DECRETO 9 gennaio 2002 | Architetto.info

DECRETO 9 gennaio 2002

DECRETO 9 gennaio 2002 Modalita' di erogazione dei contributi ai consorzi all'export per la fiera di Osaka (2-6 maggio 2002). (GU n. 29 del 4-2-2002)

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

DECRETO 9 gennaio 2002

Modalita’ di erogazione dei contributi ai consorzi all’export per la
fiera di Osaka (2-6 maggio 2002).

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241 ed in particolare l’art. 12,
secondo il quale la concessione di contributi e’ subordinata alla
predeterminazione ed alla pubblicazione da parte delle
amministrazioni procedenti, nelle forme previste dai rispettivi
ordinamenti, dei criteri e delle modalita’ cui le amministrazioni
stesse devono attenersi;
Vista la legge 10 agosto 2000, n. 252 recante “Ratifica ed
esecuzione del Memorandum d’intesa tra il Governo della Repubblica
italiana ed il Governo del Giappone, con allegato, firmato a Roma il
20 ottobre 1998, relativo alla rassegna “Italia in Giappone 2001” con
la quale e’ stata istituita la Fondazione “Italia in Giappone 2001”,
in appresso Fondazione;
Visto l’art. 145, comma 44, lettera b), della legge 23 dicembre
2000, n. 388 (legge finanziaria 2001), che ha previsto specifici
stanziamenti per favorire la partecipazione dei consorzi
all’esportazione agli eventi organizzati nell’ambito della citata
rassegna;
Considerato che nel calendario ufficiale della rassegna “Italia in
Giappone 2001” e’ stata inserita la manifestazione “Fiera di Osaka”,
che si svolgera’ ad Osaka dal 2 al 6 maggio 2002;
Considerato che la partecipazione alla “Fiera di Osaka” con un
padiglione nazionale unico ha lo scopo di dare risalto alle diverse
caratteristiche regionali del Paese e di valorizzarne i prodotti
tipici e che, pertanto, e’ da ritenere auspicabile un’equilibrata
partecipazione dei consorzi del settore agro-alimentare,
dell’artigianato e di quello turistico-alberghiero;
Considerato che la fondazione “Italia in Giappone 2001” ha
comunicato che l’area disponibile per la “Fiera di Osaka” e’ pari a
5000 mq lordi (3000-3500 mq netti) per la partecipazione ufficiale
delle regioni e dei consorzi alle esportazioni;
Tenuto conto che i rappresentanti della Presidenza del Consiglio
dei Ministri, del Ministero degli affari esteri e della stessa
Fondazione, nonche’ quelli delle categorie e delle regioni, nelle
riunioni preparatorie, si sono espressi in favore di una
concentrazione delle risorse finanziarie, previste dalla citata legge
n. 388/2000 per il 2002, al fine di dare maggiore impatto
promozionale alla partecipazione dei consorzi all’esportazione alla
rassegna “Italia in Giappone 2001”;
Visto il decreto ministeriale 14 febbraio 2001, con il quale sono
state stabilite le modalita’ di concessione dei contributi ai
consorzi all’esportazione a fronte delle spese di partecipazione a
“Italia Matsuri” tenutasi nel maggio 2001 e ad altre iniziative
inserite nel calendario ufficiale della rassegna;
Ritenuto opportuno stabilire nuove specifiche modalita’ per la
concessione dei contributi ai consorzi all’esportazione a fronte
delle spese di partecipazione alla “Fiera Internazionale di Osaka”,
che si terra’ dal 2 al 6 maggio 2002;

Decreta:
Art. 1.
Oggetto

1. Al fine di promuovere la presenza dei consorzi all’esportazione
fra piccole e medie imprese alle manifestazioni ufficiali della
rassegna “Italia in Giappone 2001”, e, in particolare, alla “Fiera
Internazionale di Osaka” da tenere dal 2 al 6 maggio 2002, il
presente decreto disciplina, ai sensi dell’art. 12 della legge
7 agosto 1990, n. 241, le modalita’ di erogazione dei fondi stanziati
a questo scopo dalla legge 23 dicembre 2000, n. 388, pari a Euro
2.065.827,60 (Lire 4.000 milioni) per il 2002.

Art. 2.
Beneficiari

1. Possono beneficiare dei contributi di cui al presente decreto i
consorzi e le societa’ consortili, anche in forma cooperativa, a
condizione che i loro statuti prevedano finalita’ di promozione delle
esportazioni ovvero attivita’ volte a incrementare la domanda
turistica estera.

