COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA: DELIBERAZIONE 21 dicembre 2001: Legge n. 208/1998 | Architetto.info

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA: DELIBERAZIONE 21 dicembre 2001: Legge n. 208/1998

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA: DELIBERAZIONE 21 dicembre 2001: Legge n. 208/1998 - Studi di fattibilita': definanziamenti ed utilizzo delle economie. (Deliberazione n. 114/01). (GU n. 42 del 19-2-2002)

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 21 dicembre 2001

Legge n. 208/1998 – Studi di fattibilita’: definanziamenti ed
utilizzo delle economie. (Deliberazione n. 114/01).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA
Vista la delibera in data 9 luglio 1998, n. 70 (Gazzetta Ufficiale
n. 195/1998), con la quale questo Comitato ha proceduto al riparto
delle risorse di cui all’art. 1, comma 1, della legge 30 giugno 1998,
n. 208, riservando complessivamente alla realizzazione di interventi
infrastrutturali 4.500 miliardi di lire (2.324,06 Meuro), dei quali
1.000 (516,46 Meuro) assegnati al Ministero dei lavori pubblici per
la prosecuzione dei lavori di riqualificazione dell’autostrada
Salerno-Reggio Calabria e 3.500 (1.807,60 Meuro) attribuiti alle
intese istituzionali di programma per opere di completamento e, in
misura non superiore al 3% delle risorse disponibili, per il
finanziamento di studi di fattibilita’ nella percentuale del 50% del
costo relativo;
Vista la delibera in data 30 giugno 1999, n. 106 (Gazzetta
Ufficiale n. 248/1999), con la quale questo Comitato ha ripartito tra
le regioni meridionali l’importo complessivo di 86,928 miliardi di
lire (44,89 Meuro) destinato al finanziamento del 50% del costo degli
studi di fattibilita’ relativi alle regioni stesse;
Vista la delibera in data 6 agosto 1999, n. 135 (Gazzetta Ufficiale
n. 242/1999), con la quale questo Comitato ha ripartito l’importo
complessivo di 10,5 miliardi di lire (5,42 Meuro) destinato al
finanziamento del 50% del costo degli studi di fattibilita’ relativi
alle regioni del Centro-Nord;
Viste le note del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti in
data 21 agosto e 7 novembre 2001, con le quali si rappresenta
l’opportunita’ di procedere al definanziamento di tre studi di
fattibilita’, in quanto gli interventi previsti in due di essi
risultano superati dalle fasi di progettazione dei medesimi ormai
maturate ed il terzo studio necessita di una rimodulazione che
comporta tempi incompatibili con le scadenze previste;
Viste le note del Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e
della ricerca in data 10 agosto e 20 novembre 2001 con le quali si
rende noto, rispettivamente, che uno studio di fattibilita’ non e’
stato svolto per autonoma decisione dell’Universita’ “La Sapienza” di
Roma, ente attuatore, e che lo studio finanziato all’Universita’ del
Sannio non e’ stato ancora affidato pur essendo trascorso il termine
entro il quale doveva essere ultimato;
Vista la nota inviata via fax il 19 dicembre 2001 con la quale
l’Ateneo per ultimo citato comunica di aver avviato tutte le
procedure necessarie per l’affidamento dello studio di fattibilita’
di cui trattasi e precisa che l’affidamento stesso avverra’ entro e
non oltre il 28 gennaio 2002;
Ritenuto, in relazione allo stato delle procedure rappresentato
dall’Universita’ del Sannio, di soprassedere al definanziamento dello
studio di fattibilita’ di competenza dell’Universita’ stessa, fermo
restando che, qualora l’affidamento non avvenga entro la data
indicata, il definanziamento avverra’ automaticamente, in linea con
l’orientamento adottato in precedenza dalla Commissione
infrastrutture e da questo stesso Comitato, alla cui stregua gli
studi non affidati entro l’originario termine di ultimazione dei
medesimi sono definanziabili;
Ritenuto di disporre le altre revoche di finanziamento di cui alle
note sopra menzionate;
Ritenuto, nell’occasione, di dettare disposizioni in materia di
utilizzo delle economie a qualsiasi titolo realizzate nelle varie
fasi di aggiudicazione ed esecuzione degli studi di fattibilita’, in
analogia con quanto gia’ disposto con delibere 21 aprile 1999, n. 49,
e 1 febbraio 2001, n. 10, per le opere di completamento finanziate
con la legge n. 208/1998 e per gli interventi a carico delle
precedenti leggi recanti risorse per le aree depresse
(numeri 341/1995, 641/1996 e 135/1997);
Delibera:
1. Per i motivi esposti in premessa e’ revocato il finanziamento
assegnato, a carico degli stanziamenti della legge n. 208/1998, per
gli studi di fattibilita’ riportati nell’elenco allegato che forma
parte integrante della presente delibera.
2. Lo studio di fattibilita’ denominato “Insediamento edilizio e
allocazione ottimale delle attivita’ dell’Ateneo” e’ da intendere
automaticamente definanziato qualora l’Universita’ del Sannio non
proceda all’affidamento dello studio medesimo entro il 28 gennaio
2002 e non trasmetta via fax entro il 29 dello stesso mese, a
comprova dell’avvenuto adempimento, copia del provvedimento di
affidamento alla segreteria di questo Comitato.
3. Le economie derivanti da ribassi di gara, definanziamenti,
revoche o comunque conseguite nelle varie fasi procedimentali
relative a studi di fattibilita’ finanziati con le delibere di
riparto dei fondi recati dalle leggi citate in premessa e di
competenza delle Amministrazioni centrali, vengono utilizzate nel
contesto dell’Intesa istituzionale di programma intercorsa con la
regione interessata, nell’ipotesi in cui sia stato stipulato apposito
Accordo di programma quadro (APQ) per il settore nel quale le
economie stesse si sono realizzate. In caso contrario, le risorse di
cui trattasi sono destinate dall’amministrazione competente ad
ulteriori studi del medesimo settore e – per quanto possibile – nella
stessa area regionale, comunque di intesa con l’amministrazione
regionale interessata.
Resta confermato che le economie relative a studi di fattibilita’
di competenza delle amministrazioni regionali vengono finalizzate
nell’ambito dell’intesa istituzionale di programma, preferibilmente
per studi nel medesimo settore in cui le economie stesse si sono
realizzate.
Roma, 21 dicembre 2001
Il Presidente delegato: Tremonti
Registrato alla Corte dei conti l’8 febbraio 2002
Ufficio di controllo sui Ministeri economico-finanziari, registro n.
1 Economia e finanze, foglio n. 152

Vedere allegato di pag. 65 in formato zip

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA: DELIBERAZIONE 21 dicembre 2001: Legge n. 208/1998

Architetto.info