DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 11 marzo 2011, n. 108 - Regolamento di organizzazione del Ministero della salute. (11G0150) (GU n. 162 del 14-7-2011 | Architetto.info

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 11 marzo 2011, n. 108 – Regolamento di organizzazione del Ministero della salute. (11G0150) (GU n. 162 del 14-7-2011

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 11 marzo 2011, n. 108 - Regolamento di organizzazione del Ministero della salute. (11G0150) (GU n. 162 del 14-7-2011 ) note: Entrata in vigore del provvedimento: 29/07/2011

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 11 marzo 2011 , n. 108

Regolamento di organizzazione del Ministero della salute. (11G0150)

Capo I ORGANIZZAZIONE DEL MINISTERO DELLA SALUTE

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l’articolo 87 della Costituzione;
Visto l’articolo 17, comma 4-bis, della legge 23 agosto 1988, n.
400;
Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 286, recante
riordino e potenziamento dei meccanismi e strumenti di monitoraggio e
valutazione dei costi, dei rendimenti e dei risultati dell’attivita’
svolta dalle amministrazioni pubbliche;
Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive
modificazioni, recante riforma dell’organizzazione del Governo, ed in
particolare articoli 47-bis, 47-ter e 47-quater;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive
modificazioni, recante norme generali sull’ordinamento del lavoro
alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche;
Vista la legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante disposizioni per
la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge
finanziaria 2007), ed in particolare l’articolo 1, comma 404 e
seguenti;
Visto il decreto-legge 16 maggio 2008, n. 85, convertito, con
modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 121;
Visto il decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con
modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, ed in particolare
l’articolo 74, che provvede alla riduzione degli assetti
organizzativi;
Visto il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, in materia di
ottimizzazione della produttivita’ del lavoro pubblico e di
efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni;
Vista la legge 13 novembre 2009, n. 172, recante istituzione del
Ministero della salute e incremento del numero complessivo dei
Sottosegretari di Stato;
Visto il decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194, convertito, con
modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2010, n. 25, ed in particolare
l’articolo 2, commi 8-bis, 8-quater, 8-quinquies e 8-sexies;
Vista la legge 15 marzo 2010, n. 38, recante disposizioni per
garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore;
Visto il decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con
modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, recante misure
urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitivita’
economica;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo 2003, n.
129, e successive modificazioni, recante regolamento di
organizzazione del Ministero della salute;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
20 novembre 2008, recante la ricognizione in via amministrativa delle
strutture trasferite al Ministero del lavoro, della salute e delle
politiche sociali, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana n. 18 del 23 gennaio 2009;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
11 giugno 2010, recante individuazione, in via provvisoria, del
contingente minimo degli uffici strumentali e di diretta
collaborazione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e
del Ministero della salute, in attuazione dell’articolo 1, comma 6,
della legge 13 novembre 2009, n. 172, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 280 del 30 novembre 2010;
Visto il decreto legislativo 30 dicembre 2010, n. 235, modifiche ed
integrazioni al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, recante
Codice dell’amministrazione digitale, a norma dell’articolo 33 della
legge 18 giugno 2009, n. 69;
Ritenuto di dover provvedere in attuazione del citato decreto
legislativo n. 235 del 2010 a determinare i nuovi ulteriori compiti
attribuiti alla Direzione generale competente in materia di
innovazione e tecnologie;
Sentite le organizzazioni sindacali rappresentative in data 14
luglio 2010;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 30 luglio 2010;
Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso dalla sezione
consultiva per gli atti normativi nell’adunanza dell’8 novembre 2010;
Acquisito il parere delle competenti commissioni della Camera dei
deputati e del Senato della Repubblica;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 18 febbraio 2011;
Sulla proposta del Ministro della salute, di concerto con i
Ministri dell’economia e delle finanze, per la pubblica
amministrazione e l’innovazione e per le riforme per il federalismo;

Emana

il seguente regolamento:

Art. 1

Organizzazione del Ministero della salute

1.Il Ministero della salute, di seguito denominato «Ministero», al
quale sono attribuite le funzioni di carattere sanitario previste
dalla normativa vigente, si articola nei tre dipartimenti di cui
all’articolo 2 e nell’Ufficio generale delle risorse,
dell’organizzazione e del bilancio di cui all’articolo 9.
2. Presso il Ministero operano il Consiglio superiore di sanita’,
di cui all’articolo 4 del decreto legislativo 30 giugno 1993, n. 266,
e il Comitato nazionale per la sicurezza alimentare, di cui al
decreto del Ministro della salute in data 26 luglio 2007.

Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e’ stato redatto
dall’amministrazione competente per materia, ai sensi
dell’art. 10, commi 2 e 3, del testo unico delle
disposizioni sulla promulgazione delle leggi,
sull’emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica
e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con decreto del Presidente della Repubblica 28
dicembre 1985, n. 1092, al solo fine di facilitare la
lettura delle disposizioni di legge modificate o alle quali
e’ operato il rinvio. Restano invariati il valore e
l’efficacia degli atti legislativi qui trascritti.
Note alle premesse:
– L’art. 87 della Costituzione conferisce al Presidente
della Repubblica, tra l’altro, il potere di promulgare le
leggi ed emanare i decreti aventi valore di legge e i
regolamenti.
– Il testo dell’art. 17, comma 4-bis, della legge 23
agosto 1988, n. 400 (Disciplina dell’attivita’ di Governo e
ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri),
e’ il seguente:
«Art. 17 (Regolamenti). – (Omissis).
4-bis. L’organizzazione e la disciplina degli uffici
dei Ministeri sono determinate, con regolamenti emanati ai
sensi del comma 2, su proposta del Ministro competente
d’intesa con il Presidente del Consiglio dei Ministri e con
il Ministro del tesoro, nel rispetto dei principi posti dal
decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive
modificazioni, con i contenuti e con l’osservanza dei
criteri che seguono:
a) riordino degli uffici di diretta collaborazione
con i Ministri ed i Sottosegretari di Stato, stabilendo che
tali uffici hanno esclusive competenze di supporto
dell’organo di direzione politica e di raccordo tra questo
e l’amministrazione;
b) individuazione degli uffici di livello
dirigenziale generale, centrali e periferici, mediante
diversificazione tra strutture con funzioni finali e con
funzioni strumentali e loro organizzazione per funzioni
omogenee e secondo criteri di flessibilita’ eliminando le
duplicazioni funzionali;
c) previsione di strumenti di verifica periodica
dell’organizzazione e dei risultati;
d) indicazione e revisione periodica della
consistenza delle piante organiche;
e) previsione di decreti ministeriali di natura non
regolamentare per la definizione dei compiti delle unita’
dirigenziali nell’ambito degli uffici dirigenziali
generali.».
– Il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 286
(Riordino e potenziamento dei meccanismi e strumenti di
monitoraggio e valutazione dei costi, dei rendimenti e dei
risultati dell’attivita’ svolta dalle amministrazioni
pubbliche, a norma dell’art. 1 della legge n. 15 marzo 1997
n. 595), e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 18 agosto
1999, n. 193.
– Il testo degli articoli 47-bis, 47-ter e 47-quater
del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 (Riforma
dell’organizzazione del Governo, a norma dell’art. 11 della
legge n. 15 marzo 1997, n. 59, e successive modificazioni
e’ il seguente:
«Art. 47-bis (Istituzione del Ministero e
attribuzioni). – 1. E’ istituito il Ministero della salute.
2. Nell’ambito e con finalita’ di salvaguardia e di
gestione integrata dei servizi socio-sanitari e della
tutela dei diritti alla dignita’ della persona umana e alla
salute, sono attribuite al Ministero le funzioni spettanti
allo Stato in materia di tutela della salute umana, di
coordinamento del sistema sanitario nazionale, di concerto
con il Ministero dell’economia e delle finanze per tutti i
profili di carattere finanziario, di sanita’ veterinaria,
di tutela della salute nei luoghi di lavoro, di igiene e
sicurezza degli alimenti.
3. Al Ministero sono trasferite, con inerenti risorse,
le funzioni del Ministero della sanita’. Il Ministero, con
modalita’ definite d’intesa con la Conferenza permanente
per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province
autonome di Trento e di Bolzano, esercita la vigilanza
sull’Agenzia per i servizi sanitari regionali di cui al
decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 115.».
«Art.47-ter (Aree funzionali). – 1. Il Ministero, in
particolare, svolge le funzioni di spettanza statale nelle
seguenti aree funzionali:
a) ordinamento sanitario: indirizzi generali e
coordinamento in materia di prevenzione, diagnosi, cura e
riabilitazione delle malattie umane, ivi comprese le
malattie infettive e diffusive; prevenzione, diagnosi e
cura delle affezioni animali, ivi comprese le malattie
infettive e diffusive e le zoonosi; programmazione
tecnico-sanitaria di rilievo nazionale e indirizzo,
coordinamento e monitoraggio delle attivita’ tecniche
sanitarie regionali, di concerto con il Ministero
dell’economia e delle finanze per tutti i profili attinenti
al concorso dello Stato al finanziamento del Servizio
sanitario nazionale, anche quanto ai piani di rientro
regionali; rapporti con le organizzazioni internazionali e
l’Unione europea; ricerca scientifica in materia sanitaria;

