DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 28 dicembre 2001 | Architetto.info

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 28 dicembre 2001

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 28 dicembre 2001 - Rimodulazione delle dotazioni organiche del personale appartenente alle aree funzionali, alle posizioni economiche ed ai profili professionali del soppresso Ministero dei lavori pubblici. (GU n. 39 del 15-2-2002)

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 28 dicembre 2001

Rimodulazione delle dotazioni organiche del personale appartenente
alle aree funzionali, alle posizioni economiche ed ai profili
professionali del soppresso Ministero dei lavori pubblici.

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20 ed, in particolare, l’art. 3;
Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive
modificazioni ed integrazioni;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo 2001, n.
177, registrato alla Corte dei conti l’11 maggio 2001, ufficio
controllo atti Ministeri delle infrastrutture ed assetto del
territorio, registro n. 1, foglio n. 370, con il quale, tra l’altro,
sono state stabilite, dall’art. 9 e dalla tabella A, allegata allo
stesso, le dotazioni organiche delle qualifiche dirigenziali, delle
aree funzionali e delle posizioni economiche del personale del
Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, costituite, in sede
di prima attuazione del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300,
dalla sommatoria delle dotazioni organiche dei soppressi Ministeri
dei trasporti e della navigazione e dei lavori pubblici, nonche’
dalla consistenza numerica del personale trasferito al soppresso
Ministero dei lavori pubblici, ai sensi dell’art. 10, commi 1,
lettera d) e 5, del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, per
un totale complessivo di 14.003 unita’;
Vista la proposta formulata dal Ministro delle infrastrutture e dei
trasporti con nota n. 7022 in data 12 ottobre 2001, con allegata
relazione tecnica, con la quale e’ stata rappresentata l’esigenza di
procedere all’emanazione del decreto del Presidente del Consiglio dei
Ministri previsto dall’art. 6, comma 2, u.p., del decreto legislativo
30 marzo 2001, n. 165, al fine di adeguare le dotazioni organiche del
soppresso Ministero dei lavori pubblici al mutato assetto
organizzativo e ordinamentale conseguente alla stipula del contratto
collettivo integrativo dell’amministrazione stessa, prevedendo la
rimodulazione dei contingenti di personale ascritti, per effetto del
nuovo ordinamento professionale, alle posizioni economiche 3, 2 e 1
dell’area funzionale C, alle posizioni economiche 3, 2 e 1 dell’area
funzionale B ed alla posizione economica 1 dell’area funzionale A,
nonche’ l’individuazione dei nuovi profili professionali nell’ambito
delle singole posizioni economiche;
Visto il comma 6 dell’art. 9 del citato decreto del Presidente
della Repubblica 26 marzo 2001, n. 177, con il quale e’ previsto che
la dotazione organica del Ministero delle infrastrutture e dei
trasporti, possa essere modificata in relazione a correlati sviluppi
di natura contrattuale;
Considerato che tale proposta comporta, nella parte relativa al
soppresso Ministero dei lavori pubblici, l’incremento di 220 posti
nella posizione economica C3, di 390 posti nella posizione economica
C2 e di 460 posti nella posizione economica B3, per un totale
complessivo di 1070 posti, con contestuale riduzione, in
compensazione, di 570 posti nella posizione economica C1, di 85 posti
nella posizione economica B2, di 412 posti nella posizione economica
B1 e di 25 posti nella posizione economica A1, per un totale
complessivo di 1.092 posti;
Considerato altresi’ che l’operazione di rimodulazione come sopra
prospettata dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti,
nell’ambito della propria dotazione organica nella componente
relativa al soppresso Ministero dei lavori pubblici, comporta
passaggi tra posizioni economiche all’interno delle aree funzionali
interessate e tiene conto dei nuovi inquadramenti professionali nella
posizione economica C3, intervenuti in ottemperanza di sentenze
amministrative passate in giudicato;
Visto l’art. 19, comma 1, u.p., della legge 23 dicembre 1999, n.
488;
Preso atto che la consistenza numerica del personale del soppresso
Ministero dei lavori pubblici, presente in servizio alla data del
31 dicembre 2000, con esclusione del personale appartenente alle
qualifiche dirigenziali, e’ di 4.105 unita’, comprensive delle 88
unita’ appartenenti alle aree funzionali in servizio presso il
predetto Ministero – Direzione generale della difesa del suolo, che
confluiscono nella dotazione organica del Ministero dell’ambiente e
della tutela del territorio, e che la proposta operazione di
