Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Istituzione e funzionamento del ruolo nazionale dei periti assicurativ...

Istituzione e funzionamento del ruolo nazionale dei periti assicurativi per l'accertamento e la stima dei danni ai veicoli a motore ed ai natanti soggetti alla disciplina della legge 24 dicembre 1969, n. 990, derivanti dalla circolazione, dal furto e dall'incendio degli stessi.

Legge 17 febbraio 1992, n. 166 (in Gazz. Uff., 27 febbraio, n.
48).

Istituzione e funzionamento del ruolo nazionale dei periti
assicurativi per líaccertamento e la stima dei danni ai veicoli a
motore ed ai natanti soggetti alla disciplina della legge 24 dicembre
1969, n. 990, derivanti dalla circolazione, dal furto e dallíincendio
degli stessi.

Art. 1

Istituzione, tenuta e pubblicazione del
ruolo.

1. é istituito presso il Ministero dellíindustria, del
commercio e dellíartigianato il ruolo nazionale dei periti
assicurativi per líaccertamento e la stima dei danni alle cose
derivanti dalla circolazione, dal furto e dallíincendio dei veicoli a
motore e dei natanti soggetti alla disciplina della legge 24 dicembre
1969, n. 990.

2. La tenuta del ruolo è affidata alla Direzione
generale delle assicurazioni private e di interesse collettivo del
Ministero dellíindustria, del commercio e dellíartigianato.

3. La
Direzione generale delle assicurazioni private e di interesse
collettivo cura líaggiornamento del ruolo entro il 31 dicembre di ogni
anno e la sua pubblicazione entro i tre mesi successivi e ne invia
copia alle camere di commercio, industria, artigianato e
agricoltura.

4. Per ciascun iscritto debbono essere indicati il nome,
la data di nascita, il comune di residenza, il titolo di studio, il
codice fiscale, la data di iscrizione, líindirizzo della sede
operativa e il tribunale territorialmente competente presso il quale
gli iscritti svolgono le funzioni di consulenti del giudice o di
periti di ufficio.

Art. 2

Iscrizione nel ruolo.

1. Nel ruolo sono
iscritti i periti assicurativi che esercitano líattività in proprio e
che siano in possesso dei requisiti di cui allíart. 5.

2.
Líiscrizione nel ruolo è disposta dal Ministro dellíindustria, del
commercio e dellíartigianato, con provvedimento motivato, previo
accertamento dei requisiti di cui allíart. 5 da parte della
commissione nazionale di cui allíart. 7. Si applicano le norme di cui
allíart. 18 della legge 7 agosto 1990, n. 241.

Art. 3

Accertamento
dei danni da parte delle imprese di assicurazione.

1. Le imprese di
assicurazione possono effettuare direttamente líaccertamento e la
stima dei danni alle cose e proporre la liquidazione allíassicurato
che ha la facoltà di accettarla oppure di ricorrere allíaccertamento
ed alla stima dei medesimi tramite un perito assicurativo iscritto nel
ruolo di cui allíart. 1.

Art. 4

Obbligatorietà dellíiscrizione nel
ruolo.

1. Líattività professionale di perito assicurativo per
líaccertamento e la stima dei danni alle cose derivanti dalla
circolazione, dal furto e dallíincendio dei veicoli a motore e dei
natanti soggetti alla disciplina della legge 24 dicembre 1969, n. 990,
non può essere esercitata da chi non sia iscritto nel ruolo.

Art.
5

Requisiti per líiscrizione nel ruolo.

1. Ha diritto di essere
iscritto nel ruolo chiunque sia in possesso dei seguenti
requisiti:

a) sia cittadino italiano o cittadino di uno degli Stati
membri della Comunità economica europea o straniero residente nel
territorio della Repubblica italiana a condizione che analogo
trattamento sia riservato nei Paesi di origine ai cittadini italiani,
salvo il caso di apolidia;

b) abbia il godimento dei diritti
civili;

c) non abbia riportato condanna per un delitto contro la
pubblica amministrazione, contro líamministrazione della giustizia,
contro la fede pubblica, contro líeconomia pubblica, líindustria e il
commercio, contro il patrimonio, o per altro delitto non colposo per
il quale sia comminata la pena della reclusione non inferiore nel
minimo a due anni o nel massimo a cinque anni, o per il reato di
omesso versamento dei contributi previdenziali e assistenziali
obbligatori, ovvero condanna comportante líapplicazione della pena
accessoria dellíinterdizione dai pubblici uffici di durata superiore a
tre anni;

d) sia fornito di diploma di scuola media secondaria
superiore di indirizzo tecnico o di laurea;

e) abbia superato una
prova di idoneità mediante esame scritto ed orale vertente su materie
tecniche specialistiche concernenti líesercizio dellíattività, salvo
coloro che risultano forniti di diploma di perito industriale in area
meccanica o di laurea in ingegneria e risultano iscritti nei relativi
albi professionali da almeno tre anni, avendo altresì esercitato per
tre anni líattività nel settore specifico che deve risultare da idonea
documentazione anche fiscale.

2. Non possono esercitare líattività di
perito assicurativo gli enti pubblici, le imprese o gli enti
assicurativi. Non possono esercitare líattività di perito assicurativo
né essere iscritti nel ruolo gli agenti e i mediatori di
assicurazione, i riparatori di veicoli e di natanti e tutti coloro che
hanno un rapporto di lavoro dipendente, salvo le deroghe già concesse
allo scopo di aggiornare la qualità professionale.