b) tutela della salute umana e sanita’ veterinaria:
tutela della salute umana anche sotto il profilo
ambientale, controllo e vigilanza sui farmaci, sostanze e
prodotti destinati all’impiego in medicina e
sull’applicazione delle biotecnologie; adozione di norme,
linee guida e prescrizioni tecniche di natura
igienico-sanitaria, relative anche a prodotti alimentari;
organizzazione dei servizi sanitari, professioni sanitarie,
concorsi e stato giuridico del personale del Servizio
sanitario nazionale, di concerto con il Ministero
dell’economia e delle finanze per tutti i profili di
carattere finanziario; polizia veterinaria; tutela della
salute nei luoghi di lavoro.
b-bis) monitoraggio della qualita’ delle attivita’
sanitarie regionali con riferimento ai livelli essenziali
delle prestazioni erogate, sul quale il Ministro riferisce
annualmente al Parlamento.».
«Art.47-quater (Ordinamento). – 1. Il Ministero si
articola in dipartimenti, disciplinati ai sensi degli
articoli 4 e 5. Il numero di dipartimenti non puo’ essere
superiore a quattro, in relazione alle aree funzionali di
cui all’art. 47-ter.
2.».
– Il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, (Norme
generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle
amministrazioni pubbliche), e’ pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale 9 maggio 2001, n. 106, S.O.
– Il testo dell’art. 1, comma 404 della legge 27
dicembre 2006, n. 296 (Disposizioni per la formazione del
bilancio annuale e pluriennale dello Stato – legge
finanziaria 2007), e’ il seguente:
«404. Al fine di razionalizzare e ottimizzare
l’organizzazione delle spese e dei costi di funzionamento
dei Ministeri, con regolamenti da emanare, entro il 30
aprile 2007, ai sensi dell’art. 17, comma 4-bis, della
legge 23 agosto 1988, n. 400, si provvede:
a) alla riorganizzazione degli uffici di livello
dirigenziale generale e non generale, procedendo alla
riduzione in misura non inferiore al 10 per cento di quelli
di livello dirigenziale generale ed al 5 per cento di
quelli di livello dirigenziale non generale nonche’ alla
eliminazione delle duplicazioni organizzative esistenti,
garantendo comunque nell’ambito delle procedure
sull’autorizzazione alle assunzioni la possibilita’ della
immissione, nel quinquennio 2007-2011, di nuovi dirigenti
assunti ai sensi dell’art. 28, commi 2, 3 e 4, del decreto
legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive
modificazioni, in misura non inferiore al 10 per cento
degli uffici dirigenziali;
b) alla gestione unitaria del personale e dei servizi
comuni anche mediante strumenti di innovazione
amministrativa e tecnologica;
c) alla rideterminazione delle strutture periferiche,
prevedendo la loro riduzione e, ove possibile, la
costituzione di uffici regionali o la riorganizzazione
presso le prefetture-uffici territoriali del Governo, ove
risulti sostenibile e maggiormente funzionale sulla base
dei principi di efficienza ed economicita’ a seguito di
valutazione congiunta tra il Ministro competente, il
Ministro dell’interno, il Ministro dell’economia e delle
finanze, il Ministro per i rapporti con il Parlamento e le
riforme istituzionali ed il Ministro per le riforme e le
innovazioni nella pubblica amministrazione, attraverso la
realizzazione dell’esercizio unitario delle funzioni
logistiche e strumentali, l’istituzione dei servizi comuni
e l’utilizzazione in via prioritaria dei beni immobili di
proprieta’ pubblica;
d) alla riorganizzazione degli uffici con funzioni
ispettive e di controllo;
e) alla riduzione degli organismi di analisi,
consulenza e studio di elevata specializzazione;
f) alla riduzione delle dotazioni organiche in modo
da assicurare che il personale utilizzato per funzioni di
supporto (gestione delle risorse umane, sistemi
informativi, servizi manutentivi e logistici, affari
generali, provveditorati e contabilita’) non ecceda
comunque il 15 per cento delle risorse umane
complessivamente utilizzate da ogni amministrazione,
mediante processi di riorganizzazione e di formazione e
riconversione del personale addetto alle predette funzioni
che consentano di ridurne il numero in misura non inferiore
all’8 per cento all’anno fino al raggiungimento del limite
predetto;
g) all’avvio della ristrutturazione, da parte del
Ministero degli affari esteri, della rete diplomatica,
consolare e degli istituti di cultura in considerazione del
mutato contesto geopolitico, soprattutto in Europa, ed in
particolare all’unificazione dei servizi contabili degli
uffici della rete diplomatica aventi sede nella stessa
citta’ estera, prevedendo che le funzioni delineate dagli
articoli 3, 4 e 6 del regolamento di cui al decreto del
Presidente della Repubblica 22 marzo 2000, n. 120, siano
svolte dal responsabile dell’ufficio unificato per conto di
tutte le rappresentanze medesime.».
– Il decreto-legge 16 maggio 2008, n. 85, convertito,
con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 121,
concerne (disposizioni urgenti per l’adeguamento delle
strutture di Governo in applicazione dell’art. 1, commi 376
e 377, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e’ pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale 16 maggio 2008, n. 114.
– Il testo dell’art. 74 del decreto-legge 25 giugno
2008, n. 112, convertito con modificazioni, dalla legge 6
agosto 2008, n. 133 (Disposizioni urgenti per lo sviluppo
economico, la semplificazione, la competitivita’, la
stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione
tributaria), e’ il seguente:
«Art. 74 (Riduzione degli assetti organizzativi). – 1.
Le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento
autonomo, le agenzie, incluse le agenzie fiscali di cui
agli articoli 62, 63 e 64 del decreto legislativo 30 luglio
1999, n. 300 e successive modificazioni ed integrazioni,
gli enti pubblici non economici, gli enti di ricerca,
nonche’ gli enti pubblici di cui all’art. 70, comma 4, del
decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive
modificazioni ed integrazioni, provvedono entro il 30
novembre 2008, secondo i rispettivi ordinamenti:
a) a ridimensionare gli assetti organizzativi
esistenti, secondo principi di efficienza, razionalita’ ed
economicita’, operando la riduzione degli uffici
dirigenziali di livello generale e di quelli di livello non
generale, in misura non inferiore, rispettivamente, al 20 e
al 15 per cento di quelli esistenti. A tal fine le
amministrazioni adottano misure volte:
alla concentrazione dell’esercizio delle funzioni
istituzionali, attraverso il riordino delle competenze
degli uffici;
all’unificazione delle strutture che svolgono
funzioni logistiche e strumentali, salvo specifiche
esigenze organizzative, derivanti anche dalle connessioni
con la rete periferica, riducendo, in ogni caso, il numero
degli uffici dirigenziali di livello generale e di quelli
di livello non generale adibiti allo svolgimento di tali
compiti.
Le dotazioni organiche del personale con qualifica
dirigenziale sono corrispondentemente ridotte, ferma
restando la possibilita’ dell’immissione di nuovi
dirigenti, nei termini previsti dall’art. 1, comma 404,
lettera a), della legge 27 dicembre 2006, n. 296;
b) a ridurre il contingente di personale adibito allo
svolgimento di compiti logistico-strumentali e di supporto
in misura non inferiore al dieci per cento con contestuale
riallocazione delle risorse umane eccedenti tale limite
negli uffici che svolgono funzioni istituzionali;
c) alla rideterminazione delle dotazioni organiche
del personale non dirigenziale, ad esclusione di quelle
degli enti di ricerca, apportando una riduzione non
inferiore al dieci per cento della spesa complessiva
relativa al numero dei posti di organico di tale personale.
2. Ai fini dell’attuazione delle misure di cui al comma
1, le amministrazioni possono disciplinare, mediante
appositi accordi, forme di esercizio unitario delle
funzioni logistiche e strumentali, compresa la gestione del
personale, nonche’ l’utilizzo congiunto delle risorse umane
in servizio presso le strutture centrali e periferiche.
3. Con i medesimi provvedimenti di cui al comma 1, le
amministrazioni dello Stato rideterminano la rete
periferica su base regionale o interregionale, oppure, in
alternativa, provvedono alla riorganizzazione delle
esistenti strutture periferiche nell’ambito delle
prefetture-uffici territoriali del Governo nel rispetto
delle procedure previste dall’art. 1, comma 404, lettera
c), della legge 27 dicembre 2006, n. 296.
4. Ai fini dell’attuazione delle misure previste dal
comma 1, lettera a), da parte dei Ministeri possono essere
computate altresi’ le riduzioni derivanti dai regolamenti
emanati, nei termini di cui al comma 1, ai sensi dell’art.
1, comma 404, lettera a), della legge 27 dicembre 2006, n.
296, avuto riguardo anche ai Ministeri esistenti
anteriormente alla data di’ entrata in vigore del
decreto-legge 16 maggio 2008 n. 85 convertito, con
modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 121. In ogni
caso per le amministrazioni che hanno gia’ adottato i
predetti regolamenti resta salva la possibilita’ di
provvedere alla copertura dei posti di funzione
dirigenziale generale previsti in attuazione delle relative
disposizioni, nonche’ nelle disposizioni di rango primario
successive alla data di entrata in vigore della citata
legge n. 296 del 2006. In considerazione delle esigenze
generali di compatibilita’ nonche’ degli assetti
istituzionali, la Presidenza del Consiglio dei Ministri
assicura il conseguimento delle economie, corrispondenti a
una riduzione degli organici dirigenziali pari al 7 per
cento della dotazione di livello dirigenziale generale e al
15 per cento di quella di livello non generale, con
l’adozione di provvedimenti specifici del Presidente del
Consiglio dei Ministri ai sensi del decreto legislativo 30
luglio 1999, n. 303, e successive modificazioni, che
tengono comunque conto dei criteri e dei principi di cui al
presente articolo.
5. Sino all’emanazione dei provvedimenti di cui al
comma 1 le dotazioni organiche sono provvisoriamente
individuate in misura pari ai posti coperti alla data del
30 settembre 2008. Sono fatte salve le procedure
concorsuali e di mobilita’ avviate alla data di entrata in
vigore del presente decreto.
5-bis. Al fine di assicurare il rispetto della
disciplina vigente sul bilinguismo e la riserva
proporzionale di posti nel pubblico impiego, gli uffici
periferici delle amministrazioni dello Stato, inclusi gli
enti previdenziali situati sul territorio della provincia
autonoma di Bolzano, sono autorizzati per l’anno 2008 ad
assumere personale risultato vincitore o idoneo a seguito
di procedure concorsuali pubbliche nel limite di spesa pari
a 2 milioni di euro a valere sul fondo di cui all’ art. 1,
comma 527, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.
6. Alle amministrazioni che non abbiano adempiuto a
quanto previsto dai commi 1 e 4 e’ fatto divieto di
procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo e
con qualsiasi contratto.
6-bis. Restano escluse dall’applicazione del presente
articolo le strutture del comparto sicurezza, delle Forze
Armate e del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, fermi
restando gli obiettivi fissati ai sensi del presente
articolo da conseguire da parte di ciascuna
amministrazione.».
– Il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150
(Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di
ottimizzazione della produttivita’ del lavoro pubblico e di
efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni),
e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 31 ottobre 2009, n.
254, S.O.
– La legge 13 novembre 2009, n. 172 (Istituzione del
Ministero della salute e incremento del numero complessivo
dei Sottosegretari di Stato), e’ pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale 28 novembre 2009, n. 278.
– Il testo dell’art. 2, commi 8-bis, 8-quater,
8-quinquies e 8-sexies del decreto-legge 30 dicembre 2009,
n. 194, convertito, con modificazioni, dalla legge 26
febbraio 2010, n. 25 (Proroga di termini previsti da
disposizioni legislative), e’ il seguente:
«Art. 2. (Proroga di termini in materia di
comunicazione, di riordino di enti e di pubblicita’
legale). – (Omissis).
8-bis. In considerazione di quanto previsto al comma 8,
le amministrazioni indicate nell’art. 74, comma 1, del
decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con
modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, e
successive modificazioni, all’esito della riduzione degli
assetti organizzativi prevista dal predetto art. 74,
provvedono, anche con le modalita’ indicate nell’art. 41,
comma 10, del decreto-legge 30 dicembre 2008, n. 207,
convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio
2009, n. 14:
a) ad apportare, entro il 30 giugno 2010,
un’ulteriore riduzione degli uffici dirigenziali di livello
non generale, e delle relative dotazioni organiche, in
misura non inferiore al 10 per cento di quelli risultanti a
seguito dell’applicazione del predetto art. 74;
b) alla rideterminazione delle dotazioni organiche
del personale non dirigenziale, ad esclusione di quelle
degli enti di ricerca, apportando una ulteriore riduzione
non inferiore al 10 per cento della spesa complessiva
relativa al numero dei posti di organico di tale personale
risultante a seguito dell’applicazione del predetto art.
74.
(Omissis).
8-quater. Alle amministrazioni che non abbiano
adempiuto a quanto previsto dal comma 8-bis entro il 30
giugno 2010 e’ fatto comunque divieto, a decorrere dalla
predetta data, di procedere ad assunzioni di personale a
qualsiasi titolo e con qualsiasi contratto; continuano ad
essere esclusi dal predetto divieto gli incarichi conferiti
ai sensi dell’art. 19, commi 5-bis e 6, del decreto
legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive
modificazioni. Fino all’emanazione dei provvedimenti di cui
al comma 8-bis le dotazioni organiche sono provvisoriamente
individuate in misura pari ai posti coperti alla data di
entrata in vigore della legge di conversione del presente
decreto; sono fatte salve le procedure concorsuali e di
mobilita’ nonche’ di conferimento di incarichi ai sensi
dell’art. 19, commi 5-bis e 6, del decreto legislativo n.
165 del 2001 avviate alla predetta data.
8-quinquies. Restano esclusi dall’applicazione dei
commi da 8-bis a 8-quater le amministrazioni che abbiano
subito una riduzione delle risorse ai sensi dell’art. 17,
comma 4, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78,
convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009,
n. 102, e del comma 6 del medesimo art. 17, il personale
amministrativo operante presso gli Uffici giudiziari, il
Dipartimento della protezione civile, le Autorita’ di
bacino di rilievo nazionale, il Corpo della polizia
penitenziaria, i magistrati, l’Agenzia italiana del
farmaco, nei limiti consentiti dalla normativa vigente,
nonche’ le strutture del comparto sicurezza, delle Forze
armate, del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, e quelle
del personale indicato nell’art. 3, comma 1, del citato
decreto legislativo n. 165 del 2001. Restano altresi’
escluse dal divieto di cui al comma 8-quater e di cui
all’art. 17; comma 7, del decreto-legge 1° luglio 2009, n.
78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto
2009, n. 102, le assunzioni del personale dirigenziale
reclutato attraverso il corso-concorso selettivo di
formazione bandito dalla Scuola superiore della pubblica
amministrazione, con decreto direttoriale del 12 dicembre
2005, n. 269, ai sensi del decreto legislativo 30 marzo
2001, n. 165, e successive modificazioni, da effettuare in
via prioritaria nell’ambito delle ordinarie procedure
assunzionali. Le disposizioni di cui ai commi 8-bis e
8-quater si applicano, comunque, anche ai Ministeri.
8-sexies. Restano ferme le vigenti disposizioni in
materia di limitazione delle assunzioni.».
– La legge 15 marzo 2010, n. 38 (Disposizioni per
garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del
dolore), e’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 19 marzo
2010, n. 65.
– Il decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78. Convertito,
con modificazioni, dalla legge30 luglio 2010, n. 122,
concernente «Misure urgenti in materia di stabilizzazione
finanziaria e di competitivita’ economica», e’ pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale 31 maggio 2010, n. 125, S.O.
– Il decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo
2003, n. 129 (Regolamento di organizzazione del Ministero
della salute), e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 6
giugno 2003, n. 129.
– Il decreto legislativo 30 dicembre 2010, n. 235
(Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 7 marzo
2005, n. 82, recante Codice dell’amministrazione digitale,
a norma dell’art. 33 della legge 18 giugno 2009, n. 69), e’
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale10 gennaio 2011, n. 6,
S.O.
Note all’art. 1:
– Il testo dell’art. 4 del decreto legislativo 30
giugno 1993, n. 266 (Riordinamento del Ministero della
sanita’, a norma dell’art. 1, comma 1, lettera h), della
legge n. 23 ottobre 1992, n. 421), e’ il seguente:
«Art. 4. (Consiglio superiore di sanita’). – 1. Il
Consiglio superiore di sanita’ e’ organo consultivo tecnico
del Ministro della sanita’ e svolge le seguenti funzioni:
a) prende in esame i fatti riguardanti la salute
pubblica, su richiesta del Ministro per la sanita’;
b) propone lo studio di problemi attinenti all’igiene
e alla sanita’;
c) propone indagini scientifiche e inchieste su
avvenimenti di rilevante interesse nel campo igienico e
sanitario;
d) propone all’amministrazione sanitaria la
formulazione di schemi di norme e di provvedimenti per la
tutela della salute pubblica;
e) propone la formulazione di standards costruttivi e
organizzativi per la edificazione di ospedali, istituti di
cura ed altre opere igieniche da parte di pubbliche
amministrazioni.
2. Il Consiglio superiore di sanita’ esprime parere
obbligatorio:
a) sui regolamenti predisposti da qualunque
amministrazione centrale che interessino la salute
pubblica;
b) sulle convenzioni internazionali relative alla
predetta materia;
c) sugli elenchi delle lavorazioni insalubri e dei
coloranti nocivi;
d) sui provvedimenti di coordinamento e sulle
istruzioni obbligatorie per la tutela della salute pubblica
da adottarsi dal Ministero della sanita’, ai sensi dei
numeri 2 e 3 dell’art. 1 della legge 13 marzo 1958, n. 296;
e) (Abrogata);
f) sulla determinazione dei lavori pericolosi,
faticosi o insalubri, delle donne e dei fanciulli e sulle
norme igieniche del lavoro;
g) sulle domande di attestati di privativa
industriale per invenzioni e scoperte concernenti generi
commestibili di qualsiasi natura;
h) sulle modificazioni da introdursi negli elenchi
degli stupefacenti;
i) sul diniego e sulla revoca di registrazione delle
specialita’ medicinali;
l) sui servizi diretti a prevenire ed eliminare i
danni delle emanazioni radioattive e delle contaminazioni
atmosferiche in genere, che non siano di competenza delle
unita’ sanitarie locali.
3. La composizione e l’ordinamento del Consiglio
superiore di sanita’ sono determinati con regolamento
adottato ai sensi del comma 3 dell’art. 17 della legge 23
agosto 1988, n. 400, entro quattro mesi dalla data di
entrata in vigore del presente decreto.».
– Il decreto del Ministro della salute 26 luglio 2007,
concerne «Organizzazione delle funzioni di cui al
regolamento 18 gennaio 2002, n. 178, del Parlamento europeo
e del Consiglio in materia di valutazione del rischio della
catena alimentare».

