MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE, DECRETO 16 dicembre 2013 (specie allevabili) | Architetto.info

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE, DECRETO 16 dicembre 2013 (specie allevabili)

DECRETO 16 dicembre 2013 Implementazione dell'elenco delle specie comunemente e facilmente allevabili. (14A00182) (GU n.22 del 28-1-2014)

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE
DECRETO 16 dicembre 2013
Implementazione dell’elenco delle specie comunemente e facilmente
allevabili. (14A00182)

IL DIRETTORE GENERALE
per la protezione della natura e del mare

Vista la Convenzione sul commercio internazionale di specie di
fauna e flora selvatiche in pericolo di estinzione (CITES), firmata a
Washington il 3 marzo 1973 e ratificata con legge 19 dicembre 1975,
n.874;
Visto il decreto legislativo n. 300 del 1999 e, in particolare
l’art. 35, che individua nel Ministero dell’Ambiente e della Tutela
del territorio e del Mare l’autorita’ di gestione e attuazione della
CITES in Italia;
Vista la legge 7 febbraio 1992, n.150 e in particolare, l’art. 5,
comma 5-bis, che prevede l’emanazione da parte del Ministro
dell’ambiente, di concerto con il Ministro delle politiche agricole e
forestali, di un decreto per istituire il registro di detenzione
degli esemplari di cui agli articoli 1 e 2 della legge 7 febbraio
1992, n. 150;
Visto l’art. 8-quinquies, comma 3-quinquies, della legge 7 febbraio
1992, n. 150, che demanda al Ministero delle politiche agricole e
forestali, tramite il Corpo forestale dello Stato, l’effettuazione
delle certificazioni e dei controlli;
Visto il Decreto del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del
Territorio e del Mare di concerto con il Ministro delle Politiche
Agricole Alimentari e Forestali del 5 ottobre 2010, pubblicato sulla
gazzetta ufficiale n. 58 del 11 marzo 2011 che, ad integrazione
dell’art. 3 comma 1 Decreto Ministeriale 8 gennaio 2002, ha previsto
l’esenzione dagli obblighi di registrazione per i soggetti detentori
di esemplari appartenenti a specie di uccelli incluse nell’allegato B
al regolamento (CE) n. 338/97 e successive attuazioni e
modificazioni, facilmente e comunemente allevate in cattivita’, il
cui prelievo in natura risulta, in base ai dati disponibili, non
significativo, riportate nell’elenco nell’allegato 1 allo stesso
Decreto;
Considerato che, ai sensi del citato Decreto, con provvedimento del
Direttore generale della Direzione generale per la Protezione della
natura, previo parere della Commissione Scientifica CITES, sentito il
Servizio CITES del Corpo forestale dello Stato, sono apportate le
necessarie modifiche e/o integrazioni all’elenco di cui all’allegato
1 allo stesso;
Visti i pareri espressi da parte della Commissione Scientifica
CITES di cui all’art. 4 della legge n. 150/92 nel corso delle
riunioni 178^, del 16 giugno 2010, 180^ del 22 marzo 2011 ;
Visto il successivo parere espresso da parte della Commissione
Scientifica CITES di cui all’art. 4 della legge n. 150/92 nel corso
della 208^ riunione del 19 novembre 2013
Sentito il Servizio CITES del Corpo forestale dello Stato;

Decreta:

Art. 1

L’allegato 1 richiamato all’interno dell’articolo 1 del decreto
ministeriale n. 268 dell’ 8 aprile 2011, e’ cosi’ sostituito:

«Allegato 1

Specie di uccelli incluse nell’allegato B al regolamento (CE) n.
338/1997 e successive attuazioni e modificazioni, facilmente e
comunemente allevate in cattivita’, il cui prelievo in natura
risulta, in base ai dati disponibili, non significativo:

Parte di provvedimento in formato grafico

Il presente decreto direttoriale verra’ pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale.
Roma, 16 dicembre 2013

Il direttore generale: Grimaldi

Parte di provvedimento in formato grafico in allegato

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE, DECRETO 16 dicembre 2013 (specie allevabili)

Architetto.info