Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Istituzione e ordinamento della Cassa nazionale di previdenza ed assis...

Istituzione e ordinamento della Cassa nazionale di previdenza ed assistenza per gli ingegneri ed architetti.

INGEGNERE, ARCHITETTO E GEOMETRA
C) Previdenza per gli ingegneri e gli architetti
L. 4 marzo 1958, n. 179 (1).

Istituzione e ordinamento della Cassa
nazionale di previdenza ed assistenza per gli
ingegneri ed architetti.

Artt.
Capo I – Dell’istituzione e dell’ordinamento della
Cassa . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 – 19

Capo II – Della gestione finanziaria. . . . . . . . 20

Capo III – Del patrimonio. . . . . . . . . . . . . . 21 – 25

Disposizione transitoria. . . . . . . . . 26

Capo I – Dell’istituzione e dell’ordinamento della Cassa.

1. E’ istituita la Cassa nazionale di previdenza a favore
degli ingegneri e architetti. La Cassa di previdenza ha sede in
Roma ed ha personalit… giuridica di diritto pubblico.

2. La Cassa ha lo scopo di attuare un trattamento di pensione
di invalidit…, vecchiaia e superstiti a favore degli iscritti
nei limiti e con le modalit… stabiliti dall’art. 5 della
presente legge.
La Cassa inoltre pu• affidare ad Enti pubblici l’assistenza
malattia per i propri iscritti che ne facciano domanda,
stipulando apposita convenzione, purch‚ la copertura dei
relativi oneri sia a carico esclusivamente degli interessati e
senza che ne derivi un aggravio finanziario per la Cassa (2).

3. Sono iscritti alla Cassa tutti gli ingegneri ed
architetti che possono per legge esercitare la libera
professione.
A decorrere dal 1ø gennaio 1972 sono esclusi dalla iscrizione
alla Cassa gli ingegneri ed architetti iscritti a forme di
previdenza obbligatorie in dipendenza di un rapporto di lavoro
subordinato o comunque di altra attivit… esercitata (2/a).

4. Gli ingegneri ed architetti iscritti alla Cassa che
godono di altro trattamento di pensione in dipendenza di lavoro
prestato nel periodo di iscrizione alla Cassa medesima hanno
diritto all’integrazione del loro trattamento previdenziale,
qualora questo trattamento sia inferiore a quello stabilito
dalla Cassa per i propri iscritti.
Agli effetti della determinazione della integrazione sopra
prevista, le liquidazioni in capitale relative ad altro
trattamento previdenziale di cui al comma precedente verranno
computate in base ad un reddito del 6 per cento.
A coloro che non conseguiranno il diritto all’integrazione
competer… comunque un trattamento di previdenza corrispondente
ai versamenti individuali effettuati nella misura e con le
modalit… che stabilir… il regolamento di cui all’articolo
successivo.

5. Con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta
del Ministro per il lavoro e la previdenza sociale, sentito il
Comitato nazionale dei delegati, previsto dall’art. 8, entro due
anni dalla pubblicazione della presente legge dovr… essere
approvato il regolamento di attuazione della Cassa (3) nel
quale, tra l’altro, dovranno essere stabiliti:
a) le norme di applicazione dei contributi previsti
rispettivamente dagli artt. 23 e 24;
b) l’et… di pensionamento, i periodi di contribuzione
necessari alla maturazione del diritto e le modalit… di
liquidazione della pensione;
c) le condizioni relative al riconoscimento dell’invalidit…
permanente, nonch‚ quelle necessarie per assicurare la
reversibilit… della pensione ai familiari e precisamente al
coniuge superstite e figli legittimi, naturali, riconosciuti,
legittimati o adottati di et… inferiore ai 21 anni o, in
mancanza, ai genitori a carico;
d) le norme di trattamento preferenziale da adottare a
favore dei professionisti che abbiano, all’entrata in vigore
della presente legge superato i 50 anni.

5-bis. La Cassa presta l’assistenza sanitaria ai propri
iscritti e familiari a carico a termini di legge, con gestione e
contabilit… separate, a mezzo di convenzioni con enti pubblici
che gi… provvedono all’assistenza di malattia.
Al comitato dei delegati compete l’approvazione delle predette
convenzioni, predisposte dal consiglio di amministrazione e
stipulate dal presidente.
In ogni caso debbono essere garantite le cure ospedaliere sia
mediche che chirurgiche, nonch‚ gli accertamenti diagnostici e
di laboratorio (3/a).