Capo I ORGANIZZAZIONE DEL MINISTERO DELLA SALUTE

Art. 2

Dipartimenti del Ministero

1. I dipartimenti di cui all’articolo 1, comma 1, sono i seguenti:
a) Dipartimento della sanita’ pubblica e dell’innovazione;
b) Dipartimento della programmazione e dell’ordinamento del
Servizio sanitario nazionale;
c) Dipartimento della sanita’ pubblica veterinaria, della
sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della
salute.
2. I dipartimenti di cui al comma 1 assicurano l’esercizio
organico, coordinato e integrato delle funzioni del Ministero ai
sensi dell’articolo 5 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300
e successive modificazioni.
3. Gli incarichi di direzione dei dipartimenti sono conferiti ai
sensi dell’articolo 19, comma 3, del decreto legislativo 30 marzo
2001, n. 165. Il capo del dipartimento conferisce a uno dei dirigenti
preposti agli uffici di cui al comma 4 le funzioni vicarie in caso di
assenza o impedimento.
4. I dipartimenti sono articolati in uffici di livello dirigenziale
generale, di seguito denominati «direzioni generali». I dirigenti
preposti ai predetti uffici e il direttore dell’Ufficio generale
delle risorse, dell’organizzazione e del bilancio conferiscono a un
dirigente di seconda fascia le funzioni vicarie in caso di assenza o
impedimento.
5. I capi dei dipartimenti, esercitano i poteri e le funzioni di
cui all’articolo 5, commi 3 e 5, del citato decreto legislativo n 300
del 1999; i dirigenti titolari degli uffici di livello dirigenziale
generale in cui si articola ciascun dipartimento dipendono
funzionalmente dal capo del dipartimento.
6. Nell’ambito di ogni dipartimento ciascuna Direzione generale
svolge i compiti in materia di contenzioso connesso alle attivita’ di
rispettiva competenza assumendone la responsabilita’. Il
coordinamento del contenzioso afferente piu’ direzioni dello stesso
Dipartimento e’ assicurato dal capo dipartimento. Il coordinamento
del contenzioso tra piu’ dipartimenti o tra i dipartimenti e
l’Ufficio generale di cui all’articolo 9, comma 1, e’ rimesso alle
indicazioni della Conferenza permanente dei capi dei dipartimenti di
cui al comma 10.
7. Nell’esercizio dei poteri di coordinamento, direzione e
controllo, il capo del dipartimento opera in modo da sviluppare la
programmazione delle attivita’ e dei processi, la collaborazione e
l’integrazione funzionale tra le strutture dipartimentali, la
circolazione delle informazioni e delle esperienze, promuovendo anche
la creazione di strutture temporanee interfunzionali per la gestione
di progetti di particolare rilievo o di processi che richiedono
contributi di piu’ strutture operative.
8. Ai fini del perseguimento dei risultati complessivi della
gestione amministrativa, il capo del dipartimento: assicura la
stretta integrazione tra le attivita’ degli uffici nello svolgimento
delle funzioni; rappresenta unitariamente il dipartimento nelle
relazioni con l’esterno, curando lo sviluppo della collaborazione
operativa fra le strutture dipartimentali e le altre amministrazioni
ed enti del settore pubblico; fornisce, direttamente o per il tramite
degli uffici, il supporto istituzionale alle funzioni del Ministro;
cura, sentito l’Ufficio generale delle risorse, dell’organizzazione e
del bilancio, la mobilita’ del personale non dirigenziale fra gli
uffici centrali delle direzioni generali che fanno capo al
dipartimento.
9. Ciascuna Direzione generale provvede alle attivita’ connesse
all’espletamento degli atti di gara concernenti le rispettive
competenze, assumendone le relative responsabilita’.
10. La Conferenza permanente dei capi dei dipartimenti del
Ministero, di seguito denominata «Conferenza», alla quale possono
essere invitati i direttori generali per le materie di competenza,
svolge funzioni di coordinamento generale sulle questioni comuni alle
attivita’ di piu’ dipartimenti e puo’ formulare proposte al Ministro
per l’emanazione di indirizzi e direttive per assicurare il raccordo
operativo tra dipartimenti. La Conferenza elabora linee e strategie
generali in materia di coordinamento delle attivita’ informatiche,
nonche’, con la presenza del direttore dell’Ufficio generale delle
risorse, dell’organizzazione e del bilancio, in materia di gestione
delle risorse umane, di servizi comuni e affari generali svolti in
gestione unificata. Essa elabora altresi’ proposte per la
pianificazione delle attivita’ del Centro polifunzionale per la
salute pubblica. La Conferenza si riunisce, in via ordinaria, almeno
due volte l’anno in date concordate fra i capi dei dipartimenti e, in
via straordinaria, su motivata richiesta di almeno un capo
dipartimento. La Conferenza si riunisce inoltre su richiesta del
Ministro, per questioni che investono i rapporti fra il livello
politico e l’alta dirigenza del Ministero. La Conferenza, quando non
sia presente il Ministro, e’ presieduta dal capo dipartimento con
maggiore anzianita’ di incarico o, a parita’ di anzianita’ di
incarico, dal capo dipartimento piu’ anziano.

Note all’art. 2:
– Il testo dell’art. 5 del citato decreto legislativo
n. 300 del 1999, e’ il seguente:
«Art. 5 (I dipartimenti). – 1. I dipartimenti sono
costituiti per assicurare l’esercizio organico ed integrato
delle funzioni del Ministero. Ai dipartimenti sono
attribuiti compiti finali concernenti grandi aree di
materie omogenee e i relativi compiti strumentali ivi
compresi quelli di indirizzo e coordinamento delle unita’
di gestione in cui si articolano i dipartimenti stessi,
quelli di organizzazione e quelli di gestione delle risorse
strumentali, finanziarie ed umane ad essi attribuite.
2. L’incarico di capo del dipartimento viene conferito
in conformita’ alle disposizioni, di cui all’art. 19 del
decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29 e successive
modificazioni ed integrazioni.
3. Il capo del dipartimento svolge compiti di
coordinamento, direzione e controllo degli uffici di
livello dirigenziale generale compresi nel dipartimento
stesso, al fine di assicurare la continuita’ delle funzioni
dell’amministrazione ed e’ responsabile dei risultati
complessivamente raggiunti dagli uffici da esso dipendenti,
in attuazione degli indirizzi del Ministro.
4. Dal capo del dipartimento dipendono funzionalmente
gli uffici di livello dirigenziale generale compresi nel
dipartimento stesso.
5. Nell’esercizio dei poteri di cui ai precedenti commi
3 e 4, in particolare, il capo del dipartimento:
a) determina i programmi per dare attuazione agli
indirizzi del Ministro;
b) alloca le risorse umane, finanziarie e strumentali
disponibili per l’attuazione dei programmi secondo principi
di economicita’, efficacia ed efficienza, nonche’ di
rispondenza del servizio al pubblico interesse;
c) svolge funzioni di propulsione, di coordinamento,
di controllo e di vigilanza nei confronti degli uffici del
dipartimento;
d) promuove e mantiene relazioni con gli organi
competenti dell’Unione europea per la trattazione di
questioni e problemi attinenti al proprio dipartimento;
e) adotta gli atti per l’utilizzazione ottimale del
personale secondo criteri di efficienza, disponendo gli
opportuni trasferimenti di personale all’interno del
dipartimento;
f) e’ sentito dal Ministro ai fini dell’esercizio del
potere di proposta per il conferimento degli incarichi di
direzione degli uffici di livello dirigenziale generale, ai
sensi dell’art. 19, comma 4, del decreto legislativo 3
febbraio 1993, n. 29;
g) puo’ proporre al Ministro l’adozione dei
provvedimenti di revoca degli incarichi di direzione degli
uffici di livello dirigenziale generale, ai sensi dell’art.
19, comma 7, del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29
e, comunque, viene sentito nel relativo procedimento;
h) e’ sentito dal Ministro per l’esercizio delle
attribuzioni a questi conferite dall’art. 14, comma 1, del
decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29.
6. Con le modalita’ di cui all’art. 16, comma 5, del
decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, possono essere
definiti ulteriori compiti del capo del dipartimento.».
– Il testo dell’art. 19, comma 3, del citato decreto
legislativo n. 165, e’ il seguente:
«Art. 19 (Incarichi di funzioni dirigenziali). –
(Omissis).
3. Gli incarichi di Segretario generale di Ministeri,
gli incarichi di direzione di strutture articolate al loro
interno in uffici dirigenziali generali e quelli di livello
equivalente sono conferiti con decreto del Presidente della
Repubblica, previa deliberazione del Consiglio dei
Ministri, su proposta del Ministro competente, a dirigenti
della prima fascia dei ruoli di cui all’art. 23 o, con
contratto a tempo determinato, a persone in possesso delle
specifiche qualita’ professionali e nelle percentuali
previste dal comma 6.».

Capo II ORGANIZZAZIONE DEI DIPARTIMENTI
Sezione I Dipartimento della sanita’ pubblica e dell’innovazione

Art. 3

Funzioni del Dipartimento della sanita’ pubblica
e dell’innovazione

1. Il Dipartimento della sanita’ pubblica e dell’innovazione, nel
rispetto delle competenze affidate alle regioni dalla legge
costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, provvede alle attivita’ di
coordinamento e vigilanza e di diretto intervento di spettanza
statale in tema di: tutela della salute, tutela della salute e della
sicurezza nei luoghi di lavoro, tutela dell’ambiente e delle
condizioni di vita e di benessere delle persone; promozione e
sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica in materia
sanitaria; finanziamento e vigilanza sugli istituti di ricovero e
cura a carattere scientifico e su altri enti o istituti nazionali
previsti dalla legge; relazioni istituzionali in ambito nazionale;
relazioni internazionali; informazione e comunicazione agli operatori
e ai cittadini.
2. Nell’ambito del Dipartimento opera il Centro nazionale per la
prevenzione e il controllo delle malattie – CCM, istituito
dall’articolo 1, comma 1, lettera a), del decreto-legge 29 marzo
2004, n. 81, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 maggio
2004, n. 138. Il Dipartimento cura inoltre i rapporti con le
associazioni operanti nel settore della salute alle quali partecipa
il Ministero.
3. Il Capo del Dipartimento svolge anche, nelle relazioni europee e
internazionali, le funzioni di Chief Medical Officer ove abbia la
qualifica di dirigente in possesso di professionalita’ medica; quando
il Capo del Dipartimento non abbia tale requisito, le predette
funzioni sono espletate dal Direttore generale della prevenzione,
qualora in possesso di professionalita’ medica. Il Ministro puo’
conferire le funzioni di cui al primo periodo, anche con riferimento
a singoli eventi o riunioni in ambito europeo o internazionale, ad
altro capo dipartimento o direttore generale del Ministero in
possesso di professionalita’ medica.
4. Nell’ambito delle materie di rispettiva competenza, ove non
diversamente disciplinato, le direzioni generali del Dipartimento
esercitano i poteri di accertamento e di ispezione previsti dalla
normativa vigente e assicurano il funzionamento delle segreterie
delle commissioni che operano nelle predette materie.

