CIRCOLARE 12 settembre 2001, n.9009: Legge n. 488/1992: banche concessionarie e Istituti collaboratori e modifiche alla circolare ministeriale n. 900315 del 14 luglio 2000 | Architetto.info

CIRCOLARE 12 settembre 2001, n.9009: Legge n. 488/1992: banche concessionarie e Istituti collaboratori e modifiche alla circolare ministeriale n. 900315 del 14 luglio 2000

CIRCOLARE 12 settembre 2001, n.9009: Legge n. 488/1992: banche concessionarie e Istituti collaboratori e modifiche alla circolare ministeriale n. 900315 del 14 luglio 2000 (settore industria), nell'allegato n. 6 della circolare n. 900516 del 13 dicembre 2000 (settore turisticoalberghiero) e nell'allegato n. 10 della circolare n. 900047 del 25 gennaio 2001 (settore commercio). (GU n. 218 del 19-9-2001)

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

CIRCOLARE 12 settembre 2001, n.9009

Legge n. 488/1992: banche concessionarie e Istituti collaboratori e
modifiche alla circolare ministeriale n. 900315 del 14 luglio 2000
(settore industria), nell’allegato n. 6 della circolare n. 900516 del
13 dicembre 2000 (settore turisticoalberghiero) e nell’allegato n. 10
della circolare n. 900047 del 25 gennaio 2001 (settore commercio).

Alle imprese interessate
Alle banche concessionarie
Agli istituti collaboratori
All’A.B.I.
All’ASS.I.LEA.
All’ASS.I.RE.ME.
Alla Confindustria
Alla Confapi
Alla Confcommercio
Alla Confesercenti
Al Comitato di coordinamento delle
confederazioni artigiane

