COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE - ECONOMICA: DELIBERAZIONE 15 novembre 2001 | Architetto.info

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE – ECONOMICA: DELIBERAZIONE 15 novembre 2001

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE - ECONOMICA: DELIBERAZIONE 15 novembre 2001 Interventi nel settore dei sistemi di trasporto rapido di massa: modifiche e/o integrazioni a precedenti delibere. (Deliberazione n. 101/2001). (GU n. 41 del 18-2-2002)

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 15 novembre 2001

Interventi nel settore dei sistemi di trasporto rapido di massa:
modifiche e/o integrazioni a precedenti delibere. (Deliberazione n.
101/2001).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE
PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA
Vista la legge 26 febbraio 1992, n. 211, e viste le leggi 30 maggio
1995, n. 204; 4 dicembre 1996, n. 611; 27 febbraio 1998, n. 30;
18 giugno 1998, n. 194; 23 dicembre 1998, n. 448; 7 dicembre 1999, n.
472; 23 dicembre 1999, n. 488, e 23 dicembre 2000, n. 388, con le
quali sono stati rifinanziati gli articoli 9 e 10 della citata legge
n. 211/1992 e/o sono state dettate norme integrative o modificative;
Visti l’art. 1 della legge 24 dicembre 1993, n. 537, e il decreto
del Presidente della Repubblica 20 aprile 1994, n. 373, che, in
attuazione della delega contenuta nel comma 24 della norma citata,
hanno disciplinato le funzioni dei Comitati soppressi ai sensi del
comma 21 dello stesso articolo, tra i quali figura incluso il CIPET,
competente ad assumere determinazioni in ordine ai programmi da
finanziare ai sensi della citata legge n. 211/1992;
Viste le delibere con le quali questo Comitato ha proceduto ad
allocare le risorse recate – rispettivamente – dall’art. 9 della
legge n. 211/1992, come rifinanziato con le leggi citate al primo
comma della presente delibera, e dall’art. 10 della stessa legge,
provvedendo altresi’ alla finalizzazione di “economie” conseguenti
all’abbassamento del tasso di sconto ed alla riallocazione di
disponibilita’ conseguenti a revoca di finanziamenti per tardiva
presentazione dei relativi progetti;
Vista la nota n. 1133/211 del 18 ottobre 2001 con la quale il
Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ha trasmesso le
proposte di rimodulazione finanziaria o di revoca per taluni
interventi gia’ approvati da questo Comitato con le delibere sopra
richiamate;
Preso atto che il succitato Ministero propone – per tardiva
presentazione del progetto – la revoca del finanziamento concernente
l’intervento “linea tranviaria Albissola-Savona-Vado, 1o lotto
funzionale”, intervento originariamente approvato e finanziato per il
50% del costo con propria delibera 20 novembre 1995 ed il cui
finanziamento e’ stato successivamente elevato al 60% con delibera 1
febbraio 2001, n. 15;
Preso atto che – a compimento della valutazione effettuata per i
due interventi proposti dalla provincia di Ancona, denominati sistema
integrato autobus-treno” e “integrazione autobus-treno”, approvati in
via programmatica, rispettivamente, con la citata delibera n. 15/2001
e con la successiva delibera 3 maggio 2001, n. 76 – il Ministero
delle infrastrutture e dei trasporti propone la revoca
dell’assegnazione relativa al primo intervento e la trasformazione in
definitiva dell’assegnazione concernente il secondo intervento, di
piu’ ampia portata ed inclusivo anche delle opere previste dal primo
progetto, e ritenuto, nell’occasione, di quantificare puntualmente la
rata quindicennale di contributo da assegnare definitivamente
all’intervento, posto che il dato riportato in delibera e’ in realta’
riferibile al volume d’investimenti;
Preso atto che – per l’intervento “Ferrovia Roma-Pantano: tratta
Torrenova-Giglioli”, inizialmente approvato con delibera 21 aprile
1999, n. 66, e finanziato per il 50% del costo – la suddetta
Amministrazione propone di revocare l’integrazione del finanziamento
sino al 60% di detto costo, disposta con la suddetta delibera n.
15/2001 e che non risulta piu’ necessaria in considerazione
dell’assegnazione di altro contributo a carico della legge n.
611/1996, che ha rifinanziato la legge 22 dicembre 1986, n. 910;
Ritenuto di condividere le proposte come sopra illustrate;
Ritenuto altresi’ opportuno procedere all’elevazione del contributo
sino alla consueta soglia del 60% del costo per la tranche “Parco
rotabili linea B”, facente parte dell’intervento complessivo
“Metropolitana: linee A e B – potenziamento e ammodernamento”, in
analogia a quanto effettuato con la piu’ volte citata delibera n.
15/2001 per le altre tranches del suddetto intervento;
Rilevato che per altro intervento segnalato nella predetta nota ai
fini della riassegnazione dell’intero finanziamento originariamente
attribuito e poi ridimensionato e’ stato concordato, in sede
istruttoria, di effettuare ulteriori approfondimenti;
Ritenuto opportuno, in relazione al processo di riordino che ha
interessato l’Amministrazione delle infrastrutture e dei trasporti,
differire il termine assegnato al Ministero di settore, da ultimo con
delibera n. 76/2001, per la presentazione della relazione sullo stato
di attuazione del complessivo programma d’interventi in materia di
trasporti rapidi di massa e di ferrovie concesse ed in gestione
governativa;
Delibera:
1. Assegnazione definitiva.
All’intervento proposto dalla provincia di Ancona e denominato
“Integrazione autobus-treno”, del costo complessivo di 10.000 milioni
di lire (5,165 Meuro), viene definitivamente attribuito il contributo
gia’ assegnato programmaticamente con delibera n. 76/2001 ed inteso
alla copertura del 60% del costo stesso: tenendo conto del tasso
d’interesse corrente, il contributo viene determinato in 573 milioni
di lire (0,296 Meuro) per la durata di 15 anni e viene imputato sulle
risorse previste dagli articoli 54 della legge n. 488/1999 e 144
della legge n. 388/2000.
2. Revoca finanziamenti.
Sono revocati, per le motivazioni esposte in premessa, i
finanziamenti attribuiti agli interventi elencati nella tabella di
cui appresso ed i cui contributi erano stati imputati sulle leggi
precisate nella tabella stessa:
—-> Vedere tabella di pag. 26

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE – ECONOMICA: DELIBERAZIONE 15 novembre 2001

Architetto.info