Note all’art. 3:
– La legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3
(Modifiche al titolo V della parte seconda della
Costituzione), e’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 24
ottobre 2001, n. 248.
– Il testo dell’art. 1, comma 1, lettera a), del
decreto-legge 29 marzo 2004, n. 81, convertito, con
modificazioni, dalla legge 26 maggio 2004, n. 138
(Interventi urgenti per fronteggiare situazioni di pericolo
per la salute pubblica, e’ il seguente:

«1. Al fine di contrastare le emergenze di salute
pubblica legate prevalentemente alle malattie infettive e
diffusive ed al bioterrorismo, sono adottate le seguenti
misure:
a) e’ istituito presso il Ministero della salute il
Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle
malattie con analisi e gestione dei rischi, previamente
quelli legati alle malattie infettive e diffusive e al
bioterrorismo, che opera in coordinamento con le strutture
regionali attraverso convenzioni con l’Istituto superiore
di sanita’, con l’Istituto superiore per la prevenzione e
la sicurezza del lavoro (ISPESL), con gli Istituti
zooprofilattici sperimentali, con le universita’, con gli
istituti di ricovero e cura a carattere scientifico e con
altre strutture di assistenza e di ricerca pubbliche e
private, nonche’ con gli organi della sanita’ militare. Il
Centro opera con modalita’ e in base a programmi annuali
approvati con decreto del Ministro della salute. Per
l’attivita’ e il funzionamento del Centro, ivi comprese le
spese per il personale, e’ autorizzata la spesa di
32.650.000 euro per l’anno 2004, 25.450.000 euro per l’anno
2005 e 31.900.000 euro a decorrere dall’anno 2006; ».

Capo II ORGANIZZAZIONE DEI DIPARTIMENTI
Sezione I Dipartimento della sanita’ pubblica e dell’innovazione

Art. 4

Uffici di livello dirigenziale generale
del Dipartimento della sanita’ pubblica
e dell’innovazione

1. In relazione alle funzioni di cui all’articolo 3, il
Dipartimento della sanita’ pubblica e dell’innovazione e’ articolato
nelle seguenti direzioni generali:
a) Direzione generale della prevenzione;
b) Direzione generale della ricerca sanitaria e biomedica e della
vigilanza sugli enti;
c) Direzione generale dei rapporti europei e internazionali;
d) Direzione generale della comunicazione e delle relazioni
istituzionali.
2. La Direzione generale della prevenzione, di cui al comma 1,
lettera a), svolge le seguenti funzioni: sorveglianza epidemiologica;
promozione della salute, con particolare riguardo alle fasce di
popolazione vulnerabili (quali gli anziani, il settore materno
infantile, l’eta’ evolutiva, le persone affette da patologie croniche
e/o da malattie di rilievo sociale, i disabili, le persone non
autosufficienti, le persone con problemi di salute mentale);
prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, ivi
incluse le altre competenze sanitarie previste dal decreto
legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e successive modificazioni; degli
incidenti in ambito stradale e domestico e nelle istituzioni
sanitarie e socio-sanitarie; prevenzione delle dipendenze;
prevenzione universale delle esposizioni ad agenti chimici, fisici e
biologici nell’ambiente naturale, nell’ambiente di vita, nelle acque
destinate al consumo umano e nell’ambiente di lavoro; profilassi
internazionale; prevenzione nella popolazione a rischio, con
particolare riguardo ai programmi organizzati di screening;
prevenzione delle complicanze e delle recidive di malattia, con
particolare riguardo all’integrazione sanitaria e socio-sanitaria;
tutela della salute con riferimento a sangue ed emoderivati trapianto
di organi biotecnologie con particolare riferimento al loro impiego e
alle procedure autorizzative concernenti attivita’ riguardanti
microrganismi ed organismi geneticamente modificati; terrorismo
biologico, chimico, nucleare e radiologico; aspetti connessi alla
protezione civile; acque minerali; coordinamento funzionale degli
uffici di sanita’ marittima, aerea e di frontiera (USMAF), fatte
salve le competenze della Direzione generale di cui all’articolo 8,
comma 3; direzione operativa del Centro nazionale per la prevenzione
e il controllo delle malattie, di cui all’articolo 3, comma 2.
3. La Direzione generale della ricerca sanitaria e biomedica e
della vigilanza sugli enti, di cui al comma 1, lettera b), svolge le
seguenti funzioni: promozione e sviluppo della ricerca scientifica e
tecnologica in materia sanitaria, anche attraverso forme di
cofinanziamento pubblico-privato, e funzionamento della Commissione
nazionale per la ricerca sanitaria; valutazione dei progetti di
ricerca finanziati dal Ministero; disciplina della tutela sanitaria
delle attivita’ sportive e della lotta contro il doping; rapporti con
le universita’ e gli enti di ricerca, pubblici e privati, nazionali e
internazionali; vigilanza sull’Istituto superiore di sanita’,
sull’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul
lavoro, sull’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali
(Age.na.s.), sugli Istituti di ricovero e cura a carattere
scientifico, sulla Croce rossa italiana, sulla Lega italiana per la
lotta contro i tumori e sugli altri enti o istituti a carattere
nazionale previsti dalla legge, non sottoposti alla vigilanza di
altre direzioni generali; partecipazione alla realizzazione delle
reti nazionali e internazionali di alta specialita’ e tecnologia.
4. La Direzione generale dei rapporti europei e internazionali, di
cui al comma 1, lettera c), svolge, in raccordo con gli altri
dipartimenti e direzioni generali per le materie di rispettiva
competenza, le seguenti funzioni: gestione dei rapporti con l’Unione
europea, con il Consiglio d’Europa, con l’Organizzazione per lo
sviluppo e la cooperazione economica e con altre organizzazioni
internazionali; rapporti con l’Organizzazione mondiale della sanita’
e con le altre agenzie specializzate delle Nazioni Unite; promozione
dell’attuazione delle convenzioni, delle raccomandazioni e dei
programmi comunitari e internazionali in materia sanitaria;
svolgimento delle attivita’ connesse alla stipula degli accordi
bilaterali del Ministero in materia sanitaria; coordinamento della
partecipazione alle attivita’ degli organismi internazionali e
sopranazionali e incontri a livello internazionale; promozione della
collaborazione sanitaria in ambito mediterraneo; coordinamento e
monitoraggio delle attivita’ internazionali svolte dalle regioni;
coordinamento degli interventi del Ministero in caso di emergenze
sanitarie internazionali; attuazione delle convenzioni e dei
programmi sanitari internazionali nell’ambito delle Nazioni Unite.
5. La Direzione generale della comunicazione e delle relazioni
istituzionali, di cui al comma 1, lettera d), svolge le seguenti
funzioni: coordinamento, progettazione, sviluppo e gestione delle
attivita’ di informazione e di comunicazione istituzionale ai
cittadini, agli operatori sanitari e alle imprese in conformita’ ai
principi generali previsti dalla legge 7 giugno 2000, n.150,
finalizzate alla promozione della salute e delle attivita’ del
Ministero; rapporti con i media in relazione all’attivita’ di
comunicazione; relazioni istituzionali con organismi pubblici e
privati, in particolare con quelli operanti in materia sanitaria,
comprese le organizzazioni del volontariato e del terzo settore;
pubblicazioni, produzione editoriale, eventi, convegni e congressi in
materia sanitaria; attivita’ di promozione e formazione della cultura
della comunicazione in ambito sanitario; elaborazione del piano di
comunicazione annuale nazionale; attivita’ di comunicazione ai
cittadini in situazione di emergenza sanitaria; gestione editoriale
del portale internet istituzionale e dei relativi siti tematici;
studi analisi e raccolte di dati ed informazioni sulle attivita’ di
comunicazione e customer satisfaction.

Note all’art. 4:
– Il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81
(Attuazione dell’art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123,
in materia di tutela della salute e della sicurezza nei
luoghi di lavoro), e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
30 aprile 2008, n. 101, S.O.
– La legge 7 giugno 2000, n. 150 (Disciplina delle
attivita’ di informazione e di comunicazione delle
pubbliche amministrazioni), e’ pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale 13 giugno 2000, n. 136.

Sezione II Dipartimento della programmazione e dell’ordinamento
del Servizio sanitario nazionale

Art. 5

Funzioni del Dipartimento

1. Il Dipartimento della programmazione e dell’ordinamento del
Servizio sanitario nazionale, nel rispetto delle competenze affidate
alle regioni dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3,
provvede alle attivita’ di coordinamento e di vigilanza e di diretto
intervento di competenza statale in tema di: programmazione; sviluppo
e monitoraggio di sistemi di garanzia della qualita’ e di
valorizzazione del capitale fisico, umano e sociale del Servizio
sanitario nazionale; coordinamento e gestione delle politiche
riguardanti l’organizzazione dei servizi sanitari; assistenza
sanitaria degli Italiani all’estero e degli stranieri in Italia;
sistema informativo e statistico del Servizio sanitario nazionale;
formazione del personale del Servizio sanitario nazionale e
individuazione dei relativi fabbisogni formativi; assistenza
sanitaria al personale navigante; organizzazione territoriale
dell’assistenza farmaceutica; medicinali, ferme restando le
competenze in materia attribuite all’Agenzia italiana del farmaco;
dispositivi medici e altri prodotti di interesse sanitario; rischio
clinico; funzioni medico-legali.
2. Nell’ambito delle materie di rispettiva competenza, le direzioni
generali del Dipartimento esercitano i poteri di accertamento e di
ispezione previsti dalla normativa vigente e assicurano il
funzionamento delle segreterie delle commissioni che operano nelle
predette materie.

Note all’art. 5:
– Per i riferimenti alla legge costituzionale 18
ottobre 2001, n. 3, si veda nelle note all’art. 3.

Sezione II Dipartimento della programmazione e dell’ordinamento
del Servizio sanitario nazionale

Art. 6

Uffici di livello dirigenziale generale del Dipartimento
della programmazione e dell’ordinamento
del Servizio sanitario nazionale

