COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA | Architetto.info

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 15 novembre 2001: Programma statistico nazionale per il triennio 2002-2004. (Deliberazione n. 97/2001). (GU n. 3 del 4-1-2002)

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 15 novembre 2001

Programma statistico nazionale per il triennio 2002-2004.
(Deliberazione n. 97/2001).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE
PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA
Visto il decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322, recante
norme sul sistema statistico nazionale (SISTAN) e sulla
riorganizzazione dell’Istituto nazionale di statistica, ai sensi
della legge 23 agosto 1989, n. 400;
Visto in particolare l’art. 6-bis, del predetto decreto
legislativo, introdotto dall’art. 11 del decreto legislativo 30
luglio 1999, n. 281, concernente le disposizioni in materia di
trattamento dei dati personali per finalita’ storiche, statistiche e
di ricerca scientifica;
Visto inoltre il successivo art. 13, del medesimo decreto
concernente la procedura di approvazione del Programma statistico
nazionale;
Visti gli articoli 2, comma 4, 8 comma 1, 9 comma 3 e 6 comma 1,
del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, che demandano alla
Conferenza Stato-regioni il compito, tra l’altro, di favorire
l’interscambio di dati e di informazioni sull’attivita’ posta in
essere dalle amministrazioni centrali, regionali e dalle province
autonome;
Vista la legge 17 maggio 1999, n. 144, concernente, tra l’altro,
misure in materia di investimenti;
Vista la propria delibera n. 71/1999, del 14 maggio 1999,
concernente gli orientamenti per la programmazione degli investimenti
nel periodo 2000/2006 per lo sviluppo del Mezzogiorno (PSM) ed in
particolare il punto 3.1, lettera e), che prevede fra l’altro il
rafforzamento della disponibilita’ di informazioni nell’ambito del
Sistema statistico nazionale, per migliorare il processo di
misurazione dell’efficacia degli investimenti adottati nel quadro del
PSM;
Visto il programma statistico nazionale per il triennio 2002-2004
deliberato dal Comitato di indirizzo e coordinamento
dell’informazione statistica (Comstat) nella seduta del 3 luglio
2001;
Considerato che il programma statistico nazionale costituisce lo
strumento d’indirizzo per la rilevazione dei dati e delle
informazioni d’interesse comune per tutti i soggetti del Sistema
statistico nazionale, in un’ottica di armonizzazione della funzione
statistica a livello comunitario, tenendo altresi’ conto dell’attuale
trasferimento di funzioni a regioni ed enti locali e che in tale
contesto e’ pertanto necessario incrementare la qualita’ e la
quantita’ delle informazioni statistiche, anche ai fini della
valutazione e del monitoraggio delle politiche di sviluppo e degli
investimenti pubblici;
Preso atto che nel programma statistico nazionale 2002-2004 sono
state introdotte due importanti innovazioni concernenti una nuova
articolazione per aree e settori di interesse e, nell’ambito di
ciascun settore, il raggruppamento dei progetti per argomento e
ritenuto che tali innovazioni costituiscono un efficace strumento di
razionalizzazione e di valutazione ai fini dell’inserimento di nuovi
progetti nel Programma stesso, agevolando al contempo la lettura del
documento;
Ribadita l’esigenza di sviluppare qualitativamente e
quantitativamente l’informazione statistica, attraverso il
coinvolgimento e la valorizzazione di tutti i soggetti del Sistema
statistico nazionale di cui all’art. 2, del citato decreto
legislativo n. 322/1989, ed in particolare delle amministrazioni
centrali, regionali, locali e delle camere di commercio, chiamate a
svolgere compiti di valutazione e monitoraggio;
Considerato altresi’ che l’azione di sviluppo informativo impegna
l’istituto nazionale di statistica a svolgere un determinante ruolo
di impulso e coordinamento metodologico, nel quadro di un maggior
dettaglio territoriale delle informazioni, assicurandone la
continuita’ temporale e spaziale;
Acquisito il parere favorevole della Commissione per la garanzia
dell’informazione statistica in data 11 luglio 2001;
Acquisito il parere favorevole della Conferenza unificata Stato,
citta’ ed autonomie locali e Stato-regioni in data 27 settembre 2001;
Acquisito inoltre il parere favorevole del Garante per la
protezione dei dati personali in data 28 settembre 2001;
Su proposta del presidente dell’Istituto nazionale di statistica;
Delibera:
E’ approvato il programma statistico nazionale per il triennio
2002-2004, predisposto dall’istituto nazionale di statistica, che
costituisce il principale strumento d’indirizzo dell’informazione
statistica per i soggetti appartenenti al sistema statistico
nazionale e che prevede, tra gli obiettivi generali per il prossimo
triennio, lo sviluppo, in un quadro di progressiva armonizzazione, di
adeguate iniziative per l’attuazione degli obblighi statistici
comunitari, con un maggior dettaglio territoriale delle informazioni
prodotte e mediante l’organizzazione di adeguati archivi.
In particolare, gli obiettivi specifici del programma sono i
seguenti:
innalzamento della cultura statistica;
orientamento privilegiato alle esigenze degli utilizzatori;
rilancio e consolidamento degli uffici di statistica del sistema;
miglioramento della qualita’ dei prodotti e dei processi di
produzione, con particolare riguardo, fra l’altro, allo sviluppo di
statistiche del territorio;
costruzione di sistemi informativi;
integrazione della produzione del Sistan in ambito europeo.
Ribadisce
l’esigenza che nella fase di realizzazione del Programma statistico
nazionale sia assicurata maggiore omogeneita’ nella produzione di
informazioni statistiche coerenti con le esigenze di monitoraggio e
valutazione delle politiche di sviluppo e degli investimenti pubblici
da parte di tutti i soggetti del SISTAN, in linea con quanto previsto
dalla propria delibera n. 71/1999 del 14 maggio 1999, richiamata in
premessa ed in stretto raccordo con il dipartimento per le politiche
di sviluppo e coesione del Ministero dell’economia e delle finanze.
Prende atto
che l’Istituto nazionale di statistica, ai sensi dell’art. 1 della
legge n. 144/1999, e’ impegnato ad assicurare che, per l’intero
territorio nazionale, i dati rilevanti a fini di politica economica
siano disponibili, oltre che per ripartizioni amministrative, anche
per sistemi locali di lavoro.
Sottolinea
l’opportunita’ di poter disporre, in occasione dell’esame dei futuri
programmi statistici nazionali, di una stima complessiva del costo di
realizzazione dei programmi stessi, ovvero di una valutazione dei
costi relativi alle principali attivita’ concernenti, in particolare,
le rilevazioni e gli studi progettuali.
Le indicazioni di cui alla presente delibera saranno oggetto di
specifica attenzione in sede di approvazione dei futuri aggiornamenti
annuali del programma statistico nazionale.
Roma, 15 novembre 2001
Il Presidente delegato: Tremonti

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Architetto.info