AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS | Architetto.info

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 20 giugno 2002: Regolamento recante la disciplina delle garanzie di trasparenza dell'azione amministrativa dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas. (Deliberazione n. 115/2002). (GU n. 165 del 16-7-2002)

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 20 giugno 2002

Regolamento recante la disciplina delle garanzie di trasparenza
dell’azione amministrativa dell’Autorita’ per l’energia elettrica e
il gas. (Deliberazione n. 115/2002).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS
Nella riunione del 20 giugno 2002,
Visti:
l’art. 3, ultimo comma, della legge 7 agosto 1990, n. 241 (nel
seguito: legge n. 241/1990) quale si disciplina la motivazione dei
provvedimenti amministrativi;
l’art. 22 della legge n. 241/1990, nel quale si riconosce a
chiunque vi abbia interesse per la tutela di situazioni
giuridicamente rilevanti il diritto di accesso ai documenti
amministrativi;
l’art. 23 della legge n. 241/1990, nel quale si stabilisce che il
diritto di accesso nei confronti delle Autorita’ di garanzia e di
vigilanza si esercita nell’ambito dei rispettivi ordinamenti, secondo
quanto previsto dall’art. 24 della legge n. 241/1990;
l’art. 24 della legge n. 241/1990, ed in particolare il comma 4,
che vincola ogni pubblica amministrazione ad individuare, con uno o
piu’ regolamenti, le categorie di documenti da esse formati o
comunque rientranti nella loro disponibilita’ da sottrarre
all’accesso;
l’art. 25 della legge n. 241/1990, che determina le modalita’ di
esercizio del diritto di accesso;
l’art. 6, comma 4, del regolamento concernente l’organizzazione e
il funzionamento dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas (di
seguito: l’Autorita), approvato con deliberazione 11 dicembre 1996,
n. 05/1996, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n.
93 del 22 aprile 1997 e successivamente modificato e integrato con
deliberazione 20 febbraio 2001, n. 26/01 pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale – serie generale – n. 69 del 23 marzo 2001 (di seguito: il
Regolamento), nel quale sono disciplinate le forme di esternazione
delle deliberazioni di carattere generale dell’Autorita’;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 27 giugno 1992, n.
352, recante “Regolamento per la disciplina delle modalita’ di
esercizio e dei casi di esclusione del diritto di accesso ai
documenti amministrativi, in attuazione dell’art. 24, comma 2, della
legge 7 agosto 1990, n. 241, recante nuove norme in materia di
procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti
amministrativi” ed in particolare l’art. 8, recante la disciplina dei
casi di esclusione;
Vista la legge 14 novembre 1995, n. 481;
Considerato che:
le richiamate disposizioni della legge n. 241/1990 sono
complessivamente dirette a realizzare il valore della trasparenza
dell’azione amministrativa sia attraverso la formazione e
pubblicazione di provvedimenti dai quali sia possibile evincere i
presupposti di fatto e di diritto delle determinazioni con essi
adottate, sia attraverso il riconoscimento del diritto di conoscere
la documentazione preparatoria di dette determinazioni;
la richiamata disposizione del Regolamento deve essere integrata
con la disciplina afferente la pubblicazione degli atti di carattere
consultivo e propulsivo esercizio delle generali funzioni attribuite
all’Autorita’ ai sensi della legge n. 481/1995 ovvero delle
specifiche competenze di cui sia in tal senso investita l’Autorita’
nell’ambito della disciplina di provvedimenti di competenza di
istituzioni terze;
Ritenuto che sia necessario:
adottare una disciplina organica delle garanzie di trasparenza
dell’azione amministrativa dell’Autorita’ a tal fine unificando e
completando le disposizioni in materia di forme di esternazione degli
atti di competenza dell’Autorita’ e le disposizioni in materia di
esercizio del diritto di accesso ai documenti formati dall’Autorita’
o comunque rientranti nella sua disponibilita’;
adottare disposizioni aventi ad oggetto sia i casi di esclusione
del diritto di accesso ai documenti amministrativi;
Delibera:
Di approvare l’allegato regolamento recante la disciplina delle
garanzie di trasparenza dell’azione amministrativa dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas che costituisce parte integrante e
sostanziale della presente proposta di delibera (allegato A):
Di dare mandato al presidente per le azioni a seguire.
Milano, 20 giugno 2002
Il presidente: Ranci