Art. 3.
Agevolazione e spese ammissibili

1. Al fine di favorire la partecipazione alla “Fiera di Osaka” e’
concesso un contributo pari al 70% dei costi sostenuti dai consorzi
all’esportazione, relativi:
a) all’affitto dell’area nell’ambito del progetto ufficiale
approvato dalla fondazione;
b) all’allestimento dei relativi stand;
c) alle spese promozionali e pubblicitarie connesse alla
partecipazione alla “Fiera di Osaka”.
2. Non sono ammesse a contributo le spese di viaggio e di
soggiorno. Sono riconosciute le spese di cui ai punti a), b), c), del
comma 1, entro un limite massimo complessivo di Euro 968,36 (Lit.
1.875.000) mq, di cui non piu’ del 10% relativo alle spese di
trasporto e di assicurazione merci.
3. Non sono ammesse maggiorazioni di costo rispetto all’importo del
preventivo presentato ed approvato. Entro tale importo, e’ ammessa
una compensazione del 20% fra le singole voci di spesa.
4. Al fine di favorire un’ampia e qualificata partecipazione, fermo
restando quanto previsto dal comma 1, il contributo complessivo
massimo concedibile a ciascun consorzio per la partecipazione alla
“Fiera di Osaka” non puo’, comunque, essere superiore a
Euro 67.785,00 (Lit. 131.250.000) equivalente al contributo spettante
sulla spesa complessiva riconoscibile per un’area di 100 mq.
5. In caso di residue disponibilita’ finanziarie, saranno prese in
considerazione anche le quote parti di richieste di contributo
relative a spazi eccedenti il limite di cui al comma 4.

Art. 4.
Presentazione della domanda per la partecipazione alla “Fiera di
Osaka”

1. Le domande di contributo alle spese di partecipazione alla
“Fiera di Osaka” devono pervenire, a pena di esclusione, entro e non
oltre il 20 febbraio 2002, al Ministero delle attivita’ produttive –
Dipartimento per l’internazionalizzazione – Direzione generale per la
promozione degli scambi – Divisione VII – viale Boston, 25 – 00144
Roma. Ulteriori informazioni possono essere reperite nel sito
internet www.mincomes.it, o richieste tramite e-mail, all’indirizzo
di posta elettronica [email protected] ovvero ai numeri telefonici
06/59932461 – 06/59932567.
2. Le domande, in bollo e sottoscritte dal legale rappresentante,
devono essere corredate, a pena di esclusione, della seguente
documentazione:
a) fotocopia dello statuto vigente del consorzio, dal quale si
evincano le finalita’ o l’attivita’ di cui all’art. 2;
b) copia della prenotazione dell’area espositiva in cui siano
indicati i mq riservati;
c) preventivo di spesa dettagliato delle voci di cui all’art. 3,
comma 1, lettere a), b), c);
d) coordinate bancarie per l’accredito delle somme;
e) dichiarazione, resa dal legale rappresentante, nella quale si
attesti che il consorzio non percepisce, da enti privati o pubblici,
altri contributi, oltre a quello del Ministero delle attivita’
produttive. Qualora il consorzio riceva contributi, questi non devono
essere di importo superiore al 30% delle voci di spesa relative alla
lettera c). In questo caso la dichiarazione dovra’ contenere anche
l’indicazione dettagliata di tali contributi.
3. Al fine di una corretta erogazione dei contributi, il Ministero
acquisisce dalla Fondazione l’elenco dei soggetti partecipanti alla
fiera e delle relative aree prenotate.

Art. 5.
Esame delle domande

1. Le domande sono esaminate in ordine cronologico entro trenta
giorni dall’arrivo e sono accolte in relazione alle disponibilita’
finanziarie.
2. L’esito dell’istruttoria della domanda e’ comunicato a ciascun
consorzio entro cinque giorni dalla conclusione dell’esame.

Art. 6.
Modalita’ di erogazione

1. Il contributo viene erogato secondo le seguenti modalita’:
il 50% dell’importo concedibile e’ erogato, a titolo di anticipo,
entro trenta giorni dall’approvazione della domanda;
il restante 50% e’ erogato, a consuntivo, dietro presentazione
della rendicontazione di spesa ed in base all’ordine di arrivo della
documentazione, entro sessanta giorni dalla presentazione della
stessa.

Art. 7.
Documentazione di spesa

1. La documentazione di spesa, a consuntivo, deve pervenire al
Ministero delle attivita’ produttive – Direzione generale per la
promozione degli scambi – Div. VII, viale Boston n. 25 – 00144 Roma,
entro e non oltre il 30 settembre 2002, e deve contenere fotocopia
delle fatture quietanzate relative all’affitto e all’allestimento
dell’area espositiva, nonche’ delle spese di promozione e di
pubblicita’.
2. Il Ministero si riserva di svolgere verifiche e controlli anche
di carattere documentale.

Art. 8.
Revoca del contributo

1. Il Ministero revoca il contributo concesso nei casi in cui sia
riscontrata l’assenza dei requisiti richiesti, ovvero la mancata
partecipazione del consorzio alla “Fiera di Osaka”.
2. In caso di revoca, il consorzio e’ tenuto a restituire l’importo
percepito, entro tre mesi dalla relativa richiesta del Ministero. In
caso di mancata restituzione, il Ministero si avvale della procedura
di cui al regio decreto 14 aprile 1910, n. 639.

Art. 9.
Pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale ed entrata in vigore

1. Il presente dec…

[Continua nel file zip allegato]

DECRETO 9 gennaio 2002

Architetto.info