AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS | Architetto.info

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 4 aprile 2002: Modificazione della deliberazione dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas 11 luglio 2001, n. 158/01 e approvazione del regolamento recante le modalita' operative della gestione del Fondo per il finanziamento dell'attivita' di ricerca. (Deliberazione n. 55/02). (GU n. 104 del 6-5-2002)

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 4 aprile 2002

Modificazione della deliberazione dell’Autorita’ per l’energia
elettrica e il gas 11 luglio 2001, n. 158/01 e approvazione del
regolamento recante le modalita’ operative della gestione del Fondo
per il finanziamento dell’attivita’ di ricerca. (Deliberazione n.
55/02).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 4 aprile 2002,
Premesso che:
con deliberazione 11 luglio 2001, n. 158/01, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 230 del 3 ottobre 2001 (di
seguito: deliberazione n. 158/01); l’Autorita’ per l’energia
elettrica e il gas (di seguito: l’Autorita) ha definito modalita’ per
la presentazione e criteri per la verifica dei progetti di ricerca
della societa’ Cesi S.p.a. da ammettere finanziamento a carico del
Fondo, di cui all’art. 11, comma 1, del decreto 26 gennaio 2000 del
Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato (di
seguito: il Ministro dell’industria), di concerto con il Ministro del
tesoro, del bilancio e della programmazione economica (di seguito: il
Ministro del tesoro), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – serie
generale – n. 27 del 3 febbraio 2000 (di seguito: decreto 26 gennaio
2000) come modificato dall’art. 2, comma 2, del decreto 17 aprile
2001 del Ministro dell’industria di concerto con il Ministro del
tesoro, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 97
del 27 aprile 2001 (di seguito: decreto 17 aprile 2001), alimentato
dal gettito generato dall’imposizione agli utenti del servizio di
trasporto dell’energia elettrica della componente tariffaria A5 (di
seguito: il Fondo) di cui all’art. 34, comma 34.2, lettera d), del
testo integrato delle disposizioni per l’erogazione dei servizi di
trasporto, di misura e di vendita dell’energia elettrica approvato
con deliberazione 18 ottobre 2001, n. 228/01 riportato nell’allegato
A) alla deliberazione dell’Autorita’ 15 novembre 2001, n. 262/01,
pubblicato nel supplemento ordinario n. 277 alla Gazzetta Ufficiale –
serie generale – n. 297 del 22 dicembre 2001 (di seguito: testo
integrato);
l’art. 6, comma 6.1, della deliberazione n. 158/01, dispone che
l’Autorita’ decida l’ammissibilita’ al finanziamento del Fondo per
ciascuno dei progetti presentati dalla societa’ Cesi S.p.a. e
determina la misura, parziale o totale, del finanziamento sulla base
delle istruttorie predisposte dalla Cassa conguaglio il settore
elettrico (di seguito: Cassa conguaglio); e che l’Autorita’ provveda,
per ogni progetto di ricerca, alle verifiche di cui all’art. 2, comma
3, del decreto del Ministro dell’industria 17 aprile 2001,
avvalendosi della Cassa conguaglio e che i costi di tali verifiche
siano posti a carico del Fondo;
la soluzione organizzativa adottata ai sensi della disposizione
di cui al precedente alinea e’ stata basata sulla concentrazione
delle attivita’ propedeutiche alle decisioni di competenza
dell’Autorita’ in capo alla Cassa conguaglio in quanto organismo che
amministra il sistema di erogazioni correlate alle finalita’ generali
finanziate attraverso prestazioni patrimoniali imposte agli utenti e
agli esercenti del settore dell’energia elettrica, demandando alla
Cassa medesima tanto l’organizzazione della struttura tecnica
attraverso la quale effettuare le valutazioni sopra indicate e la
gestione di dette attivita’, quanto i profili, rientranti nelle
ordinarie attribuzioni dell’organismo, piu’ strettamente afferenti la
gestione delle attivita’ di esazione e di erogazione dei contributi;
la Cassa conguaglio, con nota in data 19 dicembre 2001 prot. n.
2073 (prot. Autorita’ n. 024273 del 21 dicembre 2001), ha inoltrato
all’Autorita’, ai sensi dell’art. 44, comma 44.2, del testo
integrato, il regolamento recante le modalita’ operative per la
