 27 gennaio 1992, n. 120.

L’art. 5 del predetto
decreto legislativo n. 156/1997 prevede che le amministrazioni dello
Stato, nell’ambito della rispettiva competenza, designano gli
organismi responsabili della valutazione e del riconoscimento dei
laboratori preposti al controllo ufficiale : gli organismi predetti e
le procedure di valutazione devono essere conformi ai criteri generali
stabiliti rispettivamente dalle norme europee EN 45003 e EN
45002.

Conseguentemente, nelle more della designazione
dell’organismo responsabile della valutazione e del
riconoscimento dei laboratori preposti al controllo ufficiale dei
prodotti a denominazione di origine e ad indicazione geografica,
registrati in ambito comunitario, di spettanza del Ministero delle
politiche agricole e forestali, e al fine di dare corretta
applicazione al dettato dell’art. 1, comma 2 del decreto
legislativo n. 123/1993, secondo il quale e ai sensi
della disciplina fissata dal decreto legislativo n. 156/1997 sopra
richiamata, si ricodificano le disposizioni e le procedure per il
rilascio delle autorizzazioni all’effettuazione delle analisi
chimico-fisiche al cui esito positivo è condizionata la rivendicazione
di una denominazione di origine o di una indicazione geografica,
registrata in ambito comunitario :

I laboratori che intendano
effettuare analisi ai fini del controllo ufficiale dei prodotti
agroalimentari per i quali è possibile rivendicare una denominazione
di origine o una indicazione geografica, registrata in ambito
comunitario, devono presentare, a cura dei rispettivi responsabili,
apposita domanda corredata da un certificato di accreditamento, per le
singole prove analitiche o per gruppo di prove oggetto della richiesta
di autorizzazione, rilasciato da un organismo riconosciuto per la
valutazione dei laboratori (norma europea EN 45003).
I laboratori
privati dovranno altresì documentare la loro struttura societaria e
indicarne il responsabile legale.

Il Ministero delle politiche
agricole e forestali, acquisita la documentazione di cui al punto a),
provvede all’emanazione del decreto di autorizzazione.

I
laboratori già riconosciuti con provvedimento amministrativo del
Ministero delle politiche agricole e forestali devono, entro novanta
giorni dalla data di pubblicazione della presente circolare,
dimostrare, ai fini del mantenimento del riconoscimento, di avere
ottenuto l’accreditamento per l’effettuazione di singole
prove o gruppi di prove da organismi conformi alla norma europea EN
45003 o di averlo richiesto nei trenta giorni successivi alla predetta
data di pubblicazione.
In assenza, si provvederà alla revoca delle
autorizzazioni già rilasciate.

Il Ministero delle politiche agricole
e forestali può procedere a verifiche dei laboratori già autorizzati e
di quelli richiedenti l’autorizzazione.

La domanda di nuovo
riconoscimento ministeriale o di mantenimento di quello già ottenuto,
con la relativa documentazione probatoria, va presentata, a cura del
responsabile del laboratorio, al Ministero delle politiche agricole e
forestali – Direzione generale delle politiche agricole ed
agroindustriali nazionali – Div. ex IV Ufficio tutela delle
denominazioni di origine, delle indicazioni geografiche ed
attestazioni di specificità dei prodotti agroalimentari e della
politica della qualità – Via XX Settembre n. 20 – 00187 Roma. La
domanda deve essere presentata nel rispetto della disciplina fissata
dal decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642
e successive modifiche.

Il
Ministro delle Politiche Agricole e Forestali : Prof. Paolo DE CASTRO

Architetto.info