AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 27 dicembre 2001: Determinazione per l'anno 2002 | Architetto.info

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 27 dicembre 2001: Determinazione per l’anno 2002

AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 27 dicembre 2001: Determinazione per l'anno 2002 dei prezzi dell'energia elettrica all'ingrosso destinata ai clienti del mercato vincolato. (Deliberazione n. 318/01). (GU n. 12 del 15-1-2002)

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 27 dicembre 2001

Determinazione per l’anno 2002 dei prezzi dell’energia elettrica
all’ingrosso destinata ai clienti del mercato vincolato.
(Deliberazione n. 318/01).

L’AUTORITA’
PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 27 dicembre 2001;
Premesso che:
con la deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il
gas (di seguito: l’Autorita) n. 205/99, recante la definizione delle
tariffe di cessione dell’energia elettrica alle imprese
distributrici, per l’integrazione della deliberazione dell’Autorita’
per l’energia elettrica e il gas 18 febbraio 1999, n. 13/99, e per la
definizione dell’ulteriore componente di ricavo concernente l’energia
elettrica prodotta dalle imprese distributrici e destinata ai clienti
del mercato vincolato, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie
generale – n. 306 del 31 dicembre 1999, supplemento ordinario n. 235
(di seguito: deliberazione n. 205/1999) l’Autorita’ ha determinato,
tra l’altro, per l’anno 2000, il prezzo dell’energia elettrica
all’ingrosso destinata al mercato vincolato;
la decisione di cui al precedente alinea e’ stata adottata per
apprestare le necessarie garanzie per i clienti del mercato vincolato
nel periodo necessario al consolidamento delle misure previste dal
decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79/1999, (di seguito: decreto
legislativo n. 79/1999) anche al fine di creare un assetto che,
prevenendo l’esercizio di potere di mercato da parte dell’operatore
in posizione dominante nella produzione di energia elettrica,
consenta il formarsi di prezzi efficienti dell’energia elettrica
all’ingrosso;
al fine del consolidamento dell’assetto di cui al precedente
alinea sarebbe stato necessario, almeno, il perfezionamento delle
procedure per la cessione di capacita’ produttiva da parte dell’Enel
S.p.a. ai sensi dell’art. 8 del decreto legislativo n. 79/1999,
l’assunzione da parte della societa’ Acquirente unico S.p.a. (di
seguito: Acquirente unico) della funzione di Garante della fornitura
ai clienti del mercato vincolato sulla base delle direttive
dell’Autorita’ ai sensi dell’art. 4 del decreto legislativo n.
79/1999 e l’entrata in operativita’ del sistema delle offerte di cui
all’art. 5 del decreto legislativo n. 79/1999;
non vi sono elementi che consentano di prevedere che nell’anno
2002 si consolidino tutte le condizioni di assetto indicate come
minime e necessarie al precedente alinea;
con delibera 22 novembre 2001, n. 272/01 (di seguito: delibera n.
272/01), l’Autorita’ ha avviato un procedimento per la determinazione
dei prezzi dell’energia elettrica all’ingrosso destinata ai clienti
del mercato vincolato;
Visti:
la legge 14 novembre 1995, n. 481;
la direttiva 96/92/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del
19 dicembre 1996 concernente norme comuni per il mercato interno
dell’energia elettrica (di seguito: direttiva 96/92/CE);
il decreto legislativo n. 79/1999;
il decreto 26 gennaio 2000;
il provvedimento del Comitato interministeriale dei prezzi 12
luglio 1989, n. 15, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – serie
generale – n. 167 del 19 luglio 1989 (di seguito: provvedimento Cip
n. 15/89);
il provvedimento del Comitato interministeriale dei prezzi 14
novembre 1990, n. 34, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – serie
generale – n. 270 del 19 novembre 1990 (di seguito: provvedimento Cip
n. 34/90);
il provvedimento del Comitato interministeriale dei prezzi 29
aprile 1992, n. 6, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – serie
generale – n. 170 del 12 maggio 1992 (di seguito: provvedimento Cip
n. 6/92);
la deliberazione dell’Autorita’ 11 maggio 1999, n. 61/99,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 164 del 15
luglio 1999 (di seguito: deliberazione n. 61/99);
la deliberazione dell’Autorita’ 8 giugno 1999, n. 81/99,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 158 dell’8
luglio 1999;
la deliberazione n. 205/99;
la deliberazione dell’Autorita’ 3 agosto 2000, n. 145/00,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 213 del 12
settembre 2000;
la deliberazione dell’Autorita’ 28 dicembre 2000, n. 238/00,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 4 del
5 gennaio 2001 – supplemento ordinario (di seguito: deliberazione n.
238/00);
la deliberazione dell’Autorita’ 28 dicembre 2000, n. 246/00,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 20 del 25