1. In relazione alle funzioni di cui all’articolo 5, il
Dipartimento della programmazione e dell’ordinamento del Servizio
sanitario nazionale e’ articolato nelle seguenti direzioni generali:
a) Direzione generale della programmazione sanitaria;
b) Direzione generale del sistema informativo e statistico
sanitario;
c) Direzione generale delle professioni sanitarie e delle risorse
umane del Servizio sanitario nazionale;
d) Direzione generale dei dispositivi medici, del servizio
farmaceutico e della sicurezza delle cure.
2. La Direzione generale della programmazione sanitaria, di cui al
comma 1, lettera a), svolge le seguenti funzioni: definizione e
monitoraggio del Piano sanitario nazionale e dei piani di settore
aventi rilievo e applicazione nazionale; analisi dei fabbisogni
finanziari del Servizio sanitario nazionale; elaborazione e verifica
dei dati economici relativi all’attivita’ del Servizio sanitario
nazionale e aggiornamento dei modelli economici del Sistema
informativo sanitario; programmazione tecnico-sanitaria di rilievo
nazionale e indirizzo, coordinamento e monitoraggio delle attivita’
tecniche sanitarie regionali, di concerto con il Ministero
dell’economia e delle finanze, per i profili attinenti al concorso
dello Stato al finanziamento del Servizio sanitario nazionale, anche
quanto ai piani di rientro dai disavanzi sanitari regionali;
determinazione dei criteri generali per la classificazione e la
remunerazione delle prestazioni del Servizio sanitario nazionale;
fondi sanitari integrativi; monitoraggio, anche attraverso il nucleo
SAR, e qualificazione della rete dell’offerta sanitaria;
programmazione degli interventi di valorizzazione dei centri di
eccellenza sanitaria; monitoraggio delle schede di dimissione
ospedaliera; programmazione degli investimenti di edilizia sanitaria
e ammodernamento tecnologico; definizione e monitoraggio dei livelli
essenziali di assistenza; urgenza ed emergenza sanitaria (servizio
118); attuazione della normativa sulle cure palliative e terapia del
dolore; verifica delle liste di attesa e interventi finalizzati alle
loro riduzioni; definizione di criteri e requisiti per l’esercizio,
l’autorizzazione e l’accreditamento delle attivita’ sanitarie;
promozione e verifica della qualita’; sperimentazioni gestionali ai
sensi dell’articolo 9-bis del decreto legislativo 30 dicembre 1992,
n. 502, e successive modificazioni; vigilanza sulle modalita’ di
gestione e di finanziamento dei sistemi di erogazione delle
prestazioni sanitarie diverse da quelle erogate dal Servizio
sanitario nazionale; studio e promozione di nuovi modelli per
l’erogazione delle cure primarie e per l’integrazione
socio-sanitaria; destinazione e utilizzazione dei fondi strutturali
europei; supporto alle attivita’ del Sistema nazionale di verifica e
controllo dell’assistenza sanitaria (SiVeAS), compresi il supporto e
la verifica dei piani di rientro dai disavanzi sanitari regionali;
rapporti con la sanita’ militare; disciplina comunitaria e accordi
internazionali in materia di assistenza sanitaria e connessa gestione
dei rapporti economici; rimborsi delle spese di assistenza sanitaria
in forma indiretta ai lavoratori italiani all’estero; prestazioni di
alta specializzazione all’estero; assistenza sanitaria agli apolidi;
rifugiati politici e stranieri in Italia; gestione delle prestazioni
sanitarie connesse con l’attivita’ di servizio svolta all’estero dai
dipendenti pubblici; analisi della mobilita’ sanitaria; rapporti con
i rappresentanti del Ministero nei collegi sindacali delle aziende
sanitarie locali. Presso la Direzione opera il nucleo di valutazione
e verifica degli investimenti pubblici di cui all’articolo 1 della
legge 17 maggio 1999, n. 144.
3. La Direzione generale del sistema informativo e statistico
sanitario, di cui al comma 1, lettera b), svolge le seguenti
funzioni: individuazione dei fabbisogni informativi del Servizio
sanitario nazionale e del Ministero; coordinamento
dell’informatizzazione concernente il Servizio sanitario nazionale e
l’attivita’ amministrativa del Ministero; attuazione delle linee
strategiche per la riorganizzazione e digitalizzazione
dell’amministrazione e coordinamento strategico dello sviluppo dei
sistemi informativi di telecomunicazione e fonia, ai sensi
dell’articolo 17 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e
successive modificazioni; attuazione del piano d’azione per
l’evoluzione del Nuovo Sistema Informativo Sanitario ai fini del
monitoraggio della spesa sanitaria e della realizzazione di misure di
appropriatezza ed efficienza; definizione e attuazione della
strategia nazionale di sanita’ elettronica; individuazione dei
principi organizzativi, normativi e tecnici per lo sviluppo della
telemedicina, dei sistemi di «fascicolo sanitario elettronico» e
«centri unici di prenotazione»; integrazione dell’innovazione
tecnologica nei processi sanitari; direttive per l’adozione nel
Servizio sanitario nazionale dei certificati telematici, delle
prescrizioni elettroniche e della digitalizzazione della
documentazione sanitaria; pianificazione, progettazione, sviluppo e
gestione dell’infrastruttura tecnologica, delle reti, dei sistemi e
dei flussi informativi del Servizio sanitario nazionale e del
Ministero, inclusi la protezione dei dati, la sicurezza, la
riservatezza, la formazione e il monitoraggio informatico ai sensi
del decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39; indirizzo,
pianificazione, coordinamento e monitoraggio della sicurezza
informatica, ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 7
marzo 2005, n. 82, e successive modificazioni; sviluppo e gestione
tecnica del portale internet istituzionale e sviluppo e gestione
della intranet; acquisizione di beni e servizi strumentali al Nuovo
Sistema Informativo Sanitario e predisposizione dei relativi
contratti; gestione di osservatori e centri di documentazione;
rapporti con gli organismi incaricati delle attivita’ informatiche
nella pubblica amministrazione; attivita’ e funzioni dell’Ufficio di
statistica, ai sensi del decreto legislativo 6 settembre 1989, n.
322; monitoraggio, verifica, elaborazione, analisi e diffusione dei
dati relativi all’attivita’ del Servizio sanitario nazionale;
pubblicazioni statistiche in materia sanitaria; relazione sullo stato
sanitario del Paese. Presso la Direzione generale opera la Cabina di
regia del nuovo sistema informativo sanitario, di cui all’accordo
quadro tra il Ministero della salute, le regioni e le province
autonome di Trento e di Bolzano del 22 febbraio 2001, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 90 del 18
aprile 2001.
4. La Direzione generale delle professioni sanitarie e delle
risorse umane del Servizio sanitario nazionale, di cui al comma 1,
lettera c), svolge le seguenti funzioni: disciplina delle professioni
sanitarie; vigilanza sugli ordini e sui collegi degli esercenti le
professioni sanitarie e segreteria della Commissione centrale per gli
esercenti le professioni sanitarie; riconoscimento dei titoli esteri
delle professioni sanitarie e rapporti con l’Unione europea in
materia di riconoscimento dei titoli e di mobilita’ dei
professionisti sanitari; organizzazione dei servizi sanitari,
professioni sanitarie, concorsi e stato giuridico del personale del
Servizio sanitario nazionale, di concerto con il Ministero
dell’economia e delle finanze per i profili di carattere finanziario,
stato giuridico e disciplina concorsuale del personale del Servizio
sanitario nazionale e relativo contenzioso; disciplina dell’attivita’
libero-professionale intramuraria; rapporti tra il Servizio sanitario
nazionale e le universita’ in materia di personale delle aziende
ospedaliero universitarie e di formazione di base e specialistica dei
professionisti sanitari nonche’ di protocolli d’intesa per le
attivita’ assistenziali; determinazione dei fabbisogni formativi
delle professioni sanitarie e promozione della professionalita’
attraverso programmi organici di formazione permanente e di
aggiornamento; rapporti con le Societa’ medico-scientifiche e loro
federazioni; approvazione degli statuti e dei regolamenti degli enti
di cui all’articolo 4, comma 12, del decreto legislativo 30 dicembre
1992, n. 502, e successive modificazioni; individuazione dei profili
professionali; rapporti con le professioni non costituite in ordini e
attivita’ non regolamentate; assistenza sanitaria di competenza
statale al personale navigante in Italia e all’estero e accertamenti
medico-legali relativi allo stesso personale; coordinamento
funzionale degli uffici territoriali per i servizi di assistenza
sanitaria al personale navigante (SASN); idoneita’ psico-fisica al
volo; formazione del personale aeronavigante in materia di pronto
soccorso; centri di pronto soccorso sanitario aeroportuale; attivita’
di rappresentanza ministeriale in seno alla struttura tecnica
interregionale di cui all’articolo 4, comma 9, della legge 30
dicembre 1991, n. 412, come modificato dall’articolo 52, comma 27,
della legge 27 dicembre 2002, n. 289 (SISAC); rapporti con l’Aran e
con il comitato di settore competente per la contrattazione
riguardante il personale del Servizio sanitario nazionale.
5. La Direzione generale dei dispositivi medici, del servizio
farmaceutico e della sicurezza delle cure, di cui al comma 1, lettera
d), svolge e le seguenti funzioni: completamento e attuazione della
disciplina dei dispositivi medici, compresi i compiti relativi alla
sorveglianza del mercato e alla vigilanza sugli incidenti, alle
indagini cliniche, alla valutazione tecnologica e all’impiego dei
dispositivi nell’ambito del Servizio sanitario nazionale; disciplina
generale delle attivita’ farmaceutiche; rapporti con l’Agenzia
italiana del farmaco, anche ai fini dell’esercizio delle competenze
relative ai dispositivi medici contenenti sostanze con
caratteristiche di medicinali e ai fini dell’elaborazione della
normativa del settore farmaceutico; vigilanza e supporto alle
funzioni di indirizzo del Ministro nei confronti della medesima
Agenzia; pubblicita’ dei medicinali e degli altri prodotti di
interesse sanitario la cui diffusione e’ soggetta ad autorizzazione o
controllo; produzione, commercio e impiego delle sostanze
stupefacenti e psicotrope, compreso l’aggiornamento delle relative
tabelle; buone pratiche di laboratorio; produzione e commercio di
presidi medico-chirurgici e di biocidi; prodotti cosmetici, prodotti
e apparecchiature usati a fini estetici; prevenzione e gestione del
rischio clinico; attivita’ di consulenza medico-legale nei confronti
di altri organi dello Stato, anche giurisdizionali; indennizzi per
danni da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni
obbligatorie, trasfusioni e somministrazioni di emoderivati e
relativo contenzioso; altri indennizzi riconosciuti dalla legge per
danni alla salute; responsabilita’ per danno clinico.

