Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO...

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 10 gennaio 2002, n.38- Regolamento recante riordino della disciplina delle scuole di cui alla legge 11 ottobre 1986, n. 697, adottato in attuazione dell'articolo 17, comma 96, lettera a), della legge 15 maggio 1997, n. 127. (GU n. 69 del 22-3-2002)

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

DECRETO 10 gennaio 2002, n.38

Regolamento recante riordino della disciplina delle scuole di cui
alla legge 11 ottobre 1986, n. 697, adottato in attuazione
dell’articolo 17, comma 96, lettera a), della legge 15 maggio 1997,
n. 127.

Titolo I
PROCEDURE PER IL RICONOSCIMENTO DELLE SCUOLE
IL MINISTRO DELL’ISTRUZIONE DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

Vista la legge 11 ottobre 1986, n. 697, recante la disciplina del
riconoscimento delle scuole superiori per interpreti e traduttori;
Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168, concernente l’istituzione del
Ministero dell’universita’ e della ricerca scientifica e tecnologica;
Visto l’articolo 17, commi 3 e 4, della legge 23 agosto 1988, n.
400;
Vista la legge 15 maggio 1997, n. 127 e, in particolare, l’articolo
17, comma 96, lettera a), che prevede che con decreto del Ministro
dell’universita’ e della ricerca scientifica e tecnologica e’
rideterminata la disciplina concernente il riconoscimento delle
scuole di cui alla richiamata legge n. 697 del 1986, l’attivazione
dei corsi, il rilascio e la valutazione dei relativi titoli;
Visto il Rapporto finale del Gruppo di ricerca appositamente
costituito dall’Osservatorio per la valutazione del sistema
universitario, trasmesso con nota n. 65 del 25 gennaio 1999;
Visto il regolamento adottato con decreto ministeriale 3 novembre
1999, n. 509, recante norme concernenti l’autonomia didattica degli
atenei;
Visto il decreto del Ministro dell’universita’ e della ricerca
scientifica e tecnologica 4 agosto 2000, pubblicato nel supplemento
ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 245 del 19 ottobre 2000,
concernente la determinazione delle classi delle lauree universitarie
e, in particolare, l’allegato 3 al predetto provvedimento, relativo
alla classe delle lauree nelle scienze della mediazione linguistica;
Visto il decreto del Ministro dell’universita’ e della ricerca
scientifica e tecnologica 28 novembre 2000, pubblicato nel
supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 18 del 23 gennaio
2001, recante norme sulla determinazione delle classi delle lauree
universitarie specialistiche;
Visto il parere del Consiglio di Stato, espresso nell’adunanza
della Sezione consultiva per gli atti normativi del 9 aprile 2001;
Visto il parere espresso dal Consiglio universitario nazionale
nell’adunanza del 14 giugno 2001;
Vista la comunicazione al Presidente del Consiglio dei Ministri, a
norma dell’articolo 17, comma 3, della predetta legge n. 400 del
1988, cosi’ come attestata dalla Presidenza del Consiglio dei
Ministri con nota n. 1.1.4/31890/4.23.41 del 27 luglio 2001;

A d o t t a

il seguente regolamento:
Art. 1.

Ambito di applicazione e definizioni

1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dell’articolo
17, comma 96, lettera a), della legge 15 maggio 1997, n. 127,
ridetermina la disciplina concernente il riconoscimento delle scuole
di cui alla legge 11 ottobre 1986, n. 697, nonche’ le modalita’ per
l’attivazione dei corsi, il rilascio e la valutazione dei relativi
titoli, definendo i criteri e le procedure conseguenti.
2. Le scuole superiori per interpreti e traduttori di cui alla
legge 11 ottobre 1986, n. 697, assumono la denominazione di Scuole
superiori per mediatori linguistici e rilasciano, ove istituite e
attivate ai sensi del presente regolamento, titoli di studio,
conseguibili al termine di corsi di studi superiori di durata
triennale, equipollenti a tutti gli effetti ai diplomi di laurea
rilasciati dalle universita’ al termine dei corsi afferenti alla
classe delle “Lauree universitarie in scienze della mediazione
linguistica”, di cui al decreto del Ministro dell’universita’ e della
ricerca scientifica e tecnologica 4 agosto 2000, pubblicato nel
supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 245 del 19 ottobre
2000.
3. Ai sensi del presente regolamento si intendono:
a) per Ministro, il Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e
della ricerca;
b) per Ministero, il Ministero dell’istruzione, dell’universita’
e della ricerca;
c) per Servizio, il Servizio per l’autonomia universitaria e gli
studenti del Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e della
ricerca;
d) per legge, la legge 11 ottobre 1986, n. 697;
e) per scuole di cui all’articolo 1 della legge, le scuole
pubbliche e private aventi come finalita’ la gestione di corsi per
mediatori linguistici per i fini di cui alla legge stessa;
f) per corsi, i corsi di diploma per mediatori linguistici
istituiti presso le scuole riconosciute ai sensi del presente
regolamento;
g) per Commissione, la Commissione tecnico-consultiva di cui
all’articolo 3.

Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e’ stato redatto
dall’amministrazione competente per materia, ai sensi
dell’art. 10, commi 2 e 3, del testo unico delle
disposizioni sulla promulgazione delle leggi,
sull’emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica
e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
alle quali e’ operato il rinvio. Restano invariati il
valore e l’efficacia degli atti legislativi qui trascritti.

Note alle premesse:

– La legge 11 ottobre 1986, n. 697, prevede “Disciplina
del riconoscimento dei diplomi rilasciati dalle Scuole
superiori per interpreti e traduttori”.
– La legge 9 maggio 1989, n. 168, concerne “Istituzione
dell’universita’ e della ricerca scientifica e
tecnologica”.
– Si riporta il testo dell’art. 17, commi 3 e 4 della
legge 23 agosto 1988, n. 400 (Disciplina dell’attivita’ di
Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei
Ministri:
“3. Con decreto ministeriale possono essere adottati
regolamenti nelle materie di competenza del Ministro o di
autorita’ sottordinate al Ministro, quando la legge
espressamente conferisca tale potere. Tali regolamenti, per
materie di competenza di piu’ Ministri, possono essere
adottati con decreti interministeriali, ferma restando la
necessita’ di apposita autorizzazione da parte della legge.
I regolamenti ministeriali ed interministeriali non possono
dettare norme contrarie a quelle dei regolamenti emanati
dal Governo. Essi debbono essere comunicati al Presidente
del Consiglio dei Ministri prima della loro emanazione.
4. I regolamenti di cui al comma 1 ed i regolamenti
ministeriali ed interministeriali, che devono recare la
denominazione di “regolamento , sono adottati previo parere
del Consiglio di Stato, sottoposti al visto ed alla
registrazione della Corte dei conti e pubblicati nella
Gazzetta Ufficiale.”.
– Il comma 96, lettera a), dell’art. 17, della legge
15 maggio 1997, n. 127 (Misure urgenti per lo snellimento
dell’attivita’ amministrativa e dei procedimenti di
decisione e di controllo) recita:
“96. Con decreti del Ministro dell’universita’ e della
ricerca scientifica e tecnologica, emanati sulla base di
criteri di semplificazione delle procedure e di
armonizzazione con la revisione degli ordinamenti di cui al
comma 95, e’ altresi’ rideterminata la disciplina
concernente:
a) il riconoscimento delle scuole di cui alla legge
11 ottobre 1986, n. 697, l’attivazione dei corsi, il
rilascio e la valutazione dei relativi titoli.”.
– Il decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509,
reca: “Regolamento recante norme concernenti l’autonomia
didattica degli atenei”.
– Il decreto ministeriale 4 agosto 2000, pubblicato nel
supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 245 del
19 ottobre 2000 prevede: “Determinazione delle classi delle
lauree universitarie”.
– Il decreto ministeriale 28 novembre 2000, pubblicato
nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 18 del
23 gennaio 2001 reca: “Determinazione delle classi delle
lauree universitarie specialistiche”.
Note all’art. 1:
– Per il testo dell’art. 17, comma 96, lettera a) della
legge 15 maggio 1997, n. 127, si veda nelle note alle
premesse.
– Per il titolo della legge 11 ottobre 1986, n. 697, si
veda nelle note alle premesse.
– Per il titolo del decreto ministeriale 4 agosto 2000
si veda nelle note alle premesse.

Art. 2.

Istanza di riconoscimento

1. I soggetti pubblici e privati, gestori di scuole che intendono
ottenere il riconoscimento per i fini di cui al presente regolamento,
devono produrre apposita documentata istanza al Ministero. La
documentazione deve comprendere lo statuto della scuola di cui
all’articolo 4, il regolamento didattico dei corsi di studio di cui
all’articolo 7, nonche’ i requisiti di qualificazione didattica e di
adeguatezza delle dotazioni di personale, fi…

[Continua nel file zip allegato]

Architetto.info