AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI | Architetto.info

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 22 gennaio 2002: Consultazione pubblica in materia di pubblicazione e diffusione dei sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa. (Deliberazione n. 16/02/CSP). (GU n. 38 del 14-2-2002)

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

DELIBERAZIONE 22 gennaio 2002

Consultazione pubblica in materia di pubblicazione e diffusione dei
sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa. (Deliberazione n.
16/02/CSP).

L’AUTORITA’ PER LE GARANZIE
NELLE COMUNICAZIONI

Nella sua riunione della Commissione per i servizi e i prodotti del
22 gennaio 2002;
Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249, recante “Istituzione
dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui
sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo”, e, in
particolare, l’art. 1, comma 6, lettera b), n. 12;
Vista la legge 31 dicembre 1996, n. 675, concernente la tutela
delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati
personali;
Vista la legge 22 febbraio 2000, n. 28, recante “Disposizioni per
la parita’ di accesso ai mezzi di informazione durante le campagne
elettorali e referendarie e per la comunicazione politica”;
Visto il provvedimento del Garante per la protezione dei dati
personali, n. 5/2000, del 20 settembre 2000, in materia di
autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte di diverse
categorie di titolari, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 229 del
30 settembre 2000;
Vista la propria delibera n. 278/1999 del 20 ottobre 1999, recante
“Procedura per lo svolgimento di consultazioni pubbliche nell’ambito
di ricerche e indagini conoscitive”;
Considerato che, nell’ambito del procedimento finalizzato
all’emanazione del regolamento sulla pubblicazione e diffusione dei
sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa, e’ emersa l’esigenza di
acquisire elementi di informazione e documentazione da parte dei
soggetti interessati;
Ritenuto pertanto di procedere all’avvio di una consultazione
pubblica allo scopo di acquisire elementi utili al fine
dell’emanazione del predetto regolamento;
Ritenuto che il termine di trenta giorni, entro il quale i soggetti
invitati potranno trasmettere le proprie comunicazioni, risulta
giustificato in relazione alla necessita’ di stabilire regole e
criteri certi a tutela della correttezza della divulgazione dei
risultati dei sondaggi;
Visto il documento per la consultazione proposto dal direttore del
servizio affari giuridici e comunitari;
Udita la relazione del relatore, commissario dott. Giuseppe
Sangiorgi, ai sensi dell’art. 32 del regolamento concernente
l’organizzazione e il funzionamento dell’Autorita’;
Delibera:
Art. 1.
1. E’ indetta una consultazione pubblica in materia di
pubblicazione e diffusione dei sondaggi sui mezzi di comunicazione di
massa.
2. Il documento per la consultazione e’ riportato nell’allegato A
del presente provvedimento.
3. Ai sensi della delibera n. 278/1999, il termine per la
presentazione delle comunicazioni e’ fissato in trenta giorni dalla
data di pubblicazione del presente provvedimento nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana.
Il presente provvedimento e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana, nel Bollettino ufficiale e nel sito web
dell’Autorita’.
Roma, 22 gennaio 2002
Il presidente: Cheli

Allegato A

Consultazione pubblica in materia di pubblicazione e diffusione dei
sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa

L’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni, ai sensi della
propria delibera n. 278/1999, recante “Procedura per lo svolgimento
di consultazioni pubbliche nell’ambito di ricerche e indagini
conoscitive” ed al fine di acquisire elementi di informazione e
documentazione in vista dell’emanazione del regolamento previsto
dall’art. 1, comma 6, lettera b), n. 12, della legge 31 luglio 1997,
n. 249, in materia di pubblicazione e diffusione dei sondaggi sui
mezzi di comunicazione di massa, invita le associazioni scientifiche
e le associazioni professionali operanti nel campo dei sondaggi,
l’Ordine nazionale dei giornalisti, la Federazione nazionale stampa
italiana, la Federazione italiana degli editori dei giornali e le
altre associazioni di editori, le associazioni rappresentative di
soggetti titolari di concessione o di autorizzazione per la
trasmissione di programmi televisivi, le associazioni portatrici di
interessi pubblici, in particolare le associazioni dei consumatori ed
ogni altro soggetto potenzialmente interessato, a far pervenire
all’Autorita’ una comunicazione contenente la proprie osservazioni in
merito al tema oggetto di consultazione, per le parti di interesse.
Le comunicazioni dovranno essere inviate, entro e non oltre
trenta giorni dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana del presente documento, tramite lettera
raccomandata con avviso di ricevimento al seguente indirizzo:
Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni – Servizio affari
giuridici e comunitari – Centro Direzionale isola B5 – Torre
Francesco – 80143 Napoli e recare la dicitura “Consultazione pubblica
in materia di pubblicazione e diffusione di sondaggi”.
Le comunicazioni dovranno essere altresi’ inviate entro il
medesimo termine, in formato elettronico, al seguente indirizzo:
[email protected] e dovranno riportare le osservazioni in merito alle
questioni di seguito elencate (massimo 30 pagine).
Le comunicazioni, ai sensi della deliberazione dell’Autorita’ n.
278/1999, non precostituiscono alcun titolo, condizione o vincolo
rispetto ad eventuali, successive decisioni dell’Autorita’ stessa,
hanno carattere meramente informativo per i summenzionati fini
conoscitivi e sono trattate con la massima riservatezza.
Una sintesi dei risultati della consultazione e’ pubblicata, al
termine dell’esame delle varie comunicazioni, nel Bollettino
ufficiale e sul sito web dell’Autorita’. Copia della sintesi e’
altresi’ inviata ai soggetti che hanno aderito alla consultazione.
Le citate comunicazioni dovranno contenere osservazioni, commenti
od indicazioni sui seguenti argomenti:
1) definizione del termine “sondaggio” ed eventuali sue
specificazioni, anche in riferimento alla necessita’ di distinguere i
sondaggi dalle indagini di carattere sociale, di mercato e dalle
inchieste giornalistiche;
2) individuazione dei soggetti operanti nell’ambito dei mezzi
di comunicazione di massa obbligati a pubblicare o diffondere,
contestualmente al sondaggio, le relative note informative;
3) indicazioni ed elementi che si ritiene debbano essere
obbligatoriamente inseriti nella predetta nota informativa, rivolta
all’utente finale;
4) specifiche modalita’ di pubblicazione o diffusione della
nota informativa in relazione alle varie tipologie di mezzi di
comunicazione;
5) rapporto tra i criteri contenuti nell’emanando regolamento
ed i criteri definiti dai codici di autoregolamentazione adottati
dalle associazioni professionali maggiormente rappresentative;
6) osservazioni sugli specifici strumenti di vigilanza e di
controllo, che consentano di garantire il rispetto dei criteri che
saranno stabiliti dal regolamento in materia di pubblicazione e
diffusione dei sondaggi.

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

Architetto.info