gennaio 2001 (di seguito: deliberazione n. 246/00);
la deliberazione dell’Autorita’ 5 giugno 2001, n. 122/01,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 154 del
5 luglio 2001 (di seguito deliberazione n. 122/01);
la delibera dell’Autorita’ 26 settembre 2001, n. 211/01 (di
seguito: delibera n. 211/01);
il testo integrato delle disposizioni dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas per l’erogazione dei servizi di
trasporto, di misura e di vendita dell’energia elettrica, riportato
nell’allegato A alla deliberazione dell’Autorita’ 15 novembre 2001,
n. 262/01 in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale (di
seguito: testo integrato);
la delibera n. 272/01;
Considerato che:
il prezzo dell’energia elettrica all’ingrosso destinata ai
clienti del mercato vincolato per l’anno 2000 e’ stato determinato
con riferimento ai costi effettivi medi nazionali di produzione
dell’energia elettrica relativi al 1997;
con la deliberazione n. 238/00 l’Autorita’, in considerazione del
fatto che le condizioni di assetto indicate in premessa non si
sarebbero consolidate nel corso dell’anno 2001, ha determinato i
prezzi dell’energia elettrica all’ingrosso destinata ai clienti del
mercato vincolato per l’anno 2001;
la suddetta determinazione e’ stata adottata riducendo di una
percentuale pari al 20% le componenti del prezzo dell’energia
elettrica all’ingrosso a copertura dei costi fissi di produzione
definite con la deliberazione n. 205/99;
la riduzione di cui al precedente alinea e’ stata decisa in
relazione agli elementi desunti dall’istruttoria propedeutica
all’adozione della deliberazione n. 81/99 nell’ambito della quale
rilevazioni di mercato, avvalorate anche da dati forniti da
qualificati produttori nazionali ed esteri del settore
elettromeccanico, relative ai costi di investimento di un ciclo
combinato a gas di nuova tecnologia, hanno indicato un costo fisso
unitario di produzione sensibilmente inferiore al livello medio delle
componenti del prezzo dell’energia elettrica all’ingrosso a copertura
dei costi fissi di produzione, definite nella deliberazione n. 205/99
con riferimento all’anno 2000;
in particolare, l’Autorita’, al fine di assicurare la necessaria
gradualita’ nel processo di avvicinamento dei prezzi dell’energia
elettrica all’ingrosso destinata ai clienti del mercato vincolato al
livello di prezzi compatibile con un sistema delle offerte di
acquisto e di vendita dell’energia elettrica all’ingrosso efficiente,
ha definito una riduzione della componente a copertura dei costi
fissi di produzione, rispetto al livello determinato per l’anno 2000
con la deliberazione n. 205/00, inferiore alla percentuale indicata
dagli esiti dell’istruttoria di cui al precedente alinea;
la riduzione del prezzo dell’energia elettrica all’ingrosso
destinata ai clienti del mercato vincolato, comunque, non determina
alterazioni dell’equilibrio economico finanziario degli esercenti dal
momento che con decorrenza dal 1 gennaio 2000, per un periodo di
sette anni, e’ operativo il regime di reintegrazione, alle imprese
che alla data del 19 febbraio 1997 svolgevano il servizio di
distribuzione dell’energia elettrica producendo, in tutto o in parte,
l’energia elettrica distribuita, della quota dei costi non
recuperabili a seguito dell’attuazione della direttiva europea
96/92/CE;
il tribunale amministrativo regionale per la Lombardia, con
sentenza n. 5288/01 del 31 luglio 2001, ha annullato la deliberazione
n. 238/00 nella parte in cui ha definito il prezzo dell’energia
elettrica all’ingrosso destinata ai clienti del mercato vincolato dal
momento che la determinazione per l’anno 2001 non e’ stata preceduta
dalla comunicazione di avvio del procedimento e non e’ stata
sufficientemente preparata sul piano istruttorio in relazione alla
definizione della percentuale di riduzione; e che in detta sentenza
e’ stata comunque espressamente riconosciuta la legittimazione
dell’Autorita’ a regolare il prezzo dell’energia elettrica
all’ingrosso destinata ai clienti del mercato vincolato nei termini
indicati in premessa;
avverso la sentenza di cui al precedente alinea l’Autorita’ ha
assunto, con la delibera n. 211/01, la decisione di proporre appello
e che il giudizio instauratosi in conseguenza di tale atto propulsivo
avra’ esito nel corso dell’anno 2002;
i dati a disposizione dell’Autorita’ evidenziano che gli
esercenti nell’anno 2001 hanno di fatto applicato, in attesa
dell’esito del giudizio di cui al precedente alinea, il prezzo
dell’energia elettrica all’ingrosso destinata ai clienti del mercato
vincolato definito dall’Autorita’ con la deliberazione n. 238/00;
Considerato che:
dal 1 gennaio 2001 la valorizzazione unitaria dell’energia
elettrica prodotta da impianti idroelettri…

[Continua nel file zip allegato]

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 27 dicembre 2001: Determinazione per l’anno 2002

Architetto.info