1. Il decreto ministeriale 3 luglio 2000 ed il decreto ministeriale
20 ottobre 1995, n. 527, e successive modifiche e integrazioni
concernenti, rispettivamente, il testo unico delle direttive ed il
regolamento per la concessione e l’erogazione delle agevolazioni ai
sensi della legge n. 488/1992, prevedono che gli adempimenti tecnici
e amministrativi per l’istruttoria delle domande di agevolazione
siano affidati a soggetti, denominati banche concessionarie con i
quali il Ministero stipula apposite convenzioni. Il regolamento e le
direttive prevedono altresi’ che le banche concessionarie possano a
loro volta stipulare convenzioni con altre banche e societa’ di
locazione finanziaria, denominati istituti collaboratori.
Per i passati bandi della legge n. 488/1992, fino a quelli in corso
al 25 marzo 2001, data di scadenza delle relative convenzioni con
questo Ministero, i previsti adempimenti, tra cui il ricevimento
delle domande di agevolazione, sono stati svolti dalle banche
concessionarie e dai relativi istituti collaboratori indicati, da
ultimo, nell’allegato n. 9 della circolare ministeriale n. 900315 del
14 luglio 2000 (settore industria), nell’allegato n. 6 della
circolare n. 900516 del 13 dicembre 2000 (settore
turistico-alberghiero) e nell’allegato n. 10 della circolare n.
900047 del 25 gennaio 2001 (settore commercio).
In relazione alla predetta scadenza del 25 marzo 2001, a seguito di
specifico bando di gara, sono state individuate undici nuove banche
concessionarie alle quali saranno affidati gli adempimenti per i
bandi da aprire successivamente a tale data e con le quali sono state
stipulate le previste convenzioni.
Tali banche concessionarie hanno provveduto a loro volta ad
individuare i rispettivi istituti collaboratori, a stipulare le
relative convenzioni e a darne formale comunicazione a questo
Ministero.
Si riporta in allegato l’elenco completo delle undici banche
concessionarie convenzionate con questo Ministero e degli istituti
collaboratori convenzionati con le banche concessionarie aggiornato
alla data odierna.
In relazione a quanto sopra esposto, si precisa che le domande di
agevolazione ai sensi della legge n. 488/1992 da presentare sui bandi
aperti successivamente alla data della presente circolare dovranno
essere avanzate, con le consuete modalita’ e nei termini fissati con
gli specifici decreti, esclusivamente alle banche concessionarie o,
per i programmi di investimento da realizzare, in tutto o in parte,
con il sistema della locazione finanziaria, agli istituti
collaboratori indicati nell’elenco allegato.
Per quanto concerne gli adempimenti relativi alle pregresse domande
di agevolazione relative ai bandi fino a quelli in corso alla data
del 25 marzo 2001, si continuera’ a fare riferimento alle banche ed
ai relativi istituti collaboratori indicati negli elenchi allegati
alle sopra citate circolari n. 900315/2000, n. 900516/2000 e n.
900047/2001.
Si precisa altresi’ che sette di tali undici nuove banche
concessionarie sono costituite da raggruppamenti temporanei di
imprese, ciascuno rappresentato da una mandataria e formato da piu’
componenti; qualora un’impresa intendesse prescegliere, come banca
concessionaria, uno di tali RTI, potra’ presentare la propria domanda
alla mandataria ovvero ad uno qualsiasi dei componenti il RTI stesso.
Per quanto concerne, infine, le domande presentate nei precedenti
bandi ma non agevolate a causa dell’insufficienza delle relative
risorse finanziarie e che, sussistendone le condizioni, vengano
inserite automaticamente o vengano riformulate, ai sensi dell’art. 6,
comma 8, del richiamato regolamento, in un bando aperto
successivamente alla presente circolare, si precisa che gli
adempimenti previsti dalla normativa a carico delle banche
concessionarie saranno curati dalla medesima banca concessionaria che
ha redatto l’istruttoria della domanda originaria, qualora la stessa
rientri nell’elenco delle nuove banche concessionarie, ovvero dal
raggruppamento temporaneo di imprese del quale la medesima faccia
parte a titolo di mandataria ovvero di componente. Ne consegue,
pertanto, che per le domande da riformulare, la nuova domanda dovra’
essere presentata, con le consuete modalita’, ad una delle nuove
banche concessionarie come appena spe-cificato.
2. Il decreto del Presidente della Repubblica 18 dicembre 2000, n.
445, concernente il testo unico delle disposizioni in materia di
documentazione amministrativa, nel raccogliere e coordinare le
numerose disposizioni in materia di dichiarazioni sostitutive degli
atti di notorieta’ e di “autocertificazioni” in genere, ha abrogato
talune delle disposizioni previgenti in materia ed in particolare
quelle dettate dalla legge 4 gennaio 1968, n. 15.
Premesso quanto sopra, per quanto concerne la modulistica per la
richiesta delle agevolazioni (modulo a stampa e scheda tecnica),
questa amministrazione, nelle more della diffusione dei nuovi
modelli, riterra’ valide le dichiarazioni recanti ancora il
riferimento agli articoli dell’abrogata legge del 4 gennaio 1968, n.
15, purche’ rese con le modalita’ previste dall’art. 38, comma 3 del
citato decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n.
445.
Per quanto concerne invece gli schemi di dichiarazione allegati
alle varie circolari esplicative:
le seguenti parole contenute nelle premesse delle dichiarazioni
medesime: “ai sensi e per gli effetti dell’art. 4 della legge
4 gennaio 1968, n. 15” devono essere sostituite dalle parole “ai
sensi e per gli effetti degli articoli 47 e 76 del decreto del
Presidente della Repubblica n. 445 del 28 dicembre 2000”;
nella nota in calce alle stesse dichiarazioni relativa alle
modalita’ di sottoscrizione, le parole “Sottoscrivere la presente
dichiarazione con le modalita’ previste dall’art. 3 della legge
15 maggio 1997, n. 127, come modificato dall’art. 2, comma 10 della
legge 16 giugno 1998, n. 191 e dal decreto del Presidente della
Repubblica 20 ottobre 1998, n. 403”, devono intendersi sostituite
dalle parole: “Sottoscrivere la presente dichiarazione con le
modalita’ previste dall’art. 38, comma 3 del decreto del Presidente
della Repubblica n. 445 del 28 dicembre 2000”.
3. Al fine di adeguare le circolari ministeriali n. 900315 del
14 luglio 2000 (settore industria), n. 900516 del 13 dicembre 2000
(settore turistico-alberghiero) e n. 900047 del 25 gennaio 2001
(settore commercio) ad alcune recenti modifiche normative in materia
di semplificazione dei procedimenti amministrativi e di imposta di
registro, si chiarisce che, con riferimento alla documentazione
prevista dagli allegati, rispettivamente, n. 26, n. 22 e n. 28 delle
circolari stesse, deve essere prodotta (si veda il punto A.3.a.II di
detti allegati) la copia autenticata dell’attestazione del deposito
della delibera di aumento del capitale sociale presso il competente
registro delle imprese e non piu’ presso la competente cancelleria
del tribunale, ed inoltre che non e’ piu’ richiesta (si veda il punto
A.3.b.II di detti allegati), nel caso di conferimento dei soci in
conto aumento del capitale sociale, la copia autentica della ricevuta
dell’avvenuto pagamento dell’imposta dovuta al competente ufficio del
registro.
Roma, 12 settembre 2001

Il direttore generale
per il coordinamento
degli incentivi alle imprese
Sappino

Allegato
ELENCO COMPLETO DELLE BANCHE CONCESSIONARIE CONVENZIONATE CON IL
MINISTERO E DEGLI ISTITUTI COLLABORATORI CONVENZIONATI CON LE BANCHE
CONCESSIONARIE PER GLI ADEMPIMENTI DI CUI ALLA LEGGE n. 488/1992
RIFERITI ALLE DOMANDE PRESENTATE SUI BANDI APERTI SUCCESSIVAMENTE
ALLA DATA DEL 25 MARZO 2001. ELENCO AGGIORNATO AL 12 SETTEMBRE 2001.
Banche concessionarie |Istituti collaboratori
———————————————————————
MPS Merchant – Banca per le |
Piccole e medie imprese S.p.a. – |
Firenze |
———————————————————————
|Banca Agrileasing S.p.a. – Roma
———————————————————————
|Banca Monte del Paschi di Siena
|S.p.a. – Siena
————————————————————…

[Continua nel file zip allegato]

CIRCOLARE 12 settembre 2001, n.9009: Legge n. 488/1992: banche concessionarie e Istituti collaboratori e modifiche alla circolare ministeriale n. 900315 del 14 luglio 2000

Architetto.info