Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Rilascio Certificati Membro di Equipaggio (C.M.E.)....

Rilascio Certificati Membro di Equipaggio (C.M.E.).

Ente Nazionale per l’Aviazione Civile
CIRCOLARE
SERIE OPERAZIONI VOLO
Data 11/02/2002 OPV-10
Oggetto: Rilascio Certificati Membro di
Equipaggio (C.M.E.)
1. PREMESSA
L’annesso 9 (Facilitazioni) alla
Convenzione di Chicago definisce e disciplina il Certificato
di Membro
di Equipaggio (Crew Member Certificate) nei paragrafi da 3.22 a
3.27.
In Italia il C.M.E., recepito nell’ordinamento nazionale
dal DPR 566/1988, è rilasciato
dall’ENAC ai sensi
dell’art. 2 del D.Leg.vo 250/1997.
Il modello di certificato e
le procedure di compilazione ed emissione in uso da diversi
anni,
necessitano di aggiornamento per tener conto dei requisiti ICAO
e della nuova organizzazione
dell’ENAC.
L’uso del C.M.E.
da parte di personale di condotta e di cabina (piloti, tecnici di volo
ed
assistenti di volo), consente più rapide ed efficienti operazioni
di sbarco ed imbarco e di
permanenza nelle aree aeroportuali, da parte
di tale personale, appartenente ad una società
aerea nazionale.
2.
APPLICABILITA’ E SCOPO
La presente circolare ha
l’obiettivo di definire il nuovo modello di C.M.E. e le
procedure di
rilascio al personale navigante degli operatori titolari
di licenze di esercizio rilasciate dall’ENAC
per operare nel
trasporto pubblico di passeggeri o merci.
La circolare prevede un
sistema di decentramento del rilascio del C.M.E. presso le
Direzioni
di Circoscrizione Aeroportuale (D.C.A.), con esclusione del primo
rilascio per gli
assistenti di volo che continua ad essere effettuato
a cura del Servizio Licenze Aeronautiche.ഊOPV-10 pag. 2 di
11
R.A.I.
3. RIFERIMENTI
I documenti di riferimento utilizzati per la
stesura della presente circolare sono:
•Annesso 9 –
ICAO
•DPR n°566/1988 art. 7
4. DECORRENZA
Il nuovo modello di
C.M.E. entra in vigore dalla data di emanazione della
presente
circolare.
Per consentire alle D.C.A. di predisporre gli
strumenti attuativi in sede locale, il
decentramento del rilascio dei
C.M.E. decorre dal 1°aprile 2002.
5. RILASCIO DEL C.M.E.
Il fac-simile
del nuovo modello di C.M.E. è riportato nell’Allegato 1.
Come è
stato accennato in Premessa, il C.M.E. può essere rilasciato alle
seguenti
categorie di personale:
a – piloti (comandante o
pilota);
b – tecnici di volo;
c – assistenti di volo.
Tali
categorie hanno diritto al C.M.E. se impiegati da una Società titolare
di licenza di
esercizio rilasciata dall’ENAC per operare nel
trasporto pubblico di passeggeri o merci
(TPP/TPM).
6. COMANDANTI,
PILOTI E TECNICI DI VOLO
Il C.M.E. dei comandanti, piloti e tecnici di
volo viene rilasciato dalle Direzioni di
Circoscrizione Aeroportuale
alle Società, titolari di licenza di esercizio rilasciata
dall’ENAC per
operazioni TPP/TPM, che hanno basi operative sul
territorio di competenza della D.C.A. stessa.
Il fac-simile per la
domanda che la Società deve presentare è esposto nell’Allegato
2. A
tale domanda, da produrre in bollo, devono essere allegati i
seguenti documenti:
•n° 1 marca da bollo di Euro 10.33
(Lit.20.000);
•n° 1 foto tessera;
•il C.M.E. precedente in
caso di cambio qualifica da pilota a comandante;
•fotocopia del
C.M.E. precedente in caso di cambio di Società di
appartenenza;
•fotocopia documento di identità
dell’interessato;
•attestazione di versamento delle
tariffe di cui al Regolamento per le Tariffe ENAC,
da quando
applicabile.
Le modalità per la compilazione del C.M.E. sono descritte
nel paragrafo 10.ഊOPV-10 pag. 3 di 11
R.A.I.
7. ASSISTENTI DI
VOLO
Agli assistenti di volo, il C.M.E. viene rilasciato la prima
volta dal Servizio Licenze
Aeronautiche, che rilascia allo stesso
personale l’attestato per i servizi di pronto soccorso e
di
emergenza.
Il fac-simile per la domanda che la Società deve
presentare è esposto nell’Allegato 2. A
tale domanda da produrre
in bollo vanno allegati gli stessi documenti indicati al
paragrafo
precedente.
Le modalità per la compilazione del C.M.E. sono
descritte nel paragrafo 10.
8. SOSTITUZIONE DEL C.M.E.
Per tutte le
categorie considerate, le situazioni che impongono la sostituzione del
C.M.E.
sono le seguenti:
•il titolare di C.M.E. viene impiegato
da una Società diversa da quella attraverso la
quale gli era stato
rilasciato il Certificato stesso;
•per i piloti,
nell’ambito della stessa Società, il passaggio della funzione di
copilota a
quello di comandante.
In entrambi i casi la sostituzione
del C.M.E. viene effettuata dalla D.C.A. sul cui territorio
opera la
Società che impiega il titolare.
Esempio 1°: se l’assistente di
volo sig.ra ROSSI impiegata dalla Società X operante sul
territorio
della D.C.A. di Firenze cambia operatore e trova impiego presso la
Società Y sul
territorio della D.C.A. di Venezia, la procedura di
sostituzione è la seguente:
•La Società Y chiede alla D.C.A. di
Venezia, un nuovo C.M.E. per l’assistente di volo
sig.ra ROSSI
sulla base del nuovo rapporto di lavoro, fornendo fotocopia del
C.M.E.
precedentemente posseduto;
•La Società X riconsegna il
C.M.E. della sig.ra ROSSI alla D.C.A. di Firenze che a
suo tempo lo ha
rilasciato.
Esempio 2° se il pilota sig. NERI impiegato dalla Società
X operante sul territorio della
D.C.A. di Firenze passa dalla
qualifica di pilota a quella di comandante per nomina da parte
della
stessa Società X , questa chiede alla D.C.A. di Firenze un nuovo
C.M.E. per il sig. NERI.
All’atto della richiesta la Società X
riconsegna il C.M.E. del sig. NERI alla D.C.A. di
Firenze che a suo
tempo lo ha rilasciato.
9. RILASCIO DUPLICATO
Il duplicato di C.M.E.
può essere richiesto in caso di deterioramento o
perdita
dell’originale.ഊOPV-10 pag. 4 di 11
R.A.I.
Il
duplicato di C.M.E. deve essere richiesto alla stessa struttura ENAC
centrale o
periferica che a suo tempo lo ha rilasciato. Il C.M.E.
deteriorato va comunque reso, mentre la
perdita del C.M.E. va
denunciata alle Autorità di Pubblica Sicurezza competenti.
Sul nuovo
C.M.E. va apposta la notazione “DUPLICATO” con la data di
rilascio del
Certificato originale e quella di emissione del
duplicato.
Il fac-simile per la domanda che la Società deve presentare
è esposto nell’Allegato 3. A
tale domanda da produrre in bollo
devono essere allegati i seguenti documenti:
– n. 1 marca da bollo di
Euro 10.33 (LIT.20.000);
– n. 1 foto tessera;
– fotocopia documento di
identità interessato;
– il certificato deteriorato o copia della
denuncia di smarrimento;
– attestazione di versamento delle tariffe di
cui al Regolamento per le Tariffe ENAC, da
quando applicabile.
10.
MODALITA’ DI COMPILAZIONE
Il modello di C.M.E. finora impiegato,
il cui rilascio avveniva sempre tramite il Servizio
Licenze
Aeronautiche, per esaurimento degli stampati disponibili e per la
necessaria modifica
editoriale conseguente alla avvenuta creazione
dell’ENAC, viene modificato come illustrato nel
già citato
Allegato 1.
Il modello, rinnovato nella veste grafica e contenente i
dati e le informazioni previste
dall’Annesso 9 ICAO, è di
dimensioni 13×9 cm (formato passaporto).
Le modalità di compilazione
sono le seguenti:
a) FRONTE
Oltre ai dati relativi alla
identificazione personale ed alla firma dell’intestatario,
questa
facciata riporta il numero d’ordine di rilascio, che deve
essere preceduto dalla sigla di
identificazione della struttura ENAC
che emette il C.M.E.
Tale sigla, come appare nell’elenco in
Allegato 4, associa ad ogni D.C.A. la
denominazione triletterale IATA
che identifica l’aeroporto ove questa è localizzata. Per
il
Servizio Licenze Aeronautiche, si utilizza la sigla SLA.
Ogni
D.C.A. ed il Servizio Licenze Aeronautiche dovranno pertanto dotarsi
di un registro
dove riportare i C.M.E. rilasciati.
La foto del
titolare del C.M.E. va annullata con timbro a secco.
Esempio di
numerazione: MXP-001 sarà il numero che identifica il primo C.M.E.
rilasciato
dalla D.C.A. di Malpensa ad un comandante, pilota, tecnico
di volo o assistente di volo.
Nota: il sistema di numerazione
sopraindicato è temporaneo, esso sarà modificato in un
sistema univoco
a seguito dell’introduzione della procedura informatica di
emissione di licenze,
attestati e certificati, di prossima
introduzione.ഊOPV-10 pag. 5 di 11
R.A.I.
b) RETRO
I riquadri
superiori devono contenere: la denominazione dell’operatore che
richiede il
rilascio di C.M.E. per il proprio personale e la funzione
svolta dal titolare di bordo, come
specificato nella domanda.
La parte
inferiore dovrà contenere:
•il luogo di rilascio del C.M.E.(es.
Roma, Milano Malpensa, Bari,ecc.);
•la data di
rilascio;
•il nominativo e la firma del Direttore di
Aeroporto;
•una marca da bollo da EURO 10.33 (LIT.20.000), che
va annullata;
•il timbro dell’ENAC.
La struttura ENAC
emittente avrà cura di verificare presso il Servizio Albo Gente
dell’Aria
la sussistenza dei requisiti di iscrizione
all’Albo dell’intestatario del C.M.E. da rilasciare.
6.
PRECAUZIONI
Per motivi di sicurezza si prescrive quanto segue:
La
domanda di rilascio, sostituzione o duplicato di C.M.E. deve essere
firmata dal
responsabile della Società di appartenenza
dell’interessato (Accountable Manager), ovvero dal
responsabile
delle operazioni di volo (Direttore Operativo o Post Holder Flight
Operations),
ovvero dal Direttore del Personale o da un loro delegato
il cui nominativo sia stato
preventivamente notificato all’ENAC.
Le firme di tale personale devono essere depositate
presso la D.C.A.
competente.
La firma sulla domanda deve essere leggibile e deve essere
indicato il nominativo di chi la
appone;
La Società che impiega il
personale navigante per il quale ha richiesto il rilascio del
C.M.E. è
responsabile nei confro…

[Continua nel file zip allegato]

Architetto.info