CASSA DEPOSITI E PRESTITI | Architetto.info

CASSA DEPOSITI E PRESTITI

CASSA DEPOSITI E PRESTITI - CIRCOLARE 21 maggio 2002, n.1248: Sportello di assistenza della Cassa depositi e prestiti. (GU n. 130 del 5-6-2002)

CASSA DEPOSITI E PRESTITI

CIRCOLARE 21 maggio 2002, n.1248

Sportello di assistenza della Cassa depositi e prestiti.

Alle amministrazioni statali
Agli enti pubblici
Alle regioni
Alle province autonome di Trento e di
Bolzano
Alle amministrazioni provinciali e
comunali
Alle comunita’ montane e isolane
Alle aziende speciali, ai consorzi e
alle S.p.a. e S.r.l. esercenti pubblici
servizi
e, per conoscenza:
Alla Presidenza del Consiglio dei
Ministri
Alla Conferenza dei presidenti delle
regioni e delle province autonome
Alla Conferenza permanente per i
rapporti tra lo Stato, le regioni e le
province autonome di Trento e Bolzano
Alla Conferenza Stato-citta’ ed
autonomie locali
All’Associazione nazionale comuni
italiani (A.N.C.I.)
All’Unione province italiane (U.P.l.)
All’Unione nazionale comuni montani
(U.N.C.E.M.)
Alla Confederazione italiana servizi
pubblici degli enti locali
(C.I.S.P.E.L.)
1. Lo sportello di assistenza.
In linea con la sua missione istituzionale – quella di sostenere lo
sviluppo infrastrutturale ed economico delle collettivita’ locali –
la Cassa depositi e prestiti ha ritenuto, gia’ dal marzo 1998, di
arricchire, attraverso l’istituzione dello sportello di assistenza,
la tradizionale offerta di finanziamenti con una qualificata
componente di servizio, a supporto in particolare dei processi
programmatori, progettuali e gestionali degli investimenti locali.
Dalla sua istituzione lo sportello ha registrato un ampio utilizzo
ed un generale apprezzamento da parte dei soggetti beneficiari, in
particolare degli enti territoriali.
L’esperienza maturata, il nuovo scenario normativo, l’attenzione
politico-istituzionale ed amministrativa rivolta ai temi centrali
della programmazione di bilancio e della pianificazione e
progettazione degli investimenti pubblici, unite all’evoluzione degli
strumenti di comunicazione a disposizione (internet) sollecitano oggi
una revisione dei meccanismi di assistenza CDP, per renderla piu’
mirata ai crescenti bisogni dell’utenza, in particolare verso quelli
che si manifestano nelle prime fasi dell’iter programmatorio.
2. Soggetti beneficiari.
L’assistenza e’ rivolta a tutti i mutuatari ordinari della CDP,
ossia ai comuni, alle Unioni di comuni, alle Comunita’ montane e
isolane, alle province, alle citta’ metropolitane, alle regioni, agli
enti pubblici ed ai gestori di pubblici servizi.
Resta, comunque, prioritaria l’attenzione da parte dell’Istituto
verso le realta’ territoriali di minore dimensione, che piu’ di altre
evidenziano difficolta’ sia nell’impostare i procedimenti
programmatori sia nel reperire risorse finanziarie nazionali o
comunitarie per la copertura dei connessi investimenti.
3. Natura e ambiti dell’assistenza.
Il rinnovato contesto normativo assegna un valore centrale alla
dimensione della fattibilita’ dei programmi.
Le linee di intervento dello sportello saranno pertanto da oggi
indirizzate in modo specifico, ancorche’ non esclusivo, verso il
supporto all’individuazione delle esigenze e dei bisogni ed agli
studi di prefattibilita’ e di fattibilita’.
Cio’ allo scopo di favorire la coerenza e l’integrazione tra la
pianificazione degli investimenti e la programmazione economica, e
dunque consentire un disegno piu’ organico delle strategie di
sviluppo da perseguire ed una maggiore efficacia delle politiche
pubbliche locali.
L’assistenza, fornita gratuitamente, riguarda principalmente due
piani:
assistenza di tipo amministrativo, che affronta le problematiche
inerenti:
le procedure ed i percorsi amministrativi ed approvativi dei
progetti d’investimento, anche in riferimento a specifici settori di
intervento;
l’individuazione ed applicazione degli strumenti di
accelerazione amministrativa;
l’individuazione del piu’ adeguato strumento di programmazione
negoziata o complessa (patti territoriali, contratti d’area, PRUSST,
ecc.) nel caso di progetti d’investimento articolati ed
intersettoriali;
le opportunita’ di cooperazione pubblico privato nella
realizzazione e gestione di progetti d’investimento (societa’ miste
per la gestione dei servizi, STU, project financing, ecc.).