rimodulazione comporta, rispetto al costo dello stesso personale
presente in servizio a tale data, valutabile in L. 206.411.729.194,
un maggior onere di L. 6.497.648.450, alla cui copertura si provvede,
ai sensi dell’art. 19, comma 1, della citata legge 23 dicembre 1999,
n. 488, mediante corrispondente riduzione, per un identico importo,
del fondo unico di amministrazione costituito dall’art. 13 del
contratto collettivo integrativo sottoscritto l’11 maggio 2001;
Considerato che, per il Ministero dei lavori pubblici, l’art. 14
del predetto contratto integrativo, ha destinato risorse del fondo di
amministrazione per l’anno 2001 fino ad un massimo di
L. 6.497.648.010, finalizzate al finanziamento del processo di
riqualificazione del personale all’interno delle aree professionali;
Ritenuto che quanto sopra assicuri l’osservanza del principio di
invarianza della spesa rispetto agli oneri per spese di personale
riferito alle unita’ effettivamente presenti in servizio al 31
dicembre dell’anno precedente, escluse quelle appartenenti alle
qualifiche dirigenziali, come stabilito dall’art. 6, comma 2, u.p.,
del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, per l’adozione del
decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri previsto dalla
stessa disposizione, richiesto dal Ministro delle infrastrutture e
dei trasporti con la sopra citata nota;
Considerato che non e’ stato ancora costituito il ruolo unico del
personale non dirigenziale del Ministero delle infrastrutture e dei
trasporti, previste dal comma 4 dell’art. 9 del decreto del
Presidente della Repubblica 26 marzo 2001, n. 177;
Preso atto che nella proposta di rimodulazione della dotazione
organica del soppresso Ministero dei lavori pubblici, formulata dal
Ministro delle infrastrutture e dei trasporti con la piu’ volte
menzionata nota del 12 ottobre 2001, n. 7022, si e’ tenuto conto del
passaggio di 88 unita’ di personale, appartenente alle aree
funzionali, al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio,
come previsto dal comma 1 del sopra citato art. 9 del decreto del
Presidente della Repubblica 26 marzo 2001, n. 177;
Visto il contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto del
personale dipendente dai Ministeri, sottoscritto il 16 febbraio 1999
e pubblicato nel supplemento ordinario n. 41 alla Gazzetta Ufficiale
n. 46 del 25 febbraio 1999;
Visto il contratto collettivo integrativo di amministrazione,
sottoscritto l’11 maggio 2001, relativo alla programmazione dei
percorsi professionali da attuare ai sensi dell’art. 15 del predetto
contratto collettivo nazionale di lavoro del personale del comparto
Ministeri;
Visto il parere favorevole espresso, ai fini del raggiungimento del
concerto previsto dall’art. 6, comma 2, u.p. del decreto legislativo
30 marzo 2001, n. 165, con foglio n. ACG-18/TRASP-7987 del
13 dicembre 2001, dal Ministero dell’economia e delle finanze in
ordine alla proposta formulata dal Ministro delle infrastrutture e
dei trasporti;
Preso atto che sono state consultate, dall’amministrazione
proponente, le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 agosto
2001, con il quale il Ministro per la funzione pubblica e per il
coordinamento dei servizi di informazione e sicurezza e’ stato
delegato ad esercitare le funzioni attribuite al Presidente del
Consiglio dei Ministri in materia di lavoro pubblico, nonche’
l’organizzazione, il riordino ed il funzionamento delle pubbliche
amministrazioni;
Decreta:
1. Le dotazioni organiche delle aree funzionali, delle posizioni
economiche e dei profili professionali del personale del soppresso
Ministero dei lavori pubblici, fermo restando il contingente di
personale appartenente all’area della dirigenza, sono rimodulate
secondo l’allegata tabella A, che sostituisce la colonna relativa al
Ministero dei lavori pubblici della tabella A allegata al decreto del
Presidente della Repubblica 26 marzo 2001, n. 177, e che costituisce
parte integrante del presente decreto.
2. La dotazione organica del soppresso Ministero dei lavori
pubblici, come individuata dalla allegata tabella A, sara’ ridotta
sulla base di quanto previsto dai decreti del Presidente del
Consiglio dei Ministri 12 ottobre 2000 e 14 dicembre 2000, emanati in
attuazione dell’art. 7 della legge 15 marzo 1997, n. 59, e dell’art.
7 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112.
Il presente decreto sara’ trasmesso alla Corte dei conti per la
registrazione.
Roma, 28 dicembre 2001
p. Il Presidente: Frattini
Registrato alla Corte dei conti il 31 gennaio 2002
Ministeri istituzionali, Presidenza del Consiglio dei Ministri
registro n. 1, foglio n. 318

Tabella A
Vedere tabella a pag. 17 della G.U. allegata in formato zip

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 28 dicembre 2001

Architetto.info