Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Regolamento (CE) che modifica l'allegato II del regolamento (CEE) n. 2...

Regolamento (CE) che modifica l'allegato II del regolamento (CEE) n. 2092/91 del Consiglio, relativo al metodo di produzione biologico di prodotti agricoli e all'indicazione di tale metodo sui prodotti agricoli e sulle derrate alimentari.

REGOLAMENTO (CE) N. 2381/94 DELLA COMMISSIONE del 30 settembre 1994
che modifica l’allegato II del regolamento (CEE) n. 2092/91 del
Consiglio, relativo al metodo di produzione biologico di prodotti
agricoli e all’indicazione di tale metodo sui prodotti agricoli e
sulle derrate alimentari
LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,
visto
il trattato che istituisce la Comunità europea,
visto il regolamento
(CEE) n. 2092/91 del Consiglio, del 24 giugno 1991, relativo al metodo
di produzione biologico di prodotti agricoli e all’indicazione di tale
metodo sui prodotti agricoli e sulle derrate alimentari (1),
modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 1468/94 della Commissione
(2), in particolare l’articolo 13, considerando che taluni Stati
membri hanno chiesto che certi fertilizzanti non compresi
nell’allegato II del
regolamento (CEE) n. 2092/94 vi siano introdotti,
in quanto usati correntemente nell’agricoltura biologica conformemente
alle buone pratiche dell’agricoltura biologica applicate
tradizionalmente in alcuni paesi della
Comunità; che dall’esame di
queste domande è risultato che le esigenze di cui all’articolo 7,
paragrafo 1, lettera b) del suddetto regolamento sono
soddisfatte;
considerando inoltre che è necessario precisare la
designazione di taluni fertilizzanti di cui all’allegato II del
regolamento (CEE) n. 2092/91, onde assicurarsi della natura di questi
prodotti e della loro origine;
considerando, infine, che è risultato
necessario definire meglio le condizioni di impiego, nonché le
esigenze in materia di composizione di taluni fertilizzanti, onde
garantire il pieno rispetto dei requisiti per
l’inserimento
nell’allegato II del regolamento (CEE) n. 2092/91,
contemplati all’articolo 7, paragrafo 1, lettera b) del suddetto
regolamento;
considerando che è opportuno prevedere un periodo per lo
smaltimento delle scorte relative ai prodotti eliminati dall’allegato
II, parte A del regolamento (CEE) n. 2092/91;
considerando che le
misure previste dal presente regolamento sono conformi al parere del
comitato di cui all’articolo 14 del regolamento (CEE) n. 2092/91,
HA
ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:
Articolo 1
L’allegato II, parte A
del regolamento (CEE) n. 2092/91 è modificato conformemente
all’allegato del presente regolamento.
Articolo 2
Il presente
regolamento entra in vigore il settimo giorno successivo alla
pubblicazione nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee.
I
prodotti eliminati dall’allegato II, parte A del regolamento (CEE) n.
2092/91, versione precedente la data dell’entrata in vigore del
presente regolamento, possono ancora essere usati in base alle
condizioni di applicazione
precedenti, fino a smaltimento delle scorte
esistenti e comunque non oltre il 1o luglio 1995.
I prodotti riportati
nell’allegato II, parte A del regolamento (CEE) n. 2092/91,
subordinatamente a condizioni più limitative di quelle vigenti prima
dell’entrata in vigore del presente regolamento possono ancora essere
usati in base alle condizioni anteriormente in vigore, fino a
smaltimento delle scorte esistenti, e comunque non oltre il 1o luglio
1995.
Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi
e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.
Fatto a
Bruxelles, il 30 settembre 1994.
Per la Commissione
René
STEICHEN
Membro della Commissione
(1) GU n. L 198 del 22. 7. 1991,
pag. 1.
(2) GU n. L 159 del 28. 6. 1994, pag. 11.