Assistenza di tipo economico-finanziario, che affronta le
problematiche inerenti:
le modalita’ di valutazione finanziaria dei progetti di
investimento;
l’individuazione di possibili alternative sul piano economico e
finanziario per il finanziamento e la gestione dei progetti in
funzione dei settori di appartenenza;
l’individuazione e la scelta delle modalita’ e degli strumenti
di finanziamento dei progetti nell’ambito delle opportunita’ offerte
dalle fonti pubbliche nazionali (leggi di incentivazione e
finanziamento nazionali e regionali per settore e materia), dai Fondi
strutturali e dalla relativa programmazione territoriale (Quadro
comunitario di sostegno, P.O.R., Documenti unici di programmazione,
programmi d’iniziativa comunitaria, ecc.), dal mercato creditizio e
finanziario con particolare riguardo ai prodotti offerti dalla Cassa
depositi e prestiti e da altri soggetti cofinanziatori.
L’assistenza offerta ha carattere generale e svolge funzioni di
indirizzo per gli enti beneficiari, anche nella prospettiva di
favorirne l’accesso alle attivita’ di finanziamento proprie della
Cassa ed al Fondo di progettualita’ da questa gestito.
L’assistenza fornita non puo’ intendersi in alcun modo sostitutiva
delle procedure e degli atti richiesti da amministrazioni ed enti
competenti per la definizione degli iter amministrativi,
autorizzativi e di finanziamento degli investimenti.
L’assistenza non puo’ ugualmente intendersi sostitutiva delle
attivita’ di competenza degli uffici tecnici o dei professionisti
abilitati (progettazione, direzione lavori, relazioni specialistiche,
collaudo, elaborazione di valutazioni economico-finanziarie,
attivita’ relativa alla sicurezza nella progettazione ed esecuzione
dei lavori).
4. Le modalita’ di attivazione dello sportello.
Le funzioni di assistenza sono svolte dallo Sportello operante
presso l’Ufficio analisi del mercato della Cassa depositi e prestiti.
Si ribadisce che l’assistenza e’ fornita agli enti beneficiari a
titolo gratuito, anche se la Cassa si riserva di valutare la
rilevanza delle richieste e di istruire solo quelle che ritenga
accoglibili, anche in funzione di una successiva eventuale
divulgazione degli esiti delle attivita’.
Per questa attivita’ l’istituto, oltre che del personale interno,
continuera’ ad avvalersi della consulenza di Europrogetti & Finanza,
societa’ partecipata dalla Cassa depositi e prestiti. Le richieste di
assistenza potranno essere inoltrate:
per via postale all’indirizzo: Cassa depositi e prestiti,
sportello di assistenza, Ufficio analisi del mercato, via Goito n. 4
– 00185 Roma;
via telefax al numero: 06/42217710;
via posta elettronica all’indirizzo: sportello.
[email protected]
Nell’area “Servizi” del sito internet della Cassa depositi e
prestiti (vww.cassaddpp.it) e’ possibile accedere ad un archivio
informativo, denominato “Guida alla fattibilita’”, organizzata in
singole schede sintetiche distinte per tipologia di opere (es:
discariche, parcheggi di scambio e sostitutivi, impianti di
depurazione, ecc.).
In ciascuna scheda gli enti possono accedere ad un indice
strutturato che evidenzia, in merito all’elaborazione degli studi di
prefattibilita’ e fattibilita’, i temi sui quali e’ possibile
richiedere supporto allo sportello.
Nella stessa area e’ prelevabile un modello informativo, che puo’
guidare l’utente nella impostazione della richiesta di assistenza e
attraverso cui devono essere forniti allo sportello dati e notizie
utili alla piu’ puntuale elaborazione della risposta.
Prossimamente si prevede di strutturare, all’interno del sito,
delle apposite FAQ, attraverso le quali saranno divulgate in forma
generale le risposte ai quesiti piu’ frequentemente rivolti allo
sportello.
I referenti della CDP per le attivita’ dello sportello, con cui gli
utenti possono concordare ove necessario, anche specifici incontri
sul territorio, sono:
dott.ssa Maria Teresa Tamassia – capo Dipartimento impieghi –
tel. 06/42215301 – E-mail: [email protected]
dott. Giovanni Malitesta, dirigente ufficio analisi del mercato –
tel. 06/42214316 – E-mail: giovanni. [email protected]
ing. Vincenzo Ferro, responsabile operativo – tel. 06/42212554 –
E-mail: [email protected] ddpp.it
Il direttore generale: Salvemini

CASSA DEPOSITI E PRESTITI

Architetto.info