AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA - CIRCOLARE 26 giugno 2002, n.18: Istruzioni per lo svolgimento dei controlli in campo relativi al regime di premio per i produttori di carni ovicaprine | Architetto.info

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA – CIRCOLARE 26 giugno 2002, n.18: Istruzioni per lo svolgimento dei controlli in campo relativi al regime di premio per i produttori di carni ovicaprine

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA - CIRCOLARE 26 giugno 2002, n.18: Istruzioni per lo svolgimento dei controlli in campo relativi al regime di premio per i produttori di carni ovicaprine - Campagna 2002. (GU n. 156 del 5-7-2002)

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA

CIRCOLARE 26 giugno 2002,
n.18

Istruzioni per lo svolgimento dei controlli in campo
relativi al
regime di premio per i produttori di carni ovicaprine
– Campagna
2002.

Agli Assessorati regionali
agricoltura
Agli Assessorati province autonome Trento e
Bolzano
Alle OO.PP. agricole:

Coldiretti
Confagricoltura

C.I.A.

Copagri
E.N.P.T.A.

Eurocoltivatori
A.L.P.A.

Fe.Na.P.I.

Coopagrival
U.G.C.

Coll. Naz. Periti Agrari
Coll. Naz.
Agrotecnici
Cons. dott. agronomi e forestali

F.Agr.I.

U.Na.P.I.
ANPA

All’Associazione italiana allevatori
Al Corpo
forestale dello Stato
Al Corpo forestale della regione
Siciliana
All’AGEA – Servizio tecnico
Al
Ministero delle politiche agricole e forestali – Direzione

generale delle politiche comunitarie e internazionali – Ufficio X

1. Riferimenti normativi.

Regolamento CE
2529/2001 del Consiglio del 19 dicembre 2001,
relativo
all’organizzazione comune dei mercati nel settore delle
carni
ovine e caprine.
Regolamento CE 2550/2001 della Commissione del
21 dicembre 2001,
recante modalita’ d’applicazione del regolamento
(CE) 2529/2001 del
Consiglio relativo all’organizzazione comune dei
mercati nel settore
delle carni ovine e caprine per quanto riguarda
i regimi di premi e
che modifica il regolamento 2419/2001, in materia
di sanzioni.
Regolamento CE 2419/2001 della Commissione dell’11
dicembre 2001
che fissa le modalita’ di applicazione del sistema
integrato di
gestione e di controllo relativo a taluni regimi di
aiuti comunitari
istituito dal regolamento (CEE) 3508/92 del
Consiglio.
Decreto del Ministero delle politiche agricole e
forestali del
19 marzo 2002 (Gazzetta Ufficiale 9 aprile 2002),
riguardante
modalita’ di applicazione in materia di premi ai
produttori di carni
ovine e caprine.
Direttiva del Consiglio
92/102/CEE, del 27 novembre 1992, con la
quale sono state impartite
disposizioni relative all’identificazione
e alla registrazione
degli animali, nonche’ le norme nazionali di
recepimento.
In
attuazione della suddetta normativa, comunitaria e nazionale,
con
le presenti istruzioni questa Agenzia provvede, per la campagna
2002,
ad impartire le modalita’ operative con particolare riferimento
alle
procedure per l’espletamento dei controlli e alle norme
da
seguire nella compilazione del verbale di controllo durante
il
sopralluogo nell’azienda.

2. Controlli in
campo.

2.1. Obiettivi del controllo in campo.
Per rendere piu’
agevole il lavoro dei soggetti preposti ai
controlli si
sottolinea che il controllo svolto in azienda persegue
le seguenti
finalita’:
determinare la consistenza del bestiame ovino
e/o caprino
(maschi, agnelli/capretti, femmine con eta’ maggiore a
dodici mesi);
determinare la consistenza delle femmine ovine
e/o caprine con
eta maggiore di dodici mesi;
verificare la
corretta identificazione dell’unita’ epidemiologica
nell’anagrafe
delle aziende ovinocaprine, gestita dal Ministero della
salute.
2.2.
Modalita’ operative del controllo in azienda.
Per agevolare le
operazioni, di seguito si riporta la “Check List”
indicativa delle
operazioni da effettuare nel corso del
sopralluogo.
=====================================================================

