Contributo per la sicurezza alimentare, ai sensi dell'art. 59 della legge 23 dicembre 1999, n. 488 | Architetto.info

Contributo per la sicurezza alimentare, ai sensi dell’art. 59 della legge 23 dicembre 1999, n. 488

Contributo per la sicurezza alimentare, ai sensi dell'art. 59 della legge 23 dicembre 1999, n. 488 - Finanziaria 2000.

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI
di concerto con
IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE
ECONOMICA
Visto l’art. 59 della legge 23 dicembre 1999, n. 488 (legge
finanziaria 2000);
Visto, in particolare, il comma 1, che al fine di promuovere lo
sviluppo di una produzione agricola di qualita’ ed eco-compatibile
all’interno di un sistema di regole in materia di salvaguardia del
territorio rurale, di tutela del lavoro e della salute dei
consumatori, a partire dal 1o gennaio 2000, prevede tra l’altro
che, i titolari delle autorizzazioni all’immissione in commercio e
degli esercizi di vendita di prodotti fitosanitari etichettati con
le sigle R33, R40, R45, R49 e R60 sono tenuti al versamento di un
contributo per la sicurezza alimentare nella misura dello 0,5 per
cento del fatturato annuo relativo, rispettivamente, alla
produzione ed alla vendita dei suddetti prodotti e che, in caso di
importazione diretta dei prodotti da parte dell’utilizzatore
finale, il contributo e’ dovuto da quest’ultimo nella misura dell’1
per cento del prezzo d’acquisto;
Visto il successivo comma 2, in base al quale le entrate derivanti
dai contributi di cui al comma 1, sono versate all’entrata del
bilancio dello Stato per essere riassegnate, con decreto del
Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica,
ad apposita unita’ previsionale di base del Ministero delle
politiche agricole e forestali, ai fini della successiva
ripartizione per il finanziamento di programmi nazionali e
regionali finalizzati agli obiettivi di cui alle lettere a), b) e
c) del medesimo comma 2;
Visto il successivo comma 3, ove e’ previsto che il contributo di
cui al richiamato comma 1 e’ corrisposto in rate semestrali con
scadenza il giorno 15 del mese successivo, con le modalita’
stabilite con decreto del Ministro delle politiche agricole e
forestali di concerto con il Ministro del tesoro, del bilancio e
della programmazione economica;
Visto il combinato disposto dei commi 1, 2 e 3 dell’art. 27 della
richiamata legge 23 dicembre 1999, n. 488, in base al quale le
riassegnazioni alla spesa di somme versate all’entrata del bilancio
dello Stato sonorinviate all’anno 2001, ad eccezione di quelle
connesse agli interventi elencati ai commi 1 e 2, con l’avvertenza
che, per effettive, motivate e documentate esigenze, le
riassegnazioni possono comunque aver luogo nel 2000 in deroga al
principio sopra richiamato nel limite del 5 per cento degli importi
previsti;
Decreta:
Art. 1.
Il contributo di cui all’art. 59, comma 1, della legge 23 dicembre
1999, n. 488, deve essere versato dai soggetti indicati nel comma
medesimo al bilancio dello Stato, con imputazione al capitolo di
entrata 3583 del capo XVII, presso la sezione di tesoreria
provinciale dello Stato territorialmente competente, direttamente,
ovvero tramite il conto corrente postale intestato alla sezione
stessa con indicazione della causale del versamento, del capo e del
capitolo di imputazione.
Art. 2.
Il contributo di cui all’art. 1, deve essere effettuato in due rate
semestrali scadenti rispettivamente il 15 luglio ed il 15 gennaio,
a partire dalla semestralita’ scadente il 15 luglio 2000 e si
riferisce al fatturato annuo dei prodotti di cui al richiamato art.
59, comma 1, della legge 23 dicembre 1999, n. 488, relativo
all’anno precedente.
Roma, 14 luglio 2000
Il Ministro delle politiche agricole e forestali Pecoraro Scanio
p. Il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione
economica Pagano
Registrato alla Corte dei conti il 7 novembre 2000
Registro n. 2 Politiche agricole, foglio n. 152

Contributo per la sicurezza alimentare, ai sensi dell’art. 59 della legge 23 dicembre 1999, n. 488

Architetto.info