Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Aeromobili di costruzione amatoriale registrati in Paesi dell’Un...

Aeromobili di costruzione amatoriale registrati in Paesi dell’Unione Europea.

ENTE NAZIONALE PER L’AVIAZIONE CIVILE

Oggetto: Aeromobili di
costruzione amatoriale registrati in Paesi dell’Unione
Europea.

1. PREMESSA
Ai sensi dell’articolo 39 della
Convenzione di Chicago i certificati di navigabilità, emessi per gli
aeromobili per i quali non è integralmente applicato uno standard
internazionale, devono recare una corrispondente annotazione.

In tali
casi l’articolo 40 della stessa Convenzione, ai fini del sorvolo
del territorio degli Stati diversi da quello di registrazione di detti
aeromobili, prevede che lo Stato sorvolato dia preventivo permesso per
il sorvolo del proprio spazio aereo.

Gli aeromobili di costruzione
amatoriale ricadono di norma nelle previsioni di suddetti articoli, in
quanto, pur rispondendo la costruzione a criteri generali di
sicurezza, essa non è soggetta all’applicazione di specifici
standard internazionali.

La raccomandazione ECAC n. INT.S/11-1 del
giugno 1980 invita ogni Stato membro a consentire la navigazione sul
proprio territorio di questi aeromobili, registrati in un altro Stato
membro, senza limitazioni aggiuntive oltre quelle riportate nel
certificato di navigabilità o permit to fly.

2. SCOPO
Lo scopo della
presente circolare è di attuare la raccomandazione ECAC per gli
aeromobili di costruzione amatoriale registrati in Paesi con i quali
esistono consolidate e comuni garanzie in materia di certificazione di
aeronavigabilità. A tal fine sono semplificate le procedure di
autorizzazione per il sorvolo dello spazio aereo e per lo scalo sugli
aeroporti ed aviosuperfici nazionali.

3. APPLICABILITA’
La
presente circolare si applica agli aeromobili di costruzione
amatoriale registrati nei paesi dell’Unione
Europea.

4. PERMESSO DI SORVOLO E SCALO
Gli aeromobili di costruzione
amatoriale, muniti di certificato di navigabilità speciale, permit to
fly o documento equivalente, registrati nei paesi dell’Unione
Europea sono ammessi alla navigazione sul territorio italiano senza il
preventivo permesso dell’Ente Nazionale Aviazione Civile, purché
siano rispettate le condizioni di seguito riportate.

5. CONDIZIONI
Le
operazioni di sorvolo dello spazio aereo e scalo sul territorio
nazionale sono consentite agli aeromobili di costruzione amatoriale
registrati in uno dei Paesi membri dell’Unione Europea a
condizione che:

a) siano dotati di un certificato di navigabilità,
permit to fly o documento equivalente in corso di validità;
b) vengano
impiegati in accordo alle limitazioni stabilite da uno dei documenti
di navigabilità sopra citati;
c) siano assicurati per danni a terzi
sulla superficie e per i trasportati;
d) osservino le norme nazionali
sulla circolazione aerea e le procedure pubblicate nelle previste
informazioni aeronautiche (AIP-Italia e Notam);
e) non sorvolino
centri abitati o assembramenti di persone;
f) non effettuino attività
remunerate di trasporto pubblico, lavoro aereo, scuola;
g) gli
eventuali passeggeri vengano preventivamente informati che
l’aeromobile è di costruzione amatoriale.

6. ENTRATA IN VIGORE
Il
contenuto della presente circolare è portato a conoscenza dei soggetti
internazionali interessati mediante la pubblicazione nella sezione
generale dell’AIP-Italia ed entra in vigore alla data della sua
pubblicazione.

IL DIRETTORE GENERALE
AVV. PIERLUIGI DI
PALMA

Architetto.info