Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Adozione di un modello informatizzato e indicazioni operative per la f...

Adozione di un modello informatizzato e indicazioni operative per la formulazione delle richieste di cofinanziamento relative agli interventi per alloggi e residenze per studenti universitari di cui alle leggi 14 novembre 2000, n. 338 e 23 dicembre 2000, n. 388. (Decreto n. 65). (GU n. 117 del 21-5-2002- Suppl. Ordinario n.107)

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

DECRETO 22 aprile 2002

Adozione di un modello informatizzato e indicazioni operative per
la formulazione delle richieste di cofinanziamento relative agli
interventi per alloggi e residenze per studenti universitari di cui
alle leggi 14 novembre 2000, n. 338 e 23 dicembre 2000, n. 388.
(Decreto n. 65).

IL CAPO
DEL DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE,
IL COORDINAMENTO E GLI AFFARI ECONOMICI

Vista la legge 14 novembre 2000, n. 338, recante “Disposizioni in
materia di alloggi e residenze per studenti universitari”;
Visto l’art. 144, comma 18, della legge 23 dicembre 2000, n. 388;
Visto il decreto ministeriale 9 maggio 2001, n. 118, con il quale,
ai sensi dell’art. 1, comma 4, della legge n. 338/2000, sono stati
definiti gli standard minimi dimensionali e qualitativi e le linee
guida relative ai parametri tecnici ed economici concernenti la
realizzazione di alloggi e residenze per studenti universitari
previsti dalla medesima legge;
Visto il decreto ministeriale 9 maggio 2001, n. 116, con il quale,
ai sensi dell’art. 1, comma 3, della legge n. 338/2000 sono state
definite le procedure e le modalita’ per la presentazione delle
richieste relative agli interventi per alloggi e residenze per
studenti universitari, da cofinanziare con i fondi previsti dallo
stesso art. 1, commi 1 e 2, e dall’art. 144, comma 18, della legge n.
388/2000;
Visto l’art. 4, comma 1, del predetto decreto ministeriale n. 116,
il quale prevede che le richieste di cofinanziamento devono essere
“formulate mediante compilazione di apposito modello informatizzato,
atto ad una valutazione in parte automatizzata della domanda, e
contenente i principali dati significativi ai fini della valutazione
per ammissione, selezione, graduatoria priorita’. Tale modello, con
le note per la compilazione, e’ adottato con separato decreto
ministeriale, e’ reso disponibile presso il sito Internet del
Ministero dell’universita’ e della ricerca scientifica e tecnologica
(www.murst.it) e deve essere spedito debitamente compilato … per
posta elettronica al Ministero…”;
Visto l’art. 7, comma 4, lettera b) di tale decreto, il quale
prevede che gli interventi di cui all’art. 3, comma 1, lettere A4, B,
C, dello stesso decreto vanno cofinanziati con mutui da contrarre con
la Cassa depositi e prestiti con ammortamento a carico dello Stato, a
tal fine utilizzando i limiti di impegno quindicennali previsti
dall’art. 144, comma 18, della legge 23 dicembre 2000, n. 388;
Visto l’art. 4, comma 5, di tale decreto, il quale prevede che la
documentazione da presentare in allegato alle richieste di
cofinanziamento “include inoltre quanto necessario per l’accesso al
finanziamento da parte della Cassa depositi e prestiti, secondo le
modalita’ da essa definite”; Visto il decreto legislativo 30 luglio
1999 n. 300, relativo alla riforma dell’organizzazione del Governo,
con il quale e’ stata tra l’altro prevista l’istituzione del
Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca;
Ritenuto di provvedere, con il presente decreto, ad adottare il
modello informatizzato da utilizzare ai fini della formulazione delle
richieste relative agli interventi per alloggi e residenze per
studenti uni-versitari, nonche’ a fornire indicazioni in ordine alle
modalita’ di invio automatico del predetto modello – atteso che per
attuare una procedura informatizzata piu’ efficiente si rende
necessario utilizzare il sito internet invece della posta
elettronica, come inizialmente previsto – alla nuova denominazione
del Ministero ed ai mutui della Cassa depositi e prestiti destinati
al cofinanziamento di tali interventi;
Visto il decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive
modificazioni ed integrazioni;