5-ter. L’iscrizione alla gestione per l’assistenza sanitaria Š
obbligatoria per gli ingegneri ed architetti che non sono
assistiti da altra forma obbligatoria di assicurazione o
assistenza di malattia.
Le prestazioni spettano nei casi di malattia od infortunio
quando l’iscritto Š in regola con il versamento dei contributi.
Ai fondi occorrenti per l’assistenza malattia la Cassa
provvede mediante un contributo personale annuo a carico degli
iscritti alla gestione, nella misura stabilita dal comitato
nazionale dei delegati.
La misura del predetto contributo pu• essere variata con
deliberazione motivata, in relazione alle necessit… finanziarie
della gestione.
La riscossione da parte della Cassa di tale contributo
personale annuo Š effettuata direttamente, tramite apposito
conto corrente postale o con altre modalit… ritenute opportune,
ovvero avvalendosi della procedura di cui all’ultimo comma
dell’articolo 1 della presente legge (3/a).

6. Gli organi della Cassa sono:
a) il presidente;
b) il Comitato nazionale dei delegati;
c) il Consiglio di amministrazione;
d) la Giunta esecutiva;
e) il Collegio dei revisori dei conti.

7. Il presidente presiede il Consiglio di amministrazione e la
Giunta esecutiva; ha la rappresentanza legale della Cassa, al
cui funzionamento sovraintende esercitando tutte le funzioni a
lui demandate da leggi, decreti e regolamenti, dal Consiglio di
amministrazione e dalla Giunta esecutiva.
E’ coadiuvato nelle sue mansioni e sostituito in caso di
assenza o impedimento dal vice presidente.
Sia il presidente che il vice presidente durano in carica lo
stesso periodo di tempo del Consiglio di amministrazione e
possono essere rieletti.

8. Il Comitato nazionale dei delegati Š composto:
a) da un ingegnere per provincia eletto a maggioranza
assoluta di voti dagli ingegneri iscritti alla Cassa nell’ambito
di ciascuna provincia;
b) da un architetto per ogni regione eletto a maggioranza
assoluta di voti dagli architetti iscritti alla Cassa
nell’ambito di ciascuna regione.
Per la validit… dell’elezione di ogni membro Š necessario che
i votanti siano non meno di un terzo degli iscritti alla Cassa.
Per le modalit… di elezione valgono le norme di cui al decreto
legislativo luogotenenziale 23 novembre 1944, n. 382.
I membri del Comitato nazionale dei delegati durano in carica
tre anni e sono rieleggibili.

9. Il Comitato nazionale dei delegati ha le seguenti funzioni:
a) stabilire i criteri generali cui deve uniformarsi
l’amministrazione della Cassa;
b) esprimere il parere sul regolamento di esecuzione della
presente legge e sulle eventuali modificazioni;
c) approvare il regolamento interno della Cassa e le
eventuali successive modifiche;
d) eleggere ogni tre anni il Consiglio di amministrazione ed
i due revisori effettivi ed i due supplenti di sua competenza;
e) approvare il bilancio preventivo e consuntivo della
Cassa;
f) stabilire criteri generali per la stipulazione di
convenzioni con Enti pubblici intese ad assicurare l’assistenza
malattia agli iscritti alla Cassa che ne facciano domanda (4).

10. Il Comitato nazionale dei delegati Š convocato almeno una
volta all’anno, o quando sia richiesto da componenti che
rappresentino almeno un quarto degli iscritti, dal presidente
della Cassa mediante avviso contenente l’indicazione del giorno,
dell’ora e del luogo dell’adunanza nonch‚ l’elenco delle materie
da trattare.
L’avviso deve essere spedito a mezzo raccomandata quindici
giorni prima di quello fissato per l’adunanza.
L’adunanza Š valida in prima convocazione se interviene almeno
la met… dei delegati rappresentanti i tre quarti degli iscritti
alla Cassa.
In seconda convocazione, che dovr… tenersi il giorno
successivo, l’adunanza Š valida con qualsiasi numero degli
intervenuti, purch‚ sia rappresentata almeno la met… degli
iscritti alla Cassa.
Ciascun delegato ha diritto:
a) ad un voto se gli iscritti da lui rappresentati
raggiungono il numero di 50, o frazione di 50 e ad un altro voto
se il numero dei rappresentanti Š fra il 50 ed il 100;
b) oltre ai due voti indicati nella lettera precedente per i
primi 100, ad un altro voto per ogni 100 se gli iscritti non
superano il numero 500;
c) oltre ai voti indicati nelle lettere a) e b) per i primi
500 voti, ad un altro voto per ogni 200 o frazione di 200 se il
numero degli iscritti supera i 500.

11. Il Consiglio di amministrazione …

[Continua nel file zip allegato]

Architetto.info