AGENZIA DEL TERRITORIO - PROVVEDIMENTO 26 giugno 2012 | Architetto.info

AGENZIA DEL TERRITORIO – PROVVEDIMENTO 26 giugno 2012

AGENZIA DEL TERRITORIO - PROVVEDIMENTO 26 giugno 2012 - Modalita' di presentazione, per via telematica, dell'atto di surrogazione di cui all'art. 120-quater del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385. (12A07304) - (GU n. 148 del 27-6-2012 )

AGENZIA DEL TERRITORIO

PROVVEDIMENTO 26 giugno 2012

Modalita’ di presentazione, per via telematica, dell’atto di
surrogazione di cui all’art. 120-quater del decreto legislativo 1°
settembre 1993, n. 385. (12A07304)

IL DIRETTORE DELL’AGENZIA DEL TERRITORIO

di concerto con

IL DIRETTORE GENERALE
DELLA GIUSTIZIA CIVILE
del Ministero della giustizia

Visto l’articolo 1202 del codice civile;
Vista la legge 27 febbraio 1985, n. 52, recante “Modifiche al libro
sesto del codice civile e norme di servizio ipotecario, in
riferimento all’introduzione di un sistema di elaborazione automatica
nelle conservatorie dei registri immobiliari;
Visto l’art. 120-quater del decreto legislativo 1° settembre 1993,
n. 385, concernente “Surrogazione nei contratti di finanziamento.
Portabilita’”, come modificato, da ultimo, dal decreto legge 13
maggio 2011, n. 70, convertito, con modificazioni, dalla legge 12
luglio 2011, n. 106;
Visti gli articoli 3-bis, 3-ter e 3-sexies del decreto legislativo
18 dicembre 1997, n. 463, come novellati dall’art. 1 del decreto
legislativo 18 gennaio 2000, n. 9, riguardanti l’utilizzazione di
procedure telematiche per gli adempimenti in materia di
registrazione, di trascrizione, di iscrizione, di annotazione e di
voltura degli atti relativi a diritti sugli immobili;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 18 agosto 2000, n.
308, recante il regolamento per l’utilizzazione di procedure
telematiche per gli adempimenti tributari in materia di atti
immobiliari;
Visto il decreto 13 dicembre 2000, emanato dal Direttore generale
del Dipartimento delle entrate e dal Direttore generale del
Dipartimento del territorio del Ministero delle finanze, di concerto
con il Direttore generale del Dipartimento degli affari civili e
delle libere professioni del Ministero della Giustizia, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale 29 dicembre 2000, n. 302, concernente
l’utilizzazione delle procedure telematiche per gli adempimenti in
materia di atti immobiliari e l’approvazione del modello unico
informatico e delle modalita’ tecniche necessarie per la trasmissione
dei dati;
Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante il
codice in materia di protezione dei dati personali;
Visto il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive
modificazioni, concernente il codice dell’amministrazione digitale;
Visto l’art. 1, comma 3, del decreto-legge 10 gennaio 2006, n. 2,
convertito, con modificazioni, dalla legge 11 marzo 2006, n. 81, il
quale prevede che, con provvedimento interdirigenziale dei Direttori
delle Agenzie delle entrate e del territorio, di concerto con il
Ministero della giustizia, sono stabiliti i termini e le modalita’
della progressiva estensione delle procedure telematiche di cui
all’art. 3-bis del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 463, a
tutti i soggetti, nonche’ a tutti gli atti, incluse la registrazione
di atti e denunce, la presentazione di dichiarazioni di successione,
le trascrizioni, iscrizioni e annotazioni nei registri immobiliari e
alle volture catastali, da qualunque titolo derivanti, ed inoltre le
modalita’ tecniche della trasmissione del titolo per via telematica,
relative sia alla prima fase di sperimentazione, che a quella di
regime;
Visto il provvedimento interdirigenziale 6 dicembre 2006,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 288 del 12 dicembre 2006,
emanato dal Direttore dell’Agenzia del territorio e dal Direttore
dell’Agenzia delle entrate, di concerto con il Capo del Dipartimento
per gli Affari di giustizia del Ministero della giustizia,
riguardante l’estensione delle procedure telematiche per gli
adempimenti in materia di registrazione, trascrizione, iscrizione,
annotazione e voltura ad ulteriori tipologie di atti e di soggetti;
Visto il provvedimento interdirigenziale 30 aprile 2008, pubblicato
in Gazzetta Ufficiale n. 109 del 10 maggio 2008, emanato dal
Direttore dell’Agenzia del territorio e dal Direttore dell’Agenzia
delle entrate di concerto con il capo del Dipartimento per gli Affari
di giustizia del Ministero della giustizia, con il quale sono state
approvate le specifiche tecniche per gli adempimenti in materia di
registrazione, trascrizione, iscrizione, annotazione e voltura;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 marzo
2009, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 129 del 6 giugno 2009,
che definisce le regole tecniche in materia di generazione,
apposizione e verifica delle firme digitali e validazione temporale
dei documenti informatici;
Visto il decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 110, recante
disposizioni in materia di atto pubblico informatico redatto dal
notaio;
Visto il provvedimento interdirigenziale 21 dicembre 2010,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 28 dicembre 2010,
emanato dal Direttore dell’Agenzia del territorio di concerto con il
Capo del Dipartimento per gli Affari di giustizia del Ministero della
giustizia, con il quale e’ stato attivato, a titolo sperimentale, il
regime transitorio di facoltativita’ della trasmissione per via
telematica del titolo da presentare al conservatore dei registri
immobiliari nell’ambito delle procedure telematiche di cui all’art.
3-bis del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 463;
Visto il provvedimento interdirigenziale 8 settembre 2011,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 213 del 13 settembre 2011,
emanato dal Direttore dell’Agenzia del territorio di concerto con il
Capo del Dipartimento per gli Affari di giustizia del Ministero della
giustizia, con il quale e’ stato esteso ad ulteriori uffici il regime
transitorio di facoltativita’ della trasmissione per via telematica
del titolo da presentare al conservatore dei registri immobiliari;
Considerata l’esigenza di emanare il provvedimento previsto
dall’art. 120-quater, comma 3, del decreto legislativo 1° settembre
1993, n. 385, per stabilire le modalita’ di presentazione, per via
telematica, dell’atto di surrogazione.

