Approvazione dei termini e delle modalita' per la trasmissione dei dati di riscossione relativi all'imposta comunale sugli immobili (ICI) dovuta per gli anni 1999 | Architetto.info

Approvazione dei termini e delle modalita’ per la trasmissione dei dati di riscossione relativi all’imposta comunale sugli immobili (ICI) dovuta per gli anni 1999

Approvazione dei termini e delle modalita' per la trasmissione dei dati di riscossione relativi all'imposta comunale sugli immobili (ICI) dovuta per gli anni 1999 e seguenti.

MINISTERO DELLE FINANZE
IL DIRETTORE GENERALEDEL DIPARTIMENTO DELLE ENTRATE di concerto con
IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO e IL DIRETTORE GENERALE
DELL’AMMINISTRAZIONE CIVILE
Visto l’art. 10, comma 5, secondo periodo, del decreto legislativo
30 dicembre 1992, n. 504, che dispone, tra l’altro, la necessita’
di determinare le modalita’ di registrazione e di trasmissione dei
dati di riscossione, distintamente per ogni contribuente, ai comuni
e al sistema informativo del Ministero delle finanze;
Visto che, in attuazione del decreto del Ministro delle finanze 11
ottobre 1993, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 14 ottobre
1993, n. 242, e’ stato costituito il consorzio tra l’Associazione
nazionale dei comuni italiani ed il Consorzio nazionale
obbligatorio tra i concessionari del servizio riscossione,
denominato “Consorzio ANCI/CNC per la fiscalita’ locale”;
Visti gli articoli 52 e 59, comma 1, lettera n), del decreto
legislativo 15 dicembre 1997, n. 446;
Considerata l’opportunita’ di disciplinare, con il presente
decreto, i termini e le modalita’ di trasmissione dei dati di
riscossione relativamente all’imposta comunale sugli immobili;
Visti gli articoli 3 e 16 del decreto legislativo 3 febbraio 1993,
n. 29, recanti disposizioni relative all’individuazione della
competenza ad adottare gli atti delle pubbliche amministrazioni;
Sentita l’Associazione nazionale dei comuni italiani (ANCI);
Decreta:
Art. 1.
1. Fino all’attuazione del sistema di comunicazione previsto
dall’art. 3, comma 153, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, i
dati relativi ai versamenti effettuati dai contribuenti a titolo
d’imposta comunale sugli immobili (ICI) dovuta per ciascun anno di
imposizione, ai sensi dell’art. 10, comma 2, del decreto
legislativo del 30 dicembre 1992, n. 504, devono essere trasmessi
dai concessionari, tramite il Consorzio nazionale obbligatorio tra
i concessionari del servizio di riscossione (CNC), ai comuni
destinatari dei versamenti stessi, nonche’ alla direzione centrale
per la fiscalita’ locale del Dipartimento delle entrate del
Ministero delle finanze ed al Consorzio ANCI/CNC per la fiscalita’
locale;
2. La trasmissione ai comuni ed al Consorzio ANCI/CNC deve essere
effettuata entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello di
imposta e deve contenere i dati, distinti per contribuente, dei
versamenti effettuati direttamente al concessionario entro il 31
dicembre dell’anno di imposta o per i quali, entro la stessa data,
sia pervenuta la comunicazione dell’accreditamento sul conto
corrente postale. I dati relativi ai versamenti effettuati
direttamente al concessionario o per i quali sia pervenuta
comunicazione di accreditamento dopo il 31 dicembre dell’anno di
imposta, ed entro ogni semestre solare, devono essere trasmessi
entro il mese successivo al semestre interessato. I dati da
registrare su supporti magnetici e le caratteristiche tecniche dei
supporti stessi sono stabiliti nell’allegato 1. La trasmissione dei
dati di riscossione relativi all’ICI dovuta per l’anno 1999 deve
essere effettuata entro il 30 settembre 2000.
3. La fornitura dei dati alla direzione centrale per la fiscalita’
locale viene effettuata dai concessionari, per il tramite del CNC.
I dati, distinti per comune, relativi ai versamenti di cui al primo
periodo del comma 2, devono essere trasmessi entro il 31 luglio
dell’anno successivo a quello di imposta. I dati relativi ai
versamenti effettuati direttamente al concessionario o per i quali
sia pervenuta comunicazione di accreditamento dopo il 31 dicembre
dell’anno di imposta, ed entro ogni semestre solare, devono essere
trasmessi entro il mese successivo al semestre interessato. I dati
da inviare e le caratteristiche tecniche dell’invio sono stabiliti
nell’allegato 2.
4. I concessionari della riscossione devono tenere a disposizione
della direzione centrale per la fiscalita’ locale un duplicato dei
supporti magnetici per un periodo di sei anni a decorrere dalla
data di trasmissione dell’originale.
Art. 2.
1. Fino all’attuazione del sistema di comunicazione previsto
dall’art. 3, comma 153, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, i
comuni che a norma dell’art. 59, comma 1, lettera n), del decreto
legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, hanno adottato come modalita’
di riscossione dell’ICI, in aggiunta o in sostituzione del
pagamento tramite il concessionario della riscossione, il
versamento su conto corrente postale intestato alla tesoreria del
comune, il versamento diretto presso la medesima tesoreria o il
pagamento tramite il sistema bancario, devono inviare i dati
riepilogativi dei versamenti effettuati dai contribuenti a titolo
di ICI dovuta per ciascun anno di imposta, ai sensi dell’art. 10,
comma 2, del decreto legislativo del 30 dicembre 1992, n. 504, al
Consorzio ANCI/CNC che provvede al loro successivo inoltro alla
direzione centrale per la fiscalita’ locale.
2. L’invio dei dati riepilogativi di cui al comma 1 deve essere
effettuato entro il 31 luglio dell’anno successivo a quello di
imposta. I dati relativi ai versamenti effettuati dopo il 31
dicembre dell’anno di imposta, ed entro ogni semestre solare,
devono essere trasmessi alla fine del mese successivo al semestre
interessato, I dati da inviare e le caratteristiche tecniche
dell’invio sono stabiliti nell’allegato 3. La trasmissione dei dati
riepilogativi dei versamenti relativi all’ICI dovuta per l’anno
1999 deve essere effettuata entro il 30 settembre 2000.
Art. 3.
1. Fino all’attuazione del sistema di comunicazione previsto
dall’art. 3, comma 153, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, i
dati relativi ai versamenti effettuati dai contribuenti, in ciascun
semestre solare, a titolo di ICI, sanzioni ed interessi, dovuti per
qualsiasi anno di imposizione a seguito di attivita’ di
liquidazione e di accertamento, devono essere trasmessi dai
concessionari, tramite il CNC, entro il mese successivo al semestre
di riferimento. La trasmissione ai comuni ed al Consorzio ANCI-CNC
deve avvenire con le modalita’ di cui all’allegato 1, quella alla
direzione centrale per la fiscalita’ locale con le modalita’ di cui
all’allegato 2.
2. I comuni di cui all’art. 2 del presente decreto devono inviare
al Consorzio ANCI/CNC, che provvede al loro successivo inoltro alla
direzione centrale per la fiscalita’ locale, i dati riepilogativi
relativi ai versamenti di cui al comma 1, nei tempi ivi stabiliti e
con le modalita’ di cui all’allegato 3.
3. La prima fornitura, che deve contenere i dati dei versamenti
effettuati fino al 30 giugno 2000, deve essere inviata entro il 30
settembre 2000.
Art. 4.
1. Il Consorzio ANCI/CNC utilizza i dati ricevuti al fine
dell’espletamento dei servizi previsti dal decreto 11 ottobre 1993
ed e’ obbligato all’osservanza del segreto d’ufficio ed
all’adozione di misure idonee a garantire la massima riservatezza
dei dati acquisiti, secondo le disposizioni, anche di carattere
convenzionale, applicabili al Consorzio nazionale obbligatorio tra
i concessionari del servizio riscossione.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 31 luglio 2000
Il direttore generale del Dipartimento delle entrate
Romano
Il Ragioniere generale dello Stato
Monorchio
Il direttore generale dell’amministrazione civile
Gelati
Registrato alla Corte dei conti l’8 settembre 2000
Registro n. 4 Finanze, foglio n. 105