Decreta:
Art. 1.
1. Ai fini della presentazione, da parte dei soggetti di cui
all’art. 2 del decreto ministeriale 9 maggio 2001, n. 116, delle
richieste di cofinanziamento degli interventi indicati all’art. 3
dello stesso decreto ministeriale, e’ adottato il modello
informatizzato, con le note per la compilazione, allegato al presente
decreto, del quale costituisce parte integrante.
2. Tale modello, da utilizzare per ciascun intervento per il quale
viene formulata richiesta di cofi-nanziamento, sara’ disponibile,
dalla data di pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta
Ufficiale, presso il sito internet del Ministero dell’istruzione,
dell’universita’ e della ricerca all’indirizzo “www.miur.it”, alla
voce “residenze universitarie”. Come previsto dall’art. 4, comma 6,
del decreto ministeriale n. 116, per interventi che comprendano due o
piu’ tipologie, come definite all’art. 3, comma 1, dello stesso
decreto ministeriale, devono essere compilati distinti modelli con
diversi numeri progressivi, che potranno eventualmente fare
riferimento a progetto e ad allegati in unico esemplare, ove questi
siano validi per tutti gli interventi.
3. Il completamento della procedura di compilazione del modello
informatizzato comporta l’invio automatico dello stesso al Ministero
dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca e la comu-nicazione
dell’adempimento al legale rappresentante del soggetto richiedente.
Tale modalita’ e’ l’unica consentita per l’invio automatico del
modello informatizzato relativo alla richiesta di cofinanziamento.
Secondo quanto indicato dagli articoli 4 e 5 del predetto decreto
ministeriale n. 116 il completamento di tale procedura (che, come
detto, comporta il contestuale invio automatico del modello compilato
al Ministero) deve essere effettuato entro e non oltre tre mesi dalla
data della pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta
Ufficiale, nella quale viene altresi’ pubblicato il decreto
ministeriale 9 maggio 2001, n. 118, relativo agli standard minimi
qualitativi, come previsto dall’art. 1, comma 5, della legge 14
novembre 2000, n. 338.
4. Secondo quanto disposto dall’art. 4 e dall’art. 5, comma 1, del
decreto ministeriale n. 116, a pena di esclusione, il corrispondente
modello cartaceo compilato, completo di progetto e documentazione,
sottoscritto pagina per pagina dal legale rappresentante del soggetto
richiedente, deve essere inviato, entro il termine indicato al
precedente comma 3, per raccomandata, al Ministero dell’istruzione,
dell’uni-versita’ e della ricerca – Dipartimento per la
programmazione, il coordinamento e gli affari economici – Piazza
Kennedy n. 20 – 00144 Roma. A tal fine si considera valida la data
dell’ufficio postale accettante.
La busta contenente quanto sopra deve riportare la dicitura
“Richiesta di cofinanziamento per alloggi e residenze per studenti
universitari”.
5. Copia del medesimo modello cartaceo compilato (senza progetto e
documentazione) deve essere trasmessa, entro gli stessi termini e con
le medesime modalita’ indicate al precedente comma, alla regione o
provincia autonoma competente per territorio in relazione alla
localizzazione degli interventi per i quali viene formulata la
richiesta di cofinanziamento.
6. La documentazione integrativa prevista dall’art. 5, comma 2,
del decreto ministeriale n. 116 deve essere inviata nei termini ivi
stabiliti, pena l’esclusione, allo stesso indirizzo e con le medesime
modalita’ di cui al precedente comma 4.
7. Per ogni altra indicazione si fa rinvio a quanto previsto nei
decreti ministeriali 10 maggio 2001, n. 116 (procedure e modalita’
per la presentazione dei progetti) e 10 maggio 2001, n. 118 (standard
minimi dimensionali e qualitativi) pubblicati nella presente Gazzetta
Ufficiale.

Art. 2.
1. Gli interventi di cui all’art. 3, comma 1, lettere A4, B, C,
del decreto ministeriale n. 116, secondo quanto indicato all’art. 7,
comma 4, lettera b) dello stesso decreto, vanno cofinanziati con i
mutui della Cassa depositi e prestiti con ammortamento a carico dello
Stato, utilizzando i limiti di impegno quindicennali previsti
dall’art. 144, comma 18, della legge 23 dicembre 2000, n. 388.
2. L’ammortamento dei mutui con la Cassa depositi e prestiti di
cui al comma precedente decorre dal 1 gennaio ovvero dal 1 luglio
successivi alla data di concessione dei mutui stessi.
3. Sulle somme erogate in conto mutuo anteriormente alla data di
decorrenza dell’ammortamento sono dovuti gli interessi di
preammortamento al medesimo saggio di concessione, dalla data del
mandato al giorno antecedente la decorrenza dell’ammortamento. Tali
interessi di preammortamento sono a carico del richiedente ed a
copertura degli stessi la Cassa depositi e prestiti puo’ richiedere
idonea garanzia.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 22 aprile 2002
Il capo del Dipartimento: D’ADDONA

Il presente decreto non e’ soggetto al “Visto” di controllo
preventivo di legittimita’ da parte della Corte dei conti, ai sensi
dell’art. 3 della legge 14 gennaio 1994, n. 20.

—-> Vedere Allegato da pag. 69 a pag. 108 della G.U.

Architetto.info