COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 21 dicembre 2001: Utilizzo disponibilita' di cassa ex lege n. 488/1992 | Architetto.info

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 21 dicembre 2001: Utilizzo disponibilita’ di cassa ex lege n. 488/1992

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 21 dicembre 2001: Utilizzo disponibilita' di cassa ex lege n. 488/1992 per spese connesse a patti territoriali e contratti d'area. (Deliberazione n. 123/2001). (GU n. 88 del 15-4-2002)

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 21 dicembre 2001

Utilizzo disponibilita’ di cassa ex lege n. 488/1992 per spese
connesse a patti territoriali e contratti d’area. (Deliberazione n.
123/2001).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE
PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Visto il decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415, convertito dalla
legge 19 dicembre 1992, n. 488, concernente modifiche alla legge 1
marzo 1986, n. 64, che disciplina l’intervento straordinario nel
Mezzogiorno;
Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662, commi 203 e seguenti e
successive modificazioni e integrazioni, recante, tra l’altro,
disposizioni in materia di programmazione negoziata;
Viste le proprie delibere 21 marzo 1997, n. 29 (Gazzetta Ufficiale
n. 105/1997), 9 luglio 1998, n. 70 (Gazzetta Ufficiale n. 195/1998),
11 novembre 1998, n. 127 (Gazzetta Ufficiale n. 4/1999), 9 giugno
1999, n. 77 (Gazzetta Ufficiale n. 183/1999), in materia di
programmazione negoziata;
Visto il decreto del Ministro del tesoro 4 agosto 1997 (Gazzetta
Ufficiale n. 207/1997) che disciplina le modalita’ di pagamento da
parte della Cassa depositi e prestiti delle somme destinate
all’attuazione dei patti territoriali e dei contratti d’area;
Visto il punto 3 della propria delibera 17 marzo 2000, n. 31
(Gazzetta Ufficiale n. 125/2000), contenente disposizioni transitorie
in materia di programmazione negoziata e velocizzazione dei contratti
d’area, in cui e’ previsto che una quota non superiore al 20% delle
risorse, assegnate dallo Stato al finanziamento delle iniziative
inserite in patti territoriali o in contratti d’area, che si
rendessero disponibili a seguito di provvedimenti di rideterminazione
del finanziamento, puo’ essere utilizzata per la copertura degli
oneri derivanti dallo svolgimento di attivita’ istruttorie o di
supporto e assistenza tecnica di patti territoriali o di contratti
d’area;
Visto il decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica 31 luglio 2000, n. 320 (Gazzetta Ufficiale
n. 260/2000 – supplemento ordinario n. 182) concernente la disciplina
per l’erogazione delle agevolazioni relative ai contratti d’area e ai
patti territoriali;
Vista la nota del 18 dicembre 2001 (prot. 1.167.543) con la quale
il Ministro delle attivita’ produttive propone di utilizzare, nella
misura di 235 miliardi di lire (121,37 Meuro), le disponibilita’
rivenienti dalle revoche delle agevolazioni gia’ concesse a valere
sulla legge n. 488/1992, per far fronte alle immediate esigenze di
pagamento dei contributi di funzionamento a favore dei soggetti
responsabili dei patti territoriali e dei responsabili unici dei
contratti d’area, dei compensi per lo svolgimento di attivita’
istruttorie o di supporto ai patti territoriali e contratti d’area e
della commissione onnicomprensiva alla Cassa depositi e prestiti
cosi’ come determinata dal citato decreto del Ministro del tesoro del
4 agosto 1997;
Ravvisata la necessita’ di procedere con urgenza all’erogazione
degli importi relativi alle esigenze sopra descritte, e che le
risorse a tale scopo utilizzate siano successivamente reintegrate
sulla base delle somme che si renderanno disponibili a seguito di
provvedimenti di rideterminazione dei finanziamenti di patti
territoriali e di contratti d’area cosi’ come previsto al punto 3
della citata delibera 17 marzo 2000, n. 31;
Su proposta del Ministro delle attivita’ produttive;
Delibera:
1. Al termine del punto 3, primo capoverso, della propria
deliberazione 17 marzo 2000, n. 31, si aggiunge la dizione: “e alla
corresponsione alla Cassa depositi e prestiti dei compensi derivanti
dalla commissione onnicomprensiva dello 0,10% sulle somme erogate per
i patti territoriali e per i contratti d’area”.
2. Il Ministero delle attivita’ produttive e’ autorizzato a erogare
i compensi relativi ai contributi di funzionamento per i soggetti
responsabili dei patti territoriali e per i responsabili unici dei
contratti d’area, nonche’ i compensi per lo svolgimento delle
attivita’ istruttorie o di supporto e assistenza tecnica dei patti
territoriali e dei contratti d’area e gli importi da corrispondere
alla Cassa depositi e prestiti a titolo di commissione
onnicomprensiva dello 0,10% sulle somme erogate per i patti
territoriali e per i contratti d’area, attraverso l’utilizzo, nei
limiti di 235 miliardi di lire (121,37 Meuro), delle disponibilita’
rivenienti dalle revoche delle agevolazioni gia’ concesse a valere
sulla legge n. 488/1992.
3. Le risorse derivanti dall’applicazione del punto 3 della citata
delibera n. 31/2000 saranno utilizzate per reintegrare, fino a
concorrenza degli oneri sostenuti in applicazione del precedente
punto 2, le dotazioni finalizzate alla realizzazione degli interventi
previsti dalla legge n. 488/1992.
Roma, 21 dicembre 2001
Il Presidente delegato: Tremonti
Registrato alla Corte dei conti il 18 marzo 2002
Ufficio di controllo sui Ministeri economico-finanziari, registro
n. 2
Economia e finanze, foglio n. 26

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 21 dicembre 2001: Utilizzo disponibilita’ di cassa ex lege n. 488/1992

Architetto.info