MINISTERO DELL'INTERNO, COMUNICATO 26 novembre 2014 | Architetto.info

MINISTERO DELL’INTERNO, COMUNICATO 26 novembre 2014

MINISTERO DELL'INTERNO COMUNICATO Classificazione di alcuni prodotti esplosivi (14A09109) (GU n.275 del 26-11-2014)

MINISTERO DELL’INTERNO
COMUNICATO
Classificazione di alcuni prodotti esplosivi (14A09109)
(GU n.275 del 26-11-2014)

Con decreto ministeriale n. 557/PAS/E/015424/XVJ/CE/C del 5
novembre 2014, i manufatti esplosivi di seguito riportati sono
classificati, ai sensi dell’art. 19, comma 3 a), del decreto 19
settembre 2002, n. 272, nella categoria dell’allegato «A» al
Regolamento di esecuzione del citato Testo Unico, con il relativo
numero ONU e con la denominazione accanto indicati:
Denominazione Esplosivo: «JK 6 B»
Numero Certificato BAM: 0589.EXP.3506/99
Data Certificato: 16 novembre 2000
Integrazione C1 al certificato: 21 aprile 2004
Numero ONU: 0160 o 0161*
Classe di rischio: 1.1 C o 1.3C*
Categoria P.S.: I
Denominazione Esplosivo: «JK 6 BT»
Numero Certificato BAM: 0589.EXP.3506/99
Data Certificato: 16 novembre 2000
Integrazione C1 al certificato: 21 novembre 2004
Numero ONU: 0160 o 0161*
Classe di rischio: 1.1 C o 1.3C*
Categoria P.S.: I
Denominazione Esplosivo: «JK 6 C»
Numero Certificato BAM: 0589.EXP.3506/99
Data Certificato: 16 novembre 2000
Integrazione C1 al certificato: 21 aprile 2004
Numero ONU: 0160 o 0161*
Classe di rischio: 1.1 C o 1.3C*
Categoria P.S.: I
Denominazione Esplosivo: «JK 6 M»
Numero Certificato BAM: 0589.EXP.3506/99
Data Certificato: 16 novembre 2000
Integrazione C1 al certificato: 21 aprile 2004
Numero ONU: 0160 o 0161*
Classe di rischio: 1.1 C o 1.3C*
Categoria P.S.: I
(*) Il gruppo di compatibilita’ 1.3 e’ valido solo se il metodo
d’imballaggio e’ l’E22, con fustini di cartone da 25 litri,
confezionamento interno con sacchi di plastica e un massimo di 10 kg
di polvere nei fustini; oppure con fusti di cartone da 70 litri,
confezionamento interno con sacchi di plastica ed un massimo di 25 kg
di polvere nei fusti.
Sull’imballaggio dei manufatti esplosivi deve essere apposta
un’etichetta riportante, oltre a quanto previsto dalla direttiva
93/15/CEE e dal decreto legislativo 14 marzo 2003, n. 65, recante:
«Attuazione delle direttive 1999/45/CE e 2001/60/CE relative alla
classificazione, all’imballaggio e all’etichettatura dei preparati
pericolosi» e successive modificazioni, anche i seguenti dati:
denominazione del prodotto, numero ONU e classe di rischio, numero
del certificato «CE del Tipo», categoria dell’esplosivo secondo il
T.U.L.P.S., numero del presente provvedimento, nome del fabbricante,
elementi identificativi dell’importatore o del produttore titolare
delle licenze di polizia e indicazione di eventuali pericoli nel
maneggio e trasporto.
Per i citati esplosivi il sig. Fiocchi Stefano, titolare delle
licenze ex articoli 47 e 28 T.U.L.P.S. in nome e per conto della
«Fiocchi Munizioni S.p.A.» avente sede in Lecco, via Santa Barbara n.
4, ha prodotto l’attestato «CE del Tipo» rilasciato dall’Organismo
Notificato «BAM» su richiesta della «Eurenco Bofors AB» – 69186
Karlskoga (Svezia) -. Da tale certificato risulta che i citati
esplosivi vengono prodotti presso gli stabilimenti della medesima
societa’ richiedente.
Avverso il presente provvedimento e’ ammesso ricorso
giurisdizionale al T.A.R. o, in alternativa, ricorso straordinario al
Presidente della Repubblica, rispettivamente, entro 60 o 120 giorni
dalla notifica.

MINISTERO DELL’INTERNO, COMUNICATO 26 novembre 2014

Architetto.info