AZIONI |ESITO si|ESITO
no
=====================================================================
Identificare
il titolare della domanda di premio o | |
un suo
rappresentante, riportando gli estremi di un| |
documento negli
appositi spazi previsti nel verbale| si’ |
no
———————————————————————
Verificare
la corrispondenza dei dati anagrafici e | |
del codice
aziendale del produttore con quelli | |
riportati nel
verbale di controllo | si’ |
no
———————————————————————
Verificare
la presenza in azienda del “registro | |
aziendale”
correttamente compilato ed aggiornato | si’ |
no
———————————————————————
Verificare
la corrispondenza tra il numero di | |
animali constatati
fisicamente (maschi, femmine | |
sopra i 12 mesi,
agnelli/capretti) e la consistenza| |
risultante nel registro
aziendale | si’ |
no
———————————————————————
Verificare
il numero degli animali mancanti ma | |
notificati dal
produttore all’AGEA e agli organi | |
territorialmente
preposti al controllo nei termini | |
prescritti e cioe’ dieci
giorni da quando e’ stato | |
riscontrato l’evento da
addebitarsi a “circostanze | |
naturali” e/o a “cause di forza
maggiore” | si’ |
no
———————————————————————
Verificare
se il “gregge” e’ reperibile nella | |
localita’ indicata
nel verbale (ubicazione del | |
gregge nel periodo di cento
giorni o, localita’ di | |
transumanza)
| si’ |
no
———————————————————————
Riportare
il risultato del conteggio degli animali | |
di sesso femminile
e di eta’ superiore ai dodici | |
mesi, anche se superiore al
numero dei soggetti | |
richiesti a premio, nei campi
previsti per la | |
tipologia riscontrata (pecore con
agnelli leggeri, | |
pecore con agnelli pesanti, capre)
| si’ |
no
———————————————————————
Verificare
se il produttore commercializzi latte o | |
prodotti lattiero
caseari, direttamente o | |
indirettamente anche per
mezzo dell’esame | |
dell’eventuale documentazione
fiscale | si’ |
no
———————————————————————
Consentire
la registrazione di eventuali | |
dichiarazioni del
produttore negli appositi spazi | |
del verbale
| si’ |
no
———————————————————————
Indicare
la data e l’ora d’effettuazione del | |
controllo
| si’ |
no
———————————————————————
Rendere
noto il risultato del controllo oggettivo | |
in termini di
capi riscontrati | si’ |
no
———————————————————————
Far
sottoscrivere dal produttore o da un suo |
|
rappresentante il verbale di controllo | si’ |
no
———————————————————————
Annotare
sul registro aziendale data, firma e | |
timbro del
controllore che ha svolto il controllo | |
in azienda
| si’ | no

2.3. Le eccezioni.

2.3.1. Ubicazione del gregge.
Caso 1 –
Qualora sussistano dubbi in merito all’ubicazione del
gregge
durante il periodo di detenzione obbligatoria, e’
necessario
approfondire l’accertamento utilizzando mappe
catastali per
identificare con certezza la corrispondenza
tra l’ubicazione
dichiarata dal produttore all’atto della
presentazione della domanda
e quanto constatato in loco.
Caso 2 –
Qualora il gregge non si trovi piu’ nella localita’
dichiarata
nella domanda di premio presentata dal produttore, e’
necessario
accertare l’avvenuta notifica della
prescritta
comunicazione, a cura del produttore, di spostamento
delle greggi,
inoltrata all’AGEA ed agli Organi preposti
territorialmente ai
controlli.
2.3.2. Controlli fuori del periodo
di detenzione obbligatoria.
I controlli che eccezionalmente sono
svolti fuori del periodo di
detenzione obbligatoria del bestiame
oggetto di premio, come previsto
dalla vigente regolamentazione
comunitaria, devono essere effettuati
per mezzo di una accurata
verifica del:
registro aziendale dove devono essere riportate
le variazioni
della consistenza e le date di entrata e di uscita
degli animali
(nascite, morti, compravendite). E’ fatto obbligo al
produttore di
tenere aggiornato il registro aziendale con tutte
le annotazioni
relative alla consistenza non solo degli animali
per i quali si
richiede il premio ma anche di quelli presenti
in azienda ed
eventualmente ammissibili;
documenti fiscali
(autofatture, fatture, etc.);
documenti sanitari (moduli per il
trasferimento degli animali –
modello 4, certificazione sanitaria
attestante l’eventuale morte in
azienda dei capi in assenza di
uno dei due documenti sopra
descritti);
denuncia all’autorita’
di polizia in caso di furto;
documenti di notifica, inoltrati alle
Amministrazioni competenti,
per comunicare le diminuzioni del numero
dei capi intervenute nella
vita del gregge.

2.4. Le regole.

2….

[Continua nel file zip allegato]

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA – CIRCOLARE 26 giugno 2002, n.18: Istruzioni per lo svolgimento dei controlli in campo relativi al regime di premio per i produttori di carni ovicaprine

Architetto.info