3. Le modalità
della domanda di iscrizione nel ruolo, le materie e i programmi di
esame per la prova di idoneità, la composizione della commissione
esaminatrice, i compensi ad essa spettanti e le modalità per la
partecipazione e lo svolgimento degli esami sono disciplinati con
decreto del Ministro dellíindustria, del commercio e dellíartigianato,
da emanarsi, per la prima attuazione della presente

legge, entro tre
mesi dalla data della sua entrata in vigore.

4. Alla domanda di
iscrizione nel ruolo deve essere allegata líattestazione del
versamento della tassa di concessione governativa di lire 150.000 ai
sensi del numero 117, lettera b), della tariffa annessa al decreto del
Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 641 e successive
modificazioni. Il versamento deve essere effettuato allíufficio del
registro di Roma.

5. Si applicano le norme di cui agli articoli 2,
18, 19 e 20 della legge 7 agosto 1990, n. 241.

Art. 6

Cancellazione
dal ruolo e reiscrizione.

1. La cancellazione dal ruolo è disposta
dal Ministro dellíindustria, del commercio e dellíartigianato, con
provvedimento motivato, sentita la commissione nazionale di cui
allíart. 7, in caso di:

a) rinuncia allíiscrizione;

b) perdita di
uno dei requisiti di cui allíart. 5, comma 1, lettere a) e b);

c)
sopravvenuta incompatibilità ai sensi dellíart. 5, comma 2;

d)
condanna irrevocabile per alcuno dei reati di cui allíart. 5, comma 1,
lettera c);

e) radiazione;

f) dichiarazione di fallimento.

2. La
reiscrizione nel ruolo può essere richiesta senza alcun limite in caso
di rinuncia; dopo il venir meno dei presupposti che hanno determinato
la cancellazione, qualora la stessa sia stata disposta in alcuno dei
casi di cui alle lettere b) e c) del comma 1; dopo intervenuta
líestinzione della pena quando la cancellazione sia stata disposta in
alcuno dei casi di cui alla lettera d) del comma 1; dopo intervenuta
la riabilitazione, quando la cancellazione sia stata disposta in
alcuno dei casi di cui alla lettera f) del comma 1; decorsi cinque
anni in caso di radiazione. Per la reiscrizione si segue lo stesso
procedimento previsto per líiscrizione. Resta valido líesame sostenuto
in sede di prima iscrizione.

Art. 7

Commissione nazionale per i
periti assicurativi.

1. Presso il Ministero dellíindustria, del
commercio e dellíartigianato è istituita la commissione nazionale per
i periti assicurativi per líaccertamento e la stima dei danni alle
cose derivanti dalla circolazione, dal furto e dallíincendio dei
veicoli a motore e dei natanti soggetti alla disciplina della legge 24
dicembre 1969, n. 990.

2. La commissione è composta:

a) da un
Sottosegretario di Stato del Ministero dellíindustria, del commercio e
dellíartigianato, che la presiede;

b) dal direttore generale delle
assicurazioni private e di interesse collettivo, con funzioni di vice
presidente;

c) da un funzionario della Direzione generale delle
assicurazioni private e di interesse collettivo con qualifica non
inferiore a primo

dirigente;

d) da un funzionario del Ministero del
tesoro con qualifica non inferiore a primo dirigente;

e) da quattro
rappresentanti dei periti iscritti nel ruolo, di cui almeno due
iscritti nei rispettivi albi professionali;

f) da un rappresentante
delle imprese di assicurazione;

g) da un rappresentante dellíIstituto
per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo
(ISVAP).

3. Le funzioni di segreteria sono svolte da un funzionario
con la qualifica non inferiore allíottavo livello funzionale in
servizio presso la Direzione generale delle assicurazioni private e di
interesse collettivo.

4. Tutti i componenti della commissione, nonché
i supplenti per ciascuno dei componenti di cui al comma 2, lettere c),
d), e) e f), ad eccezione del presidente e del vicepresidente, nonché
i segretari ed i relativi supplenti, sono nominati, per la durata di
tre anni, con decreto del Ministro dellíindustria, del commercio e
dellíartigianato.

5. I componenti di cui al comma 2, lettere e) ed
f), nonché i relativi supplenti sono nominati su designazione delle
rispettive organizzazioni sindacali e professionali di categoria
maggiormente rappresentative sul piano nazionale. Qualora dette
organizzazioni non

provvedano allíindicazione dei soggetti proposti
entro trenta giorni dalla data della richiesta, i componenti sono
nominati di propria iniziativa dal Ministro dellíindustria, del
commercio e dellíartigianato. Ai componenti ed ai segretari compete,
in deroga al decreto del Presidente della Repubblica 11 gennaio 1956,
n. 5, ed al decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1972, n.
748, un compenso per ogni seduta che viene stabilito con decreto del
Ministro dellíindustria, del commercio e dellíartigianato.

6. I
supplenti dei componenti di cui al comma 2, lettere c) e d), sono
rispettivamente nominati dal Ministro dellíindustria, del commercio e
dellíartigianato, su designazione effettuata dalla Direzione generale
delle assicurazioni private e di interess…

[Continua nel file zip allegato]

Architetto.info