gestione, con separata evidenza contabile, del Fondo (di seguito: il
regolamento); e che al regolamento e’ allegato un documento nel quale
viene definita la disciplina delle attivita’ in attuazione della
responsabilita’ di conduzione delle istruttorie di cui la Cassa
conguaglio e’ investita ai sensi del sopra richiamato art. 6, comma
6.1, della deliberazione n. 158/01 (di seguito: la disciplina);
Visti:
la legge 14 novembre 1995, n. 481;
il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, di attuazione della
direttiva 96/92/CE recante norme comuni per il mercato elettrico;
Visti:
il decreto 26 gennaio 2000;
il decreto 17 aprile 2001;
la delibera dell’Autorita’ 22 marzo 2001 n. 72/01 (di seguito:
delibera n. 72/01);
la deliberazione dell’Autorita’ 9 aprile 2001, n. 85/01,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 102 del 4
maggio 2002;
il testo integrato;
Considerato che:
(omissis);
l’esame della disciplina evidenzia, da un lato, che la Cassa
conguaglio ha inteso interpretare la richiamata disposizione
dell’art. 6, comma 6.1, della deliberazione n. 158/01 come
attributiva di un mero compito di supporto logistico operativo
laddove invece la disposizione, nell’attribuire la responsabilita’
delle istruttorie, implica l’attribuzione alla stessa Cassa di una
funzione che ha esito nella formazione, sulla base degli elementi
conoscitivi acquisiti, di proposte in ordine.ai provvedimenti di
competenza dell’Autorita’; e, che la previsione di approvazioni
dell’Autorita’ quanto alle diverse determinazioni di carattere
organizzativo necessarie alla gestione dell’istruttoria che si
vengono in tal modo ad assommare alla determinazioni che l’Autorita’
dovra’ assumere in ordine alla ammissione dei progetti o alla
gestione dei contributi in rapporto agli esiti delle previste
verifiche sul loro stato di avanzamento;
Ritenuto che:
la disciplina, nei termini definiti dalla Cassa conguaglio,
potrebbe comportare un rallentamento delle istruttorie previste
dall’art. 6, comma 6.1, della deliberazione n. 158/01; e che la
disciplina non realizzi compiutamente la attribuzione di
responsabilita’ di conduzione delle suddette procedure;
la suddetta impostazione contribuisca ad evidenziare i versanti
operativi sui quali e’ opportuno, funzionale e aderente alle
caratteristiche dell’organismo l’avvalimento della Cassa conguaglio;
sia, di conseguenza, opportuno modificare l’art. 6, della
deliberazione n. 158/01 limitando l’avvalimento della Cassa
conguaglio a funzioni di supporto logistico e operativo alla
conduzione delle istruttorie di cui all’art. 6, comma 6.1, della
deliberazione n. 158/01, con particolare riferimento alla nomina e al
coordinamento di esperti da impiegare ai fini della valutazione dei
progetti di ricerca;
(omissis);
Delibera:
1. Di modificare l’art. 6 della deliberazione dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas 11 luglio 2001 n. 158/01, pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 230 del 3 ottobre
2001, come segue:
sostituzione del comma 6.1 con un comma formulato nel modo
seguente:
“6.1. L’Autorita’ decide l’ammissibilita’ al finanziamento del
Fondo per ciascuno dei progetti, determina la misura, parziale o
totale, del finanziamento, e provvede, per ogni progetto di ricerca,
alle verifiche di cui all’articolo 2, comma 3, del decreto del
Ministro dell’industria 17 aprile 2001, sulla base di istruttorie
curate attraverso l’avvalimento di esperti che la Cassa conguaglio
nomina anche mediante richieste a istituzioni o amministrazioni
pubbliche competenti nella ricerca di sistema del settore
dell’energia elettrica, coordina e supporta sul piano operativo e
logistico”;
inserimento di un comma 6.5 formulato come segue:
“6.5. I costi sostenuti per le attivita’ previste dal precedente
comma 6.1 sono posti a carico dei Fondo.”.
(Omissis).
4. Di pubblicare il presente provvedimento, limitatamente a quanto
disposto al precedente punto 1 e alle parti ad esso afferenti, nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e nel sito Internet
dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas.
Milano, 4 aprile 2002
Il presidente: Ranci

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Architetto.info