AGENZIA DELLE ENTRATE | Architetto.info

AGENZIA DELLE ENTRATE

AGENZIA DELLE ENTRATE - PROVVEDIMENTO 19 marzo 2002: Approvazione di n. 13 modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione degli studi di settore relativi alle attivita' economiche delle manifatture, del commercio, dei servizi e delle attivita' professionali da utilizzare per il periodo d'imposta 2001. (GU n. 98 del 27-4-2002- Suppl. Ordinario n.90)

AGENZIA DELLE ENTRATE

PROVVEDIMENTO 19 marzo 2002

Approvazione di n. 13 modelli per la comunicazione dei dati
rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore relativi
alle attivita’ economiche delle manifatture, del commercio, dei
servizi e delle attivita’ professionali da utilizzare per il periodo
d’imposta 2001.

IL DIRETTORE DELL’AGENZIA

In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei
riferimenti normativi
Dispone:

1. Approvazione dei modelli
1.1 Sono approvati, unitamente alle relative istruzioni, gli
annessi modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini
dell’applicazione degli studi di settore, che costituiscono parte
integrante della dichiarazione dei redditi da presentare con il
modello Unico 2002, anche in forma unificata. Tali modelli devono
essere compilati dai contribuenti, ai quali si applicano gli studi di
settore, che nel periodo d’imposta 2001, hanno esercitato in via
prevalente una delle seguenti attivita’ economiche nel settore delle
manifatture, del commercio, dei servizi e delle attivita’
professionali:
a) Lavorazione e trasformazione del vetro piano, codice di
attivita’ 26.12.0; Lavorazione e trasfor-mazione del vetro cavo,
codice di attivita’ 26.15.1; Lavorazione di vetro a mano e a soffio,
codice di attivita’ 26.15.2; Fabbricazione e lavorazione di altro
vetro (vetro tecnico e industriale per altri la-vori) codice di
attivita’ 26.15.3; Studio di settore SD28U;
b) Edizione di libri, opuscoli, libri di musica e altre
pubblicazioni, codice di attivita’ 22.11.0; Edizione di riviste e
periodici codice di attivita’ 22.13.0; Altre edizioni, codice di
attivita’ 22.15.0; Altre stampe di arti grafiche, codice di attivita’
22.22.0; Rilegatura e finitura di libri, codice di attivita’ 22.23.0;
Composizione e fotoincisione, codice di attivita’ 22.24.0; Altri
servizi connessi alla stampa, codice di attivita’ 22.25.0; Studio di
settore SD35U;
c) Fabbricazione di tubi di ghisa codice di attivita’ 27.21.0;
Stiratura a freddo, codice di attivita’ 27.31.0;
Laminazione a freddo di nastri, codice di attivita’ 27.32.0;
Profilatura mediante formatura e piegatu-ra a freddo, codice di
attivita’ 27.33.0; Trafilatura, codice di attivita’ 27.34.0; Altre
attivita’ di prima trasformazione del ferro e dell’acciaio n.c.a.;
produzione di ferroleghe non CECA, codice di attivita’ 27.35.0;
Fusione di ghisa, codice di attivita’ 27.51.0; Fusione di acciaio,
codice di attivita’ 27.52.0; Fusione di altri metalli non ferrosi,
codice di attivita’ 27.54.0; Studio di settore SD36U;
d) Fabbricazione di carta e cartoni ondulati e di imballaggi di
carta e cartone, codice di attivita’ 21.21.0; Fabbricazione di
prodotti cartotecnici, codice di attivita’ 21.23.0; Fabbricazione di
altri articoli di carta e cartone n.c.a., codice di attivita’
21.25.0; Studio di settore SD47U;
e) Commercio all’ingrosso di medicinali, codice di attivita’
51.46.1; Commercio all’ingrosso di articoli medicali ed ortopedici,
codice di attivita’ 51.46.2; Studio di settore SM23U;
f) Commercio all’ingrosso di orologi e gioielleria, codice di
attivita’ 51.47.5; Studio di settore SM31U;
g) Commercio al dettaglio di fiori, piante e sementi, codice di
attivita’ 52.48.C; Studio di settore SM40A;
h) Consulenza per installazione di elaboratori elettronici, codice
di attivita’ 72.10.0; Fornitura di soft-ware e consulenza in materia
di informatica, codice di attivita’ 72.20.0; Elaborazione elettronica
dei dati, codice di attivita’ 72.30.0; Attivita’ delle banche di
dati, codice di attivita’ 72.40.0; Manutenzione e riparazione di
macchine per ufficio e di elaboratori elettronici, codice di
attivita’ 72.50.0; Servizi di telematica, robotica, e idomatica,
codice di attivita’ 72.60.1; Altri servizi connessi all’informatica,
codice di attivita’ 72.60.2; Studio di settore SG66U;
i) Movimento merci relativo a trasporti terrestri, codice di
attivita’ 63.11.3; Magazzini di deposito e custodia, codice di
attivita’ 63.12.1; Studio di settore SG73A;
j) Spedizionieri e agenzie di operazioni doganali, codice di
attivita’ 63.40.1; Intermediari dei trasporti, codice di attivita’
63.40.2; Attivita’ di corriere diverse da quelle postali nazionali,
codice di attivita’ 64.12.0; Studio di settore SG73B;
k) Installazione di impianti elettrici, codice di attivita’
45.31.0; Lavori di isolamento, codice di attivita’ 45.32.0;
Installazione di impianti idraulico sanitari, codice di attivita’
45.33.0; Altri lavori di instal-lazione, codice di attivita’ 45.34.0;