Allegato 1
CONTENUTO E CARATTERISTICHE DELLE TRASMISSIONI DEI DATI RELATIVI
ALL’IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI DA INOLTRARE A CURA DEI
CONCESSIONARI AL “CONSORZIO ANCI/CNC PER LA FISCALITA’ LOCALE” ED
AI COMUNI.
A. Caratteristiche supporti per il consorzio ANCI/CNC.
I supporti magnetici predisposti dai concessionari, contenenti i
dati dei versamenti a titolo di imposta comunale sugli immobili e
dei relativi riversamenti sono costituiti da nastri a cartuccia
tipo IBM 3480 con le seguenti caratteristiche:
numero di tracce: 18;
numero di caratteri per pollice: 38.000;
tipo di codifica: EBCDIC con bit di parita’: ODD.
La lunghezza del record fisico deve essere di 20.000 byte per cui
il fattore di bloccaggio e’ di 100 record logici.
Non e’ ammessa la presenza di label standard o non standard.
Al contenitore di ogni bobina deve essere apposta una etichetta
riportante le seguenti informazioni:
destinatario: “Consorzio ANCI/CNC per la fiscalita’ locale”;
concessione: descrizione in chiaro della denominazione della
concessione che ha predisposto il supporto:
densita’ di registrazione 38.000 b.p.i.;
periodo di riferimento;
data della scadenza;
causale dell’invio: versamenti diretti a titolo di ICI ai
concessionari;
numero di supporti su cui sono contenuti i dati dei versamenti
relativi alla scadenza considerata;
numero di ordine del supporto nell’ambito della registrazione
relativa alla scadenza considerata.
B. Caratteristiche supporti per i comuni.
I supporti magnetici predisposti dai concessionari, contenenti i
dati relativi ai versamenti a titolo di imposta comunale sugli
immobili e dei relativi riversamenti possono, in alternativa,
essere i seguenti:
nastro a cartuccia di tipo IBM 3480 con le seguenti
caratteristiche:
numero di tracce: 18;
numero di caratteri per pollice: 38.000;
tipo di codifica: EBCDIC con bit di parita’: ODD;
nastro a bobina di tipo IBM 3420 con le seguenti caratteristiche:
numero tracce: 9;
densita’ di registrazione: 6.250;
tipo di codifica: EBCDIC con bit di parita’: ODD.
Sia per la fornitura su cartucce che su bobina inoltre devono
essere rispettati i seguenti requisiti:
la lunghezza del record fisico deve essere 20.000 byte per cui il
fa…

[Continua nel file zip allegato]

Approvazione dei termini e delle modalita’ per la trasmissione dei dati di riscossione relativi all’imposta comunale sugli immobili (ICI) dovuta per gli anni 1999

Architetto.info