Chiarimenti in merito all'applicabilità della circolare n. 132 del 22-12-1962 | Architetto.info

Chiarimenti in merito all’applicabilità della circolare n. 132 del 22-12-1962

Chiarimenti in merito all'applicabilità della circolare n. 132 del 22-12-1962 concernente norme di sicurezza per depositi ed impianti di oli minerali.

Circolare Ministero dell’Interno 12 febbraio 1963 n. 14

Chiarimenti
in merito all’applicabilità della circolare n. 132 del 22-12-1962
concernente norme di sicurezza per depositi ed impianti di oli
minerali.

Alcune Società petrolifere, tramite la loro Unione
Nazionale, hanno fatto presente a questo Ministero alcune difficoltà
sorte nell’applicazione della circolare di cui all’oggetto. In
particolare è stato segnalato che alcuni Comandi dei Vigili del Fuoco
hanno negato il collaudo di depositi costruiti in base a progetti già
regolarmente autorizzati, ma che vengono al collaudo in data
posteriore a quella della circolare citata. Al riguardo si chiarisce
che le norme di tale circolare riguardano il modo secondo il quale
devono essere progettati gli impianti e possono essere applicate
soltanto ai nuovi impianti, il cui progetto debba essere ancora
esaminato, per la necessaria approvazione, in data successiva a quella
della circolare stessa. Si dispone, pertanto, sentito anche l’avviso
al riguardo della Commissione Consultiva per le sostanze esplosive ed
infiammabili, che il collaudo degli impianti approvati in data
precedente a quella della circolare si debba effettuare controllando
se sono stati regolarmente eseguiti i progetti presentati
all’approvazione e realizzate le prescrizioni a suo tempo impartite.
Se in occasione del collaudo si riscontreranno motivi di incertezza
circa la buona progettazione ed esecuzione dei bacini di contenimento,
potranno essere disposti, concedendo un ragionevole lasso di tempo per
l’esecuzione, quegli accorgimenti, come per esempio
l’impermeabilizzazione del fondo dei bacini, che valgono a dare un
sufficiente grado di sicurezza all’opera. Dopo la regolare esecuzione
di tali opere e dopo averne accertata l’efficienza, l’impianto potrà
essere collaudato e ne potrà essere autorizzato l’esercizio
provvisorio.

Chiarimenti in merito all’applicabilità della circolare n. 132 del 22-12-1962

Architetto.info