Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Disposizioni sulla lotta obbligatoria contro la cocciniglia di S. Jos...

Disposizioni sulla lotta obbligatoria contro la cocciniglia di S. Josè 'Comstokaspis perniciosa Comst.'

DECRETO 17 aprile 1998.
Disposizioni sulla lotta obbligatoria contro
la cocciniglia di S. Josè “Comstokaspis perniciosa Comst.”

Gazzetta
Ufficiale n. 125 del 01-06-1998

IL MINISTRO PER LE POLITICHE AGRICOLE

Vista la legge 18 giugno 1931, n. 987, recante disposizioni per la

difesa delle piante coltivate e dei prodotti agrari dalle cause

nemiche e sui relativi servizi e successive modificazioni;
Visto il
regolamento per l’applicazione della predetta legge,
approvato con
regio decreto 12 ottobre 1933, n. 1700, e modificato
con regio
decreto 2 dicembre 1937, n. 2504;
Vista la direttiva n. 77/93/CEE del
Consiglio del 21 dicembre 1976,
concernente le misure di protezione
contro l’introduzione negli Stati
membri di organismi nocivi ai
vegetali o ai prodotti vegetali, e
successive modificazioni;
Visto
il decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n.
616, in
virtu’ del quale e’ stata confermata allo Stato la
determinazione
degli interventi obbligatori in materia fitosanitaria
(art. 71, comma
1, lettera c);
Visto il decreto legislativo n. 536 del 30 dicembre
1992 che, in
attuazione della direttiva 91/683/CEE, istituisce il
servizio
fitosanitario nazionale;
Visto il decreto ministeriale 31
gennaio 1996, pubblicato nel
supplemento ordinario alla Gazzetta
Ufficiale della Repubblica
italiana n. 41 del 19 febbraio 1996,
concernente le misure di
protezione contro l’introduzione e la
diffusione nel territorio della
Repubblica italiana di organismi
nocivi ai vegetali o ai prodotti
vegetali e successive modificazioni;

Visto il decreto legislativo 4 giugno 1997, n. 143, recante:

“Conferimento alle regioni delle funzioni amministrative in materia

di agricoltura e pesca e riorganizzazione dell’amministrazione

centrale”;
Visto il decreto ministeriale 18 maggio 1971 recante
disposizioni
sulla lotta obbligatoria alla cocciniglia di S. Jose’
(Comstokaspis
perniciosa Comst.);
Considerato che la cocciniglia di
S. Jose’ (Comstokaspis perniciosa
Comst.) e’ un fitofago endemico in
Italia ma molto diffuso anche nel
bacino del Mediterraneo ed in
Europa;
Rilevato che il fitofago non e’ piu’ considerato un parassita
da
quarantena in Italia e nella Comunita’ europea;
Ritenuto
opportuno ricorrere ad idonei interventi di difesa
qualora, in
particolari condizioni ecologiche ed agroambientali, si
verifichi una
pericolosa diffusione del fitofago;
Udito il parere espresso dal
Consiglio superiore dell’agricoltura e
delle foreste nell’adunanza
del 13 febbraio 1998 sullo schema di
decreto ministeriale concernente
la lotta obbligatoria contro la
cocciniglia di S. Jose’ (Comstokaspis
perniciosa Comst.);

Decreta:
Art. 1.

La lotta contro la
cocciniglia di San Jose’ (Comstokaspis
perniciosa Comst.) e’
obbligatoria su tutto il territorio della
Repubblica italiana nelle
aree in cui la presenza dell’insetto
minacci seriamente la
produttivita’ o la sopravvivenza delle colture
agrarie, ornamentali o
forestali.

Art. 2.

Le aree di cui all’art. 1 sono da individuare
in:
a) vivai di piante fruttifere destinate alla costituzione di

frutteti, nonche’ le parti di dette piante impiegate come materiale

da riproduzione;
b) vivai di piante arbustive ornamentali, nonche’
le parti di dette
piante impiegate come materiale da riproduzione;

c) vivai di piante arboree destinate alla costituzione di colture

specializzate da legno, nonche’ le parti di dette piante impiegate

come materiale da riproduzione;
d) frutteti abbandonati o piante
ospiti del parassita trascurate e
poste in situazioni tali da poter
divenire fonte di pullulazione del
fitofago.

Art. 3.

La
necessita’ degli interventi dovra’ essere accertata dai servizi

fitosanitari regionali i quali determineranno le aree contaminate e,

secondo la gravita’ dell’infestazione, indicheranno i metodi per il

controllo del fitofago o imporranno la distruzione delle piante

colpite.

Art. 4.

E’ vietato il commercio, su tutto il territorio
nazionale, di
piante, parti di piante e legname infestati dal
fitofago.

Art. 5.

Il decreto ministeriale 18 maggio 1971, citato
nelle premesse, e’
abrogato.

Art. 6.

Fatta salva l’applicazione
dell’art. 500 del codice penale, e’
facolta’ delle regioni stabilire
sanzioni amministrative per gli
inadempienti alle disposizioni di cui
al presente decreto.

Art. 7.

Il presente decreto, dopo la
registrazione alla Corte dei conti,
sara’ pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana
ed entrera’ in vigore il giorno
successivo alla sua pubblicazione.
Roma, 17 aprile 1998
Il Ministro:
Pinto
Registrato alla Corte dei conti il 14 maggio 1998
Registro n.
1 Politiche agricole, foglio n. 156

Architetto.info