ALLEGATO
« ALLEGATO
II
PARTE A
Prodotti autorizzati a titolo eccezionale per la
concimazione e l’ammendamento del terreno conformemente alle
disposizioni dell’allegato I, paragrafo 2>>>>
ID=”1″>Prodotti composti o contenenti unicamente le sostanze riportate
nell’elenco seguente:>>> ID=”1″>-Letame>
ID=”2″>Prodotto
costituito dal miscuglio di escrementi animali e da materiali vegetali
(lettiera)>>> ID=”2″>Necessità riconosciuta dall’organismo di
controllo o dall’autorità di controllo>>> ID=”2″>Indicazione
delle
specie animali>>> ID=”2″>Proveniente unicamente da
allevamenti estensivi ai sensi dell’articolo 6, paragrafo 4 del
regolamento (CEE) n. 2328/91 del Consiglio (1), modificato da ultimo
dal regolamento (CE) n. 3669/93 (2)>>>
ID=”1″>- Letame essiccato
e deiezioni avicole disidratate> ID=”2″>Necessità riconosciuta
dall’organismo di controllo o dall’autorità di controllo>>>
ID=”2″>Indicazione delle specie animali>>> ID=”2″>Proveniente
unicamente da allevamenti estensivi ai sensi dell’articolo 6,
paragrafo 4, del regolamento (CEE) n. 2328/91>>> ID=”1″>-
Deiezioni animali, composte, inclusa la pollina ed il letame>
ID=”2″>Necessità riconosciuta dall’organismo di controllo o
dall’autorità di controllo>>> ID=”2″>Indicazioni delle specie
animali>>>
ID=”2″>Provenienti da allevamenti
industriali>>> ID=”1″>- Escrementi liquidi di animali (liquame,
urina, ecc.)> ID=”2″>Impiego previa fermentazione controllata e/o
diluizione adeguata>>> ID=”2″>Necessità riconosciuta
dall’organismo di controllo o dall’autorità di controllo>>>
ID=”2″>Indicazione delle specie animali>>> ID=”2″>Proibiti se
provenienti da allevamenti industriali>>> ID=”1″>-Torba>
ID=”2″>Impiego limitato all’orticoltura (colture orticole, floricole,
arboricole, vivai)>>> ID=”1″>- Residui di fungaie> ID=”2″>La
composizione iniziale del substrato dev’essere limitata ai prodotti
del presente elenco>>> ID=”1″>- Deiezioni di vermi
(Vermicompost) e di insetti>>> ID=”1″>- Guano> ID=”2″>Necessità
riconosciuta dall’organismo di controllo o dall’autorità di
controllo>>> ID=”1″>- Miscela composta di materiali vegetali>
ID=”2″>Necessità riconosciuta dall’organismo di controllo o
dall’autorità di controllo>>> ID=”1″>- I prodotti o
sottoprodotti di origine animale citati di seguito:> ID=”2″>Necessità
riconosciuta dall’organismo di controllo o dall’autorità di
controllo>>> ID=”1″>- farina di sangue>>> ID=”1″>- polvere
di zoccoli>>> ID=”1″>- polvere di corna>>> ID=”1″>-
polvere di ossa, anche degelatinata>>> ID=”1″>- nero animale
(carbone animale)>>> ID=”1″>- farina di pesce>>>
ID=”1″>-farina di carne>>> ID=”1″>- pennone>>> ID=”1″>-
lana>>> ID=”1″>- pellami>>> ID=”1″>- pelli e
crini>>> ID=”1″>- prodotti lattiero-caseari>>> ID=”1″>-
Prodotti e sottoprodotti organici di origine vegetale per la
fertilizzazione>>> ID=”1″>(ad es.: farina di panelli di semi
oleosi, guscio di cacao, radichette di malto, ecc.)>>> ID=”1″>-
Alghe e prodotti a base di alghe> ID=”2″>Ottenuti unicamente
mediante:>>> ID=”2″>i) trattamenti fisici, ivi compresa la