Note all’art. 6:
– Il testo dell’art. 9-bis del decreto legislativo 30
dicembre 1992, n. 502 (Riordino della disciplina in materia
sanitaria, a norma dell’art. 1 della legge n. 23 ottobre
1992, n. 421, e’ il seguente:
«Art. 9-bis (Sperimentazioni gestionali). – 1. Le
regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano,
autorizzano programmi di sperimentazione aventi a oggetto
nuovi modelli gestionali che prevedano forme di
collaborazione tra strutture del Servizio sanitario
nazionale e soggetti privati, anche attraverso la
costituzione di societa’ miste a capitale pubblico e
privato.
2. Il programma di sperimentazione e’ adottato dalla
regione o dalla provincia autonoma interessata, motivando
le ragioni di convenienza economica del progetto
gestionale, di miglioramento della qualita’ dell’assistenza
e di coerenza con le previsioni del Piano sanitario
regionale ed evidenziando altresi’ gli elementi di
garanzia, con particolare riguardo ai seguenti criteri:
a) privilegiare nell’area del settore privato il
coinvolgimento delle organizzazioni non lucrative di
utilita’ sociale individuate dall’art. 10 del decreto
legislativo 4 dicembre 1997, n. 460;
b) fissare limiti percentuali alla partecipazione di
organismi privati in misura non superiore al quarantanove
per cento;
c) prevedere forme idonee di limitazione alla
facolta’ di cessione della propria quota sociale nei
confronti dei soggetti privati che partecipano alle
sperimentazioni;
d) disciplinare le forme di risoluzione del rapporto
contrattuale con privati che partecipano alla
sperimentazione in caso di gravi inadempienze agli obblighi
contrattuali o di accertate esposizioni debitorie nei
confronti di terzi;
e) definire partitamente i compiti, le funzioni e i
rispettivi obblighi di tutti i soggetti pubblici e privati
che partecipano alla sperimentazione gestionale, avendo
cura di escludere in particolare il ricorso a forme
contrattuali, di appalto o subappalto, nei confronti di
terzi estranei alla convenzione di sperimentazione, per la
fornitura di opere e servizi direttamente connessi
all’assistenza alla persona;
f) individuare forme e modalita’ di pronta attuazione
per la risoluzione della convenzione di sperimentazione e
scioglimento degli organi societari in caso di mancato
raggiungimento del risultato della avviata sperimentazione.
3. La Conferenza permanente per i rapporti tra lo
Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di
Bolzano, avvalendosi dell’Agenzia per i servizi sanitari
regionali, verifica annualmente i risultati conseguiti sia
sul piano economico sia su quello della qualita’ dei
servizi, ivi comprese le forme di collaborazione in atto
con soggetti privati per la gestione di compiti diretti di
tutela della salute. Al termine del primo triennio di
sperimentazione, sulla base dei risultati conseguiti, il
Governo e le regioni adottano i provvedimenti conseguenti.
4. Al di fuori dei programmi di sperimentazione di cui
al presente articolo, e’ fatto divieto alle aziende del
Servizio sanitario nazionale di costituire societa’ di
capitali aventi per oggetto sociale lo svolgimento di
compiti diretti di tutela della salute.».
– Il testo dell’art. 1 della legge 17 maggio 1999, n.
144 (Misure in materia di investimenti, delega al Governo
per il riordino degli incentivi all’occupazione e della
normativa che disciplina l’INAIL, nonche’ disposizioni per
il riordino degli enti previdenziali), e’ il seguente:
«Art. 1 (Costituzione di unita’ tecniche di supporto
alla programmazione, alla valutazione e al monitoraggio
degli investimenti pubblici). – 1. Al fine di migliorare e
dare maggiore qualita’ ed efficienza al processo di
programmazione delle politiche di sviluppo, le
amministrazioni centrali e regionali, previa intesa con la
Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le
regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano,
istituiscono e rendono operativi, entro il 31 ottobre 1999,
propri nuclei di valutazione e verifica degli investimenti
pubblici che, in raccordo fra loro e con il Nucleo di
valutazione e verifica degli investimenti pubblici del
Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione
economica, garantiscono il supporto tecnico nelle fasi di
programmazione, valutazione, attuazione e verifica di
piani, programmi e politiche di intervento promossi e
attuati da ogni singola amministrazione. E’ assicurata
l’integrazione dei nuclei di valutazione e verifica degli
investimenti pubblici con il Sistema statistico nazionale,
secondo quanto previsto dall’art. 6 del decreto legislativo
31 marzo 1998, n. 112.
2. I nuclei di valutazione e verifica di cui al comma 1
operano all’interno delle rispettive amministrazioni, in
collegamento con gli uffici di statistica costituiti ai
sensi del decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322, ed
esprimono adeguati livelli di competenza tecnica ed
operativa al fine di poter svolgere funzioni tecniche a
forte contenuto di specializzazione, con particolare
riferimento per:
a) l’assistenza e il supporto tecnico per le fasi di
programmazione, formulazione e valutazione di documenti di
programma, per le analisi di opportunita’ e fattibilita’
degli investimenti e per la valutazione ex ante di progetti
e interventi, tenendo conto in particolare di criteri di
qualita’ ambientale e di sostenibilita’ dello sviluppo
ovvero dell’indicazione della compatibilita’ ecologica
degli investimenti pubblici;
b) la gestione del Sistema di monitoraggio di cui al
comma 5, da realizzare congiuntamente con gli uffici di
statistica delle rispettive amministrazioni;
c) l’attivita’ volta alla graduale estensione delle
tecniche proprie dei fondi strutturali all’insieme dei
programmi e dei progetti attuati a livello territoriale,
con riferimento alle fasi di programmazione, valutazione,
monitoraggio e verifica.
3. Le attivita’ volte alla costituzione dei nuclei di
valutazione e verifica di cui al comma 1 sono attuate
autonomamente sotto il profilo amministrativo,
organizzativo e funzionale dalle singole amministrazioni
tenendo conto delle strutture similari gia’ esistenti e
della necessita’ di evitare duplicazioni. Le
amministrazioni provvedono a tal fine ad elaborare, anche
sulla base di un’adeguata analisi organizzativa, un
programma di attuazione comprensivo delle connesse
attivita’ di formazione e aggiornamento necessarie alla
costituzione e all’avvio dei nuclei.
4. Entro due mesi dalla data di entrata in vigore della
presente legge, con decreto del Presidente del Consiglio
dei Ministri, sentita la Conferenza permanente per i
rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di
Trento e di Bolzano, sono indicate le caratteristiche
organizzative comuni dei nuclei di cui al presente
articolo, ivi compresa la spettanza di compensi agli
eventuali componenti estranei alla pubblica
amministrazione, nonche’ le modalita’ e i criteri per la
formulazione e la realizzazione dei programmi di attuazione
di cui al comma 3.
5. E’ istituito presso il Comitato interministeriale
per la programmazione economica (CIPE) il «Sistema di
monitoraggio degli investimenti pubblici» (MIP), con il
compito di fornire tempestivamente informazioni
sull’attuazione delle politiche di sviluppo, con
particolare riferimento ai programmi cofinanziati con i
fondi strutturali europei, sulla base dell’attivita’ di
monitoraggio svolta dai nuclei di cui al comma 1. Tale
attivita’ concerne le modalita’ attuative dei programmi di
investimento e l’avanzamento tecnico-procedurale,
finanziario e fisico dei singoli interventi. Il Sistema di
monitoraggio degli investimenti pubblici e’ funzionale
all’alimentazione di una banca dati tenuta nell’ambito
dello stesso CIPE, anche con l’utilizzazione del Sistema
informativo integrato del Ministero del tesoro, del
bilancio e della programmazione economica. Il CIPE, con
propria deliberazione, costituisce e definisce la
strutturazione del Sistema di monitoraggio degli
investimenti pubblici disciplina il suo funzionamento ed
emana indirizzi per la sua attivita’, previa intesa con la
Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le
regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano.
6. Il Sistema di monitoraggio degli investimenti
pubblici deve essere flessibile ed integrabile in modo tale
da essere funzionale al progetto «Rete unitaria della
pubblica amministrazione», di cui alla direttiva del
Presidente del Consiglio dei Ministri 5 settembre 1995,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 272 del 21 novembre
1995. Le informazioni derivanti dall’attivita’ di
monitoraggio sono trasmesse dal CIPE alla Cabina di regia
nazionale di cui all’art. 6 del decreto-legge 23 giugno
1995, n. 244, convertito, con modificazioni, dalla legge 8
agosto 1995, n. 341, alla sezione centrale
dell’Osservatorio dei lavori pubblici e, in relazione alle
rispettive competenze, a tutte le amministrazioni centrali
e regionali. Il CIPE invia un rapporto semestrale al
Parlamento.
7. Per le finalita’ di cui al presente articolo, ivi
compreso il ruolo di coordinamento svolto dal CIPE, e’
istituito un fondo da ripartire, previa deliberazione del
CIPE, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra
lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di
Bolzano, con decreto del Ministro del tesoro, del bilancio
e della programmazione economica. Per la dotazione del
fondo e’ autorizzata la spesa di lire 8 miliardi per l’anno
1999 e di lire 10 miliardi annue a decorrere dall’anno
2000.
8. All’onere derivante dall’attuazione del presente
articolo, pari a 8 miliardi di lire per l’anno 1999 e 10
miliardi di lire per ciascuno degli anni 2000 e 2001, si
provvede mediante riduzione dello stanziamento iscritto, ai
fini del bilancio triennale 1999-2001, nell’ambito
dell’unita’ previsionale di base di parte corrente «Fondo
speciale» dello stato di previsione del Ministero del
tesoro, del bilancio e della programmazione economica per
l’anno 1999, parzialmente utilizzando l’accantonamento
relativo al medesimo Ministero.
9. Per le finalita’ di cui al comma 1, il CIPE, sentita
la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le
regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano e
previo parere delle competenti Commissioni parlamentari
permanenti, entro dodici mesi dalla data di entrata in
vigore della presente legge, indica i criteri ai quali
dovranno attenersi le regioni e le province autonome al
fine di suddividere il rispettivo territorio in Sistemi
locali del lavoro, individuando tra questi i distretti
economico-produttivi sulla base di una metodologia e di
indicatori elaborati dall’Istituto nazionale di statistica
(ISTAT), che ne curera’ anche l’aggiornamento periodico.
Tali indicatori considereranno fenomeni demografici,
sociali, economici, nonche’ la dotazione infrastrutturale e
la presenza di fattori di localizzazione, situazione
orografica e condizione ambientale ai fini della
programmazione delle politiche di sviluppo di cui al comma
1. Sono fatte salve le competenze in materia delle regioni,
delle province autonome di Trento e di Bolzano e degli enti
locali.».
– Il testo dell’art. 17 del decreto legislativo 7 marzo
2005, n. 82 (Codice dell’amministrazione digitale), il
seguente:
«Art. 17 (Strutture per l’organizzazione, l’innovazione
e le tecnologie). – 1. Le pubbliche amministrazioni
centrali garantiscono l’attuazione delle linee strategiche
per la riorganizzazione e digitalizzazione
dell’amministrazione definite dal Governo. A tale fine, le
predette amministrazioni individuano un unico ufficio
dirigenziale generale, fermo restando il numero complessivo
di tali uffici, responsabile del coordinamento funzionale.
Al predetto ufficio afferiscono i compiti relativi a:
a) coordinamento strategico dello sviluppo dei
sistemi informativi, di telecomunicazione e fonia, in modo
da assicurare anche la coerenza con gli standard tecnici e
organizzativi comuni;
b) indirizzo e coordinamento dello sviluppo dei
servizi, sia interni che esterni, forniti dai sistemi
informativi di telecomunicazione e fonia
dell’amministrazione;
c) indirizzo, pianificazione, coordinamento e
monitoraggio della sicurezza informatica relativamente ai
dati, ai sistemi e alle infrastrutture anche in relazione
al sistema pubblico di connettivita’, nel rispetto delle
regole tecniche di cui all’art. 51, comma 1;
d) accesso dei soggetti disabili agli strumenti
informatici e promozione dell’accessibilita’ anche in
attuazione di quanto previsto dalla legge 9 gennaio 2004,
n. 4;
e) analisi della coerenza tra l’organizzazione
dell’amministrazione e l’utilizzo delle tecnologie
dell’informazione e della comunicazione, al fine di
migliorare la soddisfazione dell’utenza e la qualita’ dei
servizi nonche’ di ridurre i tempi e i costi dell’azione
amministrativa;
f) cooperazione alla revisione della riorganizzazione
dell’amministrazione ai fini di cui alla lettera e);
g) indirizzo, coordinamento e monitoraggio della
pianificazione prevista per lo sviluppo e la gestione dei
sistemi informativi di telecomunicazione e fonia;
h) progettazione e coordinamento delle iniziative
rilevanti ai fini di una piu’ efficace erogazione di
servizi in rete a cittadini e imprese mediante gli
strumenti della cooperazione applicativa tra pubbliche
amministrazioni, ivi inclusa la predisposizione e
l’attuazione di accordi di servizio tra amministrazioni per
la realizzazione e compartecipazione dei sistemi
informativi cooperativi;
i) promozione delle iniziative attinenti l’attuazione
delle direttive impartite dal Presidente del Consiglio dei
Ministri o dal Ministro delegato per l’innovazione e le
tecnologie;
j) pianificazione e coordinamento del processo di
diffusione, all’interno dell’amministrazione, dei sistemi
di posta elettronica, protocollo informatico, firma
digitale e mandato informatico, e delle norme in materia di
accessibilita’ e fruibilita’.
1-bis. Per lo svolgimento dei compiti di cui al comma
1, le Agenzie, le Forze armate, compresa l’Arma dei
carabinieri e il Corpo delle capitanerie di porto, nonche’
i Corpi di polizia hanno facolta’ di individuare propri
uffici senza incrementare il numero complessivo di quelli
gia’ previsti nei rispettivi assetti organizzativi.
1-ter. DigitPA assicura il coordinamento delle
iniziative di cui al comma 1, lettera c), con le modalita’
di cui all’art. 51.».
– Il decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 (Norme
in materia di sistemi informativi automatizzati delle
amministrazioni pubbliche, a norma dell’art. 2, comma 1,
lettera mm), della legge n. 23 ottobre 1992, n. 421, e’
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1993, n.
42.
– Il decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322
(Norme sul sistema statistico nazionale e sulla
riorganizzazione dell’Istituto nazionale di statistica, ai
sensi dell’art. 24 della legge 23 agosto 1988, n. 400, e’
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 22 settembre 1989, n.
222.
– Il testo dell’arti. 4, comma 12, del citato decreto
legislativo n. 502 del 1992, e’ il seguente:
«12. Nulla e’ innovato alla vigente disciplina per
quanto concerne l’ospedale Galliera di Genova, l’Ordine
Mauriziano e gli istituti ed enti che esercitano
l’assistenza ospedaliera di cui agli articoli 40, 41 e 43,
secondo comma, della legge 23 dicembre 1978, n. 833, fermo
restando che l’apporto dell’attivita’ dei suddetti presidi
ospedalieri al Servizio sanitario nazionale e’
regolamentato con le modalita’ previste dal presente
articolo. Entro un anno dalla data di entrata in vigore del
decreto legislativo 7 dicembre 1993, n. 517, i requisiti
tecnico-organizzativi ed i regolamenti sulla dotazione
organica e sull’organizzazione dei predetti presidi sono
adeguati, per la parte compatibile, ai principi del
presente decreto e a quelli di cui all’art. 4, comma 7,
della legge n. 30 dicembre 1991, n. 412, e sono approvati
con decreto del Ministro della sanita’.».
– Il testo vigente dell’art. 4, comma 9, della legge 30
dicembre 1991, n. 412 (Disposizioni in materia di finanza
pubblica), e’ il seguente:
«9. E’ istituita la struttura tecnica interregionale
per la disciplina dei rapporti con il personale
convenzionato con il Servizio sanitario nazionale. Tale
struttura, che rappresenta la delegazione di parte pubblica
per il rinnovo degli accordi riguardanti il personale
sanitario a rapporto convenzionale, e’ costituita da
rappresentanti regionali nominati dalla Conferenza dei
presidenti delle regioni e delle province autonome di
Trento e di Bolzano. Della predetta delegazione fanno
parte, limitatamente alle materie di rispettiva competenze,
i rappresentanti dei Ministeri dell’economia e delle
finanze, del lavoro e delle politiche sociali, e della
salute, designati dai rispettivi Ministri. Con accordo in
sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato,
le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano,
e’ disciplinato il procedimento di contrattazione
collettiva relativo ai predetti accordi tenendo conto di
quanto previsto dagli articoli 40, 41, 42, 46, 47, 48 e 49
del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. A tale fine
e’ autorizzata la spesa annua nel limite massimo di 2
milioni di euro a decorrere dall’anno 2003.».

ezione III Dipartimento della sanita’ pubblica veterinaria,
della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela
della salute

Art. 7

Funzioni del Dipartimento

1. Il Dipartimento della sanita’ pubblica veterinaria, della
sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della
salute, nel rispetto delle competenze affidate alle regioni dalla
legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, provvede, ai fini della
tutela della salute umana e animale, alle attivita’ di coordinamento
e di vigilanza e di diretto intervento di spettanza statale in tema
di: sanita’ pubblica veterinaria, nutrizione e sicurezza alimentare;
benessere degli animali; ricerca e sperimentazione nel settore
alimentare e veterinario; coordinamento e finanziamento degli
Istituti zooprofilattici sperimentali e vigilanza sugli stessi;
valutazione del rischio in materia di sicurezza alimentare;
funzionamento del Consiglio superiore di sanita’; dietetici e
integratori alimentari; farmaci veterinari; fitofarmaci;
alimentazione animale.
2. Il Dipartimento cura i rapporti con l’Office International des
Epizooties (OIE) e con la Food and Agriculture Organization (FAO) e,
per le materie di competenza, con l’Unione europea, con il Consiglio
d’Europa, con l’Organizzazione mondiale della sanita’ e le altre
organizzazioni internazionali.
3. Nell’ambito del Dipartimento operano il Centro nazionale di
lotta ed emergenza contro le malattie animali e l’Unita’ centrale di
crisi di cui all’articolo 1, comma 1, del decreto-legge 1° ottobre
2005, n. 202, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 novembre
2005, n. 244.
4. Il Capo del Dipartimento della sanita’ pubblica veterinaria,
della sicurezza alimentare e degli organi collegiali svolge anche le
seguenti funzioni: presiede il Centro nazionale di lotta ed emergenza
contro le malattie animali; e’ responsabile dell’Unita’ centrale di
crisi; svolge le funzioni di Capo dei servizi veterinari italiani –
Chief Veterinary Officer nelle istituzioni europee ed internazionali.
5. Nell’ambito delle materie di rispettiva competenza, le direzioni
generali del Dipartimento esercitano i poteri di accertamento e di
ispezione previsti dalla normativa vigente e assicurano il
funzionamento delle segreterie delle commissioni che operano nelle
predette materie.