Allegato A
REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE GARANZIE DI TRASPARENZA
DELL’AZIONE AMMINISTRATIVA DELL’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA
E IL GAS
Capo I
DISPOSIZIONI GENERALI
Art. 1.
Definizioni
1.1. Nel presente regolamento:
a) l’espressione “Autorita’” indica l’Autorita’ per l’energia
elettrica e il gas;
b) l’espressione “Responsabile del procedimento” indica il
responsabile del procedimento di accesso;
c) l’espressione “Ufficio” indica le Aree, i Servizi, le
Divisioni, gli Uffici o comunque qualsiasi unita’ operativa che
compone la struttura dell’Autorita’.
Art. 2.
Oggetto
2.1. L’Autorita’ con il presente regolamento detta disposizioni
sulla pubblicita’ degli atti e dei provvedimenti adottati
nell’esercizio delle proprie competenze e garantisce l’accesso ai
documenti da essa formati o comunque rientranti nella propria
disponibilita’, con le sole eccezioni definite negli articoli
seguenti.
2.2. Il presente regolamento, in particolare:
a) individua i provvedimenti dei quali e’ disposta la
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, nel Bollettino dell’Autorita’
o con altre modalita’;
b) riconosce il diritto di accesso ai documenti amministrativi,
formati o comunque rientranti nella disponibilita’ dell’Autorita’;
c) individua le categorie di documenti amministrativi di cui
alla lettera b), sottratti all’accesso ai sensi dell’art. 24, della
legge 7 agosto 1990, n. 241 e dell’art. 8 del decreto, del Presidente
della Repubblica 27 giugno 1992, n. 352;
d) determina le misure organizzative occorrenti per l’esercizio
del diritto di accesso ai documenti amministrativi formati o
rientranti nella disponibilita’ dell’Autorita’, in attuazione
dell’art. 22, comma 3, della legge 7 agosto 1990, n. 241.
Art. 3.
Pubblicita’ degli atti e dei provvedimenti dell’Autorita’
3.1. La pubblicita’ delle deliberazioni a carattere generale e’
assicurata attraverso pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana, nel Bollettino di cui all’art. 2, comma 26,
della legge n. 481/1995, e nel sito internet dell’ Autorita’.
3.2. Gli atti adottati dall’Autorita’ nell’esercizio delle
funzioni consultive e propulsive di cui all’art. 2, comma 6 e
all’art. 2, comma 12, lettera a), della legge n. 481/1995, sono
pubblicati nel Bollettino di cui all’art. 2, comma 26, della medesima
legge e nel sito internet dell’Autorita’.
3.3. I pareri obbligatori o facoltativi, nonche’ le proposte,
resi nell’ambito di procedimenti per l’adozione di provvedimenti
intestati ad amministrazioni terze sono pubblicati con le modalita’
indicate nel comma 3.2. La pubblicazione e’ rinviata alla
pubblicazione del provvedimento cui l’atto si riferisce o esclusa in
tutto o in parte, qualora, l’amministrazione cui e’ intestato detto
provvedimento faccia formale richiesta in tal senso entro venti
giorni dal ricevimento dell’atto dell’Autorita’, con riferimento alla
tutela degli interessi indicati nell’art. 24 della legge n. 241 del
1990.
Capo II
DIRITTO DI ACCESSO
Art. 4.
Principi generali in materia di accesso
4.1. E’ riconosciuto l’accesso agli atti e ai provvedimenti
formati dall’Autorita’ o comunque dalla stessa stabilmente detenuti,
con le sole limitazioni di cui agli articoli seguenti, ai soggetti
direttamente coinvolti o comunque titolari di un interesse
giuridicamente rilevante, nonche’ ai portatori di interessi pubblici
o privati ed alle associazioni interessate dall’emanazione del
provvedimento. L’accesso e’ riconosciuto in misura corrispondente
all’interesse giuridico fatto valere dall’istante e tenendo conto
dell’interesse di eventuali controinteressati.
4.2. L’accesso e’ riconosciuto, ai sensi di cui al comma 4.1,
anche nel corso dell’istruttoria dei procedimenti volti all’
emanazione degli atti e provvedimenti.
Art. 5.
Principi generali in materia di esclusione dall’accesso
5.1. A norma dell’art. 8, commi 2 e 3, del decreto del Presidente
della Repubblica 27 giugno 1992, n. 352, l’esclusione di atti e
documenti dall’accesso, prevista dal presente regolamento, e’
limitata a quanto necessario per la tutela degli interessi di cui
all’art. 24 della legge 7 agosto 1990, n. 241, e non e’ consentita
quando la tutela stessa puo’ essere efficacemente raggiunta con
l’esclusione parziale o il differimento dell’accesso.
5.2. Restano salvi i casi di segreto o di divieto di divulgazione
previsti dall’ordinamento, nonche’ di esclusione dall’accesso,
previsti dal decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 2001,
n. 244.
Art. 6.
Accesso informale
6.1. Il diritto di accesso si esercita in via informale, mediante
richiesta rivolta al responsabile del procedimento. Questa richiesta,
ove possibile, e’ esaminata immedia…

[Continua nel file zip allegato]

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Architetto.info