disidratazione, il congelamento e la macinazione>>> ID=”2″>ii)
estrazione con acqua o con soluzioni acquose acide e/o
basiche>>> ID=”2″>iii) fermentazione>>> ID=”1″>- Segatura
e trucioli di legno> ID=”2″>Legname non trattato chimicamente dopo
l’abbattimento>>> ID=”1″>- Cortecce compostate> ID=”2″>Legname
non trattato chimicamente dopo l’abbattimento>>> ID=”1″>- Cenere
di legno>
ID=”2″>Proveniente da legname non trattato chimicamente dopo
l’abbattimento>>> ID=”1″>- Fosfato naturale tenero>
ID=”2″>Prodotto definito dalla direttiva 76/116/CEE del Consiglio (3),
modificata dalla direttiva 89/284/CEE (4).>>> ID=”2″>Tenore di
cadmio inferiore o pari a 90 mg/kg di P205>>> ID=”1″>- Fosfato
allumino-calcico> ID=”2″>Prodotto definito dalla direttiva 76/116/CEE
modificata dalla direttiva 89/284/CEE>>>
ID=”2″>Tenore di cadmio
inferiore o pari a 90 mg/kg di P205>>> ID=”2″>Impiego limitato
ai terreni basici (pH >7,5)>>> ID=”1″>- Scorie di
defosforazione> ID=”2″>Necessità riconosciuta dall’organismo di
controllo o dall’autorità di controllo>>> ID=”1″>- Sale grezzo
di potassio> ID=”2″>Necessità riconosciuta dall’organismo di controllo
o dall’autorità di controllo>>> ID=”1″>(ad es.: kainite,
silvinite, ecc.)>>> ID=”1″>- Solfato di potassio contenente sale
di magnesio> ID=”2″>Necessità riconosciuta dall’organismo di controllo
o dall’autorità di controllo>>> ID=”2″>Derivato da sale grezzo
di potassio>>> ID=”1″>- Borlande ed estratti di
borlande>
ID=”2″>Escluse le borlande estratte con sali
ammoniacali>>> ID=”1″>- Carbonato di calcio di origine
naturale>>>
ID=”1″>(ad es.: creta, marna, calcare macinato,
litotamnio, maerl, creta fosfatica, ecc.)>>> ID=”1″>- Carbonato
di calcio e magnesio di origine naturale>>> ID=”1″>(ad es.:
creta magnesiaca, calcare magnesiaco macinato, ecc.)>>>
ID=”1″>-
Solfato di magnesio> ID=”2″>Unicamente di origine naturale>>>
ID=”1″>(ad es.: kieserite)>
ID=”2″>Necessità riconosciuta
dall’organismo di controllo o dall’autorità di controllo>>>
ID=”1″>- Soluzione di cloruro di calcio> ID=”2″>Trattamento fogliare
su melo, dopo che sia stata messa in evidenza una carenza
di
calcio>>> ID=”2″>Necessità riconosciuta dall’organismo di
controllo o dall’autorità di controllo>>> ID=”1″>-Solfato di
calcio (gesso)> ID=”2″>Prodotto definito dalla direttiva 76/116/CEE
modificata dalla direttiva
89/284/CEE>>> ID=”2″>Unicamente di
origine naturale>>> ID=”1″>- Zolfo elementare> ID=”2″>Prodotto
definito
dalla direttiva 76/116/CEE modificata dalla direttiva
89/284/CEE>>> ID=”2″>Necessità riconosciuta dall’organismo di
controllo o dall’autorità di controllo>>> ID=”1″>-
Oligoelementi> ID=”2″>Oligoelementi inclusi nella direttiva 89/530/CEE
(5)>>> ID=”2″>Necessità riconosciuta dall’organismo di controllo
o dall’autorità di controllo>>>
ID=”1″>- Cloruro di sodio>
ID=”2″>Unicamente salgemma>>> ID=”2″>Necessità riconosciuta
dall’organismo di controllo o dall’autorità di controllo>>>
ID=”1″>- Farina di roccia >>>>>
(1) GU n. L 218 del 6. 8.
1991, pag. 1.
(2) G…

[Continua nel file zip allegato]

Architetto.info