Note all’art. 7:
– Per i riferimenti alla legge costituzionale 18
ottobre 2001, n. 3, si veda nelle notte all’art. 3.
– Il testo dell’art. 1, comma 1, del decreto-legge 1°
ottobre 2005, n. 202, convertito, con modificazioni, dalla
legge 30 novembre 2005, n. 244 (Misure urgenti per la
prevenzione dell’influenza aviaria), e’ il seguente:
«Art. 1 (Prevenzione e lotta contro l’influenza aviaria
le malattie degli animali e le relative emergenze). – 1. Ai
fini del potenziamento e della razionalizzazione degli
strumenti di lotta contro l’influenza aviaria, le malattie
animali e le emergenze zoo-sanitarie, nonche’ per
incrementare le attivita’ di prevenzione, profilassi
internazionale e controllo sanitario esercitato dagli
uffici centrali e periferici del Ministero della salute, e’
istituito presso la Direzione generale della sanita’
veterinaria e degli alimenti del Ministero della salute, il
Centro nazionale di lotta ed emergenza contro le malattie
animali, di seguito denominato «Centro nazionale», che
definisce e programma gli obiettivi e le strategie di
controllo e di eradicazione delle malattie e svolge
mediante l’Unita’ centrale di crisi, unica per tutte le
malattie animali e raccordo tecnico-operativo con le
analoghe strutture regionali e locali, compiti di
indirizzo, coordinamento e verifica ispettiva anche per le
finalita’ di profilassi internazionale, avvalendosi
direttamente degli Istituti zooprofilattici sperimentali
con i loro Centri di referenza ed in particolare di quello
per l’influenza aviaria di Padova, del Centro di referenza
nazionale per l’epidemiologia, del Dipartimento di
veterinaria dell’Istituto superiore di sanita’ in
collaborazione con le regioni e le province autonome,
nonche’ delle facolta’ universitarie di medicina
veterinaria e degli organi della sanita’ militare.
L’individuazione dettagliata delle funzioni e dei compiti
del Centro nazionale, unitamente alla sua composizione ed
alla organizzazione necessaria ad assicurarne il
funzionamento, e’ effettuata con decreto del Ministro della
salute, nel limite massimo di spesa di 190.000 euro per
l’anno 2005 e di 5 milioni di euro annui a decorrere
dall’anno 2006.».

Sezione III Dipartimento della sanita’ pubblica veterinaria,
della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela
della salute

Art. 8

Uffici di livello dirigenziale generale del Dipartimento della
sanita’ pubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli
organi collegiali per la tutela della salute

1. In relazione alle funzioni di cui all’articolo 7, il
Dipartimento della sanita’ pubblica veterinaria, della sicurezza
alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute si
articola nelle seguenti direzioni generali:
a) Direzione generale della sanita’ animale e dei farmaci
veterinari;
b) Direzione generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti
e la nutrizione;
c) Direzione generale degli organi collegiali per la tutela della
salute.
2. La Direzione generale della sanita’ animale e dei farmaci
veterinari, di cui al comma 1, lettera a), svolge le seguenti
funzioni: sorveglianza epidemiologica delle malattie infettive e
diffusive degli animali; attivita’ del Centro nazionale di lotta ed
emergenza contro le malattie animali e Unita’ centrale di crisi;
sanita’ e anagrafe degli animali; controllo delle zoonosi; tutela del
benessere degli animali, riproduzione animale, igiene zootecnica,
igiene urbana veterinaria; igiene e sicurezza dell’alimentazione
animale; farmaci, materie prime e dispositivi per uso veterinario;
farmacosorveglianza e farmacovigilanza veterinaria; controllo delle
importazioni e degli scambi degli animali e dei prodotti di origine
animale, di mangimi e farmaci veterinari, di materie prime per
mangimi e per farmaci veterinari; coordinamento funzionale, d’intesa
con la Direzione generale di cui al comma 3, per quanto di
competenza, degli uffici veterinari per gli adempimenti comunitari
(UVAC) e dei posti di ispezione frontalieri (PIF); accertamenti,
audit e ispezioni nelle materie di competenza; organizzazione del
sistema di audit per le verifiche dei sistemi di prevenzione
concernenti la sicurezza alimentare e la sanita’ pubblica veterinaria
d’intesa con la Direzione generale di cui al comma 3, per quanto di
competenza.
3. La Direzione generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti
e la nutrizione, di cui al comma 1, lettera b), svolge le seguenti
funzioni: igiene e sicurezza della produzione e commercializzazione
degli alimenti, inclusi i prodotti primari; piani di controllo della
catena alimentare e indirizzi operativi sui controlli
all’importazione di alimenti; gestione del sistema di allerta e
gestione delle emergenze nel settore della sicurezza degli alimenti e
dei mangimi; sottoprodotti di origine animale; nutrizione e prodotti
destinati a una alimentazione particolare; alimenti funzionali;
integratori alimentari; prodotti di erboristeria ad uso alimentare;
etichettatura nutrizionale, educazione alimentare e nutrizionale;
aspetti sanitari relativi a tecnologie alimentari e nuovi alimenti;
alimenti geneticamente modificati; additivi, aromi alimentari,
contaminanti e materiali a contatto; prodotti fitosanitari; igiene e
sicurezza degli alimenti destinati all’esportazione; accertamenti;
audit e ispezioni nelle materie di competenza. Nello svolgimento
delle proprie funzioni la Direzione si avvale, per la parte di
competenza, degli uffici periferici veterinari (UVAC-PIF) secondo le
modalita’ di cui al comma 2, e degli uffici periferici di sanita’
(USMAF) di cui all’articolo 4, comma 2.
4. La Direzione generale degli organi collegiali per la tutela
della salute di cui al comma 1, lettera c), individuata quale
autorita’ nazionale di riferimento dell’Autorita’ europea per la
sicurezza alimentare European Food Safety authority (EFSA), svolge
funzioni di valutazione del rischio fisico, chimico e biologico
riguardante la sicurezza alimentare, attivita’ di segreteria e altre
attivita’ di supporto al funzionamento del Comitato nazionale per la
sicurezza alimentare di cui all’articolo 1, comma 2; assicura il
raccordo con le regioni anche ai fini della programmazione delle
attivita’ di valutazione del rischio della catena alimentare e
l’operativita’ della Consulta delle associazioni dei consumatori e
dei produttori in materia di sicurezza alimentare. La Direzione
svolge attivita’ di segreteria e altre attivita’ di supporto al
funzionamento del Consiglio superiore di sanita’ di cui all’articolo
1, comma 2; per le attivita’ di competenza del Consiglio superiore di
sanita’, cura i rapporti con gli altri dipartimenti e direzioni
generali del Ministero, l’Istituto superiore di sanita’, l’Istituto
nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro,
l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali e l’Agenzia
italiana del farmaco.

Sezione IV Organizzazione, bilancio e personale

Art. 9

Ufficio generale delle risorse, dell’organizzazione
e del bilancio

1. L’Ufficio generale delle risorse, dell’organizzazione e del
bilancio, di cui all’articolo 1, comma 1, ufficio non dipartimentale
di livello dirigenziale generale, svolge le seguenti funzioni:
organizzazione, razionalizzazione e innovazione dei modelli
organizzativo-gestionali, dei processi e delle strutture degli uffici
centrali e periferici del Ministero; sistemi di valutazione del
personale; attuazione degli indirizzi assunti dalla Conferenza di cui
all’articolo 2, comma 10, in materia di gestione delle risorse umane,
dei servizi comuni e degli affari generali svolti in gestione
unificata, nonche’ delle direttive impartite dall’Organismo
indipendente di valutazione della performance di cui all’articolo 13;
banche dati del personale, comunicazione e pubblicazione dei relativi
dati e adempimenti per la trasparenza; servizio di archiviazione e
protocollazione informatica, gestione digitale dei flussi
documentali; logistica, coordinamento dell’applicazione delle
modifiche legislative e regolamentari aventi impatto
sull’organizzazione del Ministero; supporto alla realizzazione e al
funzionamento del Centro polifunzionale per la salute pubblica;
predisposizione e coordinamento del bilancio del Ministero;
monitoraggio delle entrate e delle spese; riassegnazione delle
entrate per servizi resi dalle strutture del Ministero; controllo di
gestione; trattamento giuridico, ruoli, programmazione e reclutamento
del personale; fabbisogno di risorse umane e dotazioni organiche;
mobilita’ esterna e interna, fatte salve le competenze dei Capi
dipartimento e sentito, in ogni caso, il Capo dipartimento per la
mobilita’ del personale degli uffici periferici; segreteria della
Conferenza dei Capi dipartimento; procedure di conferimento degli
incarichi dirigenziali; sviluppo e formazione del personale;
trattamento economico fondamentale e accessorio, trattamento di
quiescenza, riscatti e ricongiunzioni del personale centrale e
periferico; contenzioso del lavoro; servizio ispettivo interno;
procedimenti disciplinari; relazioni sindacali e contrattazione;
promozione del benessere organizzativo e del benessere psicofisico
nei luoghi di lavoro; pari opportunita’; servizio di prevenzione e
protezione per il personale assegnato alle strutture centrali; front
office; Ufficio relazioni con il pubblico; centralino; biblioteca;
programmazione, acquisizione e gestione dei servizi generali, dei
beni mobili e immobili e relativa manutenzione per il funzionamento
del Ministero e per il funzionamento del Comando Carabinieri per la
tutela della salute; ufficio tecnico; ufficio economato; ufficio
cassa; gestione e sviluppo degli impianti tecnologici; gestione e
sviluppo dei sistemi informativi di fonia in attuazione delle
strategie individuate dalla Direzione generale del sistema
informativo e statistico sanitario di cui all’articolo 6, comma 3.

Capo III ARTICOLAZIONE TERRITORIALE DEL MINISTERO E
DISPOSIZIONI IN MATERIA DIORGANIZZAZIONE E DI PERSONALE. ORGANISMO
INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Art. 10

Uffici periferici del Ministero

1. L’amministrazione periferica del Ministero e’ articolata nei
seguenti uffici di livello dirigenziale non generale, che esercitano
le proprie funzioni nell’ambito delle competenze riservate allo
Stato:
a) uffici di sanita’ marittima, aerea e di frontiera (USMAF);
b) uffici veterinari per gli adempimenti comunitari (UVAC);
c) posti di ispezione frontalieri (PIF);
d) servizi territoriali di assistenza sanitaria al personale
navigante (SASN).

Capo III ARTICOLAZIONE TERRITORIALE DEL MINISTERO E
DISPOSIZIONI IN MATERIA DIORGANIZZAZIONE E DI PERSONALE. ORGANISMO
INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Art. 11

Posti di funzione dirigenziale
e dotazione organica del personale non dirigenziale

1. In attuazione dell’articolo 74 del decreto-legge 25 giugno 2008,
n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n.
133, e dell’articolo 2, comma 8-bis, del decreto-legge 30 dicembre
2009, n. 194, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio
2010, n. 25, il numero di posti di funzione dirigenziale e la
dotazione organica del personale non dirigenziale del Ministero sono
rideterminati in riduzione, secondo la tabella A allegata al presente
decreto, di cui costituisce parte integrante.
2. Entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del presente
regolamento con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su
proposta del Ministro della salute, di concerto con il Ministro
dell’economia e delle finanze e con il Ministro per la pubblica
amministrazione e l’innovazione, i contingenti di personale
appartenente alle aree professionali, come evidenziati nella tabella
A di cui al comma 1, sono ripartiti nell’ambito dei profili
professionali.