Dispongono:

Art. 1

Definizioni

1. Ai fini del presente provvedimento sono adottate le seguenti
definizioni:
a) intermediario originario: la banca o l’intermediario
finanziario con il quale e’ in essere il finanziamento oggetto di
surroga ai sensi dell’art. 120-quater del decreto legislativo 1°
settembre 1993, n. 385;
b) intermediario subentrante: la banca o l’intermediario
finanziario che concede un mutuo finalizzato all’estinzione del
finanziamento erogato dall’intermediario originario;
c) debitore: il soggetto finanziato che esercita la facolta’ di
surrogazione di cui all’articolo 1202 del codice civile;
d) atto di mutuo: l’atto con il quale e’ erogato il mutuo
dall’intermediario subentrante e nel quale e’ indicata espressamente
la specifica destinazione della somma mutuata;
e) quietanza: la quietanza rilasciata dall’intermediario
originario, nella quale e’ menzionata la dichiarazione del debitore
circa la provenienza della somma impiegata nel pagamento;
f) atto di surrogazione: l’atto di cui all’art. 120-quater del
decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385 con il quale il
debitore dichiara di voler surrogare l’intermediario subentrante nei
diritti dell’intermediario originario.

Art. 2

Ambito di applicazione

1. Le disposizioni di cui al presente provvedimento si applicano,
ai sensi dell’art. 120-quater del decreto legislativo 1° settembre
1993, n. 385, ai contratti di finanziamento conclusi da banche o
intermediari finanziari con persone fisiche o micro-imprese, come
definite dall’articolo 1, comma 1, lettera t), del decreto
legislativo 27 gennaio 2010, n. 11, nonche’ ai finanziamenti concessi
da enti di previdenza obbligatoria ai loro iscritti.

Art. 3

Presentazione dell’atto di surrogazione

1. I notai possono avvalersi delle procedure previste dagli
articoli 3-bis, 3-ter e 3-sexies del decreto legislativo 18 dicembre
1997, n. 463, secondo le modalita’ di cui al provvedimento
interdirigenziale 21 dicembre 2010, per la presentazione al
conservatore dei registri immobiliari dell’atto di surrogazione
presso gli Uffici provinciali ove e’ attiva la trasmissione
telematica del titolo.
2. L’atto di surrogazione, se stipulato per atto pubblico, puo’
contenere, per dichiarazione del notaio rogante, l’attestazione che
si sono verificate le condizioni, relative al mutuo e all’intervenuta
quietanza, affinche’ la surrogazione abbia effetto.
3. La trasmissione telematica riguarda la copia autentica
dell’atto, integralmente predisposta con strumenti informatici e
l’impiego della firma digitale prevista dall’articolo 23-bis della
legge 16 febbraio 1913, n. 89.
4. Rimane ferma la possibilita’ di richiedere al conservatore
l’annotazione di surrogazione con le modalita’ ordinarie.

Art. 4

Specifiche tecniche

1. Le specifiche tecniche riportate in allegato al provvedimento
interdirigenziale 30 aprile 2008 sono utilizzate anche per la
trasmissione telematica dei titoli di cui al presente provvedimento.

Art. 5

Entrata in vigore

1. Il presente provvedimento entra in vigore il giorno successivo
alla sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
Roma, 26 giugno 2012

Il direttore generale
dell’Agenzia del territorio
Alemanno
Il direttore generale
della giustizia civile
del Ministero della giustizia
Saragnano

AGENZIA DEL TERRITORIO – PROVVEDIMENTO 26 giugno 2012

Architetto.info