Posa in opera di infissi in legno o in metallo, codice di attivita’
45.42.0; Studio di settore SG75U;
l) Studi medici generici convenzionati col s.s.n; codice di
attivita’ 85.12.1; Altri studi medici generici, codice di attivita’
85.12.2; Studi di radiologia e radioterapia, codice di attivita’
85.12.4; Prestazioni sanitarie svolte da chirurghi, codice di
attivita’ 85.12.A; Studi medici e poliambulatori specialistici,
codice di attivita’ 85.12.B; Studio di settore SK10U;
m) Servizi veterinari, codice di attivita’ 85.20.0; Studio di
settore SK22U; 1.2 I modelli di cui al punto 1 sono predisposti in
duplice versione per la compilazione in lire o in euro.
1.3 I modelli di cui al punto 1 possono essere altresi’ utilizzati
dai soggetti che svolgono una delle pre-dette attivita’ economiche,
come attivita’ secondaria, per la quale abbiano tenuto annotazione
separa-ta dei componenti rilevanti ai fini dell’applicazione degli
studi di settore.
1.4 Sono altresi’ approvate le istruzioni per la compilazione dei
predetti modelli che integrano quelle relative alla compilazione dei
questionari per gli studi di settore approvati con il decreto del
Ministro delle Finanze 5 dicembre 1997 e con i decreti del Direttore
Generale del Dipartimento delle Entrate 10 agosto 1998, 26 novembre
1999 e 23 ottobre 2000.
1.5 Per la stampa dei modelli di cui al punto 1 deve essere
utilizzato il colore nero su sfondo bianco.
2. Caratteristiche tecniche per la stampa dei modelli
2.1 I soggetti che si avvalgono di sistemi informatici per la
compilazione dei modelli approvati al punto 1, possono comunicare al
contribuente i dati relativi all’applicazione degli studi di settore,
utilizzan-do, in luogo dei predetti modelli, uno schema nel quale
vengono riportati tutti i dati contenuti nei modelli stessi esposti
nella sequenza prevista e con l’esatta indicazione del numero
progressivo; la denominazione e la descrizione dei campi possono
essere trascritti anche in forma abbreviata se tale modalita’ risulta
piu’ agevole. Qualora alcuni dati non siano presenti il codice degli
stessi dovra’ co-munque essere riportato con l’indicazione “0” (zero)
nella corrispondente casella oppure, ove risulti piu’ agevole, senza
alcuna indicazione. Vanno comunque riportati gli zeri prestampati,
nel caso di compilazione del modello in lire, ovvero “,00” nel caso
di compilazione del modello in euro.
2.2 Lo schema di cui al punto 1 va riprodotto su stampati a
striscia continua di formato a pagina singola.
Le facciate di ogni modello devono essere tra loro solidali e
lungo i lembi di separazione di cias-cuna facciata deve essere
stampata l’avvertenza: “ATTENZIONE: DA NON STACCARE”. Le dimensioni
per il formato a pagina singola, esclusi gli spazi occupati dalle
bande laterali di trascinamento, possono variare entro i seguenti
limiti: larghezza minima cm 19,5 – massima cm 21,5; altezza minima cm
29,2 – massima cm 31,5.
2.3 I fogli che compongono lo schema devono essere privati delle
bande laterali di trascinamento.
2.4 La stampa deve essere effettuata su una sola facciata dei
fogli, lasciando in bianco il relativo retro.
2.5 I dati devono essere stampati usando il tipo di carattere
“courier”, o altro carattere a passo fisso con densita’ orizzontale
di 10 ctr per pollice e verticale di 6 righe per pollice.
3. Autorizzazione alla stampa e reperibilita’ dei modelli
3.1 E’ autorizzata, con le stesse caratteristiche richiamate nei
punti 1 o 2, la riproduzione e/o la contem-poranea compilazione
meccanografica dei modelli indicati nel punto 1, su fogli singoli di
formato A4, mediante l’utilizzo di stampanti laser o di altri tipi di
stampanti che comunque garantiscono la chiarezza e l’intelligibilita’
dei modelli nel tempo.
3.2 I modelli di cui al punto 1 sono resi disponibili
gratuitamente dal Ministero delle finanze in formato elettronico e
possono essere utilizzati prelevandoli dal sito Internet
www.agenziaentrate.it nel rispetto, in fase di stampa, delle
caratteristiche tecniche di cui ai punti 1 e 2.
3.3 I medesimi modelli possono essere altresi’ prelevati da altri
siti Internet, a condizione che gli stessi abbiano le caratteristiche
indicate nel comma precedente e rechino l’indirizzo del sito dal
quale sono stati prelevati nonche’ gli estremi del presente atto.
4. Modalita’ per la trasmissione dei dati
4.1 I modelli, debitamente compilati e sottoscritti, in base agli
artt. 5 e 6 dei decreti ministeriali concer-nenti l’approvazione
degli studi di settore relativi alle attivita’ economiche nel settore
delle manifat-ture, del commercio, dei servizi e delle attivita’
professionali devono essere trasmessi all’Ammini-strazione
finanziaria unitamente alla dichiarazione dei redditi.
4.2 La trasmissione dei dati deve essere effettuata direttamente
all’Agenzia delle Entrate attraverso il servizio telematico Entratel
o Internet, ovvero avvalendosi degli incaricati di…

[Continua nel file zip allegato]

AGENZIA DELLE ENTRATE

Architetto.info