Note all’art. 11:
– Il testo dell’art. 74 del citato decreto-legge n. 112
del 2008, convertito, con modificazioni, dalla legge 6
agosto 2008, n. 133 (Disposizioni urgenti per lo sviluppo
economico, la semplificazione, la competitivita’, la
stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione
tributaria) e’ il seguente:
«Art. 74 (Riduzione degli assetti organizzativi). – 1.
Le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento
autonomo, le agenzie, incluse le agenzie fiscali di cui
agli articoli 62, 63 e 64 del decreto legislativo 30 luglio
1999, n. 300 e successive modificazioni e integrazioni, gli
enti pubblici non economici, gli enti di ricerca, nonche’
gli enti pubblici di cui all’art. 70, comma 4, del decreto
legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive
modificazioni ed integrazioni, provvedono entro il 30
novembre 2008, secondo i rispettivi ordinamenti:
a) a ridimensionare gli assetti organizzativi
esistenti, secondo principi di efficienza, razionalita’ ed
economicita’, operando la riduzione degli uffici
dirigenziali di livello generale e di quelli di livello non
generale, in misura non inferiore, rispettivamente, al 20 e
al 15 per cento di quelli esistenti. A tal fine le
amministrazioni adottano misure volte:
alla concentrazione dell’esercizio delle funzioni
istituzionali, attraverso il riordino delle competenze
degli uffici;
all’unificazione delle strutture che svolgono
funzioni logistiche e strumentali, salvo specifiche
esigenze organizzative, derivanti anche dalle connessioni
con la rete periferica, riducendo, in ogni caso, il numero
degli uffici dirigenziali di livello generale e di quelli
di livello non generale adibiti allo svolgimento di tali
compiti.
Le dotazioni organiche del personale con qualifica
dirigenziale sono corrispondentemente ridotte, ferma
restando la possibilita’ dell’immissione di nuovi
dirigenti, nei termini previsti dall’art. 1, comma 404,
lettera a), della legge 27 dicembre 2006, n. 296;
b) a ridurre il contingente di personale adibito allo
svolgimento di compiti logistico-strumentali e di supporto
in misura non inferiore al dieci per cento con contestuale
riallocazione delle risorse umane eccedenti tale limite
negli uffici che svolgono funzioni istituzionali;
c) alla rideterminazione delle dotazioni organiche
del personale non dirigenziale, ad esclusione di quelle
degli enti di ricerca, apportando una riduzione non
inferiore al dieci per cento della spesa complessiva
relativa al numero dei posti di organico di tale personale.
2. Ai fini dell’attuazione delle misure di cui al comma
1, le amministrazioni possono disciplinare, mediante
appositi accordi, forme di esercizio unitario delle
funzioni logistiche e strumentali, compresa la gestione del
personale, nonche’ l’utilizzo congiunto delle risorse umane
in servizio presso le strutture centrali e periferiche.
3. Con i medesimi provvedimenti di cui al comma 1, le
amministrazioni dello Stato rideterminano la rete
periferica su base regionale o interregionale, oppure, in
alternativa, provvedono alla riorganizzazione delle
esistenti strutture periferiche nell’ambito delle
prefetture-uffici territoriali del Governo nel rispetto
delle procedure previste dall’art. 1, comma 404, lettera
c), della legge 27 dicembre 2006, n. 296.
4. Ai fini dell’attuazione delle misure previste dal
comma 1, lettera a), da parte dei Ministeri possono essere
computate altresi’ le riduzioni derivanti dai regolamenti
emanati, nei termini di cui al comma 1, ai sensi dell’ art.
1, comma 404, lettera a), della legge 27 dicembre 2006, n.
296, avuto riguardo anche ai Ministeri esistenti
anteriormente alla data di entrata in vigore del
decreto-legge 16 maggio 2008, n. 85, convertito, con
modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 121. In ogni
caso per le amministrazioni che hanno gia’ adottato i
predetti regolamenti resta salva la possibilita’ di
provvedere alla copertura dei posti di funzione
dirigenziale generale previsti in attuazione delle relative
disposizioni, nonche’ nelle disposizioni di rango primario
successive alla data di entrata in vigore della citata
legge n. 296 del 2006. In considerazione delle esigenze
generali di compatibilita’ nonche’ degli assetti
istituzionali, la Presidenza del Consiglio dei Ministri
assicura il conseguimento delle economie, corrispondenti a
una riduzione degli organici dirigenziali pari al 7 per
cento della dotazione di livello dirigenziale generale e al
15 per cento di quella di livello non generale, con
l’adozione di provvedimenti specifici del Presidente del
Consiglio dei Ministri ai sensi del decreto legislativo 30
luglio 1999, n. 303, e successive modificazioni, che
tengono comunque conto dei criteri e dei principi di cui al
presente articolo.
5. Sino all’emanazione dei provvedimenti di cui al
comma 1 le dotazioni organiche sono provvisoriamente
individuate in misura pari ai posti coperti alla data del
30 settembre 2008. Sono fatte salve le procedure
concorsuali e di mobilita’ avviate alla data di entrata in
vigore del presente decreto.
5-bis. Al fine di assicurare il rispetto della
disciplina vigente sul bilinguismo e la riserva
proporzionale di posti nel pubblico impiego, gli uffici
periferici delle amministrazioni dello Stato, inclusi gli
enti previdenziali situati sul territorio della provincia
autonoma di Bolzano, sono autorizzati per l’anno 2008 ad
assumere personale risultato vincitore o idoneo a seguito
di procedure concorsuali pubbliche nel limite di spesa pari
a 2 milioni di euro a valere sul fondo di cui all’ art. 1,
comma 527, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.
6. Alle amministrazioni che non abbiano adempiuto a
quanto previsto dai commi 1 e 4 e’ fatto divieto di
procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo e
con qualsiasi contratto.
6-bis. Restano escluse dall’applicazione del presente
articolo le strutture del comparto sicurezza, delle Forze
Armate e del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, fermi
restando gli obiettivi fissati ai sensi del presente
articolo da conseguire da parte di ciascuna
amministrazione.».
– Il testo dell’art. 2, comma 8-bis, del decreto-legge
30 dicembre 2009, n. 194, convertito, con modificazioni,
dalla legge 26 febbraio 2010, n. 25 (Proroga di termini
previsti da disposizioni legislative) e’ il seguente:
«8-bis. In considerazione di quanto previsto al comma
8, le amministrazioni indicate nell’art. 74, comma 1, del
decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con
modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, e
successive modificazioni, all’esito della riduzione degli
assetti organizzativi prevista dal predetto art. 74,
provvedono, anche con le modalita’ indicate nell’art. 41,
comma 10, del decreto-legge 30 dicembre 2008, n. 207,
convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio
2009, n. 14:
a) ad apportare, entro il 30 giugno 2010,
un’ulteriore riduzione degli uffici dirigenziali di livello
non generale, e delle relative dotazioni organiche, in
misura non inferiore al 10 per cento di quelli risultanti a
seguito dell’applicazione del predetto art. 74;
b) alla rideterminazione delle dotazioni organiche
del personale non dirigenziale, ad esclusione di quelle
degli enti di ricerca, apportando una ulteriore riduzione
non inferiore al 10 per cento della spesa complessiva
relativa al numero dei posti di organico di tale personale
risultante a seguito dell’applicazione del predetto art.
74.».

Capo III ARTICOLAZIONE TERRITORIALE DEL MINISTERO E DISPOSIZIONI
IN MATERIA DIORGANIZZAZIONE E DI PERSONALE. ORGANISMO INDIPENDENTE
DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Art. 12

Uffici di livello dirigenziale non generale

1. All’individuazione degli uffici e delle funzioni di livello
dirigenziale non generale, nel numero complessivo di 144 posti di
funzione, nonche’ alla definizione dei loro compiti e alla
distribuzione dei predetti tra le strutture di livello dirigenziale
generale si provvede entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore
del presente regolamento con decreto ministeriale di natura non
regolamentare, ai sensi dell’articolo 17, comma 4-bis, lettera e),
della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, e
dell’articolo 4, commi 4 e 4-bis, del decreto legislativo 30 luglio
1999, n. 300, e successive modificazioni.
2. Presso gli Uffici di diretta collaborazione del Ministro sono
individuati complessivamente 13 posti di funzione di livello
dirigenziale non generale, aggiuntivi rispetto ai posti di funzione
di cui al comma 1. All’individuazione delle relative funzioni si
provvede con separato regolamento di organizzazione degli Uffici di
diretta collaborazione del Ministro.

Note all’art. 12:
– Per il testo dell’art. 17, comma 4-bis, lettera e),
della citata legge n. 400 del 1988, si veda nelle note alle
premesse.
– Il testo dell’art. 4, commi 4 e 4-bis, del decreto
legislativo 30 luglio 1999, n. 300 (Riforma
dell’organizzazione del Governo, a norma dell’art. 11 della
legge 15 marzo 1997, n. 59), e’ il seguente:
«Art. 4 (Disposizioni sull’organizzazione). –
(Omissis).
4. All’individuazione degli uffici di livello
dirigenziale non generale di ciascun Ministero e alla
definizione dei relativi compiti, nonche’ la distribuzione
dei predetti uffici tra le strutture di livello
dirigenziale generale, si provvede con decreto ministeriale
di natura non regolamentare.
4-bis. La disposizione di cui al comma 4 si applica
anche in deroga alla eventuale distribuzione degli uffici
di livello dirigenziale non generale stabilita nel
regolamento di organizzazione del singolo Ministero.».

Capo III ARTICOLAZIONE TERRITORIALE DEL MINISTERO E DISPOSIZIONI
IN MATERIA DIORGANIZZAZIONE E DI PERSONALE. ORGANISMO INDIPENDENTE
DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Art. 13

Organismo indipendente
di valutazione della performance

1. Presso il Ministero opera l’Organismo indipendente di
valutazione della performance ai sensi dell’articolo 14 del decreto
legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, alla cui organizzazione si
provvede con il regolamento di cui al precedente articolo 12, comma
2.

Note all’art. 13:
– Il testo dell’art. 14 del citato decreto legislativo
n. 150 del 2009, e’ il seguente:
«Art. 14 (Organismo indipendente di valutazione della
performance). – 1. Ogni amministrazione, singolarmente o in
forma associata, senza nuovi o maggiori oneri per la
finanza pubblica, si dota di un Organismo indipendente di
valutazione della performance.
2. L’Organismo di cui al comma 1 sostituisce i servizi
di controllo interno, comunque denominati, di cui al
decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 286, ed esercita, in
piena autonomia, le attivita’ di cui al comma 4. Esercita,
altresi’, le attivita’ di controllo strategico di cui
all’art. 6, comma 1, del citato decreto legislativo n. 286
del 1999, e riferisce, in proposito, direttamente
all’organo di indirizzo politico-amministrativo.
3. L’Organismo indipendente di valutazione e’ nominato,
sentita la Commissione di cui all’art. 13, dall’organo di
indirizzo politico-amministrativo per un periodo di tre
anni. L’incarico dei componenti puo’ essere rinnovato una
sola volta.
4. L’Organismo indipendente di valutazione della
performance:
a) monitora il funzionamento complessivo del sistema
della valutazione, della trasparenza e integrita’ dei
controlli interni ed elabora una relazione annuale sullo
stato dello stesso;
b) comunica tempestivamente le criticita’ riscontrate
ai competenti organi interni di governo ed amministrazione,
nonche’ alla Corte dei conti, all’Ispettorato per la
funzione pubblica e alla Commissione di cui all’art. 13;
c) valida la Relazione sulla performance di cui
all’art. 10 e ne assicura la visibilita’ attraverso la
pubblicazione sul sito istituzionale dell’amministrazione;
d) garantisce la correttezza dei processi di
misurazione e valutazione, nonche’ dell’utilizzo dei premi
di cui al Titolo III, secondo quanto previsto dal presente
decreto, dai contratti collettivi nazionali, dai contratti
integrativi, dai regolamenti interni all’amministrazione,
nel rispetto del principio di valorizzazione del merito e
della professionalita’;
e) propone, sulla base del sistema di cui all’art. 7,
all’organo di indirizzo politico-amministrativo, la
valutazione annuale dei dirigenti di vertice e
l’attribuzione ad essi dei premi di cui al Titolo III;
f) e’ responsabile della corretta applicazione delle
linee guida, delle metodologie e degli strumenti
predisposti dalla Commissione di cui all’art. 13;
g) promuove e attesta l’assolvimento degli obblighi
relativi alla trasparenza e all’integrita’ di cui al
presente Titolo;
h) verifica i risultati e le buone pratiche di
promozione delle pari opportunita’.
5. L’Organismo indipendente di valutazione della
performance, sulla base di appositi modelli forniti dalla
Commissione di cui all’art. 13, cura annualmente la
realizzazione di indagini sul personale dipendente volte a
rilevare il livello di benessere organizzativo e il grado
di condivisione del sistema di valutazione nonche’ la
rilevazione della valutazione del proprio superiore
gerarchico da parte del personale, e ne riferisce alla
predetta Commissione.
6. La validazione della Relazione sulla performance di
cui al comma 4, lettera c), e’ condizione inderogabile per
l’accesso agli strumenti per premiare il merito di cui al
Titolo III.
7. L’Organismo indipendente di valutazione e’
costituito da un organo monocratico ovvero collegiale
composto da 3 componenti dotati dei requisiti stabiliti
dalla Commissione ai sensi dell’art. 13, comma 6, lettera
g), e di elevata professionalita’ ed esperienza, maturata
nel campo del management, della valutazione della
performance e della valutazione del personale delle
amministrazioni pubbliche. I loro curricula sono comunicati
alla Commissione di cui all’art. 13.
8. I componenti dell’Organismo indipendente di
valutazione non possono essere nominati tra soggetti che
rivestano incarichi pubblici elettivi o cariche in partiti
politici o in organizzazioni sindacali ovvero che abbiano
rapporti continuativi di collaborazione o di consulenza con
le predette organizzazioni, ovvero che abbiano rivestito
simili incarichi o cariche o che abbiano avuto simili
rapporti nei tre anni precedenti la designazione.
9. Presso l’Organismo indipendente di valutazione e’
costituita, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza
pubblica, una struttura tecnica permanente per la
misurazione della performance, dotata delle risorse
necessarie all’esercizio delle relative funzioni.
10. Il responsabile della struttura tecnica permanente
deve possedere una specifica professionalita’ ed esperienza
nel campo della misurazione della performance nelle
amministrazioni pubbliche.
11. Agli oneri derivanti dalla costituzione e dal
funzionamento degli organismi di cui al presente articolo
si provvede nei limiti delle risorse attualmente destinate
ai servizi di controllo interno.».

Capo IV NORME DI ABROGAZIONE E FINALI

Art. 14

Disposizioni transitorie finali

1. E’ abrogato il decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo
2003, n. 129, recante regolamento di organizzazione del Ministero
della salute.
2. Dall’attuazione del presente regolamento non devono derivare
nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio dello Stato.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.
Dato a Roma, addi’ 11 marzo 2011

NAPOLITANO

Berlusconi, Presidente del Consiglio
dei Ministri

Fazio, Ministro della salute

Tremonti, Ministro dell’economia e
delle finanze

Brunetta, Ministro per la pubblica
amministrazione e l’innovazione

Bossi, Ministro per le riforme per il
federalismo

Visto, il Guardasigilli: Alfano

Registrato alla Corte dei conti il 30 giugno 2011
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 9, foglio n. 306

Note all’art. 14:
– Il decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo
2003, n. 129, abrogato dal presente regolamento, recava:
«Regolamento di organizzazione del Ministero della
salute.».

Capo IV NORME DI ABROGAZIONE E FINALI

Allegato

TABELLA A (Art. 11, comma 1)

———————————————-
Dotazione
organica
———————————————-
Dirigenti I fascia 15
———————————————-
Dirigenti II fascia 157
———————————————-
Dirigenti professionalita’ sanitarie 257
———————————————-

———————————————-
PERSONALE DEL COMPARTO
———————————————-
Area III 618
———————————————-
Area II 1000
———————————————-
Area I 7
———————————————-
Totale 2054
———————————————-

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 11 marzo 2011, n. 108 – Regolamento di organizzazione del Ministero della salute. (11G0150) (GU n. 162 del 14-